arbusti sempreverdi Mahonia
Mahonia

Mahonia: genere di 70 specie di arbusti sempreverdi, rustici, coltivati per il fogliame ornamentale e i fiori gialli, che sbocciano alla fine dell'inverno e all'inizio della primavera. Tutte le specie producono bacche color porpora o bluastre, particolarmente decorative nelle specie Mahonia aquifolium e Mahonia japonica e nei loro ibridi. questi arbusti possono essere coltivati isolati. Le specie nane sono adatte per coprire il terreno, specialmente nelle posizioni ombreggiate. Il fogliame può essere usato per le decorazioni invernali.
Le Mahonie si piantano in settembre-ottobre o in aprile-maggio, in posizioni soleggiate o ombreggiate, in qualsiasi terreno da giardino. Le specie a foglie grandi crescono bene nei terreni tendenzialmente umidi, in zone leggermente ombreggiate.

Potatura: non è necessaria una potatura regolare, tuttavia la Mahonia aquifolium si può potare ogni anno in aprile, se è coltivata per coprire il terreno.

Parassiti vegetali: può essere colpita dall'oidio che si manifesta con la comparsa di una muffa bianca e polverosa sulle foglie giovani e sui germogli. Può essere colpita anche dalla ruggine che si manifesta con la presenza di macchie rosse sulla pagina superiore delle foglie e masse polverose, brune sulla pagina inferiore.

Mahonia aquifolia: pianta originaria dell'America nord-occidentale, alta 1-1,5 m e del diametro di 1,5-2 m. Si tratta di un arbusto pollonifero, con foglie coriacee, verde scuro, composte, imparipennate, formate da 5-9 foglioline ovato-oblunghe, ondulate, a margini dentato-spinosi, simili alle foglie dell'agrifoglio. I fiori, profumati, giallo carico, riuniti in pannocchie ascellari o terminali larghe 7-15 cm, sbocciano in marzo-aprile e sono seguiti da numerose bacche blu-nerastre. La varietà Astropurpurea ha foglie che in inverno diventano rosso-porpora carico.
Mahonia bealei: pianta originaria della Cina, alta 1,5-2,5 m. Si tratta di un arbusto eretto, con foglie composte, imparipennate, formate da 5-9 foglioline coriacee, dentate ai margini, grigio-verdi sulla pagina superiore e giallo-verdi su quella inferiore. I fiori, giallo-limone, riuniti in racemi eretti lunghi 10-15 cm, raggruppati all'apice dei fusti, sbocciano da dicembre a febbraio.
Mahonia x Charity: pianta di origine orticola, alta 2,5-3 m e del diametro di 2-2,5 m. Si tratta di un ibrido fra M.Japonica e M.Lomariifolia, con foglie composte, imparipennate, formate da numerose foglioline lanceolate, dentate e spinose ai margini, verde scuro. I fiori, giallo carico, riuniti all'apice dei fusti in racemi lunghi 25-30 cm, sbocciano da novembre a febbraio.
Mahonia japonica: pianta originaria della Cina, alta 2.5 m e del diametro di 3 m. Si tratta di un arbusto con foglie lucide, verde scuro, composte, imparipennate, formate da numerose foglioline coriacee, ovato-oblunghe, dentate e spinose ai margini. I fiori, giallo-limone, dal profumo di mughetto, runiti in tacemi penduli lunghi 10-20 cm, sbocciano da gennaio a marzo, all'apice dei fusti.
Mahonia lomariifolia: pianta originaria della Cina e Formosa, alta 2,5-3,5 m e del diametro di 2 m. Specie delicata, adatta per regioni a clima mite, con foglie composte, verde scuro, lunghe fino a 60 cm, formate da 15-20 coppie di foglioline strette, dentate e spinose ai margini. I fiori, giallo scuro, profumati, riuniti in racemi compatti, eretti, lunghi 15-25 cm, compaiono da gennaio a marzo.
Mahonia pinnata: pianta originaria delle regioni sud-occidentali degli Stati Uniti, alta 3 m e del diametro di 2-2,5 m. Si tratta di una specie vigorosa, con foglie oblunghe, composte, imparipennate, formate da numerose foglioline spinose, verde-azzurre. I fiori, leggermente profumati, giallo carico, riuniti in mazzi larghi 5-10 cm, sbocciano in marzo-aprile.


riproduzione: per coprire il terreno si impiegano piante ottenute da semi. Si semina in agosto, in terrine riempite con una composta da semi, in cassone freddo. I semi germinano nell'aprile successivo. Quando le piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate tranquillamente, si ripicchettano in vassoi e, successivamente si trapiantano in vivaio dove resteranno 1-2 anni prima di essere messe a dimora. Tutte le specie e le varietà si moltiplicano anche per talea. In luglio si prelevano talee lunghe 8-10 cm dai germogli principali o dai rami più robusti; in ottobre-novembre si fanno talee fogliari, nel caso delle specie a foglie grandi. In ogni caso le talee si piantano in cassone da moltiplicazione, in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, alla temperatura minima di 16-18 °C. Una volta che avranno radicato, si invasano in contenitori da 8-10 cm riempiti con una composta per vasi e si fanno svernare al riparo dal gelo. Se necessario, si rinvasano e si coltivano per un altro anno prima di mettere le piantine a dimora.
esposizione:
fioritura: ad inizio primavera o in inverno, a seconda della specie




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Garrya

Garrya, genere di 18 specie di piante arbustive sempreverdi, rustiche o delicate. La specie descritta, dioica, si coltiva per le infiorescenze ad amento, pendule, molto ornamentali. Le piante maschili sono più decorative ........

Leonotis

Leonotis, genere di circa 40 specie di piante erbacee e suffruticose, originarie dell'Africa meridionale. La specie descritta è delicata e adatta per la coltivazione all'aperto solo nelle zone a clima mite, mentre nelle ........

Emerocàllide (Hemerocallis)
L' Emerocàllide (Hemerocallis) , originaria del Giappone e Europa meridionale, comprende circa 20 specie ed è una erbacea perenne rustica, con radici rizomatose, che somiglia molto ad alcune specie di Hosta ........

Anacyclus

Anacyclus, genere di 25 specie di piante erbacee, rustiche, perenni e sempreverdi, originarie della catena montuosa dell'Atlante. Hanno foglie falciformi, finemente divise, che formano tappeti compatti. I fusti fioriferi ........

Ostrya

Ostrya, genere di 7 specie di alberi di piccole o medie dimensioni a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Betulaceae, diffusi nell’emisfero settentrionale e adatti come esemplari isolati o per formare gruppi ........

 

Ricetta del giorno
Frullato di mirtilli
Mettere in un frullatore i mirtilli, il latte di riso(va bene anche quello di mandorle), la mezza banana e frullare per qualche minuto, fin quando si ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Kochia

Kochia, genere di 90 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali e perenni. La specie descritta, coltivata per il fogliame ornamentale, si impiega isolata o nelle aiuole, per formare bordure basse, o come pianta da ........

Tamaryx (Tamerice)
Il Tamaryx (Tamerice), genere di 90 specie di arbusti rustici, a foglie decidue, adatti per formare barriere frangivento e siepi, soprattutto nelle zone costiere. Si tratta di una pianta che non tollera i terreni ........

Hottonia

Hottonia, genere di 2 specie di piante acquatiche appartenenti alla famiglia delle Primulaceae, una delle quali cresce spontanea nelle regioni orientali degli Stati Uniti, mentre l’altra è diffusa in Europa e nellAsia occidentale.
Questa ........

Amorpha

Amorpha, genere di 20 specie di piante suffruticose e di arbusti rustici, appartenenti alla famiglia delle Papilionaceae, diffusi allo stato spontaneo nell’America settentrionale. La specie descritta ha foglie e fiori molto ........

Aechmea

Aechmea, genere di circa 50 specie di piante sempreverdi. La maggior parte sono epifite, alcune sono terrestri. Tutte sono dotate di rosette, tubolari o allargate, di foglie più o meno spinose e addossate  l’una all’altra ........


arbusti sempreverdi Mahonia
Mahonia

Mahonia: genere di 70 specie di arbusti sempreverdi, rustici, coltivati per il fogliame ornamentale e i fiori gialli, che sbocciano alla fine dell'inverno e all'inizio della primavera. Tutte le specie producono bacche color porpora o bluastre, particolarmente decorative nelle specie Mahonia aquifolium e Mahonia japonica e nei loro ibridi. questi arbusti possono essere coltivati isolati. Le specie nane sono adatte per coprire il terreno, specialmente nelle posizioni ombreggiate. Il fogliame può essere usato per le decorazioni invernali.
Le Mahonie si piantano in settembre-ottobre o in aprile-maggio, in posizioni soleggiate o ombreggiate, in qualsiasi terreno da giardino. Le specie a foglie grandi crescono bene nei terreni tendenzialmente umidi, in zone leggermente ombreggiate.

Potatura: non è necessaria una potatura regolare, tuttavia la Mahonia aquifolium si può potare ogni anno in aprile, se è coltivata per coprire il terreno.

Parassiti vegetali: può essere colpita dall'oidio che si manifesta con la comparsa di una muffa bianca e polverosa sulle foglie giovani e sui germogli. Può essere colpita anche dalla ruggine che si manifesta con la presenza di macchie rosse sulla pagina superiore delle foglie e masse polverose, brune sulla pagina inferiore.

Mahonia aquifolia: pianta originaria dell'America nord-occidentale, alta 1-1,5 m e del diametro di 1,5-2 m. Si tratta di un arbusto pollonifero, con foglie coriacee, verde scuro, composte, imparipennate, formate da 5-9 foglioline ovato-oblunghe, ondulate, a margini dentato-spinosi, simili alle foglie dell'agrifoglio. I fiori, profumati, giallo carico, riuniti in pannocchie ascellari o terminali larghe 7-15 cm, sbocciano in marzo-aprile e sono seguiti da numerose bacche blu-nerastre. La varietà Astropurpurea ha foglie che in inverno diventano rosso-porpora carico.
Mahonia bealei: pianta originaria della Cina, alta 1,5-2,5 m. Si tratta di un arbusto eretto, con foglie composte, imparipennate, formate da 5-9 foglioline coriacee, dentate ai margini, grigio-verdi sulla pagina superiore e giallo-verdi su quella inferiore. I fiori, giallo-limone, riuniti in racemi eretti lunghi 10-15 cm, raggruppati all'apice dei fusti, sbocciano da dicembre a febbraio.
Mahonia x Charity: pianta di origine orticola, alta 2,5-3 m e del diametro di 2-2,5 m. Si tratta di un ibrido fra M.Japonica e M.Lomariifolia, con foglie composte, imparipennate, formate da numerose foglioline lanceolate, dentate e spinose ai margini, verde scuro. I fiori, giallo carico, riuniti all'apice dei fusti in racemi lunghi 25-30 cm, sbocciano da novembre a febbraio.
Mahonia japonica: pianta originaria della Cina, alta 2.5 m e del diametro di 3 m. Si tratta di un arbusto con foglie lucide, verde scuro, composte, imparipennate, formate da numerose foglioline coriacee, ovato-oblunghe, dentate e spinose ai margini. I fiori, giallo-limone, dal profumo di mughetto, runiti in tacemi penduli lunghi 10-20 cm, sbocciano da gennaio a marzo, all'apice dei fusti.
Mahonia lomariifolia: pianta originaria della Cina e Formosa, alta 2,5-3,5 m e del diametro di 2 m. Specie delicata, adatta per regioni a clima mite, con foglie composte, verde scuro, lunghe fino a 60 cm, formate da 15-20 coppie di foglioline strette, dentate e spinose ai margini. I fiori, giallo scuro, profumati, riuniti in racemi compatti, eretti, lunghi 15-25 cm, compaiono da gennaio a marzo.
Mahonia pinnata: pianta originaria delle regioni sud-occidentali degli Stati Uniti, alta 3 m e del diametro di 2-2,5 m. Si tratta di una specie vigorosa, con foglie oblunghe, composte, imparipennate, formate da numerose foglioline spinose, verde-azzurre. I fiori, leggermente profumati, giallo carico, riuniti in mazzi larghi 5-10 cm, sbocciano in marzo-aprile.


riproduzione: per coprire il terreno si impiegano piante ottenute da semi. Si semina in agosto, in terrine riempite con una composta da semi, in cassone freddo. I semi germinano nell'aprile successivo. Quando le piantine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate tranquillamente, si ripicchettano in vassoi e, successivamente si trapiantano in vivaio dove resteranno 1-2 anni prima di essere messe a dimora. Tutte le specie e le varietà si moltiplicano anche per talea. In luglio si prelevano talee lunghe 8-10 cm dai germogli principali o dai rami più robusti; in ottobre-novembre si fanno talee fogliari, nel caso delle specie a foglie grandi. In ogni caso le talee si piantano in cassone da moltiplicazione, in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, alla temperatura minima di 16-18 °C. Una volta che avranno radicato, si invasano in contenitori da 8-10 cm riempiti con una composta per vasi e si fanno svernare al riparo dal gelo. Se necessario, si rinvasano e si coltivano per un altro anno prima di mettere le piantine a dimora.
esposizione:
fioritura: ad inizio primavera o in inverno, a seconda della specie



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su