Articolo Benessere Salute
Cottura giusta, Dipende da cosa mangiamo freccegiovedì 26 settembre 2013      


Molto spesso in cucina ci limitiamo a cuocere, anzichè scegliere la cottura più giusta per ciò che prepariamo. Durante la cottura le caratteristiche dei cibi vengono modificate non solo a livello di consistenza e sapore, ma anche per quanto riguarda le sostanze chimiche complesse che vengono trasformate in altre più semplici. Perchè è importante scegliere il giusto modo di cottura? Per ottenere il risultato più appetibile, è vero, ma anche per preservare le sostanze benefiche di ciascun alimento ed evitare la formazione di sostanze addirittura tossiche.

Partiamo dal presupposto che le cotture meno sane sono la frittura e la preparazione diretta della carne sulla brace. Al contrario, possiamo ottenere ottimi vantaggi dalla cottura al vapore. In questo modo, infatti, oltre a preservare tutte le sostanze nutritive che non vengono scolate come accade ad esempio con la lessatura, esaltiamo il sapore specifico di ciascun alimento, non dovendo aggiungere nient’altro, soprattutto non dovendo aggiungere grassi. Infine, si tratta di un modo di cucinare non dispendioso dal punto di vista energetico, dal momento che possiamo impilare i cestelli in cui posizioniamo i cibi, la fiamma deve essere bassa e i tempi sono piuttosto rapidi.

Detto ciò dobbiamo tener conto del fatto che non ci sono regole valide per ogni alimento. Il pesce, per esempio, affinchè conservi al meglio le sue sostanze organolettiche (che lo rendono particolarmente digeribile e tenero) richiede cotture non “aggressive”, come quella a bagnomaria o in tegame a fuoco basso, che non comportano la perdita dei tanto preziosi Omega-3, presenti soprattutto nel pesce azzurro e quasi azzerati dal forno a temperature superiori ai 100°. Per quanto riguarda i legumi, bisognerebbe non saltare mai la fase dell’ammollo prima della cottura, in modo da eliminare i fattori antinutrizionali, che li rendono spesso non digeribili e sono causa dello spauracchio flatulenza (risolvibile anche aggiungendo dei semi di finocchio durante la cottura).

E'fondamentale, poi, cuocere sempre i legumi a fuoco basso; inoltre un modo per evitare che la parte esterna resti dura o addirittura si sfogli, è aggiungere un pizzico di bicarbonato all’acqua di cottura. Circa la carne, non si può negare che il modo più goloso per gustarla sia cuocerla al barbecue, magari abbrustolirla anche al punto giusto, al limite del carbonizzato! Il punto, però, è che le alte temperature possono generare sostanze ad alto potenziale cancerogeno, quindi sarebbe opportuno quanto meno cuocerla tenendola lontano dalla brace. Per i resto ogni taglio e ogni tipo di carne va cotto a seconda delle specifiche caratteristiche organolettiche che presenta.

Se si vuole un roastbeef al forno ben digeribile, è consigliabile trattare prima il pezzo di carne con sale e zucchero, così come sarebbe meglio salare solo alla fine la carne cucinata in padella o grill. Per preservare le qualità del tipico filetto, bisogna scegliere una piastra con risalite di temperatura lenta e non preriscaldata; vale invece il contrario per la lombata di vitello. Le verdure, infine, sono ricche di acqua e vitamine che si disperdono con le lessature e se il cibo viene tagliato prima di essere cotto. Quindi se non possiamo fare a meno di bollire dobbiamo almeno usare la minor quantità d’acqua possibile e dividere in pezzi abbastanza grandi.

Inoltre, conviene optare per un calore intenso ma limitato nel tempo, per il fatto che durante la cottura alcune cellule presenti nella verdura si rompono liberando degli acidi nocivi che evaporano insieme al vapore acqueo, quindi evitiamo anche il coperchio, in modo da non intrappolarli. Un ulteriore accorgimento è quello di salare poco l’acqua di cottura, per evitare di trovarsi a mangiare verdure piuttosto dure. Ma ci sono delle eccezioni se si parla di broccoli e fagiolini. In questi casi, infatti usare abbondante acqua salata permette di tenere bassa la concentrazione degli acidi e di mantenere vivo il colore verde, che non è solo una questione estetica, ma è indice della dispersione di gas intrappolati generalmente tra le cellule vegetali delle verdure. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Ciao Ciao Stress!! - domenica 1 settembre 2013
Ciao Ciao Stress! A chi non è mai successo di sentirsi stressati e con una gran voglia di fuggire da tutto e da tutti? Non sempre è possibile prendersi una vacanza dallo stress. Lo stress non va mai in ferie! Quindi cerchiamo di crearci una nostra ........

I fiori di Bach - Aspen - domenica 9 marzo 2014
<b>Pioppo tremulo (Populus tremula, L.) L’Aspen</b>, il Pioppo tremulo, cresce in tutta l’Europa, e si può trovare anche in alcune zone dell’Africa del nord. In Italia, in particolare, lo troviamo sulle Alpi fino a 1600 m s.l.m. e sugli ........

Superare il calo del desiderio dopo il parto - sabato 26 ottobre 2013
Superare il calo del desiderio dopo il parto è la prima difficoltà che una donna deve superare dopo il parto. La nascita del proprio figlio genera nella coppia momenti di trambusto e di cambiamento ma l’evento stesso del parto produce nella donna ........

I fiori di Bach – Agrimony - mercoledì 26 febbraio 2014
<b>Agrimonia (Agrimonia eupatoria) L’Agrimony (Agrimonia) </b>trova il suo habitat in Europa, Asia ed Africa, e cresce nei campi, sugli argini dei corsi d’acqua, sui cigli delle strade. Da maggio ad ottobre, è facilmente visibile ed individuabile, ........

Frutto settembrino: l'uva - lunedì 2 settembre 2013
Settembre, il mese dell'uva, segna l'ultima fase della stagione estiva, introducendo quella autunnale, ma per molti rappresenta l'inizio dello stress di una routine che sa che dovrà durare a lungo: i 30 giorni di questo primo mese iniziale, poi, ........



Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....



 articolo Benessere Salute
Cottura giusta, Dipende da cosa mangiamo freccegiovedì 26 settembre 2013      

Molto spesso in cucina ci limitiamo a cuocere, anzichè scegliere la cottura più giusta per ciò che prepariamo. Durante la cottura le caratteristiche dei cibi vengono modificate non solo a livello di consistenza e sapore, ma anche per quanto riguarda le sostanze chimiche complesse che vengono trasformate in altre più semplici. Perchè è importante scegliere il giusto modo di cottura? Per ottenere il risultato più appetibile, è vero, ma anche per preservare le sostanze benefiche di ciascun alimento ed evitare la formazione di sostanze addirittura tossiche.

Partiamo dal presupposto che le cotture meno sane sono la frittura e la preparazione diretta della carne sulla brace. Al contrario, possiamo ottenere ottimi vantaggi dalla cottura al vapore. In questo modo, infatti, oltre a preservare tutte le sostanze nutritive che non vengono scolate come accade ad esempio con la lessatura, esaltiamo il sapore specifico di ciascun alimento, non dovendo aggiungere nient’altro, soprattutto non dovendo aggiungere grassi. Infine, si tratta di un modo di cucinare non dispendioso dal punto di vista energetico, dal momento che possiamo impilare i cestelli in cui posizioniamo i cibi, la fiamma deve essere bassa e i tempi sono piuttosto rapidi.

Detto ciò dobbiamo tener conto del fatto che non ci sono regole valide per ogni alimento. Il pesce, per esempio, affinchè conservi al meglio le sue sostanze organolettiche (che lo rendono particolarmente digeribile e tenero) richiede cotture non “aggressive”, come quella a bagnomaria o in tegame a fuoco basso, che non comportano la perdita dei tanto preziosi Omega-3, presenti soprattutto nel pesce azzurro e quasi azzerati dal forno a temperature superiori ai 100°. Per quanto riguarda i legumi, bisognerebbe non saltare mai la fase dell’ammollo prima della cottura, in modo da eliminare i fattori antinutrizionali, che li rendono spesso non digeribili e sono causa dello spauracchio flatulenza (risolvibile anche aggiungendo dei semi di finocchio durante la cottura).

E'fondamentale, poi, cuocere sempre i legumi a fuoco basso; inoltre un modo per evitare che la parte esterna resti dura o addirittura si sfogli, è aggiungere un pizzico di bicarbonato all’acqua di cottura. Circa la carne, non si può negare che il modo più goloso per gustarla sia cuocerla al barbecue, magari abbrustolirla anche al punto giusto, al limite del carbonizzato! Il punto, però, è che le alte temperature possono generare sostanze ad alto potenziale cancerogeno, quindi sarebbe opportuno quanto meno cuocerla tenendola lontano dalla brace. Per i resto ogni taglio e ogni tipo di carne va cotto a seconda delle specifiche caratteristiche organolettiche che presenta.

Se si vuole un roastbeef al forno ben digeribile, è consigliabile trattare prima il pezzo di carne con sale e zucchero, così come sarebbe meglio salare solo alla fine la carne cucinata in padella o grill. Per preservare le qualità del tipico filetto, bisogna scegliere una piastra con risalite di temperatura lenta e non preriscaldata; vale invece il contrario per la lombata di vitello. Le verdure, infine, sono ricche di acqua e vitamine che si disperdono con le lessature e se il cibo viene tagliato prima di essere cotto. Quindi se non possiamo fare a meno di bollire dobbiamo almeno usare la minor quantità d’acqua possibile e dividere in pezzi abbastanza grandi.

Inoltre, conviene optare per un calore intenso ma limitato nel tempo, per il fatto che durante la cottura alcune cellule presenti nella verdura si rompono liberando degli acidi nocivi che evaporano insieme al vapore acqueo, quindi evitiamo anche il coperchio, in modo da non intrappolarli. Un ulteriore accorgimento è quello di salare poco l’acqua di cottura, per evitare di trovarsi a mangiare verdure piuttosto dure. Ma ci sono delle eccezioni se si parla di broccoli e fagiolini. In questi casi, infatti usare abbondante acqua salata permette di tenere bassa la concentrazione degli acidi e di mantenere vivo il colore verde, che non è solo una questione estetica, ma è indice della dispersione di gas intrappolati generalmente tra le cellule vegetali delle verdure. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: