Articolo Cucina Alimentazione
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013      


Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Una corretta dieta vegetariana - lunedì 11 novembre 2013
Una corretta dieta vegetariana deve garantire all’organismo, attraverso l’assunzione quotidiana di frutta e verdure di stagione, un apporto equilibrato di vitamine e fibre, che rinforzano e depurano il nostro organismo allo stesso tempo, nonché ........

Il caglio vegetale nei formaggi - venerdì 20 dicembre 2013
Per caglio s'intende quella sostanza che serve per coagulare il latte nella produzione dei formaggi, però non tutti sono a conoscienza che esistono ben tre diversi tipi di caglio: animale, microbico e vegetale; il caglio animale è sicuramente ........

Biscotti della nonna: ricetta delle ciambelle all'anice - mercoledì 11 settembre 2013
Quando mia nonna cucinava le ciambelle all'anice, la casa si inondava di un profumo buonissimo, anche ad occhi chiusi si poteva indovinare cosa cuoceva nel forno. I profumi restano nella memoria come le immagini, le sensazioni, gli eventi vissuti, ........

Conoscere l'olio - mercoledì 25 settembre 2013
L'ulivo è originario del Mediterraneo, le tracce più antiche sono state trovate in Israele e risalgono al V millennio a.C.. La coltivazione e la produzione vennero messe a punto dai Greci e poi dai Romani. La raccolta delle olive mediante "brucatura" ........

Carne di tacchino: proprietà e ricetta - martedì 17 settembre 2013
Le proprietà della carne di tacchino sono molteplici e, soprattutto, non hanno rovesci della medaglia. Com’è risaputo il tacchino appartiene al gruppo delle carni bianche, di cui le linee guida del Ministero della Salute promuovono un consumo ........



Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....



 articolo Cucina Alimentazione
Cibi di stagione freccegiovedì 19 settembre 2013      

Potrebbe sembrare scontato parlare di quanto sia importante mangiare cibi di stagione, ma tutte le cose scontate vengono troppo spesso ignorate, perchè sono così tanto presenti nell’aria da sfiorarci senza però toccarci realmente. Il punto è che se nel riempire il carrello della spesa, pensassimo di più alla sostanza di quello che scegliamo ci renderemmo conto di quanto i supermercati contino sulla nostra ignoranza e sulla nostra superficialità.

Creano bisogni dal nulla, riempendo gli scaffali di roba invitante, colorata, dandoci l’impressione di poter avere tutto ciò che desideriamo, che siano le fragole a dicembre o le castagne a ferragosto non ha importanza... Invece assecondando questo sistema di danni ne procuriamo, eccome. Così come possiamo fare il pieno di vitamina C, tramite kiwi,arance etc proprio in inverno, quando dobbiamo difenderci dall’influenza. E’chiaro quindi che adeguarci all’alternarsi naturale dei prodotti ortofrutticoli oltre a permetterci di variare spesso la nostra dieta, il che è alla base di una corretta alimentazione, ci consente di affrontare le difficoltà che il nostro organismo incontra di stagione in stagione.

Già questo potrebbe bastare a convincerci, ma non è tutto. La frutta e la verdura fatte crescere forzatamente al di fuori delle loro condizioni naturali non presentano gli stessi nutrienti e principi attivi, inoltre richiedono un utilizzo maggiore di pesticidi essendo più soggette agli attacchi dei parassiti. Un ulteriore vantaggio, nel consumare cibi di stagione, lo troviamo a livello ambientale. Abbiamo già parlato dell’uso dei pesticidi, questi così come i fertilizzanti artificiali sono in generale ottenuti dal petrolio. In più far crescere certe piante fuori tempo richiede l’uso di serre, il che si traduce in riscaldamento ed illuminazione, quindi spreco di energia, senza contare l’eventuale impiego di trasporti aerei o di altro genere quando parliamo di importazione.

Pensiamo infine alle nostre tasche. Mangiare prodotti stagionali costa meno, perchè non richiede l’uso di energia artificiale. Se poi vogliamo essere dei veri virtuosi, l’ideale sarebbe mangiare i prodotti che la nostra terra, nel senso della nostra regione, di volta in volta ci propone. Si tratta del famoso km 0, che chiaramente consente di abbattere anche ogni costo di trasporto. In ogni caso, ciò che più di ogni altra cosa dovrebbe poterci guidare nella scelta di ciò che acquistiamo e il nostro palato. Non c’è paragone a livello di gusto tra un finocchio raccolto a dicembre ed uno nato non si sa come a luglio. A questo punto possiamo soffermarci su cosa ci offre la terra nella stagione che ci viene incontro.

A settembre troviamo ad esempio: aglio, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cicoria, cipolle, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, funghi, insalata, mais, melanzane, patate, peperoni, piselli, porri, radicchio verde, scarola, songino, rucola. Per quanto riguarda la frutta invece è tempo di albicocche banane, fichi d’india, kiwi, limoni, melagrane, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, ribes, susine ed uva. Ad ottobre possiamo iniziare a mangiare la zucca, le cime di rapa, le lenticchie, l’orzo, i ravanelli, gli scalogni, il tartufo, l’ananas, i cachi, le castagne, le mandorle , le noci , le olive. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonella  Giosa - vedi tutti gli articoli di Antonella  Giosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: