Articolo Salute Sana alimentazione
Acetosa, cos’è, proprietà, come utilizzarla e controindicazioni freccevenerdì 19 maggio 2017      


L’Acetosa, o Acetosella, è una pianta officinale, spontanea in Italia, ricca di vitamina C e di altre proprietà, tuttavia va consumata con una certa cautela perché in caso di una eccessiva ingestione di foglie crude sono stati rilevati avvelenamenti con severi danni renali. È caratterizzata da un sapore acidulo, dovuto alla presenza di acido ossalico, più o meno marcato, non a tutti gradito, per cui è oggettivamente difficile che se ne possa fare un consumo eccessivo. Si presta comunque a svariati usi in cucina.

L’acetosa o acetosella ha proprietà diuretiche, depurative e digestive, è ricca di vitamina C per cui rappresenta anche un valido aiuto per il sistema immunitario, contiene inoltre ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, antrachinoni, ma anche amido, mucillagini e oli. Aiuta a combattere disturbi dell’apparato digestive, febbre, ulcerazioni della bocca, inappetenza, difficoltà di digestione, sempre che, come detto in precedenza, la si assuma con una certa cautela, del resto il suo sapore decisamente acidulo è già di per sé un eccellente deterrente contro un consumo eccessivo.

In cucina la si utilizza in particolar modo cruda, in piccole quantità in aggiunta alle insalate, cui conferisce un sapore più intenso, ma è ottima anche saltata in padella, con un filo d’olio e uno spicchio di aglio, insieme a verdure verdi come spinaci o erbette. Può essere aggiunta, sempre in minima parte, nelle frittate, per dare quel tocco di sapore in più, o anche in aggiunta ad un classico minestrone di verdure, insomma basta dare sfogo alla fantasia e certamente la si potrà utilizzare in qualche altro modo.

Viene anche utilizzata in erboristeria, dal momento che si tratta di un’erba officinale. Un decotto di acetosella è utile come diuretico e rinfrescante, per il trattamento delle gengiviti e di un po’ tutte le infiammazioni della bocca in generale. I cataplasmi di acetosa sono utili in caso di punture d’insetti, ma anche come eccellente rimedio contro le irritazioni della pelle.

Come detto in precedenza, va consumata con una certa cautela, senza mai eccedere, anche perché i derivati dell’acetosella possono presentare delle nefrotossicità, per cui è controindicata a tutti coloro che soffrono di calcolosi di varia natura, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il Curry, una miscela di spezie dalle fantastiche proprietà curative - giovedì 3 aprile 2014

Il curry è una miscela di spezie di origine indiana dalle fantastiche proprietà curative, perfetta nelle preparazioni di riso, ma anche nella pasta, e tanti altri eccellenti piatti. Oltre al sapore, la sua forza è ........

Come abbassare la glicemia in modo naturale - giovedì 1 giugno 2017

Come abbassare la glicemia in modo naturale, senza utilizzare farmaci, sempre che la glicemia non sia patologica, perché in questo caso non esistono rimedi che possano in qualche modo sostituire i farmaci. La glicemia indica il livello degli ........

Il tofu, proprietà nutritive, benefici e caratteristiche - giovedì 28 aprile 2016

Il tofu, un alimento in grado di apportare molteplici benefici all’organismo ed è ricco di proprietà nutritive, il tutto in pochissime calorie. È un alimento di origine orientale, diffuso in particolar modo in Cina e Giappone, derivato dalla ........

Porro, proprietà e benefici - venerdì 10 novembre 2017

Porro, proprietà e benefici di questa pianta, appartenente alla stessa famiglia di aglio e cipolla, ma dal sapore decisamente più delicato, che si presta a moltissime preparazioni culinarie e che, al tempo stesso, è in grado di apportare molteplici ........

Le 41 verdure più nutrienti e salutari, da non far mai mancare in cucina - giovedì 14 agosto 2014

Le 41 verdure più nutrienti e salutari, da non far mai mancare in cucina, perché si raccomanda sempre di  fare in modo che le verdure diventino sempre più protagoniste dell’alimentazione, per cui sarebbe interessante sapere quali di queste ........



Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Acetosa, cos’è, proprietà, come utilizzarla e controindicazioni freccevenerdì 19 maggio 2017      

L’Acetosa, o Acetosella, è una pianta officinale, spontanea in Italia, ricca di vitamina C e di altre proprietà, tuttavia va consumata con una certa cautela perché in caso di una eccessiva ingestione di foglie crude sono stati rilevati avvelenamenti con severi danni renali. È caratterizzata da un sapore acidulo, dovuto alla presenza di acido ossalico, più o meno marcato, non a tutti gradito, per cui è oggettivamente difficile che se ne possa fare un consumo eccessivo. Si presta comunque a svariati usi in cucina.

L’acetosa o acetosella ha proprietà diuretiche, depurative e digestive, è ricca di vitamina C per cui rappresenta anche un valido aiuto per il sistema immunitario, contiene inoltre ossalati di calcio e di potassio, acido ossalico, tartarico e tannico, antrachinoni, ma anche amido, mucillagini e oli. Aiuta a combattere disturbi dell’apparato digestive, febbre, ulcerazioni della bocca, inappetenza, difficoltà di digestione, sempre che, come detto in precedenza, la si assuma con una certa cautela, del resto il suo sapore decisamente acidulo è già di per sé un eccellente deterrente contro un consumo eccessivo.

In cucina la si utilizza in particolar modo cruda, in piccole quantità in aggiunta alle insalate, cui conferisce un sapore più intenso, ma è ottima anche saltata in padella, con un filo d’olio e uno spicchio di aglio, insieme a verdure verdi come spinaci o erbette. Può essere aggiunta, sempre in minima parte, nelle frittate, per dare quel tocco di sapore in più, o anche in aggiunta ad un classico minestrone di verdure, insomma basta dare sfogo alla fantasia e certamente la si potrà utilizzare in qualche altro modo.

Viene anche utilizzata in erboristeria, dal momento che si tratta di un’erba officinale. Un decotto di acetosella è utile come diuretico e rinfrescante, per il trattamento delle gengiviti e di un po’ tutte le infiammazioni della bocca in generale. I cataplasmi di acetosa sono utili in caso di punture d’insetti, ma anche come eccellente rimedio contro le irritazioni della pelle.

Come detto in precedenza, va consumata con una certa cautela, senza mai eccedere, anche perché i derivati dell’acetosella possono presentare delle nefrotossicità, per cui è controindicata a tutti coloro che soffrono di calcolosi di varia natura, artrite, gotta, reumatismi, iperacidità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: