erbacee bulbose Crinum
Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al riparo in autunno. Hanno foglie nastriformi, appuntite, e fiori riuniti in ombrelle terminali.
In marzo-aprile si piantano i bulbi in terreno fertile, ben drenato, alla distanza di 30-45 cm e alla profondità di 25-30 cm. In estate si annaffiano abbondantemente. I bulbi possono essere tolti dal terreno in novembre o lasciati indisturbati per più anni. Nelle zone a inverni freddi, in marzo si piantano i bulbi in vasi da 20-25 cm, riempiti con una composta da vasi, in ambiente protetto. All'inizio di maggio si portano i contenitori all'aperto e all'inizio di ottobre si rientrano nella serra. Si rinvasano ogni 3 anni, nel mese di marzo.

Crinum bulbispermum: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm. Si tratta di una pianta con bulbi di grandi dimensioni a foglie sempreverdi, rivolte verso l'esterno e i fiori, molto grandi, bianchi, talvolta sfumati di rosso, sbocciano all'inizio dell'estate.
Crinum moorei: pianta originaria del Sud-Africa, alta 0,8-1 m. Si tratta di una pianta con bulbi e foglie simili alla precedente e dai fiori bianchi o rosa, grandi, che compaiono in maggio-giugno.
Crinum x powellii: ibrido orticolo alto 70-80 cm, derivato dall'incrocio delle due specie precedenti. I fiori, bianchi o rosa, sbocciano da giugno in poi.


riproduzione: appena i semi sono maturi, si mettono a uno a uno in vasi di 8-10 cm riempiti con una composta da semi. Si fanno germinare alla temperatura di 21° C. Le piantine si annaffiano durante tutto l'anno, se la temperatura non scende sotto i 15° C; se invece in inverno la temperatura è più bassa, le annaffiature devono essere ridotte. Nelle zone a clima mite, si può anche seminare in piena terra, proteggendo la superfice del terreno durante l'inverno con foglie, torba o cenere. In marzo si possono anche separare i bulbilli e invasarli singolarmente e si faranno crescere allo stesso modo delle piantine ottenute da seme. I bulbilli danno piante in grado di fiorire dopo 3 anni, mentre quelle ottenute da seme dopo 4-5 anni.
esposizione:
fioritura: a partire dall'inizio della primavera a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Tagete (Tagetes)
Il Tagete (Tagetes) è un'erbacea annuale, talvolta perenne originaria dell'Americhe e comprende circa 30 specie.
Le foglie, pennate o suddivise in liobi, talvolta lenceolate, di color verde scuro, emanano ........

Angiopteris

Angiopteris, genere di felci a sviluppo arborescente appartenente alla famiglia delle Marattiacee, con fronde lunghe da 2 a 4 m. L’Angiopteris è una magnifica felce da giardino d’inverno o da grande serra, i soli due habitat ........

Kalmia
Kalmia, genere di 8 specie di arbusti sempreverdi, rustici, a fioritura estiva. Si coltivano in terreno non calcareo, in posizioni semiombreggiate, per esempio nelle zone più luminose del sottobosco, insieme ........

Lapageria

Lapageria, genere formato da una sola specie di arbusti rampicanti, sempreverdi, semirustici, che si coltivano all’aperto in posizioni riparate, al coperto dai venti freddi e ben esposte, o in serra.
Non sopportano i ........

Eupatorium

Eupatorium, genere di 1200 specie di piante erbacee, suffruticose e arbustive, rustiche, semirustiche e delicate. Le specie descritte, erbacee, perenni e rustiche, sono adatte per i terreni molto umidi e si utilizzano per ........

 

Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Gerbera
La Gerbera è una pianta erbacea, perenne, semirustica o delicata della quale si contano 70 specie. Ha foglie lanceolate, tomentose, lobate, disposte in rosette, e capolini di vari colori, fra cui giallo, arancio, ........

Anagallis (Anagallide)
Anagallis (Anagallide): genere di 31 specie di piante perenni e annuali, rustiche e semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure, il giardino rocioso e la serra alpina. Danno buoni risultati anche  ........

Mahonia
Mahonia: genere di 70 specie di arbusti sempreverdi, rustici, coltivati per il fogliame ornamentale e i fiori gialli, che sbocciano alla fine dell'inverno e all'inizio della primavera. Tutte le specie producono bacche ........

Piombàggine (Plumbago)
La Piombàggine (Plumbago) , originaria dell'Africa del Sud, Asia e Perù, comprende circa 10 specie ed è un arbusto o rampicante sempreverde, fiorifero, diffuso in tutti i continenti, fatta eccezione ........

Lunaria

Lunaria, genere di 3 specie di piante erbacee, biennali e perenni. Le due specie rustiche descritte producono fiori con 4 petali disposti a croce, che sbocciano da aprile a giugno, seguiti da frutti a siliqua, con setto ........


erbacee bulbose Crinum
Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al riparo in autunno. Hanno foglie nastriformi, appuntite, e fiori riuniti in ombrelle terminali.
In marzo-aprile si piantano i bulbi in terreno fertile, ben drenato, alla distanza di 30-45 cm e alla profondità di 25-30 cm. In estate si annaffiano abbondantemente. I bulbi possono essere tolti dal terreno in novembre o lasciati indisturbati per più anni. Nelle zone a inverni freddi, in marzo si piantano i bulbi in vasi da 20-25 cm, riempiti con una composta da vasi, in ambiente protetto. All'inizio di maggio si portano i contenitori all'aperto e all'inizio di ottobre si rientrano nella serra. Si rinvasano ogni 3 anni, nel mese di marzo.

Crinum bulbispermum: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm. Si tratta di una pianta con bulbi di grandi dimensioni a foglie sempreverdi, rivolte verso l'esterno e i fiori, molto grandi, bianchi, talvolta sfumati di rosso, sbocciano all'inizio dell'estate.
Crinum moorei: pianta originaria del Sud-Africa, alta 0,8-1 m. Si tratta di una pianta con bulbi e foglie simili alla precedente e dai fiori bianchi o rosa, grandi, che compaiono in maggio-giugno.
Crinum x powellii: ibrido orticolo alto 70-80 cm, derivato dall'incrocio delle due specie precedenti. I fiori, bianchi o rosa, sbocciano da giugno in poi.


riproduzione: appena i semi sono maturi, si mettono a uno a uno in vasi di 8-10 cm riempiti con una composta da semi. Si fanno germinare alla temperatura di 21° C. Le piantine si annaffiano durante tutto l'anno, se la temperatura non scende sotto i 15° C; se invece in inverno la temperatura è più bassa, le annaffiature devono essere ridotte. Nelle zone a clima mite, si può anche seminare in piena terra, proteggendo la superfice del terreno durante l'inverno con foglie, torba o cenere. In marzo si possono anche separare i bulbilli e invasarli singolarmente e si faranno crescere allo stesso modo delle piantine ottenute da seme. I bulbilli danno piante in grado di fiorire dopo 3 anni, mentre quelle ottenute da seme dopo 4-5 anni.
esposizione:
fioritura: a partire dall'inizio della primavera a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su