Articolo Salute Sana alimentazione
Più frutta fresca vuol dire minor rischio di infarto e ictus freccevenerdì 8 aprile 2016      


Più frutta fresca equivale ad un minor rischio di infarto e ictus. Lo dimostra uno studio condotto dall’Università di Oxford in collaborazione con l’Accademia Cinese delle Scienze Mediche. Lo studio in questione ha coinvolto circa 500mila persone di età compresa tra i 30 e i 79 anni, persone osservate per 7 anni, per cui si tratta di una ricerca la cui valenza è decisamente notevole. Solo il 18% dei partecipanti allo studio consumava quotidianamente frutta fresca.

Alla fine del periodo di osservazione si è constatato che i soggetti abituati a consumare frutta, almeno 100 grammi al giorno, erano coloro che presentavano una migliore salute cardiovascolare, con livelli più bassi di zuccheri nel sangue, di colesterolo LDL e di pressione arteriosa, tutti fattori che ormai tutti ben sanno essere un serio fattore di rischio, se elevati. Questo grazie al consistente contenuto di potassio, fibre e antiossidanti presenti nella frutta fresca che di fatto sono indispensabili per la salute del cuore e dei vasi sanguigni.

Ormai è sempre più evidente, e lo confermano sempre più spesso una serie di ricerche, che l’alimentazione è in grado di fare la differenza tra la buona salute e una vita piena di acciacchi. Purtroppo si è sempre più bersagliati da pubblicità che ci propinano una seria di alimenti che invece con la salute vanno poco d’accordo. Si tratta dei soliti cibi belli e pronti, da mettere solo qualche minuto nel microonde, e poi direttamente in tavola, senza poi contare i tanti prodotti da forno che contengono di tutto e di più.

Contengono quasi tutti conservanti e altri elementi poco salutari, come il sempre più universalmente presente olio di palma che ormai, come riconosciuto anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un vero attentato per il colesterolo. Se si considera poi che questi alimenti, le tante merendine e biscotti, senza contare poi la Nutella nazionale, sono consumati in modo particolare dai bambini e dagli adolescenti, dovrebbe essere chiaro a tutti che il rischio che questi piccoli consumatori possano, nel corso degli anni, avere problemi di salute legati al rischio colesterolo LDL, è decisamente elevato.

La controprova, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che l’olio di palma non è certo amico della salute e del pianeta, mentre lo è del portafoglio delle aziende produttrici, è la recente campagna pubblicitaria in suo favore. I consumatori responsabili dovrebbero essere più attenti nel leggere le etichette, visto che ormai è obbligatorio indicarvi il tipo di olio utilizzato, e fare quindi la loro scelta.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Bere caffè fa bene al fisico e alla mente - giovedì 14 novembre 2013

Bere il caffè fa bene, berlo tutti i giorni fa ancora meglio, perché è ricco di tante buone proprietà. Secondo studi recenti, che confermano del resto quanto già verificato anni addietro,  il caffè è ricco di antiossidanti, che rispetto ........

10 cibi sani che non dovrebbero mai mancare nella dieta - lunedì 4 agosto 2014

10 cibi sani che non dovrebbero mai mancare nella dieta, perché è con una corretta alimentazione che è possibile contare su di una buona salute e su di una altrettanto buona aspettativa di vita. Lo stile di vita, nel bene e nel male, influenza ........

Curcuma, tanti benefici per la salute ma senza abusarne - lunedì 15 settembre 2014

La curcuma, una spezia dai tanti benefici ma che potrebbe avere anche qualche effetto collaterale se se ne abusa.  È presente nel curry, una miscela di spezie tipica della cucina indiana, ma la si trova anche da sola, in polvere, da aggiungere ........

Come sostituire il burro nelle ricette di tutti i giorni - venerdì 26 febbraio 2016

Come sostituire il burro nelle ricette di tutti i giorni, in modo da utilizzare delle alternative valide sia per i soggetti che seguono una dieta vegana, sia per coloro che devono tenere sotto controllo il colesterolo. Il burro è un alimento ........

Le mandorle, 30 grammi al giorno, un pieno di energia buona - lunedì 23 maggio 2016

Le mandorle, 30 grammi al giorno, un pieno di energia buona che allunga la vita. E sì, perché le mandorle, come del resto la maggior parte  della frutta secca, sono ricche di vitamine e Sali minerali fondamentali per la salute dell’organismo, ........



Ricetta del giorno
Casarecce con crema di porri e zucca
Lavare accuratamente i porri, eliminare buona parte dello stelo verde e tagliare poi a fette sottili. Se si vuole avere un sapore più intenso, affettare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Più frutta fresca vuol dire minor rischio di infarto e ictus freccevenerdì 8 aprile 2016      

Più frutta fresca equivale ad un minor rischio di infarto e ictus. Lo dimostra uno studio condotto dall’Università di Oxford in collaborazione con l’Accademia Cinese delle Scienze Mediche. Lo studio in questione ha coinvolto circa 500mila persone di età compresa tra i 30 e i 79 anni, persone osservate per 7 anni, per cui si tratta di una ricerca la cui valenza è decisamente notevole. Solo il 18% dei partecipanti allo studio consumava quotidianamente frutta fresca.

Alla fine del periodo di osservazione si è constatato che i soggetti abituati a consumare frutta, almeno 100 grammi al giorno, erano coloro che presentavano una migliore salute cardiovascolare, con livelli più bassi di zuccheri nel sangue, di colesterolo LDL e di pressione arteriosa, tutti fattori che ormai tutti ben sanno essere un serio fattore di rischio, se elevati. Questo grazie al consistente contenuto di potassio, fibre e antiossidanti presenti nella frutta fresca che di fatto sono indispensabili per la salute del cuore e dei vasi sanguigni.

Ormai è sempre più evidente, e lo confermano sempre più spesso una serie di ricerche, che l’alimentazione è in grado di fare la differenza tra la buona salute e una vita piena di acciacchi. Purtroppo si è sempre più bersagliati da pubblicità che ci propinano una seria di alimenti che invece con la salute vanno poco d’accordo. Si tratta dei soliti cibi belli e pronti, da mettere solo qualche minuto nel microonde, e poi direttamente in tavola, senza poi contare i tanti prodotti da forno che contengono di tutto e di più.

Contengono quasi tutti conservanti e altri elementi poco salutari, come il sempre più universalmente presente olio di palma che ormai, come riconosciuto anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un vero attentato per il colesterolo. Se si considera poi che questi alimenti, le tante merendine e biscotti, senza contare poi la Nutella nazionale, sono consumati in modo particolare dai bambini e dagli adolescenti, dovrebbe essere chiaro a tutti che il rischio che questi piccoli consumatori possano, nel corso degli anni, avere problemi di salute legati al rischio colesterolo LDL, è decisamente elevato.

La controprova, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che l’olio di palma non è certo amico della salute e del pianeta, mentre lo è del portafoglio delle aziende produttrici, è la recente campagna pubblicitaria in suo favore. I consumatori responsabili dovrebbero essere più attenti nel leggere le etichette, visto che ormai è obbligatorio indicarvi il tipo di olio utilizzato, e fare quindi la loro scelta.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: