Articolo Salute Sana alimentazione
Cavoli e broccoli per star bene freccemartedì 15 ottobre 2013      


Fanno parte della famiglia delle crucifere, sono cavoli, broccoli, cavolfiori ed è ormai risaputo quanto siano preziosi per il nostro benessere. Medici e nutrizionisti consigliano vivamente di metterli in tavola più spesso, viste le importanti proprietà nutritive, preventive, nonché dietetiche. Infatti, ciò che accomuna questi prodotti è il bassissimo livello di calorie che contengono, il che , però, non si accompagna al frustante sapore “di poco”, sia perchè contengono molte fibre importanti per l’intestino che contribuiscono a creare il senso di sazietà, sia perchè dal punto di vista del sapore possono essere veramente soddisfacenti.

Dicevamo sono ricchi di fibre, ma anche di vitamine, minerali, antiossidanti. In particolare, cavoli e famiglia sono molto utili nella prevenzione dell’osteoporosi, grazie all’abbondantissima quantità di calcio in essi presenti. Inoltre, apportano vitamina B9, contrastando così il rischio di spina bifida nel feto e contribuendo alla formazione dei globuli rossi, e vitaminaA . Pare, infine, che possano anche proteggerci da ulcere e acidità allo stomaco. Tuttavia, il motivo per cui cavoli e broccoli si sono guadagnati il titolo di verdure della “lunga vita” è il loro potere antitumorale, dovuto al contenuto di istiocianati e glucosinati.

Non c’è più dubbio sul fatto che, soprattutto nelle donne, questi alimenti contrastino efficacemente il cancro alle ovaie, al seno, all’endometrio, ma anche ai polmoni, al colon etc. Oltre al fatto che uno studio dell’Università del Texas dimostra addirittura come una sostanza presente nei cavoli possa bloccare l’azione proliferante di alcune cellule tumorali (almeno in vitro). A fronte di tante belle cose si potrebbe ribattere che però cavolfiori, broccoli etc, provocano quell’antipatica sensazione di gonfiore che spesso ci spinge a lasciarli al supermercato. E’senz’altro vero, dipende dalle fibre che fermentano nell’intestino, ma è anche una cosa molto soggettiva.

In ogni caso, si può ovviare al gonfiore “ post broccolo” evitando di associarli ai carboidrati o chiudendo il pasto con una tisana al finocchio o, comunque, che abbia proprietà sgonfianti. Volendo scendere nello specifico, troviamo i cavoletti di bruxelles che sono deliziosi al forno con i formaggi o stufati e che sono ricchissimi di potassio o antiossidanti; il cavolo cappuccio rosso, protagonista di molti risotti, ma buono anche crudo in insalata e utile contro il colesterolo nonchè ricco di vitamine A, B9 e C. C’è, poi, il cavolo nero che per tradizione accompagna il maiale, ma non disdegna la compagnia delle uova in ottime frittate, o il cavolo cappuccio verde, nemico della ritenzione idrica, e ancora i broccoli romani, le verze e i broccoletti siciliani.

Via libera, quindi, alle crucifere, ma prestando attenzione alle cotture. Meglio evitare la bolliture, che impoveriscono molto broccoli e cavoli, preferendo invece le cotture a vapore, le stufature o le pentole a pressione. E via libera alla fantasia negli abbinamenti con legumi, cereali, spezie e odori; il curry, l’erba cipollina e il porro, ad esempio potenziano gli effetti antiossidanti e detossificanti dei broccoli! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Casarecce con crema di porri e zucca
Lavare accuratamente i porri, eliminare buona parte dello stelo verde e tagliare poi a fette sottili. Se si vuole avere un sapore più intenso, affettare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Come sostituire il burro nelle ricette di tutti i giorni - venerdì 26 febbraio 2016

Come sostituire il burro nelle ricette di tutti i giorni, in modo da utilizzare delle alternative valide sia per i soggetti che seguono una dieta vegana, sia per coloro che devono tenere sotto controllo il colesterolo. Il burro è un alimento ........

Cipolla, proprietà e benefici - venerdì 10 novembre 2017

Cipolla, proprietà e benefici di questo straordinario bulbo conosciuto ed utilizzato sin dall’antichità, non solo in cucina, ma anche come pianta medicinale, in quanto ricco di una serie di oligoelementi, vitamine ed enzimi che la rendono una ........

Gli alimenti per combattere l’invecchiamento cerebrale - giovedì 5 maggio 2016

Gli alimenti che combattono l’invecchiamento cerebrale non dovrebbero mai mancare in tavola, e non necessariamente dovrebbero essere assunti solo da persone avanti negli anni, ma sarebbe opportuno cominciare a farli entrare nella dieta di tutti ........

Sale rosa dell’Himalaya, i tanti benefici - martedì 15 aprile 2014

Il sale rosa dell’Himalaya, un sale ben diverso da quello che tradizionalmente viene utilizzato in cucina che, come ormai tutti sanno, tanto amico della salute non è. Il sale rosa, invece, è decisamente diverso, è molto antico ed è privo di ........

Il gelato fa bene alla salute - martedì 12 agosto 2014

Il gelato fa bene alla salute, oltre che al palato ovviamente,  perché si tratta di un alimento che fa bene anche all’umore. Si, è proprio un alimento, e come tale va considerato, per cui non si deve pensare che possa trattarsi solo di ........



Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Cavoli e broccoli per star bene freccemartedì 15 ottobre 2013      

Fanno parte della famiglia delle crucifere, sono cavoli, broccoli, cavolfiori ed è ormai risaputo quanto siano preziosi per il nostro benessere. Medici e nutrizionisti consigliano vivamente di metterli in tavola più spesso, viste le importanti proprietà nutritive, preventive, nonché dietetiche. Infatti, ciò che accomuna questi prodotti è il bassissimo livello di calorie che contengono, il che , però, non si accompagna al frustante sapore “di poco”, sia perchè contengono molte fibre importanti per l’intestino che contribuiscono a creare il senso di sazietà, sia perchè dal punto di vista del sapore possono essere veramente soddisfacenti.

Dicevamo sono ricchi di fibre, ma anche di vitamine, minerali, antiossidanti. In particolare, cavoli e famiglia sono molto utili nella prevenzione dell’osteoporosi, grazie all’abbondantissima quantità di calcio in essi presenti. Inoltre, apportano vitamina B9, contrastando così il rischio di spina bifida nel feto e contribuendo alla formazione dei globuli rossi, e vitaminaA . Pare, infine, che possano anche proteggerci da ulcere e acidità allo stomaco. Tuttavia, il motivo per cui cavoli e broccoli si sono guadagnati il titolo di verdure della “lunga vita” è il loro potere antitumorale, dovuto al contenuto di istiocianati e glucosinati.

Non c’è più dubbio sul fatto che, soprattutto nelle donne, questi alimenti contrastino efficacemente il cancro alle ovaie, al seno, all’endometrio, ma anche ai polmoni, al colon etc. Oltre al fatto che uno studio dell’Università del Texas dimostra addirittura come una sostanza presente nei cavoli possa bloccare l’azione proliferante di alcune cellule tumorali (almeno in vitro). A fronte di tante belle cose si potrebbe ribattere che però cavolfiori, broccoli etc, provocano quell’antipatica sensazione di gonfiore che spesso ci spinge a lasciarli al supermercato. E’senz’altro vero, dipende dalle fibre che fermentano nell’intestino, ma è anche una cosa molto soggettiva.

In ogni caso, si può ovviare al gonfiore “ post broccolo” evitando di associarli ai carboidrati o chiudendo il pasto con una tisana al finocchio o, comunque, che abbia proprietà sgonfianti. Volendo scendere nello specifico, troviamo i cavoletti di bruxelles che sono deliziosi al forno con i formaggi o stufati e che sono ricchissimi di potassio o antiossidanti; il cavolo cappuccio rosso, protagonista di molti risotti, ma buono anche crudo in insalata e utile contro il colesterolo nonchè ricco di vitamine A, B9 e C. C’è, poi, il cavolo nero che per tradizione accompagna il maiale, ma non disdegna la compagnia delle uova in ottime frittate, o il cavolo cappuccio verde, nemico della ritenzione idrica, e ancora i broccoli romani, le verze e i broccoletti siciliani.

Via libera, quindi, alle crucifere, ma prestando attenzione alle cotture. Meglio evitare la bolliture, che impoveriscono molto broccoli e cavoli, preferendo invece le cotture a vapore, le stufature o le pentole a pressione. E via libera alla fantasia negli abbinamenti con legumi, cereali, spezie e odori; il curry, l’erba cipollina e il porro, ad esempio potenziano gli effetti antiossidanti e detossificanti dei broccoli! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: