Articolo Grandi elettrodomestici Climatizzatori
Quando il caldo arriva, i condizionatori infuriano...anche sulla bolletta freccelunedì 2 settembre 2013      


Quando il caldo arriva, in molte case inizia il periodo dei condizionatori. Il nostro livello di adattamento alla temperatura esterna si è talmente abbassato che, indipendentemente dalla stagione, nelle nostre case il clima è sempre confortevole. Che fuori il sole bruci e l'afa sia soffocante, poco importa, basta attivare il condizionatore e tutto è risolto...o quasi.

I consumi domestici di energia elettrica in Italia si aggirano intorno ai 69.500 GWh/anno (dati forniti dal gruppo Terna, per l'anno 2012), corrispondenti all'emissione in atmosfera di circa 30 milioni di tonnellate di CO2. Ed è proprio il biossido di carbonio il principale responsabile dell'effetto di surriscaldamento del pianeta, provocato dall'aumento della concentrazione dei gas serra, e dei conseguenti disastri che stanno ledendo l'ambiente. Il 70% dei consumi domestici è rappresentato dall'uso eccessivo del condizionatore. Posarne sempre più spesso il telecomando è un primo passo verso un risparmio energetico diventato sinonimo di salvaguardia del mondo in cui viviamo.

E se la questione ambientale non vi ha ancora convinto ad agire, lo faranno certamente i vantaggi economici. Volendo trascorrere un'estate al fresco, un condizionatore acceso 6 ore al giorno con un costo dell'energia elettrica pari a 0.2 cent/kWh comporta una spesa che oscilla tra i 160 e i 200 euro l'anno, a seconda della classe energetica che definisce l'apparecchio. Ridurre l'uso del condizionatore porterebbe a risparmi non trascurabili...una scelta che conviene a noi e all'ambiente! Ma nasce una domanda...come limitarne l'uso non rinunciando alle condizioni di comfort a cui ormai siamo abituati?

Tutto si basa su scelte abitative appropriate e su comportamenti responsabili e ragionati. Si inizia dalla struttura: la progettazione di nuovi edifici o la ristrutturazione di quelli esistenti secondo i principi della bioclimatica sono destinati a diventare esigenze irrinunciabili, che garantiscono, a fronte di un investimento iniziale, un modo di vivere ecologico, sano, e, non da ultimo, all'insegna del risparmio. Una casa efficiente migliora la qualità della vita a 360 gradi! Ed allora scegliamo correttamente i materiali costruttivi e gli elementi isolanti, sostituiamo finestre e porte con altre ad alta efficienza energetica, decidiamo il colore delle pareti ricordando che i toni scuri assorbono più radiazioni.

Evitiamo così le dispersioni di calore attraverso pareti, finestre e tetti e manteniamo all'interno una temperatura ideale, trasformando non solo il condizionatore in uno strumento non più essenziale, ma riducendo i consumi energetici anche del 50%. E quando non possiamo rinunciare al condizionatore, impostiamo una temperatura confortevole di 25°C, a temperature più basse la salute potrebbe risentirne. E quando si esce, ricordiamoci di spegnerlo...non è necessario entrare in una casa dal freddo microclima nordico. E' una questione di scelte consapevoli e di piccoli accorgimenti con cui si può fare molto, sempre di più per la qualità della nostra vita e di ciò che ci circonda. Come rendere le case efficienti energeticamente? Nel prossimo articolo vedremo nel dettaglio le tecniche della bio-edilizia e come applicarle alle nostre abitazioni. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luisa  Carnevale - vedi tutti gli articoli di Luisa  Carnevale



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mezze maniche al forno gratinate con mozzarella di bufala e zucchine
In una pentola ponete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e e una cipolla rossa tagliata a fettine sottili, poi aggiungete i pomodori pelati e ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le differenze tra climatizzatore e condizionatore - martedì 31 luglio 2012

Spesso pensiamo che siano la stessa cosa ma in realtà condizionatore e climatizzatore non sono due sinonimi bensì dei termini per indicare degli apparecchi distinti con delle funzioni specifiche.
Il condizionatore serve esclusivamente per raffreddare ........

Quando il caldo arriva, i condizionatori infuriano...anche sulla bolletta - lunedì 2 settembre 2013
Quando il caldo arriva, in molte case inizia il periodo dei condizionatori. Il nostro livello di adattamento alla temperatura esterna si è talmente abbassato che, indipendentemente dalla stagione, nelle nostre case il clima è sempre confortevole. ........



Ricetta del giorno
Cassatine di ricotta
Scolare la ricotta dal latte e versarla in una ciotola, unire lo zucchero, il sale e la vanillina, amalgamare e lavorare fino ad ottenere un composto ....



 articolo Grandi elettrodomestici Climatizzatori
Quando il caldo arriva, i condizionatori infuriano...anche sulla bolletta freccelunedì 2 settembre 2013      

Quando il caldo arriva, in molte case inizia il periodo dei condizionatori. Il nostro livello di adattamento alla temperatura esterna si è talmente abbassato che, indipendentemente dalla stagione, nelle nostre case il clima è sempre confortevole. Che fuori il sole bruci e l'afa sia soffocante, poco importa, basta attivare il condizionatore e tutto è risolto...o quasi.

I consumi domestici di energia elettrica in Italia si aggirano intorno ai 69.500 GWh/anno (dati forniti dal gruppo Terna, per l'anno 2012), corrispondenti all'emissione in atmosfera di circa 30 milioni di tonnellate di CO2. Ed è proprio il biossido di carbonio il principale responsabile dell'effetto di surriscaldamento del pianeta, provocato dall'aumento della concentrazione dei gas serra, e dei conseguenti disastri che stanno ledendo l'ambiente. Il 70% dei consumi domestici è rappresentato dall'uso eccessivo del condizionatore. Posarne sempre più spesso il telecomando è un primo passo verso un risparmio energetico diventato sinonimo di salvaguardia del mondo in cui viviamo.

E se la questione ambientale non vi ha ancora convinto ad agire, lo faranno certamente i vantaggi economici. Volendo trascorrere un'estate al fresco, un condizionatore acceso 6 ore al giorno con un costo dell'energia elettrica pari a 0.2 cent/kWh comporta una spesa che oscilla tra i 160 e i 200 euro l'anno, a seconda della classe energetica che definisce l'apparecchio. Ridurre l'uso del condizionatore porterebbe a risparmi non trascurabili...una scelta che conviene a noi e all'ambiente! Ma nasce una domanda...come limitarne l'uso non rinunciando alle condizioni di comfort a cui ormai siamo abituati?

Tutto si basa su scelte abitative appropriate e su comportamenti responsabili e ragionati. Si inizia dalla struttura: la progettazione di nuovi edifici o la ristrutturazione di quelli esistenti secondo i principi della bioclimatica sono destinati a diventare esigenze irrinunciabili, che garantiscono, a fronte di un investimento iniziale, un modo di vivere ecologico, sano, e, non da ultimo, all'insegna del risparmio. Una casa efficiente migliora la qualità della vita a 360 gradi! Ed allora scegliamo correttamente i materiali costruttivi e gli elementi isolanti, sostituiamo finestre e porte con altre ad alta efficienza energetica, decidiamo il colore delle pareti ricordando che i toni scuri assorbono più radiazioni.

Evitiamo così le dispersioni di calore attraverso pareti, finestre e tetti e manteniamo all'interno una temperatura ideale, trasformando non solo il condizionatore in uno strumento non più essenziale, ma riducendo i consumi energetici anche del 50%. E quando non possiamo rinunciare al condizionatore, impostiamo una temperatura confortevole di 25°C, a temperature più basse la salute potrebbe risentirne. E quando si esce, ricordiamoci di spegnerlo...non è necessario entrare in una casa dal freddo microclima nordico. E' una questione di scelte consapevoli e di piccoli accorgimenti con cui si può fare molto, sempre di più per la qualità della nostra vita e di ciò che ci circonda. Come rendere le case efficienti energeticamente? Nel prossimo articolo vedremo nel dettaglio le tecniche della bio-edilizia e come applicarle alle nostre abitazioni. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luisa  Carnevale - vedi tutti gli articoli di Luisa  Carnevale





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: