Articolo Salute Sana alimentazione
Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco freccevenerdì 18 marzo 2016      


Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco, proprio perché durante la lavorazione cui viene sottoposto il riso per ottenere quello bianco, si perdono la maggior parte delle sostanze nutritive utili all’organismo. Il suo solo vantaggio è che, al pari di tutti gli altri alimenti raffinati come ad esempio la farina doppio zero, può essere conservato per lunghi periodi senza il rischio che possa irrancidire, proprio perché non appetito da muffe e microrganismi, come invece accade per gli alimenti integrali. Ma questo piccolo inconveniente è facilmente superabile semplicemente acquistando una quantità minore di prodotto, in modo che lo si possa consumare rapidamente. In compenso i vantaggi sono notevoli.

Il riso integrale viene comunque lavorato, ma viene privato solo della parte esterna che tra l’altro non è commestibile, la lolla, e in questo modo tutte le sostanze nutritive e benefiche per la salute presenti nel chicco restano del tutto inalterate, e questo a tutto vantaggio dell’organismo, ma anche del gusto che, basta provare per rendersene conto, è decisamente più soddisfacente. Ragion per cui il riso integrale è certamente da preferirsi a quello bianco per il suo apporto di nutrienti di maggior qualità.

Inoltre, cosa da non sottovalutare, è anche più facilmente digeribile. Ma quali sono le sue proprietà che lo rendono decisamente migliore del riso raffinato?

  • Contiene il doppio di fosforo;
  • contiene il doppio di manganese, fondamentale per la produzione di energia, per il rilascio degli ormoni, senza contare che è un antiossidante;
  • contiene più del doppio di ferro;
  • contiene il triplo di vitamina B3;
  • contiene il quadruplo di vitamina B1;
  • contiene una quantità di vitamina B6 dieci volte maggiore;
  • il suo elevato contenuto di fibre e selenio previene le malattie intestinali;
  • i suoi tanti fitonutrienti sono importanti per la prevenzione delle malattie cardiache e degenerative;
  • aiuta a controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo LDL;
  • favorisce le funzioni metaboliche e quindi previene obesità e insufficienza renale.

Come detto in precedenza, è di facile digeribilità anche se un tempo, erroneamente, se ne sconsigliava il consumo ai convalescenti per timore che il suo alto contenuto di fibre potesse provocare dei fastidi digestivi. La sola precauzione da adottare è quella di controllarlo prima di utilizzarlo per verificare che non sia irrancidito, ma se acquistato in piccole quantità, tale rischio è decisamente remoto.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne - giovedì 3 marzo 2016

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne per ottenere il massimo dei benefici per la salute. Da poco arrivata sulle nostre tavole, grazie anche alla cresciuta notorietà acquisita in quanti ultimi mesi, la curcuma è una spezia dalla ........

Additivi alimentari, quali sono quelli cui fare molta attenzione - lunedì 7 aprile 2014

Additivi alimentari, ve ne sono alcuni, anzi una buona fetta, che qualche perplessità la suscitano, perché possono essere anche molto pericolosi per la salute. Quelli ammessi dalla legislazione europea sono più di 300, e per legge devono essere ........

I cibi perfetti per bruciare calorie - lunedì 11 agosto 2014

I cibi perfetti per bruciare calorie, quelli che aiutano a mantenersi in forma, perché consentono di far fuori quelle calorie di troppo che poi non fanno altro che accumularsi, sotto forma di massa grassa, un po’ ovunque, spianando la strada ........

Erba cipollina, proprietà e benefici - venerdì 10 novembre 2017

Erba cipollina, proprietà e benefici di questa simpatica pianta medicinale e aromatica, largamente utilizzata in cucina, ma anche dotata di non poche virtù amiche della salute. Di questa pianta si utilizzano le foglie, sia fresche che essiccate, ........

Insalate in busta, quanto sono sicure? - mercoledì 2 ottobre 2013
A volte dopo aver acquistato l’insalata in busta ci si chiede quanto sia effettivamente sicura. Succede che non sai cosa preparare, hai fretta, sei stanca e anche un piatto d’insalata rischia di sembrare un’impresa un po’ troppo impegnativa. ........



Ricetta del giorno
Caprese mozzarella e anguria
Fare bollire l'aceto balsamico e lo zucchero in un pentolino a fuoco medio fin quando non avrà assunto l'aspetto di uno sciroppo denso, simile al miele, ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco freccevenerdì 18 marzo 2016      

Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco, proprio perché durante la lavorazione cui viene sottoposto il riso per ottenere quello bianco, si perdono la maggior parte delle sostanze nutritive utili all’organismo. Il suo solo vantaggio è che, al pari di tutti gli altri alimenti raffinati come ad esempio la farina doppio zero, può essere conservato per lunghi periodi senza il rischio che possa irrancidire, proprio perché non appetito da muffe e microrganismi, come invece accade per gli alimenti integrali. Ma questo piccolo inconveniente è facilmente superabile semplicemente acquistando una quantità minore di prodotto, in modo che lo si possa consumare rapidamente. In compenso i vantaggi sono notevoli.

Il riso integrale viene comunque lavorato, ma viene privato solo della parte esterna che tra l’altro non è commestibile, la lolla, e in questo modo tutte le sostanze nutritive e benefiche per la salute presenti nel chicco restano del tutto inalterate, e questo a tutto vantaggio dell’organismo, ma anche del gusto che, basta provare per rendersene conto, è decisamente più soddisfacente. Ragion per cui il riso integrale è certamente da preferirsi a quello bianco per il suo apporto di nutrienti di maggior qualità.

Inoltre, cosa da non sottovalutare, è anche più facilmente digeribile. Ma quali sono le sue proprietà che lo rendono decisamente migliore del riso raffinato?

  • Contiene il doppio di fosforo;
  • contiene il doppio di manganese, fondamentale per la produzione di energia, per il rilascio degli ormoni, senza contare che è un antiossidante;
  • contiene più del doppio di ferro;
  • contiene il triplo di vitamina B3;
  • contiene il quadruplo di vitamina B1;
  • contiene una quantità di vitamina B6 dieci volte maggiore;
  • il suo elevato contenuto di fibre e selenio previene le malattie intestinali;
  • i suoi tanti fitonutrienti sono importanti per la prevenzione delle malattie cardiache e degenerative;
  • aiuta a controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo LDL;
  • favorisce le funzioni metaboliche e quindi previene obesità e insufficienza renale.

Come detto in precedenza, è di facile digeribilità anche se un tempo, erroneamente, se ne sconsigliava il consumo ai convalescenti per timore che il suo alto contenuto di fibre potesse provocare dei fastidi digestivi. La sola precauzione da adottare è quella di controllarlo prima di utilizzarlo per verificare che non sia irrancidito, ma se acquistato in piccole quantità, tale rischio è decisamente remoto.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: