erbacee bulbose Ornithogalum (Ernitogalo)
Ornithogalum (Ernitogalo)

Ornithogalum (Ernitogalo), genere di 150 specie di piante perenni, bulbose, diffuse allo stato spontaneo nelle zone temperate dell'Europa, Africa e Asia. Le specie descritte hanno foglie basali di colore verde più o meno scuro, lineari e nastriformi. Si coltivano nelle bordure, nei giardini rociosi e a gruppi nei prati. Sono adatte anche per produrre fiori da recidere. I fiori, tranne che per O.nutans, sono stellati, larghi 2-3 cm e più.
Crescono in tutti i terreni da giardino ben drenati. Le specie rustiche O.balansae, O.nutans e O.umbellatum si piantano in ottobre alla profondità di 5-8 cm, a gruppi, nelle bordure, nei prati e nei giardini rocciosi. O.balansae deve essere coltivata al sole, mentre le altre due specie crescono bene anche in posizioni parzialmente ombreggiate.
Le specie meno rustiche O.arabicum e O.thyrsoides possono essere piantate in ottobre e lasciate nel terreno anche durante i mesi invernali solo nelle regioni a clima mite. Nelle zone caratterizzate da inverni rigidi, i bulbi vanno tolti dal terreno in autunno e ripiantati nella primavera successiva. Oppure, si possono piantare in ottobre in vasi di 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi, e in questo caso fioriscono nella primavera successiva.
Da tutte le specie si asportano le infiorescenze sfiorite, a meno che non si vogliano raccogliere i semi per la moltiplicazione. I bulbi delle specie rustiche possono restare a dimora, nel terreno, per anni.

Ornithogalum arabicum:
pianta originaria delle regioni mediterranee e dell'Italia, alta 45 cm, distanza tra le piante 10-20 cm. Si tratta di una specia adatta alle zone a clima mite, con fusti rigidi e dai fiori bianchi, profumati, con pistillo nero e stami gialli, riuniti in numero di 8-12 in corimbi, che sbocciano in maggio-giugno. Questa specie è adatta anche per la coltivazione in vaso e se viene piantata in autunno, fiorisce nella primavera successiva.
Ornithogalum balansae: pianta originaria dell'Asia minore, alta 10-15 cm, distanza tra le piante 10 cm. Si tratta di una specie nana, rustica, con fiori bianchi, striati di verde, che sbocciano in marzo-aprile. Si può coltivare con i Crochi e le Scille che fioriscono più tardi.
Ornithogalum nutans: pianta originaria dell'Europa e dell'Italia, alta 30-40 cm, distanza tra le piante 15 cm. Si tratta di una specie rustica, che fiorisce nelle posizioni parzialmente ombreggiate. I fiori, bianchi o verdastri, campanulati, lunghi 2-3 cm, riuniti in numero di 10-12 in racemi portati da fusti eretti, compaiono da marzo a maggio.
Ornithogalum thyrsoides: pianta originaria del Sud-Africa, alta 50-70 cm, distanza tra le piante 20-25 cm. Si tratta di una specie con le foglie carnose, lunghe 30 cm, e fiori bianchi, crema o gialli, riuniti in numero di 20-30 in racemi densi che sbocciano in luglio-agosto. Si tratta di una pianta delicata, largamente coltivata per i fiori da recidere, che in acqua durano moltissimo.
Ornithogalum umbellatum (latte di gallina): pianta originaria dell'Asia, Africa settentrionale, Europa e Italia, alta 30-40 cm, distanza tra le piante 10-20 cm. Si tratta di una pianta rustica, con fusti rigidi e fiori bianchi, con striature verdi, riuniti in corimbi che sbocciano da aprile a giugno.


riproduzione: i semi germinano rapidamente. Si seminano appena raccolti o all'inizio dell'autunno, in vasi riempiti con una composta da vasi e le piantine vanno tenute in cassone o serra fredda per un paio d'anni. Si lasciano seccare in estate, quando le foglie ingialliscono, e in ottobre si ricomincia ad annaffiare. In seguito, si estirpano i piccoli bulbi ottenuti e si mettono a dimora. Nel periodo estivo si tolgono i bulbi dal terreno, si separano i bulbilli e si ripiantano immediatamente. I bulbilli produrranno piante che fioriranno dopo 1-2 anni.
esposizione:
fioritura: tra marzo ed agosto, a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Chionodoxa

La Chionodoxa fa parte delle Liliaceae, è originaria dell'Asia Minore e Creta, comprende 6 specie ed è una pianta perenne, bulbosa, rustica.
Le foglie sono verdi, nastriformi, ottuse all'estremità, ........

Wulfenia

Wulfenia, genere di 3 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, rustiche, con fiori tubulosi, molto ornamentali. Le specie descritte sono adatte per il giardino roccioso e nelle zone a clima invernale freddo e umido, ........

Actinidia – Kiwi

Actinidia o Kiwi, genere di 40 specie di arbusti rampicanti rustici a foglie caduche, appartenenti alla famiglia delle Actinidiacee, originari dell’Asia Orientale, adatti per coprire muri, pergole e tronchi di vecchi alberi. ........

Phyteuma

Phyteuma, genere di 40 specie di piante erbacee perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso. Hanno infiorescenze dense, globose, formate da fiori tubolosi, minuscoli.
La specie Comosum si pianta all'aperto in marzo, ........

Philesia

Philesia, genere  comprendente una sola specie di arbusti fioriferi nani, sempreverdi, semirustici, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, con fiori imbutiformi, rosa intenso, piccoli. Questo arbusto è adatto alla ........

 

Ricetta del giorno
Muffin al cioccolato
Unire in una ciotola tutti gli ingredienti solidi, quindi la farina, lo zucchero, il cacao magro, il lievito, il bicarbonato e un pizzico di sale, dopo ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Arctostaphylos

Arctortaphylos, genere di 70 piante a foglie decidue e sempreverdi, legnose, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae. Si tratta di piccoli alberi o arbusti a fusti prostrati.
Si piantano ........


Chicchera rampicante (Cobaea)

Chicchera rampicante (Cobaea), genere di 18 specie di piante perenni, rampicanti, appartenenti alla famiglia delle Polemoniacee, originarie dell’America Centrale e Meridionale. Sono piante semirustiche che vengono coltivate ........

Eupatorium

Eupatorium, genere di 1200 specie di piante erbacee, suffruticose e arbustive, rustiche, semirustiche e delicate. Le specie descritte, erbacee, perenni e rustiche, sono adatte per i terreni molto umidi e si utilizzano per ........

Minuartia

Minuartia, genere di 120 specie di piante erbacee perenni, annuali e di piccoli arbusti diffusi allo stato spontaneo nell'America settentrionale, in Cile, in Abissinia e nelle regioni himalayane. Si tratta di piante striscianti, ........


erbacee bulbose Ornithogalum (Ernitogalo)
Ornithogalum (Ernitogalo)

Ornithogalum (Ernitogalo), genere di 150 specie di piante perenni, bulbose, diffuse allo stato spontaneo nelle zone temperate dell'Europa, Africa e Asia. Le specie descritte hanno foglie basali di colore verde più o meno scuro, lineari e nastriformi. Si coltivano nelle bordure, nei giardini rociosi e a gruppi nei prati. Sono adatte anche per produrre fiori da recidere. I fiori, tranne che per O.nutans, sono stellati, larghi 2-3 cm e più.
Crescono in tutti i terreni da giardino ben drenati. Le specie rustiche O.balansae, O.nutans e O.umbellatum si piantano in ottobre alla profondità di 5-8 cm, a gruppi, nelle bordure, nei prati e nei giardini rocciosi. O.balansae deve essere coltivata al sole, mentre le altre due specie crescono bene anche in posizioni parzialmente ombreggiate.
Le specie meno rustiche O.arabicum e O.thyrsoides possono essere piantate in ottobre e lasciate nel terreno anche durante i mesi invernali solo nelle regioni a clima mite. Nelle zone caratterizzate da inverni rigidi, i bulbi vanno tolti dal terreno in autunno e ripiantati nella primavera successiva. Oppure, si possono piantare in ottobre in vasi di 15-20 cm, riempiti con una composta da vasi, e in questo caso fioriscono nella primavera successiva.
Da tutte le specie si asportano le infiorescenze sfiorite, a meno che non si vogliano raccogliere i semi per la moltiplicazione. I bulbi delle specie rustiche possono restare a dimora, nel terreno, per anni.

Ornithogalum arabicum:
pianta originaria delle regioni mediterranee e dell'Italia, alta 45 cm, distanza tra le piante 10-20 cm. Si tratta di una specia adatta alle zone a clima mite, con fusti rigidi e dai fiori bianchi, profumati, con pistillo nero e stami gialli, riuniti in numero di 8-12 in corimbi, che sbocciano in maggio-giugno. Questa specie è adatta anche per la coltivazione in vaso e se viene piantata in autunno, fiorisce nella primavera successiva.
Ornithogalum balansae: pianta originaria dell'Asia minore, alta 10-15 cm, distanza tra le piante 10 cm. Si tratta di una specie nana, rustica, con fiori bianchi, striati di verde, che sbocciano in marzo-aprile. Si può coltivare con i Crochi e le Scille che fioriscono più tardi.
Ornithogalum nutans: pianta originaria dell'Europa e dell'Italia, alta 30-40 cm, distanza tra le piante 15 cm. Si tratta di una specie rustica, che fiorisce nelle posizioni parzialmente ombreggiate. I fiori, bianchi o verdastri, campanulati, lunghi 2-3 cm, riuniti in numero di 10-12 in racemi portati da fusti eretti, compaiono da marzo a maggio.
Ornithogalum thyrsoides: pianta originaria del Sud-Africa, alta 50-70 cm, distanza tra le piante 20-25 cm. Si tratta di una specie con le foglie carnose, lunghe 30 cm, e fiori bianchi, crema o gialli, riuniti in numero di 20-30 in racemi densi che sbocciano in luglio-agosto. Si tratta di una pianta delicata, largamente coltivata per i fiori da recidere, che in acqua durano moltissimo.
Ornithogalum umbellatum (latte di gallina): pianta originaria dell'Asia, Africa settentrionale, Europa e Italia, alta 30-40 cm, distanza tra le piante 10-20 cm. Si tratta di una pianta rustica, con fusti rigidi e fiori bianchi, con striature verdi, riuniti in corimbi che sbocciano da aprile a giugno.


riproduzione: i semi germinano rapidamente. Si seminano appena raccolti o all'inizio dell'autunno, in vasi riempiti con una composta da vasi e le piantine vanno tenute in cassone o serra fredda per un paio d'anni. Si lasciano seccare in estate, quando le foglie ingialliscono, e in ottobre si ricomincia ad annaffiare. In seguito, si estirpano i piccoli bulbi ottenuti e si mettono a dimora. Nel periodo estivo si tolgono i bulbi dal terreno, si separano i bulbilli e si ripiantano immediatamente. I bulbilli produrranno piante che fioriranno dopo 1-2 anni.
esposizione:
fioritura: tra marzo ed agosto, a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su