Articolo Riciclo Realizzazioni
Colori nuovi per abiti, tessuti d’arredo, biancheria freccevenerdì 4 ottobre 2013      


Colori nuovi per abiti, tessuti d’arredo, biancheria. Se vi siete accorti che il vostro capo preferito ha perso il suo colore originale o siete stanchi della tinta dei tessuti d’arredo o biancheria (cuscini, tende, accappatoi) che prima sembrava così in tono con la vostra abitazione, potete fare in casa una tintura perfetta. Esistono in commercio una serie di coloranti per cotone, lino, lana, seta ed altri che tingono tessuti di nylon, lycra e viscosa da applicare con l’aiuto della lavatrice. Basterà individuare in una coloreria fornita la marca specifica che può garantire per i tessuti che intendete trattare.

I colori primari (giallo, blu e rosso) sono anche miscelabili fra loro per ottenerne altri. I cambi di colore sono possibili per capi un po’ vecchiotti, ma non per stoffe seriamente macchiate che dovrete prima lavare, utili invece in caso di tessuti sbiaditi/decolorati per errore, ma in ogni caso solo su capi in tinta unita. I colori più facilmente ottenibili su tinte chiare e con risultato brillante sono arancione, rosso, viola, rosa; lo stesso colore per rinnovare quello sbiadito; il verde intenso e il grigio chiaro partendo da colori scuri, ma la gamma di combinazioni è davvero ampia. Se tingerete un capo del peso medio di 200/300 grammi da solo (per es. una gonna, una camicetta, un pantalone leggero) otterrete una tinta più brillante; se caricherete la lavatrice fino ad un chilo, avrete un colore sempre più chiaro rispetto alla tinta promessa dalla confezione, per esempio tingendo tessuti d’arredo o biancheria (tende, copri divano, asciugamani, lenzuola).

Le finiture jeans in contrasto e le chiusure lampo sintetiche rimangono inalterate, ma esistono coloranti che tingono anche bottoni, accessori per abiti etc. Colore e fissante, di solito, ma dipende dalle marche, si mettono direttamente nel cestello della lavatrice con le loro vaschette preventivamente perforate e con l’aggiunta di un chilo di sale grosso da cucina. Il lavaggio possibile, per le fibre naturali, è a quaranta gradi (se ne consigliano a maggiore gradazione, ma non è molto ecologico, e non lo sono buona parte di questi colori…). Dopo la prima tintura, si consiglia un secondo lavaggio dei tessuti con una piccola quantità di detersivo. Alla fine del processo, se la lavatrice presenta qualche residuo di colore, situazione rara, è possibile impostare un lavaggio breve a vuoto con un po’ di candeggina.

Le stoffe tinte si faranno asciugare all’ombra. I tessuti così trattati mantengono la loro morbidezza originale, il colore sarà uniforme senza stingere. Per le colorazioni della lana occorrerà seguire alla lettera le indicazioni di lavaggio per i filati (e quindi di tintura) escludendo la centrifuga che è quella che provoca l’infeltrimento: infatti, mescola troppo velocemente il filato avvicinandone irrimediabilmente i fili con l’effetto che si conosce. Esistono, però, tecniche per tingere in maniera naturale a mano: oltre il vantaggio di non essere inquinanti, i colori naturali tingono anche le stoffe con motivi e disegni restando sullo sfondo del motivo principale.

Queste colorazioni si ottengono per bollitura, in pentola, addizionando i capi da trattare con the e caffè, già piuttosto noti per le loro capacità tintorie o con verdure a foglia verde, per il verde, bacche di varie tonalità per i rossi, i rosa, i violetti etc.. Dopo aver lasciato macerare per un’intera notte gli ingredienti scelti per la colorazione in una pentola con acqua, si dovranno poi far bollire per oltre 30 minuti e il liquido così ottenuto si filtrerà. A questo liquido andrà aggiunto, similmente alla precedente lavorazione, circa mezzo chilo di sale immergendo i capi da tingere e bollendo il tutto ancora per 30 minuti. I capi così colorati andranno risciacquati in acqua fredda e messi ad asciugare all’ombra. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Serena  Grizi - vedi tutti gli articoli di Serena  Grizi



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Cassatine di ricotta
Scolare la ricotta dal latte e versarla in una ciotola, unire lo zucchero, il sale e la vanillina, amalgamare e lavorare fino ad ottenere un composto ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Come fare dei vasi con vecchie bottiglie di plastica - martedì 10 settembre 2013
Vasi con le bottiglie di plastica? Facile! La plastica è un elemento altamente inquinante che purtroppo viene acquistato in grandi quantità. Bottiglie per l'acqua, latte, olio, acqua distillata e ora anche vino e bibite ........

Come riutilizzare le cassette di plastica - giovedì 5 settembre 2013
A causa della perdurante crisi economica, che ci costringe a pensarci bene due volte prima di disfarsi di un qualsiasi oggetto, e della crisi dovuta al difficile smaltimento dei rifiuti, è bene ingegnarsi e cercare un nuovo utilizzo ........

Bottiglie di plastica: il riciclo è di moda. - lunedì 2 settembre 2013
Le bottiglie in plastica per l’acqua e le bibite ogni anno utilizzate in tutto il mondo sono più di 446 miliardi, e arriveranno entro il 2015 a 500 miliardi. Solo il 24% di queste bottiglie viene riciclato mentre la maggior parte finisce ........

L'arte di riciclare - giovedì 26 settembre 2013
Da un rifiuto può nascere un’opera d’arte? Se vi è capitato di visitare una mostra dello scultore Patrick Alò, la risposta non potrà che essere affermativa. Pezzi di carcasse di automobili, utensili da lavoro in disuso, parti di macchine industriali ........

Realizzare un cuscino portafedi - giovedì 31 ottobre 2013
Realizzare un cuscino portafedi a molti può sembrare difficile ma non lo è. Molto spesso il cuscino portafedi è realizzato personalmente dagli sposi o regalato dal testimone di nozze, che presenta le fedi sul cuscino stesso. Se il cuscino è ricamato ........



Ricetta del giorno
Caponata di verdure
Scolare e sciacquare i capperi sotto acqua corrente. Lavare le melanzane, eliminare il picciolo e ridurle a dadini non troppo piccoli. Eliminare i piccioli ....



 articolo Riciclo Realizzazioni
Colori nuovi per abiti, tessuti d’arredo, biancheria freccevenerdì 4 ottobre 2013      

Colori nuovi per abiti, tessuti d’arredo, biancheria. Se vi siete accorti che il vostro capo preferito ha perso il suo colore originale o siete stanchi della tinta dei tessuti d’arredo o biancheria (cuscini, tende, accappatoi) che prima sembrava così in tono con la vostra abitazione, potete fare in casa una tintura perfetta. Esistono in commercio una serie di coloranti per cotone, lino, lana, seta ed altri che tingono tessuti di nylon, lycra e viscosa da applicare con l’aiuto della lavatrice. Basterà individuare in una coloreria fornita la marca specifica che può garantire per i tessuti che intendete trattare.

I colori primari (giallo, blu e rosso) sono anche miscelabili fra loro per ottenerne altri. I cambi di colore sono possibili per capi un po’ vecchiotti, ma non per stoffe seriamente macchiate che dovrete prima lavare, utili invece in caso di tessuti sbiaditi/decolorati per errore, ma in ogni caso solo su capi in tinta unita. I colori più facilmente ottenibili su tinte chiare e con risultato brillante sono arancione, rosso, viola, rosa; lo stesso colore per rinnovare quello sbiadito; il verde intenso e il grigio chiaro partendo da colori scuri, ma la gamma di combinazioni è davvero ampia. Se tingerete un capo del peso medio di 200/300 grammi da solo (per es. una gonna, una camicetta, un pantalone leggero) otterrete una tinta più brillante; se caricherete la lavatrice fino ad un chilo, avrete un colore sempre più chiaro rispetto alla tinta promessa dalla confezione, per esempio tingendo tessuti d’arredo o biancheria (tende, copri divano, asciugamani, lenzuola).

Le finiture jeans in contrasto e le chiusure lampo sintetiche rimangono inalterate, ma esistono coloranti che tingono anche bottoni, accessori per abiti etc. Colore e fissante, di solito, ma dipende dalle marche, si mettono direttamente nel cestello della lavatrice con le loro vaschette preventivamente perforate e con l’aggiunta di un chilo di sale grosso da cucina. Il lavaggio possibile, per le fibre naturali, è a quaranta gradi (se ne consigliano a maggiore gradazione, ma non è molto ecologico, e non lo sono buona parte di questi colori…). Dopo la prima tintura, si consiglia un secondo lavaggio dei tessuti con una piccola quantità di detersivo. Alla fine del processo, se la lavatrice presenta qualche residuo di colore, situazione rara, è possibile impostare un lavaggio breve a vuoto con un po’ di candeggina.

Le stoffe tinte si faranno asciugare all’ombra. I tessuti così trattati mantengono la loro morbidezza originale, il colore sarà uniforme senza stingere. Per le colorazioni della lana occorrerà seguire alla lettera le indicazioni di lavaggio per i filati (e quindi di tintura) escludendo la centrifuga che è quella che provoca l’infeltrimento: infatti, mescola troppo velocemente il filato avvicinandone irrimediabilmente i fili con l’effetto che si conosce. Esistono, però, tecniche per tingere in maniera naturale a mano: oltre il vantaggio di non essere inquinanti, i colori naturali tingono anche le stoffe con motivi e disegni restando sullo sfondo del motivo principale.

Queste colorazioni si ottengono per bollitura, in pentola, addizionando i capi da trattare con the e caffè, già piuttosto noti per le loro capacità tintorie o con verdure a foglia verde, per il verde, bacche di varie tonalità per i rossi, i rosa, i violetti etc.. Dopo aver lasciato macerare per un’intera notte gli ingredienti scelti per la colorazione in una pentola con acqua, si dovranno poi far bollire per oltre 30 minuti e il liquido così ottenuto si filtrerà. A questo liquido andrà aggiunto, similmente alla precedente lavorazione, circa mezzo chilo di sale immergendo i capi da tingere e bollendo il tutto ancora per 30 minuti. I capi così colorati andranno risciacquati in acqua fredda e messi ad asciugare all’ombra. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Serena  Grizi - vedi tutti gli articoli di Serena  Grizi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: