Articolo Salute Sana alimentazione
La salute inizia a tavola: Il "Piattto sano" freccemercoledì 28 agosto 2013      


In quanti vorrebbero ogni giorno sulla propria tavola il piatto ideale per seguire un’alimentazione corretta e soprattutto varia ed equilibrata? Il "piatto sano" è uno schema creato da esperti in nutrizione della Harvard School of Public Health, che spiega graficamente, in modo esplicativo ed immediato, quale deve essere la composizione di un pasto sano e bilanciato. Si tratta di alcune semplici regole da seguire , che possono portare ad un grande miglioramento dal punto di vista della salute.
Ecco i principi alla base del "piatto sano":
  • Metà di ogni pasto deve essere rappresentato da verdura e frutta. Per entrambe bisogna seguire la stagionalità e bisogna consumarle variando frequentemente la qualità ed i colori, soprattutto per la frutta.
  • Un quarto del piatto deve essere occupato dai cereali (carboidrati) preferibilmente integrali: pasta, riso e pane integrali. Devono essere preferiti rispetto ai cereali raffinati (riso e pane bianco), poiché ricchi di fibre e minerali, con un più basso indice glicemico e con un maggior grado di sazietà rispetto a questi ultimi.
  • L’ultimo quarto del "piatto sano" deve essere occupato dalle proteine cosiddette “salutari”. Esistono due fonti proteiche: le proteine vegetali, da privilegiare, e le proteine animali. Proteine vegetali si trovano nei legumi e nella frutta a guscio (molto ricca anche di omega-3, i famosi “grassi buoni”). I legumi dovrebbero essere consumati 2-3 volte a settimana, prediligendo il piatto unico (cereale + legume). Per quanto riguarda le proteine animali sono da preferire il pesce e le carni bianche (pollo, tacchino, coniglio); bisogna limitare il consumo di carne rossa a massimo una volta a settimana e quello di carne trasformata (wurstel, affettati e salumi). Anche le uova sono un’ottima fonte proteica: hanno un’alta percentuale di proteine disponibili e possono essere consumate massimo 2 uova a settimana.
  • Per cucinare e condire bisogna utilizzare principalmente olio extravergine di oliva e limitare l’uso del burro. Aggiungerei anche di limitare l’uso del sale da cucina e di sostituirlo con spezie ed erbe aromatiche per insaporire i cibi.
  • Bere molta acqua , circa 1,5 lt al giorno , stando attenti a non consumare più di 2 bicchieri di acqua durante il pasto. Bisogna evitare il consumo di bevande gassate e zuccherate e moderare il consumo di bevande nervine come tè e/o caffè.
  • Bisogna limitare il consumo di latte e derivati ad una o due porzioni al giorno.
  • Ultima cosa, ma di fondamentale importanza, è l’associazione tra alimentazione sana ed attività fisica: uno stile di vita attivo è fondamentale per la prevenzione di moltissime patologie. Bastano anche trenta minuti di camminata al giorno per restare attivi ed in salute.
Seguendo questi semplici consigli sarà più facile preparare ogni giorno dei pasti salutari. Ovviamente il “piatto sano” è un modello indicativo da seguire , ma ogni persona è unica nel suo genere , con proprie caratteristiche e problematiche, che sono imprescindibili da una valutazione nutrizionale accurata da parte di un professionista, che permetterà così di creare un piatto sano personalizzato. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA
Dr.ssa
Valentina  Lilla - vedi tutti gli articoli di Valentina  Lilla
Biologa Nutrizionista


Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le fonti di proteine alternative alla carne - venerdì 1 agosto 2014

Le proteine alternative alla carne, conoscere quali sono è importante per coloro che decidono di assumere carne, bianca o rossa ha poca importanza, raramente, come del resto consiglia la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, che ........

Tè verde, benefici e controindicazioni - venerdì 15 gennaio 2016

Tè verde, proprietà, benefici e controindicazioni, tutto ciò che c’è da sapere su questa bevanda sempre più amata ed utilizzata. Questo tipo di tè, ottenuto dalle foglie della Camellia Sinensis, è sottoposto ad una particolare lavorazione, ........

Gli alimenti per combattere l’invecchiamento cerebrale - giovedì 5 maggio 2016

Gli alimenti che combattono l’invecchiamento cerebrale non dovrebbero mai mancare in tavola, e non necessariamente dovrebbero essere assunti solo da persone avanti negli anni, ma sarebbe opportuno cominciare a farli entrare nella dieta di tutti ........

Olio di palma addio, finalmente, arriva Cremoli, la crema all’olio di oliva - giovedì 21 aprile 2016

Olio di palma addio, finalmente, arriva Cremoli, la crema all’olio di oliva che rappresenta ora una alternativa valida al discusso olio che era purtroppo diventato l’ingrediente principe di tutte le preparazioni da forno, e non solo, visto ........

La salute inizia a tavola: Il "Piattto sano" - mercoledì 28 agosto 2013
In quanti vorrebbero ogni giorno sulla propria tavola il piatto ideale per seguire un’alimentazione corretta e soprattutto varia ed equilibrata? Il "piatto sano" è uno schema creato da esperti in nutrizione della Harvard School of Public Health, ........



Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
La salute inizia a tavola: Il "Piattto sano" freccemercoledì 28 agosto 2013      

In quanti vorrebbero ogni giorno sulla propria tavola il piatto ideale per seguire un’alimentazione corretta e soprattutto varia ed equilibrata? Il "piatto sano" è uno schema creato da esperti in nutrizione della Harvard School of Public Health, che spiega graficamente, in modo esplicativo ed immediato, quale deve essere la composizione di un pasto sano e bilanciato. Si tratta di alcune semplici regole da seguire , che possono portare ad un grande miglioramento dal punto di vista della salute.
Ecco i principi alla base del "piatto sano":
  • Metà di ogni pasto deve essere rappresentato da verdura e frutta. Per entrambe bisogna seguire la stagionalità e bisogna consumarle variando frequentemente la qualità ed i colori, soprattutto per la frutta.
  • Un quarto del piatto deve essere occupato dai cereali (carboidrati) preferibilmente integrali: pasta, riso e pane integrali. Devono essere preferiti rispetto ai cereali raffinati (riso e pane bianco), poiché ricchi di fibre e minerali, con un più basso indice glicemico e con un maggior grado di sazietà rispetto a questi ultimi.
  • L’ultimo quarto del "piatto sano" deve essere occupato dalle proteine cosiddette “salutari”. Esistono due fonti proteiche: le proteine vegetali, da privilegiare, e le proteine animali. Proteine vegetali si trovano nei legumi e nella frutta a guscio (molto ricca anche di omega-3, i famosi “grassi buoni”). I legumi dovrebbero essere consumati 2-3 volte a settimana, prediligendo il piatto unico (cereale + legume). Per quanto riguarda le proteine animali sono da preferire il pesce e le carni bianche (pollo, tacchino, coniglio); bisogna limitare il consumo di carne rossa a massimo una volta a settimana e quello di carne trasformata (wurstel, affettati e salumi). Anche le uova sono un’ottima fonte proteica: hanno un’alta percentuale di proteine disponibili e possono essere consumate massimo 2 uova a settimana.
  • Per cucinare e condire bisogna utilizzare principalmente olio extravergine di oliva e limitare l’uso del burro. Aggiungerei anche di limitare l’uso del sale da cucina e di sostituirlo con spezie ed erbe aromatiche per insaporire i cibi.
  • Bere molta acqua , circa 1,5 lt al giorno , stando attenti a non consumare più di 2 bicchieri di acqua durante il pasto. Bisogna evitare il consumo di bevande gassate e zuccherate e moderare il consumo di bevande nervine come tè e/o caffè.
  • Bisogna limitare il consumo di latte e derivati ad una o due porzioni al giorno.
  • Ultima cosa, ma di fondamentale importanza, è l’associazione tra alimentazione sana ed attività fisica: uno stile di vita attivo è fondamentale per la prevenzione di moltissime patologie. Bastano anche trenta minuti di camminata al giorno per restare attivi ed in salute.
Seguendo questi semplici consigli sarà più facile preparare ogni giorno dei pasti salutari. Ovviamente il “piatto sano” è un modello indicativo da seguire , ma ogni persona è unica nel suo genere , con proprie caratteristiche e problematiche, che sono imprescindibili da una valutazione nutrizionale accurata da parte di un professionista, che permetterà così di creare un piatto sano personalizzato. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA
Dr.ssa
Valentina  Lilla - vedi tutti gli articoli di Valentina  Lilla
Biologa Nutrizionista





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: