Articolo Salute Sana alimentazione
Uva, una miniera di salute freccemartedì 1 ottobre 2013      


Conviene approfittare dell’autunno per fare il pieno d’uva, una vera e propria miniera di salute. E’tempo di vendemmia ormai, nei luoghi scampati alla tecnologizzazione i vigneti si riempiono di colori, gli stivali affondano nella terra quasi sempre bagnata e, a suon di chiacchiere e sforbiciate, la giornata passa e le cassette si riempiono d’uva. Che l’obiettivo sia produrre damigiane di vino o portare un cesto d’uva in tavola, si tratta di un’occasione preziosa per consolidare cultura e radici, ma anche per godere dei benefici di un frutto che racchiude numerose proprietà benefiche, oltre al piacevolissimo gusto.

Al di là della parentesi bucolica, ovviamente per la maggior parte delle gente è più usuale comprare l’uva al supermercato piuttosto che andare a raccoglierla direttamente dalla vite. Qui ci si trova di fronte a una grande varietà di uve da tavola tra cui scegliere, semplificando raggruppiamo in bianche, rosse e rosate. Tra le sostanze nutritive più importanti, ricordiamo acidi organici, sali minerali, zuccheri direttamente assimilabili, vitamina A, vitamine del gruppo B e C, basi alcaline, tannini, polifenoli e tanta acqua. Sia il gusto che la composizione però variano a seconda del luogo di provenienza dell’uva, in relazione al clima, ma soprattutto ai terreni di coltura.

Ad esempio dai terreni argillosi marnosi si ottiene un frutto con meno zuccheri, da quelli vulcanici un’uva ricca di ferro, quindi astringente. In linea di massima, comunque, viene riconosciuto all’uva il potere di contrastare l’anemia, l’affaticamento, l’uricemia, l’artrite, la gotta, le vene varicose e la stitichezza. Inoltre si ritiene che possa alleviare i disturbi legati alla menopausa e avere un effetto anticancro, antiossidante e di abbassamento del colesterolo grazie ai polifenoli, ma anche al resveratrolo, contenuto principalmente nella buccia dell’uva nera. Le virtù di quest’ultimo elemento vengono amplificate addizionando il succo d’uva con del miele.

Ovviamente però l’uva non è una panacea, infatti diabetici ed obesi non dovrebbero consumarne troppa e anche per i bambini al di sotto dei 4 anni è consigliabile mangiarne poca, a causa del contenuto di cellulosa che la rende poco digeribile. Oltre al settore alimentare, anche in ambiente fitoterapico e cosmetico le proprietà dell’uva sono molto apprezzate. Ad esempio, è molto efficace contro l’herpes simplex che scompare più velocemente in seguito all’applicazione diretta di succo d’uva o mosto. In più, si può ottenere una sorta di crema naturale dalle caratteristiche astringenti e rivitalizzanti riducendo a purè gli acini dell’uva. In conclusione, se la vite è assurta a simbolo di eternità, forse non è un caso, considerata la carica vitale che è racchiusa in un acino d’uva. Quindi spazio alla fantasia e sbizzarriamoci anche nella creazione di piatti dolci o salati utilizzando questo frutto che si presta bene a rendere un po’ meno monotono l'autunno. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Dieta vegetariana, amica della pressione arteriosa - giovedì 3 aprile 2014

La dieta vegetariana è amica della pressione arteriosa, riesce egregiamente a tenere a bada l’ipertensione, un problema serio di cui soffre una buona percentuale di persone, rischio niente affatto trascurabile per infarto ........

I cibi per non ammalarsi mai. Scopriamo quali sono - venerdì 24 ottobre 2014

I cibi per non ammalarsi mai, per poter contare su di una buona salute e, al tempo stesso, per poter puntare su di una più che buona aspettativa di vita. Ormai è chiaro a tutti che l’alimentazione è ciò che determina lo stato di salute di ciascuno ........

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative - venerdì 8 agosto 2014

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative, poco conosciuto e quindi anche utilizzato raramente, mentre invece sarebbe conveniente  prenderlo più seriamente in considerazione. Se ne fa un gran parlare in questi ........

Zucca, ricetta per un risotto sfizioso - lunedì 4 novembre 2013
Qualunque ricetta si scelga, la zucca è sempre un ingrediente molto promettente. Simbolo dell’autunno, verdura allegra e giocosa, si presta bene a realizzare manicaretti dolci o salati che conquisteranno adulti e piccini e che, soprattutto, costituiranno ........

Micosi delle unghie - sabato 7 settembre 2013
La micosi delle unghie è un’ infezione causata dai funghi dermatofiti, dai lieviti o dalle muffe,che aggrediscono la lamina dell’unghia. Possono colpire le unghie delle mani così come anche quelle dei piedi, aggredendo una o più unghie. I funghi ........



Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Uva, una miniera di salute freccemartedì 1 ottobre 2013      

Conviene approfittare dell’autunno per fare il pieno d’uva, una vera e propria miniera di salute. E’tempo di vendemmia ormai, nei luoghi scampati alla tecnologizzazione i vigneti si riempiono di colori, gli stivali affondano nella terra quasi sempre bagnata e, a suon di chiacchiere e sforbiciate, la giornata passa e le cassette si riempiono d’uva. Che l’obiettivo sia produrre damigiane di vino o portare un cesto d’uva in tavola, si tratta di un’occasione preziosa per consolidare cultura e radici, ma anche per godere dei benefici di un frutto che racchiude numerose proprietà benefiche, oltre al piacevolissimo gusto.

Al di là della parentesi bucolica, ovviamente per la maggior parte delle gente è più usuale comprare l’uva al supermercato piuttosto che andare a raccoglierla direttamente dalla vite. Qui ci si trova di fronte a una grande varietà di uve da tavola tra cui scegliere, semplificando raggruppiamo in bianche, rosse e rosate. Tra le sostanze nutritive più importanti, ricordiamo acidi organici, sali minerali, zuccheri direttamente assimilabili, vitamina A, vitamine del gruppo B e C, basi alcaline, tannini, polifenoli e tanta acqua. Sia il gusto che la composizione però variano a seconda del luogo di provenienza dell’uva, in relazione al clima, ma soprattutto ai terreni di coltura.

Ad esempio dai terreni argillosi marnosi si ottiene un frutto con meno zuccheri, da quelli vulcanici un’uva ricca di ferro, quindi astringente. In linea di massima, comunque, viene riconosciuto all’uva il potere di contrastare l’anemia, l’affaticamento, l’uricemia, l’artrite, la gotta, le vene varicose e la stitichezza. Inoltre si ritiene che possa alleviare i disturbi legati alla menopausa e avere un effetto anticancro, antiossidante e di abbassamento del colesterolo grazie ai polifenoli, ma anche al resveratrolo, contenuto principalmente nella buccia dell’uva nera. Le virtù di quest’ultimo elemento vengono amplificate addizionando il succo d’uva con del miele.

Ovviamente però l’uva non è una panacea, infatti diabetici ed obesi non dovrebbero consumarne troppa e anche per i bambini al di sotto dei 4 anni è consigliabile mangiarne poca, a causa del contenuto di cellulosa che la rende poco digeribile. Oltre al settore alimentare, anche in ambiente fitoterapico e cosmetico le proprietà dell’uva sono molto apprezzate. Ad esempio, è molto efficace contro l’herpes simplex che scompare più velocemente in seguito all’applicazione diretta di succo d’uva o mosto. In più, si può ottenere una sorta di crema naturale dalle caratteristiche astringenti e rivitalizzanti riducendo a purè gli acini dell’uva. In conclusione, se la vite è assurta a simbolo di eternità, forse non è un caso, considerata la carica vitale che è racchiusa in un acino d’uva. Quindi spazio alla fantasia e sbizzarriamoci anche nella creazione di piatti dolci o salati utilizzando questo frutto che si presta bene a rendere un po’ meno monotono l'autunno. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: