Articolo Gatti Curiosità
Questi gatti...Neri!! freccelunedì 23 settembre 2013      


Ah questi gatti! Che bella vita la loro vita... ovviamente parlo di gatti che vivono in casa e sono amati, vivono una vita in panciolle, tra cibo, coccole e ninne! I gatti neri, che io amo profondamente, sin dall'antichità sono associati a leggende di vario tipo, dai maghi alle streghe, dalla sfortuna alla fortuna! Chiunque persona superstiziosa si ferma se la sua strada viene incrociata da un gatto nero e assicurarsi un adozione di essi è particolarmente difficile al giorno d'oggi. Vediamo come questi gatti neri perché sono protagonisti di fin troppe superstizioni assurde!

Le credenze popolari e vari racconti fanno pensare che il gatto riesca a sentire la morte, ovvero riesca a capire chi è sul punto di non ritorno. Si dice che i gatti riescano a sentire o ad entrare in contatto con gli spiriti, come del resto anche i cani e i bambini neonati, questo perché credo che abbiano un'anima più pura rispetto a noi che siamo compromessi dalla società attuale ed abbiamo perso quella spiritualità che ci dovrebbe appartenere per diritto. Nell'antico Medioevo, si pensava che i gatti neri fossero legati a creature demoniache o altre leggende parlavano dei gatti neri come la mutazione di una strega, infatti, credevano che le streghe per spostarsi da un luogo ad un altro si trasformassero in gatti neri per non farsi notare e rimanere uccise.

Altre leggende parlano di come i gatti neri fossero i guardiani dei cimiteri. Venivano sacrificati, questi poveri gatti neri, nelle notti di luna piena per pozioni e sortilegi contro la sfortuna. Dalle leggende più moderne a quelle delle notte dei tempi, i gatti neri sono sempre stati visti come creature maligne, forse è stato proprio il colore del loro manto e degli occhi gialli accessi, da far pensare ai nostri predecessori, che questi innocui e amorevoli animali fossero bestie del demonio. Chi non ha mai sentito urlare, in giro per a strada “Mi è passato un gatto nero davanti! Porta sfortuna”. Per scagliare un sasso contro queste maligne leggende, vi sono leggende che parlano dei gatti in modo molto positivo.

Fin dall'antico Egitto, i gatti erano animali venerati, in quanto erano i compagni degli Dei e si pensava anche che gli Dei si tramutassero in gatti, pensate come esempio a Iside protettrice delle navi e dei marinai, ciò portò a credere quasi quanto fosse legge che in ogni nave ci doveva essere almeno un gatto nero come aiuto per eliminare i topi e per buon auspicio per arrivare neanche troppo tempo lontano da noi e i gatti neri sono obbligatori nella marina britannica, dal 1975. Anche nell'antico Galles, i gatti erano considerati la trasformazione degli Dei, ma soprattutto vedevano nei gatti neri qualcosa di divino. Secondo gli islamici tenere a casa un gatto è una benedizione e soccorrere un gatto è un gesto ben visto da Allah, al contrario maltrattare un gatto può portare all'inferno.

In Francia vi è una leggenda, che parla di uno spirito che si trasformò in un gatto nero randagio, in cerca di padrone e accogliere questo gatto speciale significava portare del bene nella casa. La leggenda narra che se a questo gatto fosse stato servito parte del cibo del padrone, ogni mattina avrebbe regalato un sacco di monete d'oro. Pensate invece che in Irlanda i gatti neri vengono associati al Natale e in alcune zone orientali vengono considerati dei curatori. Purtroppo, al giorno d'oggi ancora ci sono persone che credono alle superstizioni sui gatti neri e sacrificano ancora questi innocenti animali, questa secondo me è la vera disgrazia! Quindi signori e signore basta associare i gatti neri alla sfortuna sarebbe come associare una persona di colore al male, i gatti, come del resto le persone, sono tutti uguali! Ah...! Ma questi gatti neri come fanno chiacchierare!! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Laura  Massaroni - vedi tutti gli articoli di Laura  Massaroni



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Spaghetti al pesto di rucola e pistacchi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta, e una volta raggiunto il bollore, salarla e tuffarvi gli spaghetti, quindi rimettere il coperchio alla pentola ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Manifesto del Gattismo consapevole - lunedì 27 ottobre 2014
Dotati di straordinario fascino e di caratteristiche sorprendenti, sono 8.5 milioni, secondo la Doxa, i gatti che condividono con noi le mura domestiche. Un dato significativo che testimonia quanto il gatto sia un compagno capace di instaurare ........

Il Parto della gatta - venerdì 7 novembre 2014
La gravidanza di una gatta dura dai 57 ai 63 giorni, sovrapponibile al cane, con una media di 60 giorni. Anche se spesso parti intorno al 57-59esimo giorno esitano in parti prematuri, con morte dei gattini. Come succede nel cane, se ipotizziamo ........

Il gatto-elicottero - venerdì 18 ottobre 2013
Sempre per la serie degli animali-cyborg, vi presentiamo questa volta il gatto-elicottero! Fortunatamente non si tratta di un giocattolo prodotto in massa, come era invece la povera blatta-cyborg di cui abbiamo parlato in un articolo precedente, ........

Le gattare… queste sconosciute! - giovedì 19 settembre 2013
Gattare… tutti ne parlano, pochi le conoscono e ne capiscono l’attività! In moltissime città italiane, in primis nella Capitale, non è raro imbattersi, durante una passeggiata in centro o in periferia, in simpatiche signore o ragazze che, armate ........

Le origini del gatto: i felidi - lunedì 16 settembre 2013
Oggi parliamo della natura del gatto, delle sue origini; inanzitutto, il gatto è un mammifero, una classe piuttosto piccola di animali che possono regolare la propria temperatura corporea, che hanno peli, che partoriscono piccoli ben formati e ........



Ricetta del giorno
Biscotti al limone
Lavorate il burro (tenendone da parte un cucchiaio che occorrerà in seguito) ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone grattuggiata; quando saranno ....



 articolo Gatti Curiosità
Questi gatti...Neri!! freccelunedì 23 settembre 2013      

Ah questi gatti! Che bella vita la loro vita... ovviamente parlo di gatti che vivono in casa e sono amati, vivono una vita in panciolle, tra cibo, coccole e ninne! I gatti neri, che io amo profondamente, sin dall'antichità sono associati a leggende di vario tipo, dai maghi alle streghe, dalla sfortuna alla fortuna! Chiunque persona superstiziosa si ferma se la sua strada viene incrociata da un gatto nero e assicurarsi un adozione di essi è particolarmente difficile al giorno d'oggi. Vediamo come questi gatti neri perché sono protagonisti di fin troppe superstizioni assurde!

Le credenze popolari e vari racconti fanno pensare che il gatto riesca a sentire la morte, ovvero riesca a capire chi è sul punto di non ritorno. Si dice che i gatti riescano a sentire o ad entrare in contatto con gli spiriti, come del resto anche i cani e i bambini neonati, questo perché credo che abbiano un'anima più pura rispetto a noi che siamo compromessi dalla società attuale ed abbiamo perso quella spiritualità che ci dovrebbe appartenere per diritto. Nell'antico Medioevo, si pensava che i gatti neri fossero legati a creature demoniache o altre leggende parlavano dei gatti neri come la mutazione di una strega, infatti, credevano che le streghe per spostarsi da un luogo ad un altro si trasformassero in gatti neri per non farsi notare e rimanere uccise.

Altre leggende parlano di come i gatti neri fossero i guardiani dei cimiteri. Venivano sacrificati, questi poveri gatti neri, nelle notti di luna piena per pozioni e sortilegi contro la sfortuna. Dalle leggende più moderne a quelle delle notte dei tempi, i gatti neri sono sempre stati visti come creature maligne, forse è stato proprio il colore del loro manto e degli occhi gialli accessi, da far pensare ai nostri predecessori, che questi innocui e amorevoli animali fossero bestie del demonio. Chi non ha mai sentito urlare, in giro per a strada “Mi è passato un gatto nero davanti! Porta sfortuna”. Per scagliare un sasso contro queste maligne leggende, vi sono leggende che parlano dei gatti in modo molto positivo.

Fin dall'antico Egitto, i gatti erano animali venerati, in quanto erano i compagni degli Dei e si pensava anche che gli Dei si tramutassero in gatti, pensate come esempio a Iside protettrice delle navi e dei marinai, ciò portò a credere quasi quanto fosse legge che in ogni nave ci doveva essere almeno un gatto nero come aiuto per eliminare i topi e per buon auspicio per arrivare neanche troppo tempo lontano da noi e i gatti neri sono obbligatori nella marina britannica, dal 1975. Anche nell'antico Galles, i gatti erano considerati la trasformazione degli Dei, ma soprattutto vedevano nei gatti neri qualcosa di divino. Secondo gli islamici tenere a casa un gatto è una benedizione e soccorrere un gatto è un gesto ben visto da Allah, al contrario maltrattare un gatto può portare all'inferno.

In Francia vi è una leggenda, che parla di uno spirito che si trasformò in un gatto nero randagio, in cerca di padrone e accogliere questo gatto speciale significava portare del bene nella casa. La leggenda narra che se a questo gatto fosse stato servito parte del cibo del padrone, ogni mattina avrebbe regalato un sacco di monete d'oro. Pensate invece che in Irlanda i gatti neri vengono associati al Natale e in alcune zone orientali vengono considerati dei curatori. Purtroppo, al giorno d'oggi ancora ci sono persone che credono alle superstizioni sui gatti neri e sacrificano ancora questi innocenti animali, questa secondo me è la vera disgrazia! Quindi signori e signore basta associare i gatti neri alla sfortuna sarebbe come associare una persona di colore al male, i gatti, come del resto le persone, sono tutti uguali! Ah...! Ma questi gatti neri come fanno chiacchierare!! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Laura  Massaroni - vedi tutti gli articoli di Laura  Massaroni





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: