Articolo Famiglia Famiglia
I giovani non vanno più all’Università puntano alle Start-Up freccelunedì 14 ottobre 2013      


Le nuove generazioni scelgono sempre meno di andare all’Università ma scelgono le Start-Up. Questo è il quadro mondiale dei giovani oggi; senza dubbio gli studi universitari sono utili per chi è portato allo studio e alle specializzazioni teoriche, ma i ragazzi brillanti che ai quali i banchi e i libri vanno stretti è molto più utile la Start-Up. Il sistema università = lavoro ormai non regge più, i giovani brillanti lasciano gli studi per fare impresa. Negli USA esiste un College che spinge i ragazzi ad abbandonare gli studi perché chi ha detto che bisogna andare all’università per forza a 20 anni? Perché non prima, o dopo?

Lo scopo del College Americano è quello di spingere la gente a fare scelte diverse e brillanti, come hanno fatto molti ragazzi che oggi sono alcuni dei migliori imprenditori al mondo:
  • Daniel Gross, 21 anni avrebbe dovuto fare il militare in Israele e poi laurearsi, invece ha fondato una società e di è trasferito nella Silicon Valley “Stava cercando il modo di arrivare ad una festa, quando a ideato CUE un’applicazione che funziona come un’assistente personale virtuale.
  • Mkael Bernstein, dopo il servizio militare in Svezia è andato prima in Russia poi a Stanford ma dopo due anni ha lasciato gli studi per lanciare Verbling.com, un sito che permette alle persone che vogliono imparare o perfezionare le lingue, di confrontarsi e parlare con dei madrelingua.
  • Santiago Siri, a 9 anni ha imparato a programmare i computer e a scuola era uno studente mediocre; oggi a 30 anni gestisce una società di software di forte successo a Buenos Aires la sua città natale.
  • David Rusenko, a 20 anni è diventato un manager di successo ha abbandonato gli studi per fondare WEEBLY; oggi 20 milioni di persone usano il suo sito per crearne uno gratuitamente.
Queste e altre tantissime esperienze di vita che dimostrano che quando si ha un’idea brillante ed innovativa bisogna rischiare, soprattutto se si è giovani e in periodi di crisi, perché questi sono i momenti in cui si rischia di meno. Oggi anche in aula nascono le Start-Up, in USA precisamente a Princeton, ad esempio, esiste la Innovation Garden una specie di incubatore per le imprese degli studenti; molto simile all’Innovation Accademy. Il FOM Tedesco è una delle nuove università che formano gli studenti per le carriere aziendali; oppure in Olanda l’università di Twete mira a far diventare i suoi iscritti imprenditori.

In meno di 25 anni l’università olandese a formato 600 imprese Spin-off (iniziativa imprenditoriale alla quale l’università partecipa in qualità di socio, avente come scopo lo sfruttamento dei risultati della ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi derivati dall’attività di ricerca dell’università). Anche in Italia ci si sta muovendo verso le Start-Up attraverso gli incubatori e laboratori per i giovani imprenditori. Gli incubatori sono come un tutorship attraverso il quale le migliori idee vengono selezionate ed adottate da imprese segnalate da Confindustria come già avviate e consolidate, in questo modo aiutano le Start-Up a svilupparsi business sostenibili.

I Laboratori, sono dei veri e propri corsi dove si indirizzano i futuri imprenditori a pianificare e realizzare una Start- Up di successo. Si spingono le Stat-Up anche con i prestiti, per le nuove e giovani imprese più valide che con una durata massima di 60 mesi possono coprire il 100% del costo del progetto e non ha bisogno dell’assistenza di garanzie reali. Inoltre laddove sia possibile, si può ricorrere al Fondo di Garanzia per le Pmi (Piccole Medie Imprese le cui dimensioni rientrano entro certi limiti occupazionali e finanziari prefissati), nonché attingere ad una provvista da Fondi Bei consentendo l’applicazione di condizioni ancora più vantaggiose. © RIPRODUZIONE RISERVATA Patriza Lupi ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Patrizia  Lupi - vedi tutti gli articoli di Patrizia  Lupi



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il cambio di stagione è un ostacolo da superare? - mercoledì 23 ottobre 2013
Il cambio di stagione è sempre un vero e proprio ostacolo da superare ad ogni nuova stagione, ed eccoci qui di fronte ad un lavoro da affrontare con calma e con tutto il tempo che si merita. Innanzitutto iniziamo col rilassarci fare un bel respiro ........

Fine alla violenza contro donne e bambine: un traguardo definitivo. - domenica 15 settembre 2013
Donne maltrattate, bambine che scappano di casa per sfuggire da un matrimonio combinato e al quanto prematuro, altre che invece si sposano, per mancanza di coraggio e di appoggio da parte della propria famiglia. Queste sono le notizie che ultimamente ........

Giocare con la fantasia! - mercoledì 25 settembre 2013
Sempre di più le nostre nuove future generazioni si approcciano alla tecnologia da quando sono piccolissimi, a volte per la svogliatezza dei genitori per farli stare buoni a volte perché ricevono troppi input dal mondo che li circonda. Esistono ........

Scegliere gli occhiali giusti per il proprio viso - lunedì 17 novembre 2014
Gli occhiali oggi sono accessori di tendenza. Tuttavia nello scegliere gli occhiali giusti per il proprio viso dovrete non solo trovarvi carini ma dovrete sentirvi a vostro agio. Quindi scegliere gli occhiali giusti per il proprio viso, diventa ........

Come fare delle maracas con delle bottiglie di plastica - mercoledì 20 novembre 2013
La plastica, che abbiamo in quantità enorme in casa dato che ormai tutti facciamo uso delle bottiglie di plastica vista la qualità scadente e troppo ricca di calcio e calcare dell'acqua che scorre dal nostro rubinetto, ........



Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....



 articolo Famiglia Famiglia
I giovani non vanno più all’Università puntano alle Start-Up freccelunedì 14 ottobre 2013      

Le nuove generazioni scelgono sempre meno di andare all’Università ma scelgono le Start-Up. Questo è il quadro mondiale dei giovani oggi; senza dubbio gli studi universitari sono utili per chi è portato allo studio e alle specializzazioni teoriche, ma i ragazzi brillanti che ai quali i banchi e i libri vanno stretti è molto più utile la Start-Up. Il sistema università = lavoro ormai non regge più, i giovani brillanti lasciano gli studi per fare impresa. Negli USA esiste un College che spinge i ragazzi ad abbandonare gli studi perché chi ha detto che bisogna andare all’università per forza a 20 anni? Perché non prima, o dopo?

Lo scopo del College Americano è quello di spingere la gente a fare scelte diverse e brillanti, come hanno fatto molti ragazzi che oggi sono alcuni dei migliori imprenditori al mondo:
  • Daniel Gross, 21 anni avrebbe dovuto fare il militare in Israele e poi laurearsi, invece ha fondato una società e di è trasferito nella Silicon Valley “Stava cercando il modo di arrivare ad una festa, quando a ideato CUE un’applicazione che funziona come un’assistente personale virtuale.
  • Mkael Bernstein, dopo il servizio militare in Svezia è andato prima in Russia poi a Stanford ma dopo due anni ha lasciato gli studi per lanciare Verbling.com, un sito che permette alle persone che vogliono imparare o perfezionare le lingue, di confrontarsi e parlare con dei madrelingua.
  • Santiago Siri, a 9 anni ha imparato a programmare i computer e a scuola era uno studente mediocre; oggi a 30 anni gestisce una società di software di forte successo a Buenos Aires la sua città natale.
  • David Rusenko, a 20 anni è diventato un manager di successo ha abbandonato gli studi per fondare WEEBLY; oggi 20 milioni di persone usano il suo sito per crearne uno gratuitamente.
Queste e altre tantissime esperienze di vita che dimostrano che quando si ha un’idea brillante ed innovativa bisogna rischiare, soprattutto se si è giovani e in periodi di crisi, perché questi sono i momenti in cui si rischia di meno. Oggi anche in aula nascono le Start-Up, in USA precisamente a Princeton, ad esempio, esiste la Innovation Garden una specie di incubatore per le imprese degli studenti; molto simile all’Innovation Accademy. Il FOM Tedesco è una delle nuove università che formano gli studenti per le carriere aziendali; oppure in Olanda l’università di Twete mira a far diventare i suoi iscritti imprenditori.

In meno di 25 anni l’università olandese a formato 600 imprese Spin-off (iniziativa imprenditoriale alla quale l’università partecipa in qualità di socio, avente come scopo lo sfruttamento dei risultati della ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi derivati dall’attività di ricerca dell’università). Anche in Italia ci si sta muovendo verso le Start-Up attraverso gli incubatori e laboratori per i giovani imprenditori. Gli incubatori sono come un tutorship attraverso il quale le migliori idee vengono selezionate ed adottate da imprese segnalate da Confindustria come già avviate e consolidate, in questo modo aiutano le Start-Up a svilupparsi business sostenibili.

I Laboratori, sono dei veri e propri corsi dove si indirizzano i futuri imprenditori a pianificare e realizzare una Start- Up di successo. Si spingono le Stat-Up anche con i prestiti, per le nuove e giovani imprese più valide che con una durata massima di 60 mesi possono coprire il 100% del costo del progetto e non ha bisogno dell’assistenza di garanzie reali. Inoltre laddove sia possibile, si può ricorrere al Fondo di Garanzia per le Pmi (Piccole Medie Imprese le cui dimensioni rientrano entro certi limiti occupazionali e finanziari prefissati), nonché attingere ad una provvista da Fondi Bei consentendo l’applicazione di condizioni ancora più vantaggiose. © RIPRODUZIONE RISERVATA Patriza Lupi ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Patrizia  Lupi - vedi tutti gli articoli di Patrizia  Lupi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: