Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
 

Lavori del mese di Giugno
I bulbi
In questo periodo i bulbi a fioritura primaverile dovranno essere stati estratti; infatti, non appena le foglie saranno ingiallite, è bene levarli dal terreno e, dopo averli fatti asciugare e successivamente averli ripuliti dalle vecchie foglie e tuniche esterne, dovranno essere sistemati in cassette e tenuti ben all'asciutto. Naturalmente questo non andrà fatto per i bulbi che vengono coltivati per l'inselvatichimento e anche quelli che non richiedono un riparo invernale.  Anche i Narcisi, se si vuole, potranno essere lasciati a dimora senza problemi.
Anche i bulbi delle cultivar di Tulipano saranno già stati rimossi dall'aiuola e ripiantati in un solco affinchè maturino.

 

Le bordure di fiori misti
Si continua a zappare per sopprimere le erbacce, facendo attenzione a non danneggiare i fusti e le radici superficiali delle piante in coltivazione.
Se ancora non si è provveduto, tutoreggiare subito le piante di alta statura, ricordando per il futuro, che qusta operazione va svolta un mese prima.
Continuare a piantare all'aperto le annuali semi-rustiche e terminare di seminare a dimora le ultime, affinchè fioriscano un po' più avanti nella stagione.
Adesso è il momento di pacciamare i Gladioli e i Gigli affinche possano conservare l'umidità durante il caldo estivo.
Proseguire nella diradazione delle erbacee annuali rustiche già seminate a dimora, in modo che quelle di una certa statura rimangano a circa 30 cm l'una dall'altra, mentre le più piccole a 15-20 cm.
In certi climi è possibile cominciare la semina delle erbacee perenni in lettorini, appositamente preparati, oppure in vasi con del composto da semina.
I Crisantemi a fioritura precoce saranno già o potranno essere subito piantati a dimora a 45 cm l'uno dall'altro, tutoreggiandoli.

 

Alberi, arbusti e rampicanti
Terminare la spuntatura delle siepi in formazione mentre prosegue quella delle siepi adulte.
Per far si che le Rose fioriscano ancora, è necessario togliere i fiori appassiti tagliando gli steli 10-15 cm sotto il fiore, in modo da stimolare la produzione di nuovi getti. Occorre anche legare ai sostegni le piante rampicanti in sviluppo e gli arbusti trattati come rampicanti.
Terminare la potatura delle Clematidi a fioritura precoce asportando i getti che hanno prodotto i fiori. Le piante ben acclimatate, che presentano un cospicuo sviluppo, verranno ridotte notevolmente. Anche il Chaenomeles o Cotogno del Giappone, dev'essere tagliato e i nuovi virgulti ridotti fino alla terza o quarta gemma del fusto principale.

 

Frutta e ortaggi
Irrorare le Patate e i Pomodori con fungicidi per prevenire l'insorgere di malattie crittogamiche.
Proteggere le ultime Fragole dagli uccelli, dalle infestati e dalle lumache sistemando reti, paglia o polietilene nero attorno ad esse. Eliminare gli stoloni oppure usarli per propagare le piante aumentandone quindi il numero.
Ogni giorno arieggiare la serra e inumidirne il pavimento. La raccolta dei Pomodori coltivati in serra termina in questo mese. Innaffiare sempre bene le piante e concimarle settimanalmante con un fertilizzante adatto.
Piantare all'esterno, a dimora, le giovani piante che ormai saranno sufficientemente forti, di Pomodoro, di Sedano e di Porro. Si provveda a fare ancora semine in piena terra, in successione, di Lattuga, Spinaci estivi, Ravanelli, Carote, Bietole e Fave. Seminare anche Cavoli e Cicoria per uso invernale.
Comincia a fine mele l'estrazione dal terreno delle piante precoci.
Trapiantare dal lettorino gli ultimi Cavolini di Bruxelles, le Verze, i Cavoli cappuccio autunnali e invernali e i Broccoli violetti.
Occorre innaffiare molto e bene, con regolarità, somministrando verso la metà del mese un fertilizzante adatto.
Ora comincia la raccolta del Ribes; ove necessario è consigliabile proteggere le piante dagli uccelli con una rete antigrandine.
Quando appariranno, accertarsi che i fiori femminili delle Zucche siano impollinati ricorrendo, se del caso, alla fecondazione artificiale, operazione che va fatta rimuovendo i fiori maschili e portandone il polline su quelli femminili.

 

Tappeto erboso
Si continua  con le tosature regolari, anche due volte alla settimana, fino ad inizio agosto, tagliando l'erba in modo che rimanga alta 15-25 cm. Prima di procedere alla tosatura, sarebbe opportuno  rastrellare il prato, con un rastrello per prati,  per sollevare gli steli delle infestanti affinchè vengano tagliati dal tosaerba.
L'uso di un fertilizzante, se necessario, non deve essere ritardato poichè questo è il mese in cui un fertilizzante generico per prati può essere ancora applicato tranquillamente senza rischiare delle bruciature.
Continuare regolarmente ad irrigare il prato, preferibilmente nelle ore serali e, nel caso ci si fosse dotati di un impianto di irrigazione automatica, meglio ancora nelle ore notturne, quando la pressione della rete idricha è maggiore.

 

 

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....
sono presenti 531 piante
sono presenti 230 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine





gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 

Lavori del mese di Giugno
I bulbi
In questo periodo i bulbi a fioritura primaverile dovranno essere stati estratti; infatti, non appena le foglie saranno ingiallite, è bene levarli dal terreno e, dopo averli fatti asciugare e successivamente averli ripuliti dalle vecchie foglie e tuniche esterne, dovranno essere sistemati in cassette e tenuti ben all'asciutto. Naturalmente questo non andrà fatto per i bulbi che vengono coltivati per l'inselvatichimento e anche quelli che non richiedono un riparo invernale.  Anche i Narcisi, se si vuole, potranno essere lasciati a dimora senza problemi.
Anche i bulbi delle cultivar di Tulipano saranno già stati rimossi dall'aiuola e ripiantati in un solco affinchè maturino.

 

Le bordure di fiori misti
Si continua a zappare per sopprimere le erbacce, facendo attenzione a non danneggiare i fusti e le radici superficiali delle piante in coltivazione.
Se ancora non si è provveduto, tutoreggiare subito le piante di alta statura, ricordando per il futuro, che qusta operazione va svolta un mese prima.
Continuare a piantare all'aperto le annuali semi-rustiche e terminare di seminare a dimora le ultime, affinchè fioriscano un po' più avanti nella stagione.
Adesso è il momento di pacciamare i Gladioli e i Gigli affinche possano conservare l'umidità durante il caldo estivo.
Proseguire nella diradazione delle erbacee annuali rustiche già seminate a dimora, in modo che quelle di una certa statura rimangano a circa 30 cm l'una dall'altra, mentre le più piccole a 15-20 cm.
In certi climi è possibile cominciare la semina delle erbacee perenni in lettorini, appositamente preparati, oppure in vasi con del composto da semina.
I Crisantemi a fioritura precoce saranno già o potranno essere subito piantati a dimora a 45 cm l'uno dall'altro, tutoreggiandoli.

 

Alberi, arbusti e rampicanti
Terminare la spuntatura delle siepi in formazione mentre prosegue quella delle siepi adulte.
Per far si che le Rose fioriscano ancora, è necessario togliere i fiori appassiti tagliando gli steli 10-15 cm sotto il fiore, in modo da stimolare la produzione di nuovi getti. Occorre anche legare ai sostegni le piante rampicanti in sviluppo e gli arbusti trattati come rampicanti.
Terminare la potatura delle Clematidi a fioritura precoce asportando i getti che hanno prodotto i fiori. Le piante ben acclimatate, che presentano un cospicuo sviluppo, verranno ridotte notevolmente. Anche il Chaenomeles o Cotogno del Giappone, dev'essere tagliato e i nuovi virgulti ridotti fino alla terza o quarta gemma del fusto principale.

 

Frutta e ortaggi
Irrorare le Patate e i Pomodori con fungicidi per prevenire l'insorgere di malattie crittogamiche.
Proteggere le ultime Fragole dagli uccelli, dalle infestati e dalle lumache sistemando reti, paglia o polietilene nero attorno ad esse. Eliminare gli stoloni oppure usarli per propagare le piante aumentandone quindi il numero.
Ogni giorno arieggiare la serra e inumidirne il pavimento. La raccolta dei Pomodori coltivati in serra termina in questo mese. Innaffiare sempre bene le piante e concimarle settimanalmante con un fertilizzante adatto.
Piantare all'esterno, a dimora, le giovani piante che ormai saranno sufficientemente forti, di Pomodoro, di Sedano e di Porro. Si provveda a fare ancora semine in piena terra, in successione, di Lattuga, Spinaci estivi, Ravanelli, Carote, Bietole e Fave. Seminare anche Cavoli e Cicoria per uso invernale.
Comincia a fine mele l'estrazione dal terreno delle piante precoci.
Trapiantare dal lettorino gli ultimi Cavolini di Bruxelles, le Verze, i Cavoli cappuccio autunnali e invernali e i Broccoli violetti.
Occorre innaffiare molto e bene, con regolarità, somministrando verso la metà del mese un fertilizzante adatto.
Ora comincia la raccolta del Ribes; ove necessario è consigliabile proteggere le piante dagli uccelli con una rete antigrandine.
Quando appariranno, accertarsi che i fiori femminili delle Zucche siano impollinati ricorrendo, se del caso, alla fecondazione artificiale, operazione che va fatta rimuovendo i fiori maschili e portandone il polline su quelli femminili.

 

Tappeto erboso
Si continua  con le tosature regolari, anche due volte alla settimana, fino ad inizio agosto, tagliando l'erba in modo che rimanga alta 15-25 cm. Prima di procedere alla tosatura, sarebbe opportuno  rastrellare il prato, con un rastrello per prati,  per sollevare gli steli delle infestanti affinchè vengano tagliati dal tosaerba.
L'uso di un fertilizzante, se necessario, non deve essere ritardato poichè questo è il mese in cui un fertilizzante generico per prati può essere ancora applicato tranquillamente senza rischiare delle bruciature.
Continuare regolarmente ad irrigare il prato, preferibilmente nelle ore serali e, nel caso ci si fosse dotati di un impianto di irrigazione automatica, meglio ancora nelle ore notturne, quando la pressione della rete idricha è maggiore.