erbacee perenni Coleus
Coleus

Coleus, genere di 150 specie di piante perenni, sempreverdi. Delle 2 specie descritte Coleus blumei, pur essendo perenne, si coltiva all'aperto come annuale in bordure, aiuole o anche in contenitori, mentre Coleus Thyrsoideus è impiegata per lo più in serra o in appartamento e fiorisce in inverno.
Si piantano in marzo-aprile in una composta da vasi e ambedue le specie d'inverno si tengono alla temperatura di 12-13° C. Coleus Thyrsoideus si annaffia abbondantemente durante l'inverno, per far si che i fiori rimangano in buone condizioni. Si rinvasa ogni anno, se si desidera ottenere esemplari di grandi dimensioni, utilizzando vasi via via sempre più grandi fino ad un diametro di 20-25 cm. Per ambedue le specie si devono cimare gli apici dei germogli a intervalli regolari di 2-3 settimane in modo di stimolare la formazione di rami. Coleus blumei si pianta in piena terra in maggio. Coleus Thyrsoideus si coltiva generalmente come pianta biennale e dopo la fioritura si conserva fino alla primavera o all'estate per prelevare talee. Anche Coleus Blumei può essere coltivata per più di un anno, mantenendo la pianta in ambiente riparato durante l'inverno, per ottenere germogli, dai quali si prelevano le talee.

Potatura: se si coltiva Coleus blumei per un secondo anno, in febbraio è necessario accorciare tutti i germogli di 2 terzi. Nello stesso periodo, dopo la fioritura, si tagliano tutti i germogli di Coleus Thyrsoideus a 7-10 cm dalla base.

Parassiti animali: in serra e piante possono essere infestate da Cocciniglie e dall'Aleurodide delle serre, noto anche come mosca bianca delle serre.

Coleus blumei: pianta originaria dell'isola di Giava, alta 40 cm e più e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una pianta perenne, a foglie ornamentali, coltivata come annuale partendo dalle talee. Le foglie, ornamentali, simili nella forma a quelle dell'ortica, sono di vari colori: verdi, gialle, rosse e marroni; i fiori, piccoli, bilabiati, azzurri o bianchi, insignificanti, devono essere asportati prima che si sviluppino interamente, per favorire lo sviluppo delle foglie. Esistono numerose varietà con foglie variegate marrone, porpora, gialle, bianche e verdi.
Coleus thyrsoideus: pianta originaria dell'Africa centrale, alta fino a 1 m  e del diametro di 40-60 cm. Le foglie sono praticamente cuoriformi, dentate ai margini e i fiori, tubulosi, azzurro vivo, riuniti in gran numero in una infiorescenza a pannocchia terminale lunga 20-25 cm, sbocciano da novembre a marzo.


riproduzione: si semina in marzo-aprile, in letto caldo, in terrine o vassoi. Le piantine si ripicchettano e, quando sono ben sviluppate, si invasano singolarmente in contenitori da 8-10 cm.
Si possono moltiplicare anche per talea. Per Coleus blumei, da marzo a luglio, si prelevano talee lunghe 7-8 cm dai rami non fioriferi e si fanno radicare una ad una in vasi da 6 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura di 15° C; successivamente si rinvasano e si mettono poi a dimora in piena terra. Pe Coleus thyrsoideus in marzo-aprile si prelevano talee lunghe 7-8 cm dai germogli delle piante potate, quindi si trattano come le talee della specie precedente.
esposizione:
fioritura: da novembre a marzo




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Cuphea
La Cuphea, originaria del Messico, Perù e America centro-meridionale, comprende circa 250 specie ed è una erbacea perenne e annuale, suffruticosa, sempreverde che vegeta bene nelle regioni a clima mite, ........


Cobaea

Cobaea, genere di 18 specie di piante perenni, rampicanti, semirustiche. La specie descritta è coltivata come annuale nelle zone in cui l'inverno è freddo, mentre può essere coltivata come perenne nelle zone a clima mite. ........

Curtonus

Curtonus, pianta comprendente una sola specie bulbosa, rustica, adatta per le bordure erbacee e miste
In settembre-ottobre o in primavera si mettono a dimora le piantine appena divise o i bulbi-tuberi appena acquistati ........

Eranthis

Eranthis, genere comprendente 7 specie di erbacee, perenni, rustiche, con rizomi tuberosi, appartenenti alla famiglia delle Ranuncolacee, originarie delle zone montagnose dell’Europa e dell’Asia. ........

 

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Anthyllis
Anthyllis: genere di 80 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni, originarie dei Paesi del bcino del Mediterraneo, adatte in particolare per il giardino roccioso e molto facili da coltivare. Fioriscono all'inizio ........

Portulaca
Portulaca, genere di 200 specie di piante erbacee, perenni ed annuali, nella maggior parte dei casi succulente. La specie semirustica descritta, perenne, ma generalmente coltivata come annuale, è adatta per ........

Incarvìllea (Incarvillea)
La Incarvìllea (Incarvillea) , originaria della Cina, Tibet e Turkestan, comprende circa 15 specie ed è una pianta erbacea perenne, spesso con radici tuberizzate.
Le foglie possono essere semplici ........

Lantàna (Lantana)

La Lantàna (Lantana), originaria dell'America, Africa e Asia comprende circa 50 speciie ed è un arbusto a foglia caduca, perenne, con rami a portamento ricadente.
Le foglie ovali, seghettate, ........

Astrantia (Astranzia)

Astrantia (Astranzia), genere si10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Umbelliferae. Le specie descritte sono adatte per  le bordure e gruppi misti, al sole o all’ombra. I fiori ........


erbacee perenni Coleus
Coleus

Coleus, genere di 150 specie di piante perenni, sempreverdi. Delle 2 specie descritte Coleus blumei, pur essendo perenne, si coltiva all'aperto come annuale in bordure, aiuole o anche in contenitori, mentre Coleus Thyrsoideus è impiegata per lo più in serra o in appartamento e fiorisce in inverno.
Si piantano in marzo-aprile in una composta da vasi e ambedue le specie d'inverno si tengono alla temperatura di 12-13° C. Coleus Thyrsoideus si annaffia abbondantemente durante l'inverno, per far si che i fiori rimangano in buone condizioni. Si rinvasa ogni anno, se si desidera ottenere esemplari di grandi dimensioni, utilizzando vasi via via sempre più grandi fino ad un diametro di 20-25 cm. Per ambedue le specie si devono cimare gli apici dei germogli a intervalli regolari di 2-3 settimane in modo di stimolare la formazione di rami. Coleus blumei si pianta in piena terra in maggio. Coleus Thyrsoideus si coltiva generalmente come pianta biennale e dopo la fioritura si conserva fino alla primavera o all'estate per prelevare talee. Anche Coleus Blumei può essere coltivata per più di un anno, mantenendo la pianta in ambiente riparato durante l'inverno, per ottenere germogli, dai quali si prelevano le talee.

Potatura: se si coltiva Coleus blumei per un secondo anno, in febbraio è necessario accorciare tutti i germogli di 2 terzi. Nello stesso periodo, dopo la fioritura, si tagliano tutti i germogli di Coleus Thyrsoideus a 7-10 cm dalla base.

Parassiti animali: in serra e piante possono essere infestate da Cocciniglie e dall'Aleurodide delle serre, noto anche come mosca bianca delle serre.

Coleus blumei: pianta originaria dell'isola di Giava, alta 40 cm e più e del diametro di 30 cm e più. Si tratta di una pianta perenne, a foglie ornamentali, coltivata come annuale partendo dalle talee. Le foglie, ornamentali, simili nella forma a quelle dell'ortica, sono di vari colori: verdi, gialle, rosse e marroni; i fiori, piccoli, bilabiati, azzurri o bianchi, insignificanti, devono essere asportati prima che si sviluppino interamente, per favorire lo sviluppo delle foglie. Esistono numerose varietà con foglie variegate marrone, porpora, gialle, bianche e verdi.
Coleus thyrsoideus: pianta originaria dell'Africa centrale, alta fino a 1 m  e del diametro di 40-60 cm. Le foglie sono praticamente cuoriformi, dentate ai margini e i fiori, tubulosi, azzurro vivo, riuniti in gran numero in una infiorescenza a pannocchia terminale lunga 20-25 cm, sbocciano da novembre a marzo.


riproduzione: si semina in marzo-aprile, in letto caldo, in terrine o vassoi. Le piantine si ripicchettano e, quando sono ben sviluppate, si invasano singolarmente in contenitori da 8-10 cm.
Si possono moltiplicare anche per talea. Per Coleus blumei, da marzo a luglio, si prelevano talee lunghe 7-8 cm dai rami non fioriferi e si fanno radicare una ad una in vasi da 6 cm, riempiti con una composta da vasi, alla temperatura di 15° C; successivamente si rinvasano e si mettono poi a dimora in piena terra. Pe Coleus thyrsoideus in marzo-aprile si prelevano talee lunghe 7-8 cm dai germogli delle piante potate, quindi si trattano come le talee della specie precedente.

esposizione:
fioritura: da novembre a marzo



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su