alberi a foglia caduca Laburnum (Maggiociondolo)
Laburnum (Maggiociondolo)

Laburnum (Maggiociondolo), genere di 6 specie di alberi e arbusti rustici, a foglie decidue, che fioriscono in primavera. Si coltivano generalmente 2 specie e i loro ibridi, che hanno foglie trifogliate, con foglioline ovato-ellittiche, e fiori di colore giallo, leggermente profumati, riuniti in racemi. Tutte le parti di quest'albero sono velenosissime, in particolare i legumi, simili a fagioli color verde chiaro, succulenti per cui in caso di bambini e di animali domestici, questi legumi vanno raccolti immediatamente e bruciati, in modo da non disperderli nell'ambiente.
Si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o in posizioni parzialmente ombreggiate, avendo cura, per le piante giovani, di dotarle di sostegni fin quando non hanno attecchito definitivamente.

Parassiti vegetali: la pianta può essere attaccata da marciume radicale e in questo caso i fiori non si aprono completamente, le foglie ingialliscono e i rami seccano.

Laburnum (Maggiociondolo) alpinum: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia, alta 5-7 m e con una chioma del diametro di 3-4,5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chioma tondeggiante e foglie lucide, che con il trascorrere degli anni diventa molto nodoso. I fiori, riuniti in racemi lunghi 30 cm e più, sbocciano alla fine di maggio.
Laburnum (Maggiociondolo) anagyroides: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia. Si tratta di un piccolo albero che assume portamento espanso, con foglie verde scuro, leggermente tomentose. I fiori, riuniti in racemi lunghi 15-25 cm, sbocciano in maggio. Tra le varietà si ricordano Aureum con foglie che in settembre assumono un colore giallo delicato; Autumnale che spesso fiorisce una seconda volta in autunno; Pendulum che è una varietà pendula, di taglia ridotta.
Laburnum (Maggiociondolo) x watereri: pianta di origine orticola con caratteristiche simili al L.Alpinum e L.Anagyroides,  dai fiori riuniti in racemi sottili lunghi 25-30 cm che sbocciano alla fine di marzo. La varietà Vossii ha fiori tiuniti in racemi più lunghi che sbocciano continuamente.


riproduzione: si semina in ottobre, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette e, successivamente, si trapiantano in vivaio, dove resteranno fino all'anno successivo quando andranno messe a dimora. Gli ibridi moltiplicati per seme danno luogo a piante dalle caratteristiche variabili, per cui vanno innestate a marza sulle altre specie in marzo.
esposizione:
fioritura: a marzo o a fine maggio a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Jeffersonia

Jeffersonia, genere di 2 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Berberidaceae, adatte per il giardino roccioso. I fiori, solitari, a forma di coppa, compaiono in marzo-aprile. In autunno ........

Drosanthemum

Drosanthemum, genere di 36 specie di piante succulente, originarie del Sud-Africa, appartenenti al grande gruppo dei Mesembryanthemum. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione in serra e in appartamento, tuttavia, ........

Romneya

Romneya, genere di 2 specie di pianta suffruticose, perenni, molto ornamentali, con fiori simili a quelli dei papaveri, non sempre facili da coltivare, rustiche solo nelle zone a clima mite. Non sono adatte per le bordure ........

Sansevieria

Sansevieria, genere di 60 specie di piante perenni, sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Liliacese, di cui si coltivano 2 specie dalle foglie molto ornamentali, in appartamento, alla temperatura  minima invernale ........

Choisya

Choisya, genere di 6 specie di arbusti sempreverdi, originari del Messico. La specie descritta è rustica, ma viene danneggiata dalle gelate molto prolungate e dai venti freddi, per cui in Italia settentrionale deve essere ........

 

Ricetta del giorno
Cassatine di ricotta
Scolare la ricotta dal latte e versarla in una ciotola, unire lo zucchero, il sale e la vanillina, amalgamare e lavorare fino ad ottenere un composto ....
sono presenti 507 piante
sono presenti 226 articoli

tutte le piante
annuali bulbose perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento
tecnica
frutteto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Davidia

Davidia, genere conprendente una sola specie, arborea, rustica, a foglie decidue, originaria della Cina orietale, coltivata per il fogliame molto ornamentale e per le brattee floreali molto appariscenti. Le infiorescenze, ........

Hesperis

Hesperis, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni e biennali, rustiche, adatte a i terreni umidi. La specie descritta è perenne, ma per lo più poco longeva.
Si pianta tra ottobre e marzo, quando le condizioni climatiche ........

Andromeda

Andromeda, genere di 2 specie di arbusti sempreverdi, di taglia ridotta, con foglie piccole e strette e fiori minuscoli, riuniti in ombrelle terminali. Sono piante rustiche, adatte per le bordure arbustive e per il giardino ........

Drosanthemum

Drosanthemum, genere di 36 specie di piante succulente, originarie del Sud-Africa, appartenenti al grande gruppo dei Mesembryanthemum. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione in serra e in appartamento, tuttavia, ........

Sclerea (Salvia sclarea)

Sclerea (Salvia sclarea) o Slarea, pianta erbacea, perenne, aromatica, coltivata anche a livello industriale per la produzione dell'essenza, che viene utilizzata in profumeria. Le foglie possono essere impiegate per aromatizzare ........


alberi a foglia caduca Laburnum (Maggiociondolo)
Laburnum (Maggiociondolo)

Laburnum (Maggiociondolo), genere di 6 specie di alberi e arbusti rustici, a foglie decidue, che fioriscono in primavera. Si coltivano generalmente 2 specie e i loro ibridi, che hanno foglie trifogliate, con foglioline ovato-ellittiche, e fiori di colore giallo, leggermente profumati, riuniti in racemi. Tutte le parti di quest'albero sono velenosissime, in particolare i legumi, simili a fagioli color verde chiaro, succulenti per cui in caso di bambini e di animali domestici, questi legumi vanno raccolti immediatamente e bruciati, in modo da non disperderli nell'ambiente.
Si piantano in ottobre o in marzo, in tutti i terreni da giardino ben drenati, al sole o in posizioni parzialmente ombreggiate, avendo cura, per le piante giovani, di dotarle di sostegni fin quando non hanno attecchito definitivamente.

Parassiti vegetali: la pianta può essere attaccata da marciume radicale e in questo caso i fiori non si aprono completamente, le foglie ingialliscono e i rami seccano.

Laburnum (Maggiociondolo) alpinum: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia, alta 5-7 m e con una chioma del diametro di 3-4,5 m. Si tratta di un piccolo albero dalla chioma tondeggiante e foglie lucide, che con il trascorrere degli anni diventa molto nodoso. I fiori, riuniti in racemi lunghi 30 cm e più, sbocciano alla fine di maggio.
Laburnum (Maggiociondolo) anagyroides: pianta originaria dell'Europa centro-meridionale e Italia. Si tratta di un piccolo albero che assume portamento espanso, con foglie verde scuro, leggermente tomentose. I fiori, riuniti in racemi lunghi 15-25 cm, sbocciano in maggio. Tra le varietà si ricordano Aureum con foglie che in settembre assumono un colore giallo delicato; Autumnale che spesso fiorisce una seconda volta in autunno; Pendulum che è una varietà pendula, di taglia ridotta.
Laburnum (Maggiociondolo) x watereri: pianta di origine orticola con caratteristiche simili al L.Alpinum e L.Anagyroides,  dai fiori riuniti in racemi sottili lunghi 25-30 cm che sbocciano alla fine di marzo. La varietà Vossii ha fiori tiuniti in racemi più lunghi che sbocciano continuamente.


riproduzione: si semina in ottobre, in vasi o terrine riempiti con una composta da semi, in cassone freddo. Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, si ripicchettano in cassette e, successivamente, si trapiantano in vivaio, dove resteranno fino all'anno successivo quando andranno messe a dimora. Gli ibridi moltiplicati per seme danno luogo a piante dalle caratteristiche variabili, per cui vanno innestate a marza sulle altre specie in marzo.
esposizione:
fioritura: a marzo o a fine maggio a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su