Articolo Tempo libero Fotografia
Alla scoperta del mondo oltre l’orizzonte freccesabato 27 luglio 2013      


Alla scoperta del mondo oltre l’orizzonte, è ciò che ha spinto l’uomo a raggiungere sempre nuovi traguardi, a fare le scoperte che scandiscono la vita di tutti i giorni. Tuttavia, senza  pensare troppo in grande, è anche quanto avviene in una bella giornata da dedicare a se stessi, semmai con il fido amico a quattro zampe al seguito, e la altrettanto fida macchina fotografica per cercare di fissare sul silicio, una volta si diceva sulla pellicola,  tutto ciò che di stimolante si incontra per strada.

Sarà capitato a tutti di fare una passeggiata per la prima volta in un parco, in un’oasi protetta, e di continuare ad andare avanti, anche quando la stanchezza comincia a farsi sentire,  spinti dalla curiosità di vedere cosa si nasconde dietro la prossima curva, dietro il muretto che si staglia all’orizzonte, dietro una cortina di piante d’alto fusto, e questo soprattutto se quello che si è incontrato fino a quel momento, è stato entusiasmante, ci ha emozionato.
Poi, con l’amico che zampetta gioioso al nostro fianco, correndo avanti e indietro finalmente felice per una libertà per lui insolita, soprattutto se abituato a vivere tra quattro mura, il piacere è doppio, perché  si vivono le sensazioni che il paesaggio circostante trasmettono e si gioisce anche della felicità dell’amico a quattro zampe.

E allora, è in questi momenti, che la macchina fotografica si rivela essere una compagna inseparabile, da non lasciare mai nel cassetto. Oggi, gli smartphone riescono anche loro a svolgere lo stesso lavoro, ma in tutti i casi si tratta di un ripiego, perché una normale macchina fotografica è in grado di offrire  molte funzioni che un qualsiasi evolutissimo telefonino di ultima generazione non possiede.
Con una macchina fotografica moderna poi, non si è più legati alla pur gloriosa pellicola che ha fatto la storia della fotografia, quindi non più scatti contati, o meglio, scatti fatti per lo più al buio, ovvero senza essere certi della loro qualità. Questo, soprattutto per gli appassionati di fotografia meno esperti, costringeva il più delle volte a fare almeno 3 scatti della stessa foto, cambiando esposizione, per essere certi, o quasi, che almeno uno fosse soddisfacente. Oggi tutto questo è finito in soffitta, visto che è possibile rivedere subito quello che si è fotografato e, nella peggiore delle ipotesi, nel caso si trattasse di una foto irripetibile venuta male, è sempre possibile poi correggerla con gli appositi programmi di fotoritocco.

Oggi, quindi, anche il fotografo della domenica  può essere un buon fotografo, può realizzare dei buoni scatti, anche grazie alle tante funzioni automatiche delle varie macchine fotografiche, ma su una cosa non potrà mai barare, diciamo così, sull’inquadratura. Questa è una questione di gusto personale,  di attitudine, una cosa che non si impara, ma che tuttavia è possibile migliorare. Vi sono delle regole base da rispettare, regole che riguardano la composizione dell’inquadratura, così come è necessario sapere in che misura la luce incide su di una fotografia.

La luce è quell’altra componente essenziale, perché effettivamente tutto dipende da essa. Una stessa immagine, semmai l’amico cane della passeggiata intento ad annusare qualcosa che lo ha incuriosito,  è completamente diversa se ripresa all’ombra, in pieno sole, o con la luce radente del tramonto. Anche in questo caso, un programma di fotoritocco può fare poco, a meno che non si sia in possesso di programmi specifici utilizzati dai professionisti. È possibile correggere l’esposizione, il contrasto, la luminosità, ma sulla temperatura di colore è difficile poter intervenire, praticamente quasi impossibile, e questa appunto è determinata dalle condizioni di luce.

Ovviamente, la ricerca di una buona inquadratura e della migliore condizione di luce restano oggi condizioni essenziali per ottenere delle buone foto, tuttavia, visto che rispetto al passato, uno scatto mal riuscito o affrettato non rappresentano un costo perché non è richiesto alcuno sviluppo di pellicola,  tutte le fotografie vanno bene, anche quelle che in un primo momento si potrebbe pensare di cancellare, perché comunque sono la memoria fotografica di una bella giornata, di un momento della propria vita.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Memorie di una viaggiatrice distratta : le 7 cose che non ho mai fotografato - martedì 8 ottobre 2013
Tra le 7 cose che non ho mai fotografato al primo posto ci sono le mani di mio nonno: scalfite dalla dedizione nel suo lavoro, contorte, deformate, modellate dalla pasta che lo avvolgeva, che lo imprigionava, che lo tratteneva, che lo teneva ........

Il tramonto - lunedì 9 settembre 2013
E’ piacevole (sia per gli occhi che per l’umore), uscire di casa, dall’ufficio o dall’università e intravedere un cielo quasi blu perché ormai è tardo pomeriggio, con qualche tonalità di rosa e le nuvole illuminate di un rosso non troppo acceso, ........

La Natura selvaggia va in Mostra - venerdì 18 ottobre 2013
Mettere insieme uno spazio antico ristrutturato e la bellezza della natura selvaggia può operare miracoli. E' straordinaria la Mostra ‘Wildlife Photographer of the Year‘, allestita nei suggestivi spazi ricavati da un’antica ghiacciaia del Seicento. Parliamo ........

Paesaggio : un circolo vizioso di bellezze - venerdì 20 settembre 2013
Se non vi siete mai rotolati in un campo in cerca del miglior particolare, oggi è il momento giusto per farlo. Il miglior protagonista di una fotografia è il paesaggio, e non solo per la sua indiscutibile bellezza, che esenta il fotografo dal ........

Dietro quella macchina fotografica - martedì 3 settembre 2013
Hai mai provato a chiudere un occhio e a fare click? Dietro quella macchina fotografica ci sei tu e davanti mille modi possibili di guardare la realtà. Prova a sdraiarti, prendi in mano la tua macchina, chiudi un occhio e scatta. Ora, nello stesso ........



Ricetta del giorno
Pollo con fagioli e ravanelli
Sciacquare i pezzi di pollo, asciugarli lasciandoli appena umidi e rivestirli con il misto spezie. Scaldare metà olio in un tegame generoso e cuocervi ....



 articolo Tempo libero Fotografia
Alla scoperta del mondo oltre l’orizzonte freccesabato 27 luglio 2013      

Alla scoperta del mondo oltre l’orizzonte, è ciò che ha spinto l’uomo a raggiungere sempre nuovi traguardi, a fare le scoperte che scandiscono la vita di tutti i giorni. Tuttavia, senza  pensare troppo in grande, è anche quanto avviene in una bella giornata da dedicare a se stessi, semmai con il fido amico a quattro zampe al seguito, e la altrettanto fida macchina fotografica per cercare di fissare sul silicio, una volta si diceva sulla pellicola,  tutto ciò che di stimolante si incontra per strada.

Sarà capitato a tutti di fare una passeggiata per la prima volta in un parco, in un’oasi protetta, e di continuare ad andare avanti, anche quando la stanchezza comincia a farsi sentire,  spinti dalla curiosità di vedere cosa si nasconde dietro la prossima curva, dietro il muretto che si staglia all’orizzonte, dietro una cortina di piante d’alto fusto, e questo soprattutto se quello che si è incontrato fino a quel momento, è stato entusiasmante, ci ha emozionato.
Poi, con l’amico che zampetta gioioso al nostro fianco, correndo avanti e indietro finalmente felice per una libertà per lui insolita, soprattutto se abituato a vivere tra quattro mura, il piacere è doppio, perché  si vivono le sensazioni che il paesaggio circostante trasmettono e si gioisce anche della felicità dell’amico a quattro zampe.

E allora, è in questi momenti, che la macchina fotografica si rivela essere una compagna inseparabile, da non lasciare mai nel cassetto. Oggi, gli smartphone riescono anche loro a svolgere lo stesso lavoro, ma in tutti i casi si tratta di un ripiego, perché una normale macchina fotografica è in grado di offrire  molte funzioni che un qualsiasi evolutissimo telefonino di ultima generazione non possiede.
Con una macchina fotografica moderna poi, non si è più legati alla pur gloriosa pellicola che ha fatto la storia della fotografia, quindi non più scatti contati, o meglio, scatti fatti per lo più al buio, ovvero senza essere certi della loro qualità. Questo, soprattutto per gli appassionati di fotografia meno esperti, costringeva il più delle volte a fare almeno 3 scatti della stessa foto, cambiando esposizione, per essere certi, o quasi, che almeno uno fosse soddisfacente. Oggi tutto questo è finito in soffitta, visto che è possibile rivedere subito quello che si è fotografato e, nella peggiore delle ipotesi, nel caso si trattasse di una foto irripetibile venuta male, è sempre possibile poi correggerla con gli appositi programmi di fotoritocco.

Oggi, quindi, anche il fotografo della domenica  può essere un buon fotografo, può realizzare dei buoni scatti, anche grazie alle tante funzioni automatiche delle varie macchine fotografiche, ma su una cosa non potrà mai barare, diciamo così, sull’inquadratura. Questa è una questione di gusto personale,  di attitudine, una cosa che non si impara, ma che tuttavia è possibile migliorare. Vi sono delle regole base da rispettare, regole che riguardano la composizione dell’inquadratura, così come è necessario sapere in che misura la luce incide su di una fotografia.

La luce è quell’altra componente essenziale, perché effettivamente tutto dipende da essa. Una stessa immagine, semmai l’amico cane della passeggiata intento ad annusare qualcosa che lo ha incuriosito,  è completamente diversa se ripresa all’ombra, in pieno sole, o con la luce radente del tramonto. Anche in questo caso, un programma di fotoritocco può fare poco, a meno che non si sia in possesso di programmi specifici utilizzati dai professionisti. È possibile correggere l’esposizione, il contrasto, la luminosità, ma sulla temperatura di colore è difficile poter intervenire, praticamente quasi impossibile, e questa appunto è determinata dalle condizioni di luce.

Ovviamente, la ricerca di una buona inquadratura e della migliore condizione di luce restano oggi condizioni essenziali per ottenere delle buone foto, tuttavia, visto che rispetto al passato, uno scatto mal riuscito o affrettato non rappresentano un costo perché non è richiesto alcuno sviluppo di pellicola,  tutte le fotografie vanno bene, anche quelle che in un primo momento si potrebbe pensare di cancellare, perché comunque sono la memoria fotografica di una bella giornata, di un momento della propria vita.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: