Articolo Salute Sana alimentazione
Carne, scegliere bene freccegiovedì 31 ottobre 2013      


Sul consumo di carne se ne sentono tante, una cosa che resta ferma è sicuramente l’importanza dello scegliere bene. Da una parte la crisi economica, ma soprattutto i diversi allarmi sulla sicurezza della carne bovina, ovina e ultimamente anche equina, dall’altra la presa di coscienza di un maggior numero di persone sui danni che il consumo di carne può arrecare alla salute nostra e dell'ambiente, hanno determinato una riduzione dei consumi in questo campo. Relativamente ai rischi legati alla mucca pazza, all’aviaria o quant’altro, in Italia si può stare abbastanza tranquilli, essendo i controlli molto rigorosi al riguardo.

Non vanno invece sottovalutati i rischi per la salute che possono derivare da un eccessivo consumo di carne, questi riguardano soprattutto problemi di tipo cardiocircolatorio, senza contare che sono ormai numerosi gli studi che collegano anche l’incidenza di certi tipi di tumori con un’alimentazione ricca di proteine di origine animale. Da considerare con una certa serietà è anche il fatto che la produzione della carne comporta la liberazione di una significativa quantità di gas serra, notoriamente pericolosi per l’ambiente, oltre alla scarsa attenzione per il benessere degli animali, che sono ultimamente sta iniziando ad essere al centro dell’attenzione di alcuni allevatori.

La soluzione non è necessariamente il vegetarianismo, semplicemente è opportuno non consumare più di tre, massimo quattro, porzioni di carne a settimana e, appunto, cercare di sceglierla bene. Per tutti i tipi di carne, è sempre meglio orientarsi su quelle di animali cresciuti e macellati in Italia, che presentino indicazioni chiare sulla tracciabilità del prodotto. Meglio ancora optare per le carni provenienti da consorzi, associazioni o aziende che applichino rigorosi disciplinari sull’alimentazione ed il benessere degli animali, che quindi abbiano uno spazio adeguato e la libertà di muoversi anche all’aria aperta, nonchè tutto il tempo per crescere.

Nello specifico la carne di bovino è ricca di proteine ad alto valore biologico e di vitamina B2, utile per il buon funzionamento del sistema immunitario e del metabolismo. Scegliere quella che sia al 100% italiana significa poter contare su controlli più rigorosi e preferire vaschette che presentino poco liquido vuol dire mangiare carne di animali non fatti crescere troppo rapidamente. Circa la carne di maiale c’è da dire che purtroppo gli allevamenti sono quasi tutti intensivi, e la crescita viene forzata proprio impedendo il movimento visto lo scarsissimo spazio a disposizione. Tutto ciò tra l’altro porta anche ad avere una carne più dura e meno saporita. A livello sanitario, comunque, non esistono problemi specifici legati al consumo di carne suina, anzi si tratta della carne più ricca di selenio, antiossidante che contrasta l’invecchiamento cellulare.

Il colore della carne deve essere rosato e non opaco, inoltre un segnale positivo è la presenza di sottili venature di grasso che indicano che la carne è più tenera e che l’animale ha potuto muoversi. Volendo infine dare uno sguardo alla carne di pollo, anche qui ci si trova di fronte alla triste realtà degli allevamenti intensivi che portano a macellare animali ancora troppo piccoli, dalla carne ovviamente anche poco saporita. Il rischio più comune è quello di contrarre la salmonellosi, una tossinfezione scongiurabile cuocendo bene la carne ed evitando che questa entri in contatto con altri alimenti.

Si tratta di una carne con pochi grassi, che apporta proteine digeribili molto facilmente. Nella scelta conviene scartare carne che presenti del grasso biancastro, tipico di polli cresciuti in fretta, e preferire invece quella che presenti del grasso giallo. Il colore dovrebbe essere rosato e luminoso. Per il resto, lo ripetiamo, è sempre bene affidarsi a produttori italiani, affidabili e, perchè no, che prediligano l’allevamento biologico. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Scorze di limone caramellate
Lavare accuratamente i limoni in modo da liberarli da eventuali tracce di pesticidi o altre sostanze chimiche. Pelare i limoni in modo che la scorza sia ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

I super cibi amici della salute, ecco la classifica - giovedì 24 marzo 2016

I super cibi amici della salute, la classifica pubblicata su Preventing Chronic Disease da Jennifer Di Noia, esperta della William Paterson University di Wayne (Stati Uniti), che ha preso in considerazione 47 varietà di frutta e verdura prendendo ........

Le 41 verdure più nutrienti e salutari, da non far mai mancare in cucina - giovedì 14 agosto 2014

Le 41 verdure più nutrienti e salutari, da non far mai mancare in cucina, perché si raccomanda sempre di  fare in modo che le verdure diventino sempre più protagoniste dell’alimentazione, per cui sarebbe interessante sapere quali di queste ........

Alimenti alcalinizzanti, indispensabili per la prevenzione contro il cancro - giovedì 7 agosto 2014

Alimenti alcalinizzanti, indispensabili per la prevenzione contro il cancro, come del resto affermano diversi studiosi, non ultimo il Prof. Veronesi, che di tumori è uno che se ne intende. Ma non solo, perché secondo recenti teorie, anche se ........

Lista degli alimenti antitumorali, i veri amici della salute - lunedì 6 ottobre 2014

Lista degli alimenti antitumorali, i veri amici della salute che dovrebbero essere sempre più presenti  in tavola, mentre invece troppo spesso vengono ignorati perché si dà maggiore importanza alla comodità, anche per colpa di una pubblicità ........

Sono cancerogeni, eppure si mangiano quasi tutti i giorni - martedì 15 dicembre 2015

Sono cancerogeni, eppure si mangiano quasi tutti i giorni, trascurando quella che è una delle strategie migliori per cercare di ridurre al minimo il rischio cancro: la prevenzione. A parte il fumo, su cui si ha il pieno controllo, e le condizioni ........



Ricetta del giorno
Panna cotta guarnita al cioccolato
Per prima cosa mettere a bagno in acqua fredda i fogli di colla di pesce per farli ammorbidire. Nel frattempo mettere in un pentolino la panna, lo stecco ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Carne, scegliere bene freccegiovedì 31 ottobre 2013      

Sul consumo di carne se ne sentono tante, una cosa che resta ferma è sicuramente l’importanza dello scegliere bene. Da una parte la crisi economica, ma soprattutto i diversi allarmi sulla sicurezza della carne bovina, ovina e ultimamente anche equina, dall’altra la presa di coscienza di un maggior numero di persone sui danni che il consumo di carne può arrecare alla salute nostra e dell'ambiente, hanno determinato una riduzione dei consumi in questo campo. Relativamente ai rischi legati alla mucca pazza, all’aviaria o quant’altro, in Italia si può stare abbastanza tranquilli, essendo i controlli molto rigorosi al riguardo.

Non vanno invece sottovalutati i rischi per la salute che possono derivare da un eccessivo consumo di carne, questi riguardano soprattutto problemi di tipo cardiocircolatorio, senza contare che sono ormai numerosi gli studi che collegano anche l’incidenza di certi tipi di tumori con un’alimentazione ricca di proteine di origine animale. Da considerare con una certa serietà è anche il fatto che la produzione della carne comporta la liberazione di una significativa quantità di gas serra, notoriamente pericolosi per l’ambiente, oltre alla scarsa attenzione per il benessere degli animali, che sono ultimamente sta iniziando ad essere al centro dell’attenzione di alcuni allevatori.

La soluzione non è necessariamente il vegetarianismo, semplicemente è opportuno non consumare più di tre, massimo quattro, porzioni di carne a settimana e, appunto, cercare di sceglierla bene. Per tutti i tipi di carne, è sempre meglio orientarsi su quelle di animali cresciuti e macellati in Italia, che presentino indicazioni chiare sulla tracciabilità del prodotto. Meglio ancora optare per le carni provenienti da consorzi, associazioni o aziende che applichino rigorosi disciplinari sull’alimentazione ed il benessere degli animali, che quindi abbiano uno spazio adeguato e la libertà di muoversi anche all’aria aperta, nonchè tutto il tempo per crescere.

Nello specifico la carne di bovino è ricca di proteine ad alto valore biologico e di vitamina B2, utile per il buon funzionamento del sistema immunitario e del metabolismo. Scegliere quella che sia al 100% italiana significa poter contare su controlli più rigorosi e preferire vaschette che presentino poco liquido vuol dire mangiare carne di animali non fatti crescere troppo rapidamente. Circa la carne di maiale c’è da dire che purtroppo gli allevamenti sono quasi tutti intensivi, e la crescita viene forzata proprio impedendo il movimento visto lo scarsissimo spazio a disposizione. Tutto ciò tra l’altro porta anche ad avere una carne più dura e meno saporita. A livello sanitario, comunque, non esistono problemi specifici legati al consumo di carne suina, anzi si tratta della carne più ricca di selenio, antiossidante che contrasta l’invecchiamento cellulare.

Il colore della carne deve essere rosato e non opaco, inoltre un segnale positivo è la presenza di sottili venature di grasso che indicano che la carne è più tenera e che l’animale ha potuto muoversi. Volendo infine dare uno sguardo alla carne di pollo, anche qui ci si trova di fronte alla triste realtà degli allevamenti intensivi che portano a macellare animali ancora troppo piccoli, dalla carne ovviamente anche poco saporita. Il rischio più comune è quello di contrarre la salmonellosi, una tossinfezione scongiurabile cuocendo bene la carne ed evitando che questa entri in contatto con altri alimenti.

Si tratta di una carne con pochi grassi, che apporta proteine digeribili molto facilmente. Nella scelta conviene scartare carne che presenti del grasso biancastro, tipico di polli cresciuti in fretta, e preferire invece quella che presenti del grasso giallo. Il colore dovrebbe essere rosato e luminoso. Per il resto, lo ripetiamo, è sempre bene affidarsi a produttori italiani, affidabili e, perchè no, che prediligano l’allevamento biologico. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: