piante grasse succulente Pleiospilos
Pleiospilos

Pleiospilos, genere di 38 specie di piante succulente, appartenenti al gruppo delle piante sasso, diffuse allo stato spontaneo nel Sud-Africa.
Si coltivano in vasi da 7-8 cm, riempiti con un miscuglio costituito da una composta da vasi e di ghiaia fine o sabbia grossolana, in parti uguali. Il loro periodo di riposo va da agosto a marzo e in questo periodo non devono essere annaffiate. In inverno vanno tenute alla temperatura minima di 5 C. Durante tutto l'anno si tengono in posizioni ben illuminate. In primavera le foglie vecchie seccano e si formano le due nuove; non si annaffia fin quando le prime non sono completamente seccate, mentre nel periodo di crescita si annaffia moderatamente.

Pleiospilos bolusii: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 6 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie spesse, angolose, somiglianti a 2 pezzi di granito, grigio-verdastre, coperte da piccole macchie nere; se poste in posizioni ben illuminate le foglie diventano rosso-brune. Le piante adulte possono essere formate da pi coppie di foglie, formanti un cespo. I fiori, gialli, larghi fino a 7-8 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos hilmari: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 2-3 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie, tondeggianti esternamente e appiattite verso l'interno, verde-rossastre, con piccole macchie nere. I fiori, giallo-dorati, larghi 1,5-2 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos simulans: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 7-8 cm. Si tratta di una pianta dall'aspetto simile alla P.bolusii, ma che spesso ha, per ogni fusto, 2 paia di foglie, allargate, leggermente ricurve verso il basso all'apice, verde-rossastre, soffuse di giallo superiormente, con piccole macchie nere e con fiori, profumati gialli, larghi 8-9 cm, che sbocciano in numero di 1-4 nella tarda estate.


riproduzione: si semina in aprile alla temperatura di 20 C. Le specie cespitose possono essere divise, prelevando una coppia di foglie con attaccata una porzione di fusto; la radicazione avviene facilmente. Questo metodo utile anche per rinnovare le piante quando il fusto si allunga e diventa legnoso.
esposizione:
fioritura: tarda e fine estate




Se ti piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
   

 



Ornithogalum (Ernitogalo)

Ornithogalum (Ernitogalo), genere di 150 specie di piante perenni, bulbose, diffuse allo stato spontaneo nelle zone temperate dell'Europa, Africa e Asia. Le specie descritte hanno foglie basali di colore verde pi o meno ........

Duranta
La Duranta è un arbusto originario dell'America Centrale e Meridionale, delicata e comprende circa 36 specie. Ls specie descritta è adatta ad essere coltivata all'aperto nelle zone a clima mite dell'Italia ........

Ardisia

Ardisia, genere di 400 specie di alberi o arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Myrsinaceae. Sono piante molto ornamentali, in particolar modo per le  loro bacche rosse brillanti, che durano dallautunno ........

Bcca di lene (Antirrhinum)

La Bòcca di leòne (Antirrhinum) , originaria dell'Europa Meridionale e Nord Africa, comprende circa 40 specie di cui solo poche vengono comunemente coltivate, ed è una pianta erbacea rustica perenne, o annuale, ........

Fritillaria

La Fritillaria è una pianta bulbosa, rustica, spontanea nelle zone temperate dell'emisfero boreale quali Asia Minore, Asia centro-occidentale, Caucaso, Turchia, Europa settentrionale e perfino Siberia, e ........

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Leonotis

Leonotis, genere di circa 40 specie di piante erbacee e suffruticose, originarie dell'Africa meridionale. La specie descritta delicata e adatta per la coltivazione all'aperto solo nelle zone a clima mite, mentre nelle ........

Reseda

Reseda, genere di 60 specie di piante erbacee annuali, biennali e perenni. La specie descritta perenne ed coltivata come annuale o biennale nelle bordure e per ottenere fiori da recidere.
Si pianta in terreno abbastanza ........

Crepis

Crepis, genere di 200 piante erbacee, annuali, biennali e perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per il giardino roccioso o per il primo piano delle bordure.
Crescono bene in tutti i terreni ben drenati, inclusi ........

Iberis (Iberide)

Iberis (Iberide), genere di 30 specie di pianta annuali, rustiche e semirustiche e di piante suffruticose sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae. Le specie annuali descritte sono adatte alle bordure ........

Arctotis

Arctotis, genere di 65 specie di piante annuali, perenni e semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Compositae. Le specie descritte, sebbene perenni, vengono per lo pi coltivate come annuali, in quanto difficilmente ........


piante grasse succulente Pleiospilos
Pleiospilos

Pleiospilos, genere di 38 specie di piante succulente, appartenenti al gruppo delle piante sasso, diffuse allo stato spontaneo nel Sud-Africa.
Si coltivano in vasi da 7-8 cm, riempiti con un miscuglio costituito da una composta da vasi e di ghiaia fine o sabbia grossolana, in parti uguali. Il loro periodo di riposo va da agosto a marzo e in questo periodo non devono essere annaffiate. In inverno vanno tenute alla temperatura minima di 5 C. Durante tutto l'anno si tengono in posizioni ben illuminate. In primavera le foglie vecchie seccano e si formano le due nuove; non si annaffia fin quando le prime non sono completamente seccate, mentre nel periodo di crescita si annaffia moderatamente.

Pleiospilos bolusii: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 6 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie spesse, angolose, somiglianti a 2 pezzi di granito, grigio-verdastre, coperte da piccole macchie nere; se poste in posizioni ben illuminate le foglie diventano rosso-brune. Le piante adulte possono essere formate da pi coppie di foglie, formanti un cespo. I fiori, gialli, larghi fino a 7-8 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos hilmari: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 2-3 cm. Si tratta di una pianta con corpo formato da una coppia di foglie, tondeggianti esternamente e appiattite verso l'interno, verde-rossastre, con piccole macchie nere. I fiori, giallo-dorati, larghi 1,5-2 cm, sbocciano alla fine dell'estate.
Pleiospilos simulans: pianta originaria della provincia del Capo (Sud-Africa), alta 7-8 cm. Si tratta di una pianta dall'aspetto simile alla P.bolusii, ma che spesso ha, per ogni fusto, 2 paia di foglie, allargate, leggermente ricurve verso il basso all'apice, verde-rossastre, soffuse di giallo superiormente, con piccole macchie nere e con fiori, profumati gialli, larghi 8-9 cm, che sbocciano in numero di 1-4 nella tarda estate.


riproduzione: si semina in aprile alla temperatura di 20 C. Le specie cespitose possono essere divise, prelevando una coppia di foglie con attaccata una porzione di fusto; la radicazione avviene facilmente. Questo metodo utile anche per rinnovare le piante quando il fusto si allunga e diventa legnoso.
esposizione:
fioritura: tarda e fine estate



Se ti piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su