Articolo Riciclo Realizzazioni
Bottiglie di plastica: il riciclo è di moda. freccelunedì 2 settembre 2013      


Le bottiglie in plastica per l’acqua e le bibite ogni anno utilizzate in tutto il mondo sono più di 446 miliardi, e arriveranno entro il 2015 a 500 miliardi. Solo il 24% di queste bottiglie viene riciclato mentre la maggior parte finisce in discarica. Un materiale prezioso che può avere mille vite se riciclato invece che buttato via. Le bottiglie di plastica, tipo quelle delle acque minerali, e delle bibite sono realizzate in un materiale polimerico che si chiama polietilentereftalato, abbreviato con la nota sigla PET, anche semplicemente chiamato poliestere.

Tale materiale non rilascia nell’acqua sostanze nocive alla salute a differenza del PVC impiegato fino a qualche anno fa. Il PET, oltre ad essere molto leggero, inerte, resistente e trasparente, e quindi ideale per il confezionamento delle acque minerali, viene impiegato in tantissimi altri settori: ad esempio nella realizzazione di indumenti tecnici, corde, contenitori in plastica rigida, filati e tessuti (poliestere e pile per felpe), etichette e persino per materiali da impiegare in chirurgia per la ricostruzione di vasi sanguigni. Il PET è versatile quindi, ma anche facilmente riciclabile e perciò può avere mille vite una volta che cessa di essere una bottiglia, un vestito o un’etichetta.

Gli impieghi attuali del poliestere riciclato sono davvero tanti e nei più disparati settori: nel tessile, trasformando le bottiglie in morbido pile per la realizzazione di felpe e accessori, nel settore edile, attraverso la realizzazione di tegole, serre o di intere abitazioni, nel design con la creazione di oggetti di arredamento e di moda (borse, gioielli, accessori per la casa e oggetti in plastica, opere d’arte). Purtroppo ancora oggi la maggior parte del PET prodotto finisce in discarica, aumentando i rifiuti e di fatto sprecando le tante potenzialità che ancora può avere. In Europa finora si ricicla solamente il 24% dei contenitori in PET prodotti.

Perciò è imperativo: bisogna riciclare il più possibile perché oltre a disperdere nell’ambiente ogni anno l’equivalente di 12 milioni di tonnellate di greggio solo in Europa, riciclare vuol dire anche recuperare un materiale dalle mille vite e dai mille impieghi. Ma come fare ad aumentare il riciclo? Molti comuni italiani si stanno organizzando riguardo il tema del riciclo, con raccolte porta a porta e campagne di sensibilizzazione, ma ci sono anche curiose iniziative che arrivano da molto lontano che possono darci interessanti spunti. Come quella di Pechino che ha installato in alcune stazioni della metropolitana cittadina delle particolari macchine che in cambio di poche bottiglie di plastica (circa 15) ti “pagano” l’equivalente del costo del biglietto di viaggio. In fondo se la plastica è un bene che porta ricchezza perché non permettere a tutti i cittadini di usufruirne in prima persona? ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniela  Bertoni - vedi tutti gli articoli di Daniela  Bertoni



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

L'arte di riciclare - giovedì 26 settembre 2013
Da un rifiuto può nascere un’opera d’arte? Se vi è capitato di visitare una mostra dello scultore Patrick Alò, la risposta non potrà che essere affermativa. Pezzi di carcasse di automobili, utensili da lavoro in disuso, parti di macchine industriali ........

Creare un bracciale Pandora - mercoledì 9 ottobre 2013
I bracciali Pandora, tanto di moda oggi e tanto amati dalle donne possono essere facilmente realizzati a casa propria. Infatti creare un bracciale Pandora è semplice, la difficoltà maggiore consiste nel trovare il materiale adatto. Il materiale ........

Rispetta l'ambiente, risparmialo!!! - giovedì 26 settembre 2013
Fare un opportuno uso dell’elettricità e dell'acqua significa rispettare l'ambiente,  rappresenta un vantaggio sia per l’utente che per la collettività. Ridurre gli sprechi, infatti, non vuol dire solo spendere meno, ma anche migliorare la ........

Fai anche tu pulizie ecosostenibili? - lunedì 23 settembre 2013
Tra i prodotti naturali capaci di pulire e disinfettare, si annoverano l'aceto e il bicarbonato, che possono trasformarsi nei nostri più fidati alleati. L'aceto è un perfetto smacchiatore per togliere le tracce lasciate dai deodoranti sulle camice: ........

Come riadoperare le bottiglie di plastica come vasi - lunedì 15 settembre 2014
Capita di avere ferme in casa delle bottiglia di plastica che solitamente gettiamo via perché considerate inutili. Oggigiorno grazie alla raccolta differenziata queste bottiglie vengono riadoperate direttamente dall'ente predisposto ........



Ricetta del giorno
Spaghettini con zucchine e pomodorini
Portare ad ebollizione in una pentola 3,5 litri d’acqua, salare con sale grosso, e lessare gli spaghettini per 8 minuti.
Nel frattempo, lavare ....



 articolo Riciclo Realizzazioni
Bottiglie di plastica: il riciclo è di moda. freccelunedì 2 settembre 2013      

Le bottiglie in plastica per l’acqua e le bibite ogni anno utilizzate in tutto il mondo sono più di 446 miliardi, e arriveranno entro il 2015 a 500 miliardi. Solo il 24% di queste bottiglie viene riciclato mentre la maggior parte finisce in discarica. Un materiale prezioso che può avere mille vite se riciclato invece che buttato via. Le bottiglie di plastica, tipo quelle delle acque minerali, e delle bibite sono realizzate in un materiale polimerico che si chiama polietilentereftalato, abbreviato con la nota sigla PET, anche semplicemente chiamato poliestere.

Tale materiale non rilascia nell’acqua sostanze nocive alla salute a differenza del PVC impiegato fino a qualche anno fa. Il PET, oltre ad essere molto leggero, inerte, resistente e trasparente, e quindi ideale per il confezionamento delle acque minerali, viene impiegato in tantissimi altri settori: ad esempio nella realizzazione di indumenti tecnici, corde, contenitori in plastica rigida, filati e tessuti (poliestere e pile per felpe), etichette e persino per materiali da impiegare in chirurgia per la ricostruzione di vasi sanguigni. Il PET è versatile quindi, ma anche facilmente riciclabile e perciò può avere mille vite una volta che cessa di essere una bottiglia, un vestito o un’etichetta.

Gli impieghi attuali del poliestere riciclato sono davvero tanti e nei più disparati settori: nel tessile, trasformando le bottiglie in morbido pile per la realizzazione di felpe e accessori, nel settore edile, attraverso la realizzazione di tegole, serre o di intere abitazioni, nel design con la creazione di oggetti di arredamento e di moda (borse, gioielli, accessori per la casa e oggetti in plastica, opere d’arte). Purtroppo ancora oggi la maggior parte del PET prodotto finisce in discarica, aumentando i rifiuti e di fatto sprecando le tante potenzialità che ancora può avere. In Europa finora si ricicla solamente il 24% dei contenitori in PET prodotti.

Perciò è imperativo: bisogna riciclare il più possibile perché oltre a disperdere nell’ambiente ogni anno l’equivalente di 12 milioni di tonnellate di greggio solo in Europa, riciclare vuol dire anche recuperare un materiale dalle mille vite e dai mille impieghi. Ma come fare ad aumentare il riciclo? Molti comuni italiani si stanno organizzando riguardo il tema del riciclo, con raccolte porta a porta e campagne di sensibilizzazione, ma ci sono anche curiose iniziative che arrivano da molto lontano che possono darci interessanti spunti. Come quella di Pechino che ha installato in alcune stazioni della metropolitana cittadina delle particolari macchine che in cambio di poche bottiglie di plastica (circa 15) ti “pagano” l’equivalente del costo del biglietto di viaggio. In fondo se la plastica è un bene che porta ricchezza perché non permettere a tutti i cittadini di usufruirne in prima persona? ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Daniela  Bertoni - vedi tutti gli articoli di Daniela  Bertoni





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: