Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
 

Lavori del mese di Aprile
I bulbi di primavera
Continuare a togliere i fiori appassiti dalle bulbose a fioritura primaverile avendo cura di non danneggiare le foglie. Se sono coltivati in semplice terra, e non nel tappeto erboso dove di solito si piantano quelli per l'inselvatichimento come i Crochi, togliere le erbacce infestanti intorno ai bulbi.
Scegliere la posizione per dove si vorrano poi interrare i tuberi di Dalie, sia quelle a bassa vegetazione che quelle più alte. Queste ultime, vengono in genere coltivate per il fiore reciso, dal momento che, se posizionate adeguatamente in zona soleggiata, saranno in fioritura praticamente per tutta l'estate, settembre compreso, fornendo una scorta praticamente infinita di splendidi fiori dalle dimensioni ragguardevoli.

 

Le aiuole miste di fiori
Piantare dei bulbi di Giglio nelle aiuole miste e mettere loro vicino dei paletti per indicarne la posizione e per dare loro un supporto una volta che saranno cresciuti. Continuare a piantare i bulbi di Gladiolo e, se in regioni fredde, cominciare aspettando che il suolo diventi sufficientemente soffice. In pien'aria piantare dei tuberi non ancora germogliati di Dalia, nelle posizioni definitive dove le si vorrano vedere fiorite e proteggerli con uno strato di terriccio, foglie o paglia, dal momento che qualche gelata tardiva è sempre in agguato, soprattutto nel Nord del Paese.
Nel caso in cui le aiuole miste di fiori non siano ancora state ripulite dalle foglie dell'inverno e dai detriti, provvedere adesso.
Zappare leggermente in mezzo alle piante, togliere le erbacce infestanti e con la zappa, interrare del fertilizzante generico e mettere, infine, uno strato di circa 2.5-5 cm di foglie, paglia e terra attorno alle piante perenni, agli arbusti e agli alberi. Seminare le piante annuali rustiche direttamente a dimora. Se il tempo è sufficientemente asciutto e caldo, si potranno piantare all'aperto i primi Crisantemi.
Pe tenere lontano le lumache e le chiocciole, altrimenti potranno banchettare tranquillamente con i primi germogli delle Hoste che tra poco cominceranno a fare capolino dal terreno, spargere gli appositi lumachicidi o dell'acqua con disciolto un liquido lumachicida adatto. Si ricorda che per le lumache esistono anche delle trappole, con le quali le si potranno catturare senza ucciderle.

 

Alberi, arbusti e rampicanti
Completare la potatura delle Rose, nelle zone di montagna, se ancora non è stata terminata nel mese di marzo. Recidere anche i rami morti o malati dagli alberi e dagli arbusti che abbiano terminato la fioritura. Questa operazione va fatta anche per le piante che compongono le siepi. Si potrà, così, ridare forma agli alberi e agli arbusti  sempreverdi cresciuti disordinatamente potandoli dopo la metà di aprile. Sia per glli alberi che per gli arbusti, evitare di troncare a metà i rami in eccesso, ma tagliarli dall'attaccatura al tronco o dalla base. Ciò eviterà di avere piante sgraziate che potrebbero crescere in modo poco armonioso.
Completare la piantagione degli alberi, arbusti sempreverdi e piante erbacee. Piantare le sempreverdi da siepe innaffiandole regolarmente se il tempo è secco e zappettando per eliminare le infestanti.
Piantare le Clematidi da vaso e fare attenzione a legare i loro getti man mano che si svilupperanno.

 

Il tappeto erboso
Se il mese scorso non si è provveduto al trattamento muschicida, farlo adesso e controllare anche che non vi siano talpe. In caso contrario operare, contro le talpe, con gli appositi dissuasori, come spiegato il mese precedente. Preparare il terreno per un eventuale nuovo tappeto erboso, sia per mezzo della semina, sia con la messa a dimora delle apposite zolle disponibili in rotolo.
Ad un tappeto ormai ben consolidato, somministrare del fertilizzante completo, preferibilmente a lenta cessione, dopo la prima tosatura.
In commercio si trovano anche fertilizzanti già miscelati a diserbante selettivo specifico per il tappeto erboso.

 

La frutta, gli ortaggi e le erbe
Preparare la terra nel semenzaio per le semine di Cavoli, Cavolini di Bruxelles, Cavoli invernali, Broccoli, Cavoli cappuccio rossi, Cavolfiori invernali e Porri. Innaffiare regolarmente le giovani pianticelle e quelle in serra. Ovunque sia possibile, zappare per eliminare le infestanti o, in alternativa, applicare dei diserbanti appositi. Ricoprire con paglia, foglie e terra i bordi delle file dei Lamponi e disporre i tutori per sostenerne i fusti.
Diradare le Cipolle, le Lattughe, le Rape e i Cavoli estivi seminati all'aperto dove stanno sviluppandosi. Proteggere dal gelo i germogli delle Patate precoci. Irrorare i Meli e le cespugliose, come pure i germogli per combattere i parassiti.
Seminare in serra i Pomodori che poi verranno piantati all'aperto. Trapiantare le pianticelle di Cetriolo in serra nelle loro dimore definitive, in vaso. Ai primi di aprile, preparare la terra e seminare i Fagiolini nani all'aperto, sotto le protezioni. Seminare anche il Prezzemolo. Ombreggiare la copertura della serra per impedire che i raggi solari troppo forti danneggino le giovani pianticelle.
Rincalzare le Patate appena saranno di 10-15 cm di altezza per proteggerle dai colpi di vento. Se i punteruoli, insetti dei Piselli, dovessero attaccare le giovani piante, spolverarle con l'insetticida adatto. Mettere i tutori alle piante di Piselli rampicanti per farle sviluppare facilmente. Fare acclimatare le Cipolle per piantarle all'aperto in questo mese. Trapiantare a dimora le Lattughe, sia quelle seminate in serra che quelle seminate all'aperto e procedere ad una nuova semina  per assicurarsi una continuità di raccolto. Seminare pure delle file di Ravanelli.

 

In generale
Calpestare la terra vangata di recente se si notano dei sollevamenti in seguito alle gelate tardive.
Irrorare tutte le piante decorative con un antiparassitario per prevenire infestazioni da parte di insetti.

 

 

 

Ricetta del giorno
Insalata di patate e fagiolini
Tagliare le patate e pezzi, senza sbucciarle e farle cuocere a vapore, cosė come anche i fagiolini.
Nel frattempo preparare una salsina per condire ....
sono presenti 507 piante
sono presenti 226 articoli

tutte le piante
annuali bulbose perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento
tecnica
frutteto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine





gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre
 

Lavori del mese di Aprile
I bulbi di primavera
Continuare a togliere i fiori appassiti dalle bulbose a fioritura primaverile avendo cura di non danneggiare le foglie. Se sono coltivati in semplice terra, e non nel tappeto erboso dove di solito si piantano quelli per l'inselvatichimento come i Crochi, togliere le erbacce infestanti intorno ai bulbi.
Scegliere la posizione per dove si vorrano poi interrare i tuberi di Dalie, sia quelle a bassa vegetazione che quelle più alte. Queste ultime, vengono in genere coltivate per il fiore reciso, dal momento che, se posizionate adeguatamente in zona soleggiata, saranno in fioritura praticamente per tutta l'estate, settembre compreso, fornendo una scorta praticamente infinita di splendidi fiori dalle dimensioni ragguardevoli.

 

Le aiuole miste di fiori
Piantare dei bulbi di Giglio nelle aiuole miste e mettere loro vicino dei paletti per indicarne la posizione e per dare loro un supporto una volta che saranno cresciuti. Continuare a piantare i bulbi di Gladiolo e, se in regioni fredde, cominciare aspettando che il suolo diventi sufficientemente soffice. In pien'aria piantare dei tuberi non ancora germogliati di Dalia, nelle posizioni definitive dove le si vorrano vedere fiorite e proteggerli con uno strato di terriccio, foglie o paglia, dal momento che qualche gelata tardiva è sempre in agguato, soprattutto nel Nord del Paese.
Nel caso in cui le aiuole miste di fiori non siano ancora state ripulite dalle foglie dell'inverno e dai detriti, provvedere adesso.
Zappare leggermente in mezzo alle piante, togliere le erbacce infestanti e con la zappa, interrare del fertilizzante generico e mettere, infine, uno strato di circa 2.5-5 cm di foglie, paglia e terra attorno alle piante perenni, agli arbusti e agli alberi. Seminare le piante annuali rustiche direttamente a dimora. Se il tempo è sufficientemente asciutto e caldo, si potranno piantare all'aperto i primi Crisantemi.
Pe tenere lontano le lumache e le chiocciole, altrimenti potranno banchettare tranquillamente con i primi germogli delle Hoste che tra poco cominceranno a fare capolino dal terreno, spargere gli appositi lumachicidi o dell'acqua con disciolto un liquido lumachicida adatto. Si ricorda che per le lumache esistono anche delle trappole, con le quali le si potranno catturare senza ucciderle.

 

Alberi, arbusti e rampicanti
Completare la potatura delle Rose, nelle zone di montagna, se ancora non è stata terminata nel mese di marzo. Recidere anche i rami morti o malati dagli alberi e dagli arbusti che abbiano terminato la fioritura. Questa operazione va fatta anche per le piante che compongono le siepi. Si potrà, così, ridare forma agli alberi e agli arbusti  sempreverdi cresciuti disordinatamente potandoli dopo la metà di aprile. Sia per glli alberi che per gli arbusti, evitare di troncare a metà i rami in eccesso, ma tagliarli dall'attaccatura al tronco o dalla base. Ciò eviterà di avere piante sgraziate che potrebbero crescere in modo poco armonioso.
Completare la piantagione degli alberi, arbusti sempreverdi e piante erbacee. Piantare le sempreverdi da siepe innaffiandole regolarmente se il tempo è secco e zappettando per eliminare le infestanti.
Piantare le Clematidi da vaso e fare attenzione a legare i loro getti man mano che si svilupperanno.

 

Il tappeto erboso
Se il mese scorso non si è provveduto al trattamento muschicida, farlo adesso e controllare anche che non vi siano talpe. In caso contrario operare, contro le talpe, con gli appositi dissuasori, come spiegato il mese precedente. Preparare il terreno per un eventuale nuovo tappeto erboso, sia per mezzo della semina, sia con la messa a dimora delle apposite zolle disponibili in rotolo.
Ad un tappeto ormai ben consolidato, somministrare del fertilizzante completo, preferibilmente a lenta cessione, dopo la prima tosatura.
In commercio si trovano anche fertilizzanti già miscelati a diserbante selettivo specifico per il tappeto erboso.

 

La frutta, gli ortaggi e le erbe
Preparare la terra nel semenzaio per le semine di Cavoli, Cavolini di Bruxelles, Cavoli invernali, Broccoli, Cavoli cappuccio rossi, Cavolfiori invernali e Porri. Innaffiare regolarmente le giovani pianticelle e quelle in serra. Ovunque sia possibile, zappare per eliminare le infestanti o, in alternativa, applicare dei diserbanti appositi. Ricoprire con paglia, foglie e terra i bordi delle file dei Lamponi e disporre i tutori per sostenerne i fusti.
Diradare le Cipolle, le Lattughe, le Rape e i Cavoli estivi seminati all'aperto dove stanno sviluppandosi. Proteggere dal gelo i germogli delle Patate precoci. Irrorare i Meli e le cespugliose, come pure i germogli per combattere i parassiti.
Seminare in serra i Pomodori che poi verranno piantati all'aperto. Trapiantare le pianticelle di Cetriolo in serra nelle loro dimore definitive, in vaso. Ai primi di aprile, preparare la terra e seminare i Fagiolini nani all'aperto, sotto le protezioni. Seminare anche il Prezzemolo. Ombreggiare la copertura della serra per impedire che i raggi solari troppo forti danneggino le giovani pianticelle.
Rincalzare le Patate appena saranno di 10-15 cm di altezza per proteggerle dai colpi di vento. Se i punteruoli, insetti dei Piselli, dovessero attaccare le giovani piante, spolverarle con l'insetticida adatto. Mettere i tutori alle piante di Piselli rampicanti per farle sviluppare facilmente. Fare acclimatare le Cipolle per piantarle all'aperto in questo mese. Trapiantare a dimora le Lattughe, sia quelle seminate in serra che quelle seminate all'aperto e procedere ad una nuova semina  per assicurarsi una continuità di raccolto. Seminare pure delle file di Ravanelli.

 

In generale
Calpestare la terra vangata di recente se si notano dei sollevamenti in seguito alle gelate tardive.
Irrorare tutte le piante decorative con un antiparassitario per prevenire infestazioni da parte di insetti.