erbacee perenni Codonopsis
Codonopsis

Codonopsis, genere di circa 30 specie di piante erbacee, rampicanti o ascendenti, annuali e perenni. Hanno fiori a forma di campana o di stella, talvolta con screziature molto belle all'interno della corolla. Sono particolarmente adatte per le scarpate, i muri a secco e il giardino roccioso. Tutte le specie descritte sono perenni, rustiche.
Si piantano fra ottobre e aprile, quando la stagione è favorevole, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate, in terreno ben drenato, ricco di sostanza organica. Le specie Convolvulacea e Vinciflora necessitano di sostegni, sui quali si attorcigliano o si lasciano arrampicare su un arbusto. E' opportuno non rimuovere le piante attecchite. I fusti secchi possono essere tagliati a aprtire da ottobre.

Codonopsis clematidea: pianta originaria dell'Asia, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie verde chiaro, ovate, acuminate all'apice e dai fiori lunghi 2-4 cm, campanulati, bianchi soffusi di azzurro, con macchie bruno-dorate e venature nere all'interno della corolla, che sbocciano in giugno-luglio.
Codonopsis convolvulacea: pianta originaria della Cina, alta 0,9-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta esile, con fusti ondulati e foglie lisce, verde chiaro, ovate, alterne e dai fiori a forma di stella, azzurro-lavanda, larghi 3-5 cm che sbocciano in luglio.
Codonopsis ovata: pianta originaria dell'Himalaya e del Kashmir, alta 15-30 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta a portamento espanso, con fusti prostrato-ascendenti e foglie ovate, pelose, verde chiaro. I fiori, lunghi 2-4 cm, campanulati, azzurro chiaro con la corolla internamente a macchie arancio e porpora, sbocciano in luglio-agosto.
Codonopsis vinciflora: pianta originaria del Tibet, alta 0,9-1,2 m e del diametro fino a 60 cm. Si tratta di una pianta dai fusti ondulati e foglie ovali-lanceolate, verde chiaro e dai fiori solitari, lunghi 3-5 cm, azzurro-porpora, simili a quelli delle Pervinche e con i lobi della corolla ellittici, espansi, che sbocciano in luglio all'ascella delle foglie superiori.


riproduzione: si semina in marzo in vassoi o terrine riempite con una composta da semi, in cassone freddo. Si ripicchettano le piantine in terrine, quindi si trapiantano in vivaio e infine si mettono definitivamente a dimora da ottobre in poi. In aprile-maggio si prelevano talee dai germogli basali e si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba, in cassone freddo. Le talee radicate si invasano e si metteranno poi a dimora da ottobre in poi.
esposizione:
fioritura: tra giugno e luglio a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Ipèrico (Hypericum)
L' Ipèrico (Hypericum) , originario dell'Europa, bacino del mediterraneo, Asia Minore, Himalaya, Yunnan, e America settentrionale, comprende circa 400 specie ed è un arbusto sempreverde e una erbacea ........

Cladanthus

Cladanthus, genere di 4 specie di piante erbacee, annuali. La specie descritta è adatta per le bordure. Sia i capolini, sia il fogliame sono profumati; da giugno fino ai primi geli autunnali sbocciano in continuazione una ........

Iberis (Iberide)

Iberis (Iberide), genere di 30 specie di pianta annuali, rustiche e semirustiche e di piante suffruticose sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae. Le specie annuali descritte sono adatte alle bordure ........

Zephyranthes

Zephyranthes, genere di 35-40 specie di piante bulbose, appartenenti alla famiglia delle Amaryllidaceae, originarie delle regioni meridionali degli Stati Uniti, dell’America centrale e meridionale. La specie descritta è ........

Cotyledon

Cotyledon, genere di 40 specie di piante appartenenti alla famiglia delle Crassulaceae, adatte alla coltivazione in appartamento o serra fredda, che possono tuttavia essere coltivate all’aperto nelle regioni a clima invernale ........

 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Pennisetum (Penniseto)
Pennisetum (Penniseto): genere di 130 specie di graminacee perenni, semirustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure miste e possono essere utilizzate anche in composizioni di fiori secchi.
Si piantano ........

Hunnemannia

Hunnemannia, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, semirustica, adatta alla coltivazione nelle aiuole e nelle fioriere; viene tuttavia trattata generalmente come annuale.
Cresce bene in terreno fertile, ........

Angiopteris

Angiopteris, genere di felci a sviluppo arborescente appartenente alla famiglia delle Marattiacee, con fronde lunghe da 2 a 4 m. L’Angiopteris è una magnifica felce da giardino d’inverno o da grande serra, i soli due habitat ........

Robìnia (Robinia)
La Robìnia (Robinia) , originaria degli Stati Uniti e messico, comprende circa 20 specie ed è uan albero o arbusto a foglia caduca, rustico e fiorifero molto ornamentale.
Le foglie sono composte, ........

Echinacea

Echinacea, genere di 3 specie di piante erbacee perenni, rustiche. Le specie descritte sono adatte per le bordure soleggiate e per la produzione di fiori da recidere.
Si piantano in ottobre o in marzo in pieno sole, in ........


erbacee perenni Codonopsis
Codonopsis

Codonopsis, genere di circa 30 specie di piante erbacee, rampicanti o ascendenti, annuali e perenni. Hanno fiori a forma di campana o di stella, talvolta con screziature molto belle all'interno della corolla. Sono particolarmente adatte per le scarpate, i muri a secco e il giardino roccioso. Tutte le specie descritte sono perenni, rustiche.
Si piantano fra ottobre e aprile, quando la stagione è favorevole, in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate, in terreno ben drenato, ricco di sostanza organica. Le specie Convolvulacea e Vinciflora necessitano di sostegni, sui quali si attorcigliano o si lasciano arrampicare su un arbusto. E' opportuno non rimuovere le piante attecchite. I fusti secchi possono essere tagliati a aprtire da ottobre.

Codonopsis clematidea: pianta originaria dell'Asia, alta 30-60 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta dalle foglie verde chiaro, ovate, acuminate all'apice e dai fiori lunghi 2-4 cm, campanulati, bianchi soffusi di azzurro, con macchie bruno-dorate e venature nere all'interno della corolla, che sbocciano in giugno-luglio.
Codonopsis convolvulacea: pianta originaria della Cina, alta 0,9-1,2 m, distanza tra le piante 60 cm. Si tratta di una pianta esile, con fusti ondulati e foglie lisce, verde chiaro, ovate, alterne e dai fiori a forma di stella, azzurro-lavanda, larghi 3-5 cm che sbocciano in luglio.
Codonopsis ovata: pianta originaria dell'Himalaya e del Kashmir, alta 15-30 cm, distanza tra le piante 30 cm. Si tratta di una pianta a portamento espanso, con fusti prostrato-ascendenti e foglie ovate, pelose, verde chiaro. I fiori, lunghi 2-4 cm, campanulati, azzurro chiaro con la corolla internamente a macchie arancio e porpora, sbocciano in luglio-agosto.
Codonopsis vinciflora: pianta originaria del Tibet, alta 0,9-1,2 m e del diametro fino a 60 cm. Si tratta di una pianta dai fusti ondulati e foglie ovali-lanceolate, verde chiaro e dai fiori solitari, lunghi 3-5 cm, azzurro-porpora, simili a quelli delle Pervinche e con i lobi della corolla ellittici, espansi, che sbocciano in luglio all'ascella delle foglie superiori.


riproduzione: si semina in marzo in vassoi o terrine riempite con una composta da semi, in cassone freddo. Si ripicchettano le piantine in terrine, quindi si trapiantano in vivaio e infine si mettono definitivamente a dimora da ottobre in poi. In aprile-maggio si prelevano talee dai germogli basali e si mettono a radicare in un miscuglio di sabbia e torba, in cassone freddo. Le talee radicate si invasano e si metteranno poi a dimora da ottobre in poi.
esposizione:
fioritura: tra giugno e luglio a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su