erbacee bulbose Crinum
Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al riparo in autunno. Hanno foglie nastriformi, appuntite, e fiori riuniti in ombrelle terminali.
In marzo-aprile si piantano i bulbi in terreno fertile, ben drenato, alla distanza di 30-45 cm e alla profondità di 25-30 cm. In estate si annaffiano abbondantemente. I bulbi possono essere tolti dal terreno in novembre o lasciati indisturbati per più anni. Nelle zone a inverni freddi, in marzo si piantano i bulbi in vasi da 20-25 cm, riempiti con una composta da vasi, in ambiente protetto. All'inizio di maggio si portano i contenitori all'aperto e all'inizio di ottobre si rientrano nella serra. Si rinvasano ogni 3 anni, nel mese di marzo.

Crinum bulbispermum: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm. Si tratta di una pianta con bulbi di grandi dimensioni a foglie sempreverdi, rivolte verso l'esterno e i fiori, molto grandi, bianchi, talvolta sfumati di rosso, sbocciano all'inizio dell'estate.
Crinum moorei: pianta originaria del Sud-Africa, alta 0,8-1 m. Si tratta di una pianta con bulbi e foglie simili alla precedente e dai fiori bianchi o rosa, grandi, che compaiono in maggio-giugno.
Crinum x powellii: ibrido orticolo alto 70-80 cm, derivato dall'incrocio delle due specie precedenti. I fiori, bianchi o rosa, sbocciano da giugno in poi.


riproduzione: appena i semi sono maturi, si mettono a uno a uno in vasi di 8-10 cm riempiti con una composta da semi. Si fanno germinare alla temperatura di 21° C. Le piantine si annaffiano durante tutto l'anno, se la temperatura non scende sotto i 15° C; se invece in inverno la temperatura è più bassa, le annaffiature devono essere ridotte. Nelle zone a clima mite, si può anche seminare in piena terra, proteggendo la superfice del terreno durante l'inverno con foglie, torba o cenere. In marzo si possono anche separare i bulbilli e invasarli singolarmente e si faranno crescere allo stesso modo delle piantine ottenute da seme. I bulbilli danno piante in grado di fiorire dopo 3 anni, mentre quelle ottenute da seme dopo 4-5 anni.
esposizione:
fioritura: a partire dall'inizio della primavera a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Phyteuma

Phyteuma, genere di 40 specie di piante erbacee perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso. Hanno infiorescenze dense, globose, formate da fiori tubolosi, minuscoli.
La specie Comosum si pianta all'aperto in marzo, ........

Amarillide (Amaryllis)

L' Amarillide (Amaryllis) è originaria del sud Africa ed è una erbacea bulbosa con grosso bulbo a forma di pera; durante la fioritura raggiunge l'altezza di 70-80 cm.
le foglie sono nastriformi ........

Malope

Malope, genere di 4 specie di piante erbacee annuali. La specie descritta è adatta per le bordure annuali e produce molti fiori che durano a lungo in acqua, dopo essere stati recisi.
Questa specie cresce particolarmente ........

Gleditschia

Gleditschia, genere di 11 specie di alberi a foglie decidue, originari dell'Iran, Asia e America settentrionale. La maggior parte di queste piante ha spine semplici o ramificate, che sono di minori dimensioni nelle piante ........

Nerine

Nerine, genere di 30 specie di piante bulbose, generalmente delicate. Queste piante hanno dato origine a numerosi ibridi. Le specie descritte hanno foglie lineari, nastriformi, che spuntano generalmente dopo i fiori. Questi ........

 

Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Hyacinthus (Giacinto)

Hyacinthus (Giacinto), pianta bulbosa coltivata comunemente in casa, in giardino e nei vivai e derivano tutte dalla specie bulbosa rustica Hyacinthus (Giacinto) orientalis. Altre 30 specie crescono spontaneamente nelle ........

Calendula
Calendula: genere di 20-30 specie di piante erbacee o suffruticose, annuali. La specie descritta è quella che più comunemente viene coltivata, eccellente per bordure e per fiori da recidere. Può ........

Aneto

Aneto, pianta aromatica, erbacea, rustica, annuale, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere, originaria dell’Europa mediterranea. Ha foglie verde-azzurro fortemente frastagliate e fiori di ombrelle giallo vivo di 5-8 ........

Aubrèzia (Aubrietia)
L' Aubrèzia (Aubrietia) , originaria dell'Asia Minore, Grcia, Persia e Italia comprende una decina di specie ed è una erbacea perenne rustica, a crescita lenta, molto cespugliosa, che tende a formare ........

Drosanthemum

Drosanthemum, genere di 36 specie di piante succulente, originarie del Sud-Africa, appartenenti al grande gruppo dei Mesembryanthemum. Le specie descritte sono adatte per la coltivazione in serra e in appartamento, tuttavia, ........


erbacee bulbose Crinum
Crinum

Crinum, genere di più di 100 specie di piante bulbose, delicate. Le specie descritte possono essere coltivate all'aperto solo nelle zone a clima mite. Nell'Italia settentrionale si coltivano in vaso, portando le piante al riparo in autunno. Hanno foglie nastriformi, appuntite, e fiori riuniti in ombrelle terminali.
In marzo-aprile si piantano i bulbi in terreno fertile, ben drenato, alla distanza di 30-45 cm e alla profondità di 25-30 cm. In estate si annaffiano abbondantemente. I bulbi possono essere tolti dal terreno in novembre o lasciati indisturbati per più anni. Nelle zone a inverni freddi, in marzo si piantano i bulbi in vasi da 20-25 cm, riempiti con una composta da vasi, in ambiente protetto. All'inizio di maggio si portano i contenitori all'aperto e all'inizio di ottobre si rientrano nella serra. Si rinvasano ogni 3 anni, nel mese di marzo.

Crinum bulbispermum: pianta originaria del Sud-Africa, alta 70-80 cm. Si tratta di una pianta con bulbi di grandi dimensioni a foglie sempreverdi, rivolte verso l'esterno e i fiori, molto grandi, bianchi, talvolta sfumati di rosso, sbocciano all'inizio dell'estate.
Crinum moorei: pianta originaria del Sud-Africa, alta 0,8-1 m. Si tratta di una pianta con bulbi e foglie simili alla precedente e dai fiori bianchi o rosa, grandi, che compaiono in maggio-giugno.
Crinum x powellii: ibrido orticolo alto 70-80 cm, derivato dall'incrocio delle due specie precedenti. I fiori, bianchi o rosa, sbocciano da giugno in poi.


riproduzione: appena i semi sono maturi, si mettono a uno a uno in vasi di 8-10 cm riempiti con una composta da semi. Si fanno germinare alla temperatura di 21° C. Le piantine si annaffiano durante tutto l'anno, se la temperatura non scende sotto i 15° C; se invece in inverno la temperatura è più bassa, le annaffiature devono essere ridotte. Nelle zone a clima mite, si può anche seminare in piena terra, proteggendo la superfice del terreno durante l'inverno con foglie, torba o cenere. In marzo si possono anche separare i bulbilli e invasarli singolarmente e si faranno crescere allo stesso modo delle piantine ottenute da seme. I bulbilli danno piante in grado di fiorire dopo 3 anni, mentre quelle ottenute da seme dopo 4-5 anni.
esposizione:
fioritura: a partire dall'inizio della primavera a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su