Articolo Salute Sana alimentazione
Il miele d'api grezzo, un prezioso amico della salute freccelunedì 2 maggio 2016      


Il miele d’api grezzo, un prezioso amico della salute, utilizzato da millenni per curare le infezioni, proprietà confermate ormai da numerose ricerche scientifiche, oltre che da tradizioni millenarie. Naturalmente stiamo parlando del miele grezzo, non riscaldato, pastorizzato o trattato in alcun modo, praticamente non quello che si trova in commercio in quei bei vasetti e che sembra essere quasi traslucido, trasparente. Il miele che fa bene è quello grezzo, che oltre che nei negozi che vendono prodotti biologici, oggi è possibile trovare anche in alcuni supermercati. Questo miele è un vero amico della salute, in grado di curare tante infezioni, grazie alle sue proprietà che lo rendono a tutti gli effetti un vero e proprio antibiotico naturale.

Secondo molte recenti ricerche, alcune proteine presenti nel miele grezzo, sono in grado di curare le infezioni, anche quelle della pelle, le ustioni, e sembra che addirittura siano in grado di contrastare il sempre più preoccupante fenomeno della resistenza agli antibiotici, un gravissimo problema con cui l’umanità è costretta a fare i conti. Secondo un recente studio dell'Università di Lund, in Svezia, coordinato dal dott. Tobias Olofsson, nel miele grezzo sarebbero presenti un gruppo di 13 batteri lattici, così chiamati in quanto capaci di convertire il lattosio e altri zuccheri in acido lattico, in grado di promuovere la produzione di una miriade di composti antimicrobici dai potenti effetti curativi.

Gli antibiotici tradizionali, i farmaci, contengono un principio attivo in grado di intervenire contro una ristretta gamma di agenti patogeni, cosa che ne limita l’utilizzo, che oltre tutto negli ultimi anni sta cominciando ad essere vanificato dalla resistenza agli antibiotici, di cui è responsabile il colpevole massiccio utilizzo di tali farmaci negli allevamenti, nonché anche un uso errato in quanto in molti casi gli antibiotici vengono utilizzati come automedicazione anche quando questi non sono affatto necessari, ovvero del tutto inutili.

L’azione del miele è completamente diversa. Infatti i 13 batteri lattici producono, di volta in volta, il tipo di composti antimicrobici più adatti a contrastare le minacce presenti nell’organismo, per cui il miele risulta essere un antibiotico in grado di affrontare, meglio di altri, tutte le infezioni che possono colpire l’organismo. Questi batteri lattici non sono presenti nel miele raffinato, per cui nel tempo si sono persi i vantaggi dell’utilizzo del miele che, una volta, era utilizzato con successo per combattere tutte le infezioni. Per poter usufruire delle straordinarie virtù di questo meraviglioso prodotto dell’operosità delle api, è necessario utilizzare quelli grezzo, non raffinato.

Il miele grezzo contiene enzimi e probiotici, preziosi elementi che invece vengono distrutti quando viene riscaldato e raffinato, o utilizzato in applicazioni di cottura. Questi composti sono estremamente importanti e apportano molti benefici noti per la salute. L’amilasi, l'enzima attivo per la digestione dell’amido, è presente solo nella forma grezza di miele in una forma nota come diastasi, e si ritiene che possa intervenire anche come compensatore dei complessi immuni antigene-anticorpo associati alle allergie dei pollini, riducendo anche le infiammazioni ad esse correlate. Nel miele grezzo è presente l'enzima glucosio ossidasi, che promuove la produzione di perossido di idrogeno, dalle tante proprietà curative.

Un altro recente studio ha dimostrato che i polifenoli presenti nel miele grezzo sono anche in gradi di riparare il danno al DNA prodotto dai pesticidi che si utilizzano in agricoltura, un’altra sorprendente proprietà del nettare delle api, che si dimostra ancora una volta essere un elemento insostituibile per il benessere dell’organismo. Nulla di meglio, quindi, che fare colazione con qualche fetta biscottata, meglio se integrale, con sopra spalmato un bel po’ di miele grezzo. Oltre al sistema immunitario, ne godrà anche il palato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mousse di fragole con panna
Lavare e asciugare le fragole delicatamente, infine privarle del picciolo. Frullare con 70 gr di zucchero e l’acqua di fiori di arancio, fino ad ottenere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Additivi alimentari, quali sono quelli cui fare molta attenzione - lunedì 7 aprile 2014

Additivi alimentari, ve ne sono alcuni, anzi una buona fetta, che qualche perplessità la suscitano, perché possono essere anche molto pericolosi per la salute. Quelli ammessi dalla legislazione europea sono più di 300, e per legge devono essere ........

Come abbassare la glicemia in modo naturale - giovedì 1 giugno 2017

Come abbassare la glicemia in modo naturale, senza utilizzare farmaci, sempre che la glicemia non sia patologica, perché in questo caso non esistono rimedi che possano in qualche modo sostituire i farmaci. La glicemia indica il livello degli ........

Tè verde, benefici e controindicazioni - venerdì 15 gennaio 2016

Tè verde, proprietà, benefici e controindicazioni, tutto ciò che c’è da sapere su questa bevanda sempre più amata ed utilizzata. Questo tipo di tè, ottenuto dalle foglie della Camellia Sinensis, è sottoposto ad una particolare lavorazione, ........

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative - venerdì 8 agosto 2014

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative, poco conosciuto e quindi anche utilizzato raramente, mentre invece sarebbe conveniente  prenderlo più seriamente in considerazione. Se ne fa un gran parlare in questi ........

Micosi delle unghie - sabato 7 settembre 2013
La micosi delle unghie è un’ infezione causata dai funghi dermatofiti, dai lieviti o dalle muffe,che aggrediscono la lamina dell’unghia. Possono colpire le unghie delle mani così come anche quelle dei piedi, aggredendo una o più unghie. I funghi ........



Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Il miele d'api grezzo, un prezioso amico della salute freccelunedì 2 maggio 2016      

Il miele d’api grezzo, un prezioso amico della salute, utilizzato da millenni per curare le infezioni, proprietà confermate ormai da numerose ricerche scientifiche, oltre che da tradizioni millenarie. Naturalmente stiamo parlando del miele grezzo, non riscaldato, pastorizzato o trattato in alcun modo, praticamente non quello che si trova in commercio in quei bei vasetti e che sembra essere quasi traslucido, trasparente. Il miele che fa bene è quello grezzo, che oltre che nei negozi che vendono prodotti biologici, oggi è possibile trovare anche in alcuni supermercati. Questo miele è un vero amico della salute, in grado di curare tante infezioni, grazie alle sue proprietà che lo rendono a tutti gli effetti un vero e proprio antibiotico naturale.

Secondo molte recenti ricerche, alcune proteine presenti nel miele grezzo, sono in grado di curare le infezioni, anche quelle della pelle, le ustioni, e sembra che addirittura siano in grado di contrastare il sempre più preoccupante fenomeno della resistenza agli antibiotici, un gravissimo problema con cui l’umanità è costretta a fare i conti. Secondo un recente studio dell'Università di Lund, in Svezia, coordinato dal dott. Tobias Olofsson, nel miele grezzo sarebbero presenti un gruppo di 13 batteri lattici, così chiamati in quanto capaci di convertire il lattosio e altri zuccheri in acido lattico, in grado di promuovere la produzione di una miriade di composti antimicrobici dai potenti effetti curativi.

Gli antibiotici tradizionali, i farmaci, contengono un principio attivo in grado di intervenire contro una ristretta gamma di agenti patogeni, cosa che ne limita l’utilizzo, che oltre tutto negli ultimi anni sta cominciando ad essere vanificato dalla resistenza agli antibiotici, di cui è responsabile il colpevole massiccio utilizzo di tali farmaci negli allevamenti, nonché anche un uso errato in quanto in molti casi gli antibiotici vengono utilizzati come automedicazione anche quando questi non sono affatto necessari, ovvero del tutto inutili.

L’azione del miele è completamente diversa. Infatti i 13 batteri lattici producono, di volta in volta, il tipo di composti antimicrobici più adatti a contrastare le minacce presenti nell’organismo, per cui il miele risulta essere un antibiotico in grado di affrontare, meglio di altri, tutte le infezioni che possono colpire l’organismo. Questi batteri lattici non sono presenti nel miele raffinato, per cui nel tempo si sono persi i vantaggi dell’utilizzo del miele che, una volta, era utilizzato con successo per combattere tutte le infezioni. Per poter usufruire delle straordinarie virtù di questo meraviglioso prodotto dell’operosità delle api, è necessario utilizzare quelli grezzo, non raffinato.

Il miele grezzo contiene enzimi e probiotici, preziosi elementi che invece vengono distrutti quando viene riscaldato e raffinato, o utilizzato in applicazioni di cottura. Questi composti sono estremamente importanti e apportano molti benefici noti per la salute. L’amilasi, l'enzima attivo per la digestione dell’amido, è presente solo nella forma grezza di miele in una forma nota come diastasi, e si ritiene che possa intervenire anche come compensatore dei complessi immuni antigene-anticorpo associati alle allergie dei pollini, riducendo anche le infiammazioni ad esse correlate. Nel miele grezzo è presente l'enzima glucosio ossidasi, che promuove la produzione di perossido di idrogeno, dalle tante proprietà curative.

Un altro recente studio ha dimostrato che i polifenoli presenti nel miele grezzo sono anche in gradi di riparare il danno al DNA prodotto dai pesticidi che si utilizzano in agricoltura, un’altra sorprendente proprietà del nettare delle api, che si dimostra ancora una volta essere un elemento insostituibile per il benessere dell’organismo. Nulla di meglio, quindi, che fare colazione con qualche fetta biscottata, meglio se integrale, con sopra spalmato un bel po’ di miele grezzo. Oltre al sistema immunitario, ne godrà anche il palato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: