arbusti sempreverdi Myrtus (Mirto)
Myrtus (Mirto)

Myrtus (Mirto), genere di 100 specie di arbusti e, raramente, di piccoli alberi sempreverdi, delicati e semirustici, con foglie aromatiche. I fiori, solitari, appiattiti, bianchi, con 5 petali e stami, prominenti, sbocciano all'ascella delle foglie superiori.
Nelle regioni più fredde i Myrtus si coltivano in serra, in vasi da 25-35 cm, riempiti con una composta da vasi. Si mantiene la temperatura invernale di 5° C e si mantiene appena umida la composta, mentre in estate si annaffiano abbondantemente e si posizionano all'aperto. Si rinvasano ogni anno, in marzo-aprile; alle piante adulte si somministra ogni 15 giorni, da maggio a settembre, un concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. All'aperto, nelle regioni a clima mite, si piantano in aprile maggio, in terreno ben drenato, in posizioni soleggiate e riparate.

Potatura: in marzo si tagliano alla base i rami disordinati e, nello stesso periodo, si tagliano anche i rami danneggiati dal freddo.

Myrtus bullata: pianta originaria della Nuova Zelanda, alta fino a 3 m e del diametro di 2 m. Come pianta da vaso le sue dimensioni sono altezza 1 m e diametro 50 cm. Si tratta di un arbusto con foglie ovato-ellittiche, corrugate. I fiori, larghi 1-1,5 cm, sbocciano in maggio-giugno seguiti in autunno da frutti a forma di pera, porpora-nerastri.
Myrtus communis (mirto): pianta originaria dell'Asia, delle regioni Mediterranee e Italia, alta 0,5-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto tipico dei nostri litorali, con foglie lucide, ovali-lanceolate, verde intenso, più atomatiche di quelle della specie precedente. I fiori, bianchi, larghi 2,5 cm, sbocciano da giugno ad agosto seguiti, in autunno, da frutti ovoidali porpora-nerastri. La varietà Tarentina è più compatta della specie tipica con foglie e fiori più piccoli; Variegata ha foglie variegate bianco-crema.
Myrtus luma: pianta originaria del Cile, alta 5-6 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto di grandi dimensioni o piccolo albero, con foglie ovato-ellittiche, verde scuro, e fiori bianchi larghi 1-1,5 cm che sbocciano in luglio-agosto. Il tronco, molto bello, negli esemplari vecchi assume una colorazione marrone-cannella, con macchie verde scuro.


riproduzione: in giugno-luglio si prelevano talee lunghe 5-8 cm, dai germogli laterali non fioriferi, con una porzione di ramo portante, e si piantano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali in cassone da moltiplicazione, alla temperatura di 16° C. Le talee radicate, si invasano singolarmente in vasi da 8 cm riempiti con una composta da vasi e, successivamente, si rinvasano o si mettono a dimora in piena terra.
esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto, a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Nemesia

Nemesia, genere di 50 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni. Le specie annuali descritte, semirustiche, sono adatte per le aiuole e le bordure miste. I fiori recisi durano a lungo se immersi in acqua. ........

Pelargonium (Pelargonio, Geranio)

Pelargonium (Pelargonio, Geranio), genere di 250 specie di piante suffruticose, generalmente delicate, a foglie decidue o sempreverdi. Le specie descritte sono sempreverdi, delicate, adatte come piante da appartamento o ........

Elisma

Elisma, genere comprendente una sola specie di piante acquatiche rustiche, rizomatose,  appartenenti alla famiglia delle Alismataceae, spontanea nelle regioni centro-occidentali dell’Europa, adatta per la coltivazione ........

Coleus

Coleus, genere di 150 specie di piante perenni, sempreverdi. Delle 2 specie descritte Coleus blumei, pur essendo perenne, si coltiva all'aperto come annuale in bordure, aiuole o anche in contenitori, mentre Coleus Thyrsoideus ........

Pilea

Pilea, genere di 400 specie di piante perenni, sempreverdi, delicate, appartenenti alla famiglia delle Urticaceae. Alcune specie, con fogliame molto ornamentale, sono adatte alla coltivazione in appartamento o in serra.
Si ........

 

Ricetta del giorno
Insalata di patate e fagiolini
Tagliare le patate e pezzi, senza sbucciarle e farle cuocere a vapore, così come anche i fagiolini.
Nel frattempo preparare una salsina per condire ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Angelica

Angelica, pianta erbacea perenne, rustica, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, spontanea in Europa e in Asia. L’Angelica si pianta in marzo-aprile in terreni ricchi di sostanza organica, umidi, e in posizione ........

Godetia (Godezia)

Godetia (Godezia), genere di 20 specie di piante erbacee annuali, rustiche. Le specie descritte sono piante da bordura molto diffuse, folte, con fiori semplici o doppi, molto colorati. Si possono coltivare anche in vaso ........

Campis - Bignonia

Campis (Bignonia), genere di 2 specie  di arbusti rampicanti a foglie decidue di cui una è rustica e l'altra è delicata e non può essere coltivata all'aperto in Italia settentrionale, salvo che nella Riviera Ligure ........

Cortaderia - Erba delle Pampas
La Cortaderia o Erba delle Pampas è una pianta graminacea sempreverde che conta 15 specie. Piante molto uno sfondo scuro. La specie rustica è adatta per le bordure miste e per formare ........

Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra ........


arbusti sempreverdi Myrtus (Mirto)
Myrtus (Mirto)

Myrtus (Mirto), genere di 100 specie di arbusti e, raramente, di piccoli alberi sempreverdi, delicati e semirustici, con foglie aromatiche. I fiori, solitari, appiattiti, bianchi, con 5 petali e stami, prominenti, sbocciano all'ascella delle foglie superiori.
Nelle regioni più fredde i Myrtus si coltivano in serra, in vasi da 25-35 cm, riempiti con una composta da vasi. Si mantiene la temperatura invernale di 5° C e si mantiene appena umida la composta, mentre in estate si annaffiano abbondantemente e si posizionano all'aperto. Si rinvasano ogni anno, in marzo-aprile; alle piante adulte si somministra ogni 15 giorni, da maggio a settembre, un concime liquido diluito in base alle indicazioni presenti sulla confezione del prodotto. All'aperto, nelle regioni a clima mite, si piantano in aprile maggio, in terreno ben drenato, in posizioni soleggiate e riparate.

Potatura: in marzo si tagliano alla base i rami disordinati e, nello stesso periodo, si tagliano anche i rami danneggiati dal freddo.

Myrtus bullata: pianta originaria della Nuova Zelanda, alta fino a 3 m e del diametro di 2 m. Come pianta da vaso le sue dimensioni sono altezza 1 m e diametro 50 cm. Si tratta di un arbusto con foglie ovato-ellittiche, corrugate. I fiori, larghi 1-1,5 cm, sbocciano in maggio-giugno seguiti in autunno da frutti a forma di pera, porpora-nerastri.
Myrtus communis (mirto): pianta originaria dell'Asia, delle regioni Mediterranee e Italia, alta 0,5-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto tipico dei nostri litorali, con foglie lucide, ovali-lanceolate, verde intenso, più atomatiche di quelle della specie precedente. I fiori, bianchi, larghi 2,5 cm, sbocciano da giugno ad agosto seguiti, in autunno, da frutti ovoidali porpora-nerastri. La varietà Tarentina è più compatta della specie tipica con foglie e fiori più piccoli; Variegata ha foglie variegate bianco-crema.
Myrtus luma: pianta originaria del Cile, alta 5-6 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto di grandi dimensioni o piccolo albero, con foglie ovato-ellittiche, verde scuro, e fiori bianchi larghi 1-1,5 cm che sbocciano in luglio-agosto. Il tronco, molto bello, negli esemplari vecchi assume una colorazione marrone-cannella, con macchie verde scuro.


riproduzione: in giugno-luglio si prelevano talee lunghe 5-8 cm, dai germogli laterali non fioriferi, con una porzione di ramo portante, e si piantano in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali in cassone da moltiplicazione, alla temperatura di 16° C. Le talee radicate, si invasano singolarmente in vasi da 8 cm riempiti con una composta da vasi e, successivamente, si rinvasano o si mettono a dimora in piena terra.
esposizione:
fioritura: da maggio ad agosto, a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su