Articolo Cani Alimentazione
Le allergie alimentari nel cane e nel gatto freccemercoledì 13 settembre 2017      


Le allergie alimentari nel cane e nel gatto non sono molto frequenti, anzi abbastanza rare, sono infatti il 10-15% di tutte le allergie cutanee. Bisogna tuttavia distinguere tra reazioni tossiche e non tossiche, dove le prime sono causate da biotossine e si manifestano in ciascun individuo in maniera più o meno grave a seconda delle tossine ingerite. Le seconde, ovvero le non tossiche, dipendono per lo più dalla sensibilità individuale a specifici alimenti o a parte di essi.

A loro volta, poi, le reazioni non tossiche si distinguono in intolleranze e allergie, un po’ come del resto capita agli umani, difficili tra l’altro da distinguere, anche se le prime, ovvero le intolleranze, non determinano una reazione immunitaria, cosa che invece avviene con le allergie. In tutti i casi, si tratta di eventi non frequenti, infatti, come detto in precedenza, rappresentano il 10-15% di tutte le patologie cutanee e gastroenteriche. Inoltre spesso accade che le reazioni avverse agli alimenti si manifestino sia a livello cutaneo che a livello gastroenterico, ovvero siano concomitanti.

Le manifestazioni gastroenteriche sono caratterizzate per lo più da forme ricorrenti di diarrea, in quanto il cane non è in grado di digerire alcuni alimenti, che non vengono quindi assorbiti e determinano la formazione di gas e infiammazione. In questi casi una dieta a base di proteine e carboidrati a cui il cane non è stato già sensibilizzato, ovvero non aveva mai assunto in precedenza, è di solito risolutiva. Se invece il problema persiste potrebbe essere necessaria una cura antibiotica, abbinata a probiotici, perché potrebbero essere presenti dei batteri intestinali che non possono essere eliminati altrimenti. Il veterinario di fiducia sa benissimo come comportarsi al riguardo.

Le manifestazioni cutanee sono diverse tra cane e gatto. Nel cane gli eritemi e il prurito sono localizzati per lo più nella faccia interna dei padiglioni auricolari, intorno agli occhi, il muso, spazi interdigitali, addome, collo, regione parietale. Inoltre, i sintomi sono gli stessi sia in caso di allergia che di intolleranze. Nei gatti invece, le lesioni con piccole ulcere e croste sono localizzate in particolar modo sulla testa, faccia, intorno agli occhi, collo e, in alcuni soggetti, anche otite ceruminosa. La diagnosi si fa, in genere, con la dieta da privazione, ovvero somministrando al soggetto colpito proteine mai assunte in precedenza.

La terapia migliore è modificare l’alimentazione, quindi eliminare dalla dieta la fonte proteica che si sospetta essere la responsabile della reazione allergica o dell’intolleranza. Ovviamente si dovrà procedere per tentativi, per esclusione, aggiungendo alla dieta integratori a base di acidi grassi omega 3 e 6, utili per ripristinare la cute danneggiata. Si riveleranno di grande aiuto anche alcuni bagni disinfettanti.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

L’alimentazione del cane - mercoledì 2 gennaio 2013

L’alimentazione del cane è una faccenda abbastanza complessa  in quanto è in molti casi anche legata alle abitudini di vita si potrebbe dire addirittura allo stile di vita, del cane, o meglio, del suo amico umano. Come per l’uomo, infatti, ........

Alimentazione in convalescenza dei nostri amici a quattro zampe - giovedì 20 marzo 2014

L’alimentazione durante la convalescenza per cani e gatti è spesso trascurata, perché solitamente si pensa essenzialmente alla terapia farmacologica e/o chirurgica, mentre invece anche ciò che si mette nella ciotola è molto importante. Una ........

Alimentazione del cane: crocchette o scatolette? - domenica 20 ottobre 2013
La scelta di una corretta alimentazione per il nostro amico a quattro zampe è un tema che sta particolarmente a cuore a chiunque possieda un cane. Allora la domanda è: meglio crocchette o scatolette? L’uso di mangime secco, quindi di crocchette, ........

Le allergie alimentari nel cane e nel gatto - mercoledì 13 settembre 2017

Le allergie alimentari nel cane e nel gatto non sono molto frequenti, anzi abbastanza rare, sono infatti il 10-15% di tutte le allergie cutanee. Bisogna tuttavia distinguere tra reazioni tossiche e non tossiche, dove le prime sono causate da ........



Ricetta del giorno
Panna cotta guarnita al cioccolato
Per prima cosa mettere a bagno in acqua fredda i fogli di colla di pesce per farli ammorbidire. Nel frattempo mettere in un pentolino la panna, lo stecco ....



 articolo Cani Alimentazione
Le allergie alimentari nel cane e nel gatto freccemercoledì 13 settembre 2017      

Le allergie alimentari nel cane e nel gatto non sono molto frequenti, anzi abbastanza rare, sono infatti il 10-15% di tutte le allergie cutanee. Bisogna tuttavia distinguere tra reazioni tossiche e non tossiche, dove le prime sono causate da biotossine e si manifestano in ciascun individuo in maniera più o meno grave a seconda delle tossine ingerite. Le seconde, ovvero le non tossiche, dipendono per lo più dalla sensibilità individuale a specifici alimenti o a parte di essi.

A loro volta, poi, le reazioni non tossiche si distinguono in intolleranze e allergie, un po’ come del resto capita agli umani, difficili tra l’altro da distinguere, anche se le prime, ovvero le intolleranze, non determinano una reazione immunitaria, cosa che invece avviene con le allergie. In tutti i casi, si tratta di eventi non frequenti, infatti, come detto in precedenza, rappresentano il 10-15% di tutte le patologie cutanee e gastroenteriche. Inoltre spesso accade che le reazioni avverse agli alimenti si manifestino sia a livello cutaneo che a livello gastroenterico, ovvero siano concomitanti.

Le manifestazioni gastroenteriche sono caratterizzate per lo più da forme ricorrenti di diarrea, in quanto il cane non è in grado di digerire alcuni alimenti, che non vengono quindi assorbiti e determinano la formazione di gas e infiammazione. In questi casi una dieta a base di proteine e carboidrati a cui il cane non è stato già sensibilizzato, ovvero non aveva mai assunto in precedenza, è di solito risolutiva. Se invece il problema persiste potrebbe essere necessaria una cura antibiotica, abbinata a probiotici, perché potrebbero essere presenti dei batteri intestinali che non possono essere eliminati altrimenti. Il veterinario di fiducia sa benissimo come comportarsi al riguardo.

Le manifestazioni cutanee sono diverse tra cane e gatto. Nel cane gli eritemi e il prurito sono localizzati per lo più nella faccia interna dei padiglioni auricolari, intorno agli occhi, il muso, spazi interdigitali, addome, collo, regione parietale. Inoltre, i sintomi sono gli stessi sia in caso di allergia che di intolleranze. Nei gatti invece, le lesioni con piccole ulcere e croste sono localizzate in particolar modo sulla testa, faccia, intorno agli occhi, collo e, in alcuni soggetti, anche otite ceruminosa. La diagnosi si fa, in genere, con la dieta da privazione, ovvero somministrando al soggetto colpito proteine mai assunte in precedenza.

La terapia migliore è modificare l’alimentazione, quindi eliminare dalla dieta la fonte proteica che si sospetta essere la responsabile della reazione allergica o dell’intolleranza. Ovviamente si dovrà procedere per tentativi, per esclusione, aggiungendo alla dieta integratori a base di acidi grassi omega 3 e 6, utili per ripristinare la cute danneggiata. Si riveleranno di grande aiuto anche alcuni bagni disinfettanti.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: