Articolo Vino Il vino in tavola
Vino e sessualità freccemartedì 10 settembre 2013      


Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio non se la sente non vada oltre! Potrebbe rischiare di leggere in argomenti “calienti”, difficili da sopportare per le coronarie deboli di chi viaggia su internet e vede di tutto (ma proprio di tuttooo) Oppure, scherzi a parte, con leggerezza e simpatia, potremmo insieme provare a capire cosa ci sia di vero sul fatto che il vino sia una specie di “toccasana” naturale che aiuta a vivere l'amore con un rinnovato desiderio e “vigore”.

Intanto partiamo dal fatto che il vino, in generale, ha degli ottimi effetti sulla salute e sul sistema nervoso e di ciò se ne parla da sempre: gli antichi Egizi, per esempio, lo usavano come anestetico locale e, presso gli Etruschi, invece, era utilizzato sulle ferite e in tutti quei casi d’infiammazioni esterne e interne del corpo. Se poi arriviamo ai Romani, apriamo un capitolo a parte, in quanto, non solo ne facevano ampio uso durante i banchetti e lo concedevano come premio ai soldati in caso di vittoria, ma l’uso terapeutico era anche molto frequente. Infatti, principalmente, veniva usato come liquido da aggiungere per far sobbollire decotti a base di erbe medicinali.

Era talmente considerato valido e nutriente che era addirittura dato ai bambini, aromatizzato e mescolato a briciole di pane, verso un anno e mezzo di età, per contribuire allo svezzamento. Insomma di questo “nettare degli dei”, in ogni forma terapeutica, se ne parla e se ne beve in tutte le maniere. Quindi come poteva mancare il connubio vino e sessualità? Spesso si è parlato di effetto vasodilatatore del vino che contribuisce a far circolare in maniera più “vitale” il sangue anche e soprattutto nell’apparato genitale maschile costituito da tantissimi capillari e, ora, sull’argomento, arriva anche uno studio fatto in toscana su 1000 donne.

In questo studio si conferma il potere lievemente “afrodisiaco” dei polifenoli (proprio “quelli” già conosciuti e noti per le loro proprietà antiossidanti che combattono l’invecchiamento) sulla sessualità femminile e si scopre che le donne che bevono una quantità moderata di vino rosso, hanno un desiderio  più alto rispetto le donne astemie o che bevono super alcolici. E per quantità moderata s’intendono 1 o 2 bicchieri di vino al giorno che, per avere più effetto, deve essere rosso perché ha una concentrazione di polifenoli nettamente superiore al vino bianco. Ma come agiscono i polifenoli?

In un modo che molte donne avranno già avuto modo di constatare di persona: rilassando, sfocando l’attenzione, rendendo più “leggeri” i freni inibitori, rilasciando più liquidi a livello intimo che permetteranno un piacere più intenso. Attenzione, però, alle quantità! Infatti, seppur tutti gli studiosi e i medici siano concordi che c'è un legame tra vino e sessualità, alla stessa maniera concordano anche sul fatto che, una quantità moderata di vino è “appassionante” sia per l’uomo sia per la donna, mentre eccedere, soprattutto costantemente, può portare all’effetto inverso: un calo di desiderio per le donne e un problemino di “defaillance” per l’uomo. D’ora in poi, più che mai, “In vino veritas”…e che veritassss!!! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Cristina  Dolciotti - vedi tutti gli articoli di Maria Cristina  Dolciotti



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Barbera Colli Tortonesi DOC - lunedì 7 ottobre 2013
La Barbera Colli Tortonesi Doc,rigorosamente al femminile,  era fino a pochi decenni fa un comunissimo vino da tavola, senza infamia e senza lode, oggi ha raggiunto livelli qualitativi altissimi, la sua produzione si estende sulle ........

Degustare vino in casa - giovedì 5 settembre 2013
Settembre..Tempo di vendemmia, profumo di mosto, sapori semplici e genuini di una terra votata alla viticoltura: l'Italia! Ed allora, visto che siamo tutti "figli" del vino, imparare a degustare il vino a casa potrebbe diventare un piacevole e ........

Il Morellino di Scansano - domenica 7 dicembre 2014
Pochi vini come il Morellino di Scansano hanno saputo conquistare la fiducia e la stima degli italiani. Anche se ha conosciuto il palcoscenico del grande successo solo da un tempo relativamente breve, questo vino toscano ha saputo imporsi come ........

Vino e sessualità - martedì 10 settembre 2013
Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio ........

Cococciola, Pecorino e Cerasuolo: 3 vini importanti per un grande Abruzzo - venerdì 30 agosto 2013
"<i>Appleche e fa sapêne</i>". (mettiti all’opera ed otterrai il risultato) Questo vecchissimo proverbio abruzzese ben si adatta, da qualche anno a questa parte, proprio alla produzione di elevata <b>qualità dei vini </b>di questa ........



Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....



 articolo Vino Il vino in tavola
Vino e sessualità freccemartedì 10 settembre 2013      

Chi diventa rosso alzi la mano e spenga il pc! E non sto parlando di naso rosso che si ha eccedendo nel bere il vino, ma di “rossore” legato all’argomento vino e sessualità che vorrei affrontare in questo mio articoletto. Quindi chi proprio non se la sente non vada oltre! Potrebbe rischiare di leggere in argomenti “calienti”, difficili da sopportare per le coronarie deboli di chi viaggia su internet e vede di tutto (ma proprio di tuttooo) Oppure, scherzi a parte, con leggerezza e simpatia, potremmo insieme provare a capire cosa ci sia di vero sul fatto che il vino sia una specie di “toccasana” naturale che aiuta a vivere l'amore con un rinnovato desiderio e “vigore”.

Intanto partiamo dal fatto che il vino, in generale, ha degli ottimi effetti sulla salute e sul sistema nervoso e di ciò se ne parla da sempre: gli antichi Egizi, per esempio, lo usavano come anestetico locale e, presso gli Etruschi, invece, era utilizzato sulle ferite e in tutti quei casi d’infiammazioni esterne e interne del corpo. Se poi arriviamo ai Romani, apriamo un capitolo a parte, in quanto, non solo ne facevano ampio uso durante i banchetti e lo concedevano come premio ai soldati in caso di vittoria, ma l’uso terapeutico era anche molto frequente. Infatti, principalmente, veniva usato come liquido da aggiungere per far sobbollire decotti a base di erbe medicinali.

Era talmente considerato valido e nutriente che era addirittura dato ai bambini, aromatizzato e mescolato a briciole di pane, verso un anno e mezzo di età, per contribuire allo svezzamento. Insomma di questo “nettare degli dei”, in ogni forma terapeutica, se ne parla e se ne beve in tutte le maniere. Quindi come poteva mancare il connubio vino e sessualità? Spesso si è parlato di effetto vasodilatatore del vino che contribuisce a far circolare in maniera più “vitale” il sangue anche e soprattutto nell’apparato genitale maschile costituito da tantissimi capillari e, ora, sull’argomento, arriva anche uno studio fatto in toscana su 1000 donne.

In questo studio si conferma il potere lievemente “afrodisiaco” dei polifenoli (proprio “quelli” già conosciuti e noti per le loro proprietà antiossidanti che combattono l’invecchiamento) sulla sessualità femminile e si scopre che le donne che bevono una quantità moderata di vino rosso, hanno un desiderio  più alto rispetto le donne astemie o che bevono super alcolici. E per quantità moderata s’intendono 1 o 2 bicchieri di vino al giorno che, per avere più effetto, deve essere rosso perché ha una concentrazione di polifenoli nettamente superiore al vino bianco. Ma come agiscono i polifenoli?

In un modo che molte donne avranno già avuto modo di constatare di persona: rilassando, sfocando l’attenzione, rendendo più “leggeri” i freni inibitori, rilasciando più liquidi a livello intimo che permetteranno un piacere più intenso. Attenzione, però, alle quantità! Infatti, seppur tutti gli studiosi e i medici siano concordi che c'è un legame tra vino e sessualità, alla stessa maniera concordano anche sul fatto che, una quantità moderata di vino è “appassionante” sia per l’uomo sia per la donna, mentre eccedere, soprattutto costantemente, può portare all’effetto inverso: un calo di desiderio per le donne e un problemino di “defaillance” per l’uomo. D’ora in poi, più che mai, “In vino veritas”…e che veritassss!!! ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Cristina  Dolciotti - vedi tutti gli articoli di Maria Cristina  Dolciotti





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: