arbusti sempreverdi Berberis
Berberis

Berberis, genere di 450 specie di arbusti sempreverdi e a foglie decidue, generalmente spinosi, con foglie riunite in mazzetti simili a rosette. Tranne poche specie sud-americane, sono rustici e facili da coltivare. Le specie sempreverdi sono coltivate per il bel fogliame lucente e alcune come Berberis darwinii e Berberis x stenophylla, per l'abbondante fioritura. Le specie a foglie decidue sono coltivate soprattutto per i colori autunnali delle foglie e per i grappoli di bacche di colori vivaci, che generalmente resistono fino ad inverno inoltrato. I fiori, penduli, globosi e a forma di coppa, sono generalmenre riuniti in racemi, ma talvolta anche solitari. Alcune specie e i loro ibridi formano ottime siepi e molte specie nane si adattano ai piccoli giardini.
Le specie a foglie decidue si piantano da ottobre a marzo, evitando il periodo nel quale il terreno può essere gelato; le sempreverdi e quelle più delicate in settembre-ottobre o in marzo-aprile. I Berberis, tranne poche specie e varietà sud-americane, sono facili da coltivare e tollerano i terreni poco profondi e sciolti. Le specie a foglie decidue si piantano al sole; le specie sempreverdi crescono bene al sole o anche in posizioni parzialmente ombreggiate. Per formare siepi, si usano piante alte 30-40 cm, piantandole a intervalli di 45-60 cm. In seguito si taglia il quarto superiore di tutti i getti per ottenere un portamento compatto.

Potatura: una potatura regolare non è necessaria, ma bisogna tagliare i fusti vecchi a livello del terreno e di un ramo giovane. Si accorciano i rami troppo lunghi per mantenere l'arbusto a forma regolare. Le specie a foglie decidue si potano in febbraio mentre quelle sempreverdi dopo la fioritura. Le siepi si cimano all'altezza voluta una volta l'anno; le siepi sempreverdi dopo la fioritura mentre quelle decidue in agosto-settembre.

Berberis aggregata: pianta originaria della Cina orientale, alta 1,5 m e di pari diamtro. Si tratta di un arbusto a foglie decidue, compatto, con foglie obovato-lanceolate, dentate, verde pallido o poco più scuro, che in autunno si colorano di rosso o arancio. I fiori, gialli, riuniti in pannocchie lunghe 2,5 cm, compaiono in luglio e sono seguiti da bacche rotonde, rosso-corallo, pruinose. Fra le varietà si ricorda B.A.Barbarossa a crescita vigorosa, fino a circa 2 m, con bacche scarlatte talmente abbondanti da far piegare i rami per il peso.
Berberis buxifolia: pianta originaria dell'America meridionale, alta fino a 2-2,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde, rustico, con foglie coriacee, obovate, verde scuro e grigie sulla pagina inferiore. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 2-3 cm, appaiono in marzo-aprile e sono seguiti da bacche rotonde, blu-nere, pruinose.
Berberis calliantha: pianta originaria del Tibet sud-occidentale, alta fino ad 1 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto compatto, rustico, sempreverde, con i fusti giovani sfumati di rosso. Le foglie, strette, verde scuro, simili a quelle dell'agrifoglio, sono di un bianco ceroso sulla pagina inferiore. I fiori, giallo delicato, riuniti in racemi lunghi 1,5-2,5 cm, compaiono in maggio e sono seguiti da bacche rotonde blu scuro.
Berberis candidula: pianta originaria della Cina, alta 60 cm e di pari diametro. Si tratta di un arbusto nano, sempreverde, a chioma tondeggiante, con foglie ellittiche, lucide, verde scuro e bianche sulla pagina inferiore. I fiori, gialli, larghi 0,8-1,2 cm, sbocciano in maggio-giugno, isolati o in gruppi di 2-3 e sono seguiti da bacche ovali, blu-nere che compaiono nella tarda estate.
Berberis darwinii: pianta originaria della Cina, alta 2,5-4 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde, semirustico, cespuglioso, con foglie lucide, verde scuro, simili a quelle dell'Agrifoglio. I fiori, giallo carico o arancio sfumato di rosso, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, compaiono da aprile a maggio e sono seguiti da bacche blu. Si tratta tra i Berberis a fioritura primaverile di uno tra i più notevoli ed anche ottimo come pianta da siepe. Tra le varietà, la B.D.Prostrata è una varietà nana.
Berberis dictiopylla: pianta originaria della Cina, alta fino a 2 m e del diametro di circa 1 m. Si tratta di un arbusto a foglie decidue e portamento eretto i cui giovani rami sono coperti da una patina cerosa glauca. Le foglie, ellittiche, glauche inferiormente, diventano rosso carico in autunno. I fiori, gialli, brevemente peduncolati, lunghi 2 cm, compaiono in maggio, isolati p a 2 a 2, all'ascella delle foglie, e sono seguiti da bacche ovali, rosse, pruinose.
Berberis gagnepainii: pianta originaria della Cina, alta fino a 2 m e del diametro di 1-1,5 m. Si tratta di un arbusto sempreverde, folto, eretto. La varietà B.g.lanceifolia, che è poi quella coltivata, ha foglie più o meno scure, lanceolate, con bordi increspati e grossolanamente dentati. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi fino a 2,5 cm, sbocciano in maggio e sono seguiti da bacche ovali. Si tratta di una specie adatta per siepi.
Berberis hookeri: pianta originaria dell'Himalaya, alta fino a 1,5 m e del diametro di 1-1,5 m. Si tratta di un arbusto sempreverde, compatto, con foglie lucide simili a quelle dell'grifoglio, verde scuro e glauche inferiormente. I fiori, giallo pallido, riuniti in racemi lunghi 2,5 cm, compaiono in aprile-maggio e sono seguiti da bacche nere ovali.
Berberis linearifolia: pianta originaria della Cina, alta fino a 2,5 m e del diametro di 1-1,2 m. Si tratta di un arbusto sempreverde a crescita lenta e a portamento eretto; appena ha attecchito, può produrre rami eretti linghi 0,6-1,2 m. Le foglie, lineari, senza spine, sono verde scuro lucente sulla pagina superiore e glauche inferiormente. I fiori, arancio carico, riuniti in numero di 3-6 in racemi lunghi 2,5 cm, sbocciano in aprile. Le bacche sono nere, pruinose. Nelle regioni a clima freddo questa specie non è completamente rustica.
Berberis x lologensis: pianta originaria del Cile, alta 2,5-3 m e di pari diametro. Si tratta di un ibrido naturale fa B.Linearifolia e B.Darwinii, sempreverde, rustico, acrescita più lenta di B.darwinii, cui assomiglia nel fogliame e nel portamento. I fiori, giallo-albicocca, molto abbondanti, riuniti in racemi lunghi fino a 2,5 cm, sbociano in marzo-aprile e sono seguiti da bacche purpuree, ovali.
Berberis sieboldii: pianta originaria del Giappone, alta 1,2 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto compatto, ricco di polloni alla base, con foglie decidue, verde brillante, oblunghe-ellittiche, che sono portate da fusti rosso scuro e divantano carminio carico in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, sbocciano in maggio e sono seguiti da bacche, tonde, rosso vivo.
Berberis x stenophylla: pianta alta 2,5-3 m e del diametro di 3-3,5 m. Si tratta di un ibrido naturale tra B.dorwinii e B.empetrifolia, robusto, sempreverde che forma una densa massa di rami ad arco con foglie lineari-lanceolate, verde scuro, glauche sulla pagina ingferiore. I fiori, giallo-oro, riuniti in racemi lunghi 3 cm, sbocciano abbondanti in aprile e sono seguiti da bacche rotonde, purpuree, pruinose. Si utilizza come esemplare isolato o per la formazione di siepi.
Berberis thumbergii: pianta originaria del Gaippone, alta 1,2 m e più e del diametro fino a 2 m. Si tratta di un arbusto compatto, a chioma tondeggiante, con foglie decidue obovate, verde pallido o intenso sopra e glauche sulla pagina inferiore, che diventano rosse in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 1-2 cm, sbocciano di continuo. Le bacche sono piccole, ovali, scarlatte. Tra le varietà le più ornamentali sono B.T.Atropurpurea (o Crespino porpora), con foglie rosso-porpora durante la primavera e l'estate, Atropurpurea nana, alta 30-45 cm con foglie dello stesso colore; Erecta, compatta, con ramificazioni erette particolarmente adatta a formare siepi.
Berberis verruculosa: pianta originaria della Cina occidentale, alta 1-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde a crescita lenta e a portamento compatto. Le foglie sono ellittiche, dentate, spinose, verde scuro lucido superiormente e bianche sulla pagina inferiore. I fiori gialli, larghi fino a 2 cm, sbocciano da soli o in coppia in maggio-giugno e sono seguiti da bacche nere, ovali.
Berberis vulgaris (Crespino): pianta originaria dell'Europa, Italia, Asia e Africa settentrionale, alta 2-3 m e del diametro di 1,5-2 m. Si tratta di un arbusto eretto, con foglie ovali, dentate. I fiori, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, sono gialli e compaiono in maggio e sono seguiti da bacche rosse, ovoidali-cilindriche.
Berberia wilsonae: pianta originaria della Cina occidentale, alta 0,6-1,2 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto nano, semiprostrato, folto, con foglie decidue, piccole, lanceolate, verde delicato superiormente, grigio-azzurre sulla pagina inferiore che diventano rosse in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 3 cm, sbocciano in luglio e sono seguiti da bacche rosso-corallo.


riproduzione: tutte le specie si ottengono facilmente seminando all'aperto in novembre, ma le piante ottenute in questo modo non sempre sono silmili a quelle dalle quali provengono i semi. Si moltiplicano anche mediante talee, lunghe 7-10 cm, prelevate in agosto-settembre dai rami laterali e fatte radicare in letto freddo in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. Nella primavera successiva si mettono a dimora all'aperto in vivaio, dove resteranno per 1-2 anni prima della messa a dimora definitiva. Le talee delle specie sempreverdi si piantano in vasi da 10 cm riempiti con una composta per vasi e si interrano all'aperto fino al momento del trapianto. Le piante che producono polloni si possono dividere e ripiantare in qualunque momento tra ottobre e narzo.
esposizione:
fioritura: tra aprile e maggio




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Jasminum (Gelsomino)

Jasminum (Gelsomino), genere di 300 specie di piante rampicanti e arbustive, a foglie sempreverdi e decidue, rustiche o delicate, appartenenti alla famiglia delle Oleaceae. Sono adatte per coprire il terreno nei giardini ........

Heliotropium (Eliotropio)

Helitropium (Eliotropio), genere di 250 specie di piante erbacee, annuali, e arbustive, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae. Si coltivano solo alcune specie arbustive, tra cui la più comune ........

Poligono (Polygonum)

Il Poligono (Polygonum), originaria di tutte le zone a clima temperato, è una erbacea che può essere perenne, annuale e anche rampicante, a seconda della specie, circa 150.
le foglie hanno ........

Ursinia

Ursinia, genere di 80 specie di piante perenni ed annuali e di arbusti. Le specie descritte si coltivano nelle bordure miste e nelle aiuole e anche in vaso e sono anche adatte per la produzione di fiori da recidere. I capolini ........

Angiopteris

Angiopteris, genere di felci a sviluppo arborescente appartenente alla famiglia delle Marattiacee, con fronde lunghe da 2 a 4 m. L’Angiopteris è una magnifica felce da giardino d’inverno o da grande serra, i soli due habitat ........

 

Ricetta del giorno
Frittelle di banane
Amalgamate in una terrina gli ingredienti per la pastella, ovvero 125 gr di farina, 2 dl di acqua tiepida, 5 cucchiai d'olio, 1 uovo e 1 pizzico di sale, ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Fothergilla

Fothergilla, genere di 4 specie di arbusti a foglie decidue, rustici, a crescita lenta, originari delle regioni sud-orientali dell'America settentrionale. Questi arbusti sono molto ornamentali per i brillanti colori autunnali ........


Porro – Allium porrum

Porro, Allium porrum, pianta erbacea biennale, appartenente alla famiglia delle Gigliacee, ma coltivata come annuale, dal momento che se ne utilizzano la base del fusto e il bulbo che s’ingrossano alla fine del primo anno ........

Hunnemannia

Hunnemannia, genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, semirustica, adatta alla coltivazione nelle aiuole e nelle fioriere; viene tuttavia trattata generalmente come annuale.
Cresce bene in terreno fertile, ........

Puschkinia

Puschkinia, genere di 2 specie di piante bulbose, piccole, rustiche, originarie delle zone comprese fra Asia Minore e Afghanistan. La specie descritta si coltiva all'aperto, nei prati, nel giardino roccioso, nelle bordure ........


arbusti sempreverdi Berberis
Berberis

Berberis, genere di 450 specie di arbusti sempreverdi e a foglie decidue, generalmente spinosi, con foglie riunite in mazzetti simili a rosette. Tranne poche specie sud-americane, sono rustici e facili da coltivare. Le specie sempreverdi sono coltivate per il bel fogliame lucente e alcune come Berberis darwinii e Berberis x stenophylla, per l'abbondante fioritura. Le specie a foglie decidue sono coltivate soprattutto per i colori autunnali delle foglie e per i grappoli di bacche di colori vivaci, che generalmente resistono fino ad inverno inoltrato. I fiori, penduli, globosi e a forma di coppa, sono generalmenre riuniti in racemi, ma talvolta anche solitari. Alcune specie e i loro ibridi formano ottime siepi e molte specie nane si adattano ai piccoli giardini.
Le specie a foglie decidue si piantano da ottobre a marzo, evitando il periodo nel quale il terreno può essere gelato; le sempreverdi e quelle più delicate in settembre-ottobre o in marzo-aprile. I Berberis, tranne poche specie e varietà sud-americane, sono facili da coltivare e tollerano i terreni poco profondi e sciolti. Le specie a foglie decidue si piantano al sole; le specie sempreverdi crescono bene al sole o anche in posizioni parzialmente ombreggiate. Per formare siepi, si usano piante alte 30-40 cm, piantandole a intervalli di 45-60 cm. In seguito si taglia il quarto superiore di tutti i getti per ottenere un portamento compatto.

Potatura: una potatura regolare non è necessaria, ma bisogna tagliare i fusti vecchi a livello del terreno e di un ramo giovane. Si accorciano i rami troppo lunghi per mantenere l'arbusto a forma regolare. Le specie a foglie decidue si potano in febbraio mentre quelle sempreverdi dopo la fioritura. Le siepi si cimano all'altezza voluta una volta l'anno; le siepi sempreverdi dopo la fioritura mentre quelle decidue in agosto-settembre.

Berberis aggregata: pianta originaria della Cina orientale, alta 1,5 m e di pari diamtro. Si tratta di un arbusto a foglie decidue, compatto, con foglie obovato-lanceolate, dentate, verde pallido o poco più scuro, che in autunno si colorano di rosso o arancio. I fiori, gialli, riuniti in pannocchie lunghe 2,5 cm, compaiono in luglio e sono seguiti da bacche rotonde, rosso-corallo, pruinose. Fra le varietà si ricorda B.A.Barbarossa a crescita vigorosa, fino a circa 2 m, con bacche scarlatte talmente abbondanti da far piegare i rami per il peso.
Berberis buxifolia: pianta originaria dell'America meridionale, alta fino a 2-2,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde, rustico, con foglie coriacee, obovate, verde scuro e grigie sulla pagina inferiore. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 2-3 cm, appaiono in marzo-aprile e sono seguiti da bacche rotonde, blu-nere, pruinose.
Berberis calliantha: pianta originaria del Tibet sud-occidentale, alta fino ad 1 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto compatto, rustico, sempreverde, con i fusti giovani sfumati di rosso. Le foglie, strette, verde scuro, simili a quelle dell'agrifoglio, sono di un bianco ceroso sulla pagina inferiore. I fiori, giallo delicato, riuniti in racemi lunghi 1,5-2,5 cm, compaiono in maggio e sono seguiti da bacche rotonde blu scuro.
Berberis candidula: pianta originaria della Cina, alta 60 cm e di pari diametro. Si tratta di un arbusto nano, sempreverde, a chioma tondeggiante, con foglie ellittiche, lucide, verde scuro e bianche sulla pagina inferiore. I fiori, gialli, larghi 0,8-1,2 cm, sbocciano in maggio-giugno, isolati o in gruppi di 2-3 e sono seguiti da bacche ovali, blu-nere che compaiono nella tarda estate.
Berberis darwinii: pianta originaria della Cina, alta 2,5-4 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde, semirustico, cespuglioso, con foglie lucide, verde scuro, simili a quelle dell'Agrifoglio. I fiori, giallo carico o arancio sfumato di rosso, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, compaiono da aprile a maggio e sono seguiti da bacche blu. Si tratta tra i Berberis a fioritura primaverile di uno tra i più notevoli ed anche ottimo come pianta da siepe. Tra le varietà, la B.D.Prostrata è una varietà nana.
Berberis dictiopylla: pianta originaria della Cina, alta fino a 2 m e del diametro di circa 1 m. Si tratta di un arbusto a foglie decidue e portamento eretto i cui giovani rami sono coperti da una patina cerosa glauca. Le foglie, ellittiche, glauche inferiormente, diventano rosso carico in autunno. I fiori, gialli, brevemente peduncolati, lunghi 2 cm, compaiono in maggio, isolati p a 2 a 2, all'ascella delle foglie, e sono seguiti da bacche ovali, rosse, pruinose.
Berberis gagnepainii: pianta originaria della Cina, alta fino a 2 m e del diametro di 1-1,5 m. Si tratta di un arbusto sempreverde, folto, eretto. La varietà B.g.lanceifolia, che è poi quella coltivata, ha foglie più o meno scure, lanceolate, con bordi increspati e grossolanamente dentati. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi fino a 2,5 cm, sbocciano in maggio e sono seguiti da bacche ovali. Si tratta di una specie adatta per siepi.
Berberis hookeri: pianta originaria dell'Himalaya, alta fino a 1,5 m e del diametro di 1-1,5 m. Si tratta di un arbusto sempreverde, compatto, con foglie lucide simili a quelle dell'grifoglio, verde scuro e glauche inferiormente. I fiori, giallo pallido, riuniti in racemi lunghi 2,5 cm, compaiono in aprile-maggio e sono seguiti da bacche nere ovali.
Berberis linearifolia: pianta originaria della Cina, alta fino a 2,5 m e del diametro di 1-1,2 m. Si tratta di un arbusto sempreverde a crescita lenta e a portamento eretto; appena ha attecchito, può produrre rami eretti linghi 0,6-1,2 m. Le foglie, lineari, senza spine, sono verde scuro lucente sulla pagina superiore e glauche inferiormente. I fiori, arancio carico, riuniti in numero di 3-6 in racemi lunghi 2,5 cm, sbocciano in aprile. Le bacche sono nere, pruinose. Nelle regioni a clima freddo questa specie non è completamente rustica.
Berberis x lologensis: pianta originaria del Cile, alta 2,5-3 m e di pari diametro. Si tratta di un ibrido naturale fa B.Linearifolia e B.Darwinii, sempreverde, rustico, acrescita più lenta di B.darwinii, cui assomiglia nel fogliame e nel portamento. I fiori, giallo-albicocca, molto abbondanti, riuniti in racemi lunghi fino a 2,5 cm, sbociano in marzo-aprile e sono seguiti da bacche purpuree, ovali.
Berberis sieboldii: pianta originaria del Giappone, alta 1,2 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto compatto, ricco di polloni alla base, con foglie decidue, verde brillante, oblunghe-ellittiche, che sono portate da fusti rosso scuro e divantano carminio carico in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, sbocciano in maggio e sono seguiti da bacche, tonde, rosso vivo.
Berberis x stenophylla: pianta alta 2,5-3 m e del diametro di 3-3,5 m. Si tratta di un ibrido naturale tra B.dorwinii e B.empetrifolia, robusto, sempreverde che forma una densa massa di rami ad arco con foglie lineari-lanceolate, verde scuro, glauche sulla pagina ingferiore. I fiori, giallo-oro, riuniti in racemi lunghi 3 cm, sbocciano abbondanti in aprile e sono seguiti da bacche rotonde, purpuree, pruinose. Si utilizza come esemplare isolato o per la formazione di siepi.
Berberis thumbergii: pianta originaria del Gaippone, alta 1,2 m e più e del diametro fino a 2 m. Si tratta di un arbusto compatto, a chioma tondeggiante, con foglie decidue obovate, verde pallido o intenso sopra e glauche sulla pagina inferiore, che diventano rosse in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 1-2 cm, sbocciano di continuo. Le bacche sono piccole, ovali, scarlatte. Tra le varietà le più ornamentali sono B.T.Atropurpurea (o Crespino porpora), con foglie rosso-porpora durante la primavera e l'estate, Atropurpurea nana, alta 30-45 cm con foglie dello stesso colore; Erecta, compatta, con ramificazioni erette particolarmente adatta a formare siepi.
Berberis verruculosa: pianta originaria della Cina occidentale, alta 1-1,5 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto sempreverde a crescita lenta e a portamento compatto. Le foglie sono ellittiche, dentate, spinose, verde scuro lucido superiormente e bianche sulla pagina inferiore. I fiori gialli, larghi fino a 2 cm, sbocciano da soli o in coppia in maggio-giugno e sono seguiti da bacche nere, ovali.
Berberis vulgaris (Crespino): pianta originaria dell'Europa, Italia, Asia e Africa settentrionale, alta 2-3 m e del diametro di 1,5-2 m. Si tratta di un arbusto eretto, con foglie ovali, dentate. I fiori, riuniti in racemi lunghi 3-4 cm, sono gialli e compaiono in maggio e sono seguiti da bacche rosse, ovoidali-cilindriche.
Berberia wilsonae: pianta originaria della Cina occidentale, alta 0,6-1,2 m e di pari diametro. Si tratta di un arbusto nano, semiprostrato, folto, con foglie decidue, piccole, lanceolate, verde delicato superiormente, grigio-azzurre sulla pagina inferiore che diventano rosse in autunno. I fiori, gialli, riuniti in racemi lunghi 3 cm, sbocciano in luglio e sono seguiti da bacche rosso-corallo.


riproduzione: tutte le specie si ottengono facilmente seminando all'aperto in novembre, ma le piante ottenute in questo modo non sempre sono silmili a quelle dalle quali provengono i semi. Si moltiplicano anche mediante talee, lunghe 7-10 cm, prelevate in agosto-settembre dai rami laterali e fatte radicare in letto freddo in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. Nella primavera successiva si mettono a dimora all'aperto in vivaio, dove resteranno per 1-2 anni prima della messa a dimora definitiva. Le talee delle specie sempreverdi si piantano in vasi da 10 cm riempiti con una composta per vasi e si interrano all'aperto fino al momento del trapianto. Le piante che producono polloni si possono dividere e ripiantare in qualunque momento tra ottobre e narzo.
esposizione:
fioritura: tra aprile e maggio



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su