arbusti sempreverdi Myrtus (Mirto)
Myrtus (Mirto)

Myrtus (Mirto), genere di 100 specie di arbusti e, raramente, di piccoli alberi sempreverdi, delicati e semirustici, con foglie aromatiche. I fiori, solitari, appiattiti, bianchi, con 5 petali e stami, prominenti, sbocciano all'ascella delle foglie superiori.
Nelle regioni più fredde i Myrtus si coltivano in serra, in vasi da 25-35 cm, riempiti con una composta da vasi. Si mantiene la temperatura invernale di 5° C e si mantiene appena umida la composta, mentre in estate si annaffiano abbondantemente e si posizionano all'aperto. Si rinvasano ogni anno, in marzo-aprile; alle piante adulte si somministra ogni 15 giorni, da maggio a settembre, un concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. All'aperto, nelle regioni a clima mite, si piantano in aprile maggio, in terreno ben drenato, in posizioni soleggiate e riparate.

Potatura: in marzo si tagliano alla base i rami disordinati e, nello stesso periodo, si tagliano anche i rami danneggiati dal freddo.

Myrtus bullata: pianta originaria della Nuova Zelanda, alta fino a 3 m e del diametro di 2 m. Come pianta da vaso le sue dimensioni sono altezza 1 m e diametro 50 cm. Si tratta di un arbusto con foglie ovato-ellittiche, corrugate. I fiori, larghi 1-1,5 cm, sbocciano in maggio-giugno seguiti in autunno da frutti a forma di pera, porpora-nerastri.
Myrtus communis (mirto): pianta originaria dell'Asia, delle regioni Mediterranee e Italia, alta 0,5-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto tipico dei nostri litorali, con foglie lucide, ovali-lanceolate, verde intenso, più atomatiche di quelle della specie precedente. I fiori, bianchi, larghi 2,5 cm, sbocciano da giugno ad agosto seguiti, in autunno, da frutti ovoidali porpora-nerastri. La varietà Tarentina è più compatta della specie tipica con foglie e fiori più piccoli; Variegata ha foglie variegate bianco-crema.
Myrtus luma: pianta originaria del Cile, alta 5-6 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto di grandi dimensioni o piccolo albero, con foglie ovato-ellittiche, verde scuro, e fiori bianchi larghi 1-1,5 cm che sbocciano in luglio-agosto. Il tronco, molto bello, negli esemplari vecchi assume una colorazione marrone-cannella, con macchie verde scuro.


riproduzione: in giugno-luglio si prelevano talee lunghe 5-8 cm, dai germogli laterali non fioriferi, con una porzione di ramo portante, e si piantano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali in cassone da moltiplicazione, alla temperatura di 16° C. Le talee radicate, si invasano singolarmente in vasi da 8 cm riempiti con una composta da vasi e, successivamente, si rinvasano o si mettono a dimora in piena terra.
esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto, a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Acero (Acer)

L'Acero, originario dell'Asia, Europa, Africa del Nord e America settentrionale comprende più di 100 specie.
Sono alberi di varia altezza ( da 2 a 30 metri a seconda della specie ) con foglie quasi ........

Arctostaphylos

Arctortaphylos, genere di 70 piante a foglie decidue e sempreverdi, legnose, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae. Si tratta di piccoli alberi o arbusti a fusti prostrati.
Si piantano ........

Kalanchoe

Kalanchoe, genere di 200 specie di piante perenni, sempreverdi, succulente, coltivate sia per le foglie molto ornamentali, sia per i fiori tubulosi, riuniti in infiorescenze cimose. Sono piante erbacee e suffruticose, con ........

Leycesteria

Leycesteria, genere di 6 specie di arbusti fioriferi rustici, a foglie decidue. Le due specie descritte hanno portamento eretto, con fusti simili ai Bambù, e producono fiori tubolosi, riuniti in racemi penduli.
Questi ........

Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........

 

Ricetta del giorno
Polpette di miglio
Lavate bene e tritate finemente la carota, la cipolla, il sedano e le erbe aromatiche, tenendole separate le une dalle altre.
Fate soffriggere ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Scalogno – Allium ascalonicum

Scalogno, allim ascalonicum, pianta bulbosa rustica appartenente alla famiglia delle Gigliacee, assai simile alla cipolla e all’aglio: i suoi bulbi sono più dolci e profumati di quelli dell’aglio ma hanno sapore più accentuato ........

Thunbergia

Thunbergia, genere di 200 specie di piante rampicanti,erbacee e suffruticose, annuali e perenni, ma che comprende anche piante erbacee a portamento eretto. Le specie rampicanti descritte si coltivano in serra o all'aperto, ........

Cotinus (Sommaco)
Il Cotinus (Sommaco) è un genere di 3 specie di alberi o grandi arbusti a foglie decidue, rustici, apprezzati per la bella fioritura e per i birllanti colori autunnali delle foglie.
Questi apiccoli alberi ........

Cestrum
Cestrum: genere di 150 specie di arbusti a foglie sempreverdi o decidue, distribuiti dal Messico alle zone tropicali dell'America meridionale. Si coltivano all'aperto nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale ........

Erinus

Erinus, genere comprendente una sola specie variabile, nana, rustica, sempreverde, perenne, adatta per il giardino roccioso. Cresce bene sui muri a secco e nonostante non sia una pianta longeva, produce una gran quantità ........


arbusti sempreverdi Myrtus (Mirto)
Myrtus (Mirto)

Myrtus (Mirto), genere di 100 specie di arbusti e, raramente, di piccoli alberi sempreverdi, delicati e semirustici, con foglie aromatiche. I fiori, solitari, appiattiti, bianchi, con 5 petali e stami, prominenti, sbocciano all'ascella delle foglie superiori.
Nelle regioni più fredde i Myrtus si coltivano in serra, in vasi da 25-35 cm, riempiti con una composta da vasi. Si mantiene la temperatura invernale di 5° C e si mantiene appena umida la composta, mentre in estate si annaffiano abbondantemente e si posizionano all'aperto. Si rinvasano ogni anno, in marzo-aprile; alle piante adulte si somministra ogni 15 giorni, da maggio a settembre, un concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. All'aperto, nelle regioni a clima mite, si piantano in aprile maggio, in terreno ben drenato, in posizioni soleggiate e riparate.

Potatura: in marzo si tagliano alla base i rami disordinati e, nello stesso periodo, si tagliano anche i rami danneggiati dal freddo.

Myrtus bullata: pianta originaria della Nuova Zelanda, alta fino a 3 m e del diametro di 2 m. Come pianta da vaso le sue dimensioni sono altezza 1 m e diametro 50 cm. Si tratta di un arbusto con foglie ovato-ellittiche, corrugate. I fiori, larghi 1-1,5 cm, sbocciano in maggio-giugno seguiti in autunno da frutti a forma di pera, porpora-nerastri.
Myrtus communis (mirto): pianta originaria dell'Asia, delle regioni Mediterranee e Italia, alta 0,5-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto tipico dei nostri litorali, con foglie lucide, ovali-lanceolate, verde intenso, più atomatiche di quelle della specie precedente. I fiori, bianchi, larghi 2,5 cm, sbocciano da giugno ad agosto seguiti, in autunno, da frutti ovoidali porpora-nerastri. La varietà Tarentina è più compatta della specie tipica con foglie e fiori più piccoli; Variegata ha foglie variegate bianco-crema.
Myrtus luma: pianta originaria del Cile, alta 5-6 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto di grandi dimensioni o piccolo albero, con foglie ovato-ellittiche, verde scuro, e fiori bianchi larghi 1-1,5 cm che sbocciano in luglio-agosto. Il tronco, molto bello, negli esemplari vecchi assume una colorazione marrone-cannella, con macchie verde scuro.


riproduzione: in giugno-luglio si prelevano talee lunghe 5-8 cm, dai germogli laterali non fioriferi, con una porzione di ramo portante, e si piantano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali in cassone da moltiplicazione, alla temperatura di 16° C. Le talee radicate, si invasano singolarmente in vasi da 8 cm riempiti con una composta da vasi e, successivamente, si rinvasano o si mettono a dimora in piena terra.
esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto, a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su