piante grasse succulente Pleiospilos
Pleiospilos

Pleiospilos, genere di 38 specie di piante succulente, appartenenti al gruppo delle piante sasso, diffuse allo stato spontaneo nel Sud-Africa.
Si coltivano in vasi da 7-8 cm, riempiti con un miscuglio costituito da una composta da vasi e di ghiaia fine o sabbia grossolana, in parti uguali. Il loro periodo di riposo va da agosto a marzo e in questo periodo non devono essere annaffiate. In inverno vanno tenute alla temperatura minima di 5° C. Durante tutto l'anno si tengono in posizioni ben illuminate. In primavera le foglie vecchie seccano e si formano le due nuove; non si annaffia fin quando le prime non sono completamente seccate, mentre nel periodo di crescita si annaffia moderatamente.

Pleiospilos bolusii: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 6 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie spesse, angolose, somiglianti a 2 pezzi di granito, grigio-verdastre, coperte da piccole macchie nere; se poste in posizioni ben illuminate le foglie diventano rosso-brune. Le piante adulte possono essere formate da più coppie di foglie, formanti un cespo. I fiori, gialli, larghi fino a 7-8 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos hilmari: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 2-3 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie, tondeggianti esternamente e appiattite verso l'interno, verde-rossastre, con piccole macchie nere. I fiori, giallo-dorati, larghi 1,5-2 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos simulans: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 7-8 cm. Si tratta di una pianta dall'aspetto simile alla P.bolusii, ma che spesso ha, per ogni fusto, 2 paia di foglie, allargate, leggermente ricurve verso il basso all'apice, verde-rossastre, soffuse di giallo superiormente, con piccole macchie nere e con fiori, profumati gialli, larghi 8-9 cm, che sbocciano in numero di 1-4 nella tarda estate.


riproduzione: si semina in aprile alla temperatura di 20° C. Le specie cespitose possono essere divise, prelevando una coppia di foglie con attaccata una porzione di fusto; la radicazione avviene facilmente. Questo metodo è utile anche per rinnovare le piante quando il fusto si allunga e diventa legnoso.
esposizione:
fioritura: tarda e fine estate




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Nigella

Nigella, genere di 20 specie di piante annuali, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure e per la produzione di fiore da recidere. Hanno foglie molto divise, fiori appiattiti e frutti appariscenti.
Crescono ........

Cipolla – Allium cepa

Cipolla, Allium cepa, pianta appartenente alla famiglia delle Gigliacee, utilizzata sin dall’antichità per le sue proprietà curative e alimentari. Originaria dell’Asia occidentale, si è diffusa verso il Mediterraneo e oltre, ........

Ostrya

Ostrya, genere di 7 specie di alberi di piccole o medie dimensioni a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Betulaceae, diffusi nell’emisfero settentrionale e adatti come esemplari isolati o per formare gruppi ........

Layia
Layia, genere di 15 specie di piante annuali, rustiche. La specie descritta è adatta per le bordure e per le scarpate soleggiate e rustiche. Produce numerosi capolini dai colori vivaci, simili a margherite, ........

Ageràto (Ageratum)
L' Ageràto (Ageratum) è originaria del Messico, Perù e America tropicale, comprende una trentina di specie ed è una pianticella erbacea, annuale o biennale, alta pochi centimetri ma con ........

 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Cistus (Cisto)

Cistus (Cisto), genere di circa 20 specie di arbusti  sempreverdi, diffusi allo stato spontaneo nelle regioni mediterranee. Si tratta di piante molto ornamentali, con fiori semplici, simili a quelli delle rose selvatiche, ........

Magnòlia (Magnolia)

La Magnòlia (Magnolia), originaria dell'Asia, America, Antille e Filippine comprende circa 80 specie ed è un Albero o arbusto a foglia sempreverde o caduca.
Le foglie sono di varia forma, più ........

Helichrysum

Helichrysum, genere di 500 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni, e di arbusti rustici e semirustici, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Sono adatti per i giardini rocciosi soleggiati, dove ........

Berberis
Berberis, genere di 450 specie di arbusti sempreverdi e a foglie decidue, generalmente spinosi, con foglie riunite in mazzetti simili a rosette. Tranne poche specie sud-americane, sono rustici e facili da coltivare. ........

Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre ........


piante grasse succulente Pleiospilos
Pleiospilos

Pleiospilos, genere di 38 specie di piante succulente, appartenenti al gruppo delle piante sasso, diffuse allo stato spontaneo nel Sud-Africa.
Si coltivano in vasi da 7-8 cm, riempiti con un miscuglio costituito da una composta da vasi e di ghiaia fine o sabbia grossolana, in parti uguali. Il loro periodo di riposo va da agosto a marzo e in questo periodo non devono essere annaffiate. In inverno vanno tenute alla temperatura minima di 5° C. Durante tutto l'anno si tengono in posizioni ben illuminate. In primavera le foglie vecchie seccano e si formano le due nuove; non si annaffia fin quando le prime non sono completamente seccate, mentre nel periodo di crescita si annaffia moderatamente.

Pleiospilos bolusii: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 6 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie spesse, angolose, somiglianti a 2 pezzi di granito, grigio-verdastre, coperte da piccole macchie nere; se poste in posizioni ben illuminate le foglie diventano rosso-brune. Le piante adulte possono essere formate da più coppie di foglie, formanti un cespo. I fiori, gialli, larghi fino a 7-8 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos hilmari: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 2-3 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie, tondeggianti esternamente e appiattite verso l'interno, verde-rossastre, con piccole macchie nere. I fiori, giallo-dorati, larghi 1,5-2 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos simulans: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 7-8 cm. Si tratta di una pianta dall'aspetto simile alla P.bolusii, ma che spesso ha, per ogni fusto, 2 paia di foglie, allargate, leggermente ricurve verso il basso all'apice, verde-rossastre, soffuse di giallo superiormente, con piccole macchie nere e con fiori, profumati gialli, larghi 8-9 cm, che sbocciano in numero di 1-4 nella tarda estate.


riproduzione: si semina in aprile alla temperatura di 20° C. Le specie cespitose possono essere divise, prelevando una coppia di foglie con attaccata una porzione di fusto; la radicazione avviene facilmente. Questo metodo è utile anche per rinnovare le piante quando il fusto si allunga e diventa legnoso.
esposizione:
fioritura: tarda e fine estate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su