Articolo Salute Sana alimentazione
Acetosa, cos’è, proprietà, come utilizzarla e controindicazioni freccevenerdì 19 maggio 2017      


L’Acetosa, o Acetosella, è una pianta officinale, spontanea in Italia, ricca di vitamina C e di altre proprietà, tuttavia va consumata con una certa cautela perché in caso di una eccessiva ingestione di foglie crude sono stati rilevati avvelenamenti con severi danni renali. È caratterizzata da un sapore acidulo, dovuto alla presenza di acido ossalico, più o meno marcato, non a tutti gradito, per cui è oggettivamente difficile che se ne possa fare un consumo eccessivo. Si presta comunque a svariati usi in cucina.

L’acetosa o acetosella ha proprietà diuretiche, depurative e digestive, è ricca di vitamina C per cui rappresenta anche un valido aiuto per il sistema immunitario, contiene inoltre ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, antrachinoni, ma anche amido, mucillagini e oli. Aiuta a combattere disturbi dell’apparato digestive, febbre, ulcerazioni della bocca, inappetenza, difficoltà di digestione, sempre che, come detto in precedenza, la si assuma con una certa cautela, del resto il suo sapore decisamente acidulo è già di per sé un eccellente deterrente contro un consumo eccessivo.

In cucina la si utilizza in particolar modo cruda, in piccole quantità in aggiunta alle insalate, cui conferisce un sapore più intenso, ma è ottima anche saltata in padella, con un filo d’olio e uno spicchio di aglio, insieme a verdure verdi come spinaci o erbette. Può essere aggiunta, sempre in minima parte, nelle frittate, per dare quel tocco di sapore in più, o anche in aggiunta ad un classico minestrone di verdure, insomma basta dare sfogo alla fantasia e certamente la si potrà utilizzare in qualche altro modo.

Viene anche utilizzata in erboristeria, dal momento che si tratta di un’erba officinale. Un decotto di acetosella è utile come diuretico e rinfrescante, per il trattamento delle gengiviti e di un po’ tutte le infiammazioni della bocca in generale. I cataplasmi di acetosa sono utili in caso di punture d’insetti, ma anche come eccellente rimedio contro le irritazioni della pelle.

Come detto in precedenza, va consumata con una certa cautela, senza mai eccedere, anche perché i derivati dell’acetosella possono presentare delle nefrotossicità, per cui è controindicata a tutti coloro che soffrono di calcolosi di varia natura, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Caponata di verdure
Scolare e sciacquare i capperi sotto acqua corrente. Lavare le melanzane, eliminare il picciolo e ridurle a dadini non troppo piccoli. Eliminare i piccioli ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

I vegetali che proteggono dalle malattie - mercoledì 6 agosto 2014

I vegetali che proteggono dalle malattie grazie alle loro proprietà sono diversi, alcuni del tutto comuni, altri invece un po’ meno e quindi anche poco utilizzati. Conoscerli potrà essere utile, perché è ormai opinione comune del mondo scientifico, ........

Alimenti vegetali ricchi di ferro - lunedì 10 novembre 2014

Alimenti vegetali ricchi di ferro che possono quindi essere perfettamente alternativi alla carne, anzi certamente migliori, in quanto il ferro in essi contenuto non è pericoloso per la salute come invece è quello contenuto nella carne rossa, ........

Le mandorle, 30 grammi al giorno, un pieno di energia buona - lunedì 23 maggio 2016

Le mandorle, 30 grammi al giorno, un pieno di energia buona che allunga la vita. E sì, perché le mandorle, come del resto la maggior parte  della frutta secca, sono ricche di vitamine e Sali minerali fondamentali per la salute dell’organismo, ........

La dieta mediterranea, l’elisir di lunga vita - venerdì 14 novembre 2014

La dieta mediterranea, l’elisir di  lunga vita, riconosciuta quasi universalmente come la migliore dieta in assoluto, la dieta  che è un patrimonio tutto italiano, con cui i nostri nonni hanno cresciuto i loro figli. Poi un giorno ........

Diabete di tipo 2, lo si può prevenire con i pistacchi - mercoledì 11 giugno 2014

Diabete di tipo 2, lo si può prevenire con i pistacchi, la frutta secca che un tempo era considerata nemica della salute e che invece, ormai da qualche anno, la ricerca ha abbondantemente rivalutato, al pari di noci, mandorle e altre leccornie ........



Ricetta del giorno
Vellutata di barbabietole fredda
Lessare le barbabietole, dopo di che sbucciarle e metterle da parte. Lavare accuratamente il cetriolo, sbucciarlo e tagliarlo a dadino. Scottare i pomodori ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Acetosa, cos’è, proprietà, come utilizzarla e controindicazioni freccevenerdì 19 maggio 2017      

L’Acetosa, o Acetosella, è una pianta officinale, spontanea in Italia, ricca di vitamina C e di altre proprietà, tuttavia va consumata con una certa cautela perché in caso di una eccessiva ingestione di foglie crude sono stati rilevati avvelenamenti con severi danni renali. È caratterizzata da un sapore acidulo, dovuto alla presenza di acido ossalico, più o meno marcato, non a tutti gradito, per cui è oggettivamente difficile che se ne possa fare un consumo eccessivo. Si presta comunque a svariati usi in cucina.

L’acetosa o acetosella ha proprietà diuretiche, depurative e digestive, è ricca di vitamina C per cui rappresenta anche un valido aiuto per il sistema immunitario, contiene inoltre ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, antrachinoni, ma anche amido, mucillagini e oli. Aiuta a combattere disturbi dell’apparato digestive, febbre, ulcerazioni della bocca, inappetenza, difficoltà di digestione, sempre che, come detto in precedenza, la si assuma con una certa cautela, del resto il suo sapore decisamente acidulo è già di per sé un eccellente deterrente contro un consumo eccessivo.

In cucina la si utilizza in particolar modo cruda, in piccole quantità in aggiunta alle insalate, cui conferisce un sapore più intenso, ma è ottima anche saltata in padella, con un filo d’olio e uno spicchio di aglio, insieme a verdure verdi come spinaci o erbette. Può essere aggiunta, sempre in minima parte, nelle frittate, per dare quel tocco di sapore in più, o anche in aggiunta ad un classico minestrone di verdure, insomma basta dare sfogo alla fantasia e certamente la si potrà utilizzare in qualche altro modo.

Viene anche utilizzata in erboristeria, dal momento che si tratta di un’erba officinale. Un decotto di acetosella è utile come diuretico e rinfrescante, per il trattamento delle gengiviti e di un po’ tutte le infiammazioni della bocca in generale. I cataplasmi di acetosa sono utili in caso di punture d’insetti, ma anche come eccellente rimedio contro le irritazioni della pelle.

Come detto in precedenza, va consumata con una certa cautela, senza mai eccedere, anche perché i derivati dell’acetosella possono presentare delle nefrotossicità, per cui è controindicata a tutti coloro che soffrono di calcolosi di varia natura, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: