alberi a foglia caduca Acero (Acer)
Acero (Acer)

L'Acero, originario dell'Asia, Europa, Africa del Nord e America settentrionale comprende più di 100 specie.
Sono alberi di varia altezza ( da 2 a 30 metri a seconda della specie ) con foglie quasi sempre caduche, ovali o variamente palmate; di vario colore a deconda della specie. Possono essere verdi, verde scurissimo, rosso corallo o variegate in bianco e avorio.
Gli Aceri vengono impiegati nella decorazione dei giardini o dei parchi per la formazione di gruppi o viali.
Piantagione: si esegua, come tutte le essenze arboree o arbustive a fine autunno o prima che giunga la primavera.
Una pianta preziosa: nel senso che risolve tutte le situazioni. Se in giardino manca una macchia chiara e leggera si può ricorrere ad un acero americano, l'Acero Negundo, nelle sue varietà a foglie giallastre macchiate di verde o dorate. Se serve una macchia di colore, ecco l'Acer Atropurpureum con le sue belle foglie di fuoco.

Acer Campestre: diffuso anche in Italia è alto 5-6 m e il diametro della chioma è di 3 m. E' un piccolo albero dal portamento elegante ed in autunno le sue foglie si tingono di giallo.
Acer Cappadocium: alto 7-9 m ha le foglie palmate a 5-7 lobi, lucide, verde scuro, che diventano giallo intenso in autunno. La varietà Rubrum ha foglie giovani rosse.
Acer circinatum: è una delle specie più piccole, circa 6 m, e ha portamento espanso con diametro della chioma di 6 m. Le foglie a 7-9 lobi, quasi tondeggianti, in autunno diventano rosse e arancio.
Acer davidii: albero a portamento variabile con rami orizzontali con la chioma di 3-4 m di diametro. Le foglie, intere, verde scuro, in autunno diventano gialle, rosso e porpora
Acer griseum: originario della Cina è alto 3-4 metri con chioma da 2.5 m. Le foglie, composte da 3 foglioline, grigie nella pagina inferiore, in autunno diventano scarlatte.
Acer japonicum: originario del Giappone è alto fino a 6 m con chioma di 2-3 m. Le foglie palmate a 7-11 lobi verde pallido, in autunno diventano rosso carminio.
Acer negundo: detto anche acero della Virginia è alto 6-10 m con grande chioma da 6 m e più. Le foglie sono composte da 3-5 foglioline, verde chiaro. In primavera ha una simpatica e caratteristica fioritura.
Acer palmatum: o acero del Giappone è un alberello alto 4-5 m con chioma da 2.5 m di forma tondeggiante. Le foglie da 5-7 lobi sono finememente divise, di un bel verde pallido che in autunno diventano rosso carminio. Tra le varietà più apprezzate l' Acer atropurpureum dalle foglie color porpora che in autunno diventano quasi viola.
Acer platanoides: noto anche come acero riccio è alto 8-10 m con chioma di 4-6 m. Molto vigoroso ha foglie a 5 lobi sottili che in autunno diventano di un vel giallo vivissimo.
Acer pseudoplatanus: l'acero di monte, o sicomoro o falso platano, è alto 10 m e si presenta come un grande albero dalla chioma tondeggiante di 4-5 m. Le foglie palmate a 5 lobi sono verde brillante ed in autunno diventano gialle.
Acer saccarinum: alto 8-11 m con chioma da 3-5 m; è un albero dalla chioma tondeggiante, dalle branche pendenti e dalle foglie a 5 lobi verde brillante sulla pagina superiore e bianco argentee su quella inferiore che in alcune varietà diventano giallo oro e rosse in autunno.

Malattie: si possono ammalare facilmente. I parassiti più comuni sono gli afidi, gli eriofidi e il ragnetto rosso. Può essere colpito dalla Famigliola provocata da un fungo che provoca un marciume radicale. facilmente individuabile dalla presenza dei funghi Chiodini.


riproduzione: Le specie tipiche si moltiplicano facilmente per seme. I semi si mettono a germinare in ottobre in letto freddo o all'aperto. Le varietà si moltiplicano innestandole in marzo su portainnesti costituiti dalle specie tipiche.
esposizione:
fioritura: primavera




Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
 
   

 



Haberlea

Haberlea, genere di 2 specie di piante erbacee, perenni, cespitose. rustiche, adatte ad essere coltivate nei lastricati e negli angoli ombreggiati del giardino roccioso.
Si piantano in settembre-ottobre o in marzo, in ........

Libocedrus

Libocedrus, genere di conifere sempreverdi appartenenti alla famiglia delle Cupressaceae, molto ornamentali, adatte per essere coltivate come esemplari isolati.
Crescono bene nei terreni fertili, umidi ma ben drenati, ........

Exacum

Exacum, genere comprendente una quarantina di piante sempreverdi, erbacee e suffruticose, appartenenti alla famiglia delle Genzianacee. La sola coltivata è Exacum affine, una pianta annuale o biennale originaria di alcune isole ........

Camellia (Camelia)

Camellia (Camelia), genere di 80 specie di alberi e arbusti sempreverdi, generalmente rustici, da coltivarsi sia in serra che all’aperto. Crescono bene in posizione protetta e in terreni privi di calcare, tendenzialmente ........

Morisia

Morisia, genere comprendente una sola specie di pianta erbacea, perenne, che può essere coltivata nelle fioriere e nel giardino roccioso. Fiorisce praticamente per tutta l'estate.
Si pianta in settembre-ottobre in terreno ........

 

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Physostegia
La Physostegia è una pianta erbacea, rustica  perenne, originaria dell'America settentrionale, che comprende circa 15 specie e che ha fiori simili a quelli della Cocca di Leone, color rosa, malva ........

Dryas (Driade)

Dryas (Driade), genere di 2 specie di piante suffruticose, sempreverdi, rustiche, a portamento prostrato. La specie descritta è adatta alla coltivazione nei giardino rocciosi e alpini.
Si mettono a dimora da settembre ........

Mertensia

Mertensia, genere di 50 specie di piante erbacee perenni, rustiche, di cui si coltivano solo 4-5 specie, con fiori campanulati e tubulosi, facili da coltivare, adatte per le bordura e per il giardino roccioso.
Si piantano ........

Dierama

Dierama, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi o semisempreverdi, con bulbo-tuberi molto numerosi. Le specie decritte sono adatte per le bordure in zone a clima mite. Hanno fusti arcuati, molto belli, sottili ........

Tritonia

Tritonia, genere di 55 piante bulbose, originarie dell'Africa tropicale e meridionale, affini a quelle dei generi Freesia e Crocosmia, con cui spesso sono confuse. Hanno foglie simili a quelle delle specie appartenenti ai ........


alberi a foglia caduca Acero (Acer)
Acero (Acer)

L'Acero, originario dell'Asia, Europa, Africa del Nord e America settentrionale comprende più di 100 specie.
Sono alberi di varia altezza ( da 2 a 30 metri a seconda della specie ) con foglie quasi sempre caduche, ovali o variamente palmate; di vario colore a deconda della specie. Possono essere verdi, verde scurissimo, rosso corallo o variegate in bianco e avorio.
Gli Aceri vengono impiegati nella decorazione dei giardini o dei parchi per la formazione di gruppi o viali.
Piantagione: si esegua, come tutte le essenze arboree o arbustive a fine autunno o prima che giunga la primavera.
Una pianta preziosa: nel senso che risolve tutte le situazioni. Se in giardino manca una macchia chiara e leggera si può ricorrere ad un acero americano, l'Acero Negundo, nelle sue varietà a foglie giallastre macchiate di verde o dorate. Se serve una macchia di colore, ecco l'Acer Atropurpureum con le sue belle foglie di fuoco.

Acer Campestre: diffuso anche in Italia è alto 5-6 m e il diametro della chioma è di 3 m. E' un piccolo albero dal portamento elegante ed in autunno le sue foglie si tingono di giallo.
Acer Cappadocium: alto 7-9 m ha le foglie palmate a 5-7 lobi, lucide, verde scuro, che diventano giallo intenso in autunno. La varietà Rubrum ha foglie giovani rosse.
Acer circinatum: è una delle specie più piccole, circa 6 m, e ha portamento espanso con diametro della chioma di 6 m. Le foglie a 7-9 lobi, quasi tondeggianti, in autunno diventano rosse e arancio.
Acer davidii: albero a portamento variabile con rami orizzontali con la chioma di 3-4 m di diametro. Le foglie, intere, verde scuro, in autunno diventano gialle, rosso e porpora
Acer griseum: originario della Cina è alto 3-4 metri con chioma da 2.5 m. Le foglie, composte da 3 foglioline, grigie nella pagina inferiore, in autunno diventano scarlatte.
Acer japonicum: originario del Giappone è alto fino a 6 m con chioma di 2-3 m. Le foglie palmate a 7-11 lobi verde pallido, in autunno diventano rosso carminio.
Acer negundo: detto anche acero della Virginia è alto 6-10 m con grande chioma da 6 m e più. Le foglie sono composte da 3-5 foglioline, verde chiaro. In primavera ha una simpatica e caratteristica fioritura.
Acer palmatum: o acero del Giappone è un alberello alto 4-5 m con chioma da 2.5 m di forma tondeggiante. Le foglie da 5-7 lobi sono finememente divise, di un bel verde pallido che in autunno diventano rosso carminio. Tra le varietà più apprezzate l' Acer atropurpureum dalle foglie color porpora che in autunno diventano quasi viola.
Acer platanoides: noto anche come acero riccio è alto 8-10 m con chioma di 4-6 m. Molto vigoroso ha foglie a 5 lobi sottili che in autunno diventano di un vel giallo vivissimo.
Acer pseudoplatanus: l'acero di monte, o sicomoro o falso platano, è alto 10 m e si presenta come un grande albero dalla chioma tondeggiante di 4-5 m. Le foglie palmate a 5 lobi sono verde brillante ed in autunno diventano gialle.
Acer saccarinum: alto 8-11 m con chioma da 3-5 m; è un albero dalla chioma tondeggiante, dalle branche pendenti e dalle foglie a 5 lobi verde brillante sulla pagina superiore e bianco argentee su quella inferiore che in alcune varietà diventano giallo oro e rosse in autunno.

Malattie: si possono ammalare facilmente. I parassiti più comuni sono gli afidi, gli eriofidi e il ragnetto rosso. Può essere colpito dalla Famigliola provocata da un fungo che provoca un marciume radicale. facilmente individuabile dalla presenza dei funghi Chiodini.


riproduzione: Le specie tipiche si moltiplicano facilmente per seme. I semi si mettono a germinare in ottobre in letto freddo o all'aperto. Le varietà si moltiplicano innestandole in marzo su portainnesti costituiti dalle specie tipiche.
esposizione:
fioritura: primavera



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su