Articolo Salute Sana alimentazione
Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco freccevenerdì 18 marzo 2016      


Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco, proprio perché durante la lavorazione cui viene sottoposto il riso per ottenere quello bianco, si perdono la maggior parte delle sostanze nutritive utili all’organismo. Il suo solo vantaggio è che, al pari di tutti gli altri alimenti raffinati come ad esempio la farina doppio zero, può essere conservato per lunghi periodi senza il rischio che possa irrancidire, proprio perché non appetito da muffe e microrganismi, come invece accade per gli alimenti integrali. Ma questo piccolo inconveniente è facilmente superabile semplicemente acquistando una quantità minore di prodotto, in modo che lo si possa consumare rapidamente. In compenso i vantaggi sono notevoli.

Il riso integrale viene comunque lavorato, ma viene privato solo della parte esterna che tra l’altro non è commestibile, la lolla, e in questo modo tutte le sostanze nutritive e benefiche per la salute presenti nel chicco restano del tutto inalterate, e questo a tutto vantaggio dell’organismo, ma anche del gusto che, basta provare per rendersene conto, è decisamente più soddisfacente. Ragion per cui il riso integrale è certamente da preferirsi a quello bianco per il suo apporto di nutrienti di maggior qualità.

Inoltre, cosa da non sottovalutare, è anche più facilmente digeribile. Ma quali sono le sue proprietà che lo rendono decisamente migliore del riso raffinato?

  • Contiene il doppio di fosforo;
  • contiene il doppio di manganese, fondamentale per la produzione di energia, per il rilascio degli ormoni, senza contare che è un antiossidante;
  • contiene più del doppio di ferro;
  • contiene il triplo di vitamina B3;
  • contiene il quadruplo di vitamina B1;
  • contiene una quantità di vitamina B6 dieci volte maggiore;
  • il suo elevato contenuto di fibre e selenio previene le malattie intestinali;
  • i suoi tanti fitonutrienti sono importanti per la prevenzione delle malattie cardiache e degenerative;
  • aiuta a controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo LDL;
  • favorisce le funzioni metaboliche e quindi previene obesità e insufficienza renale.

Come detto in precedenza, è di facile digeribilità anche se un tempo, erroneamente, se ne sconsigliava il consumo ai convalescenti per timore che il suo alto contenuto di fibre potesse provocare dei fastidi digestivi. La sola precauzione da adottare è quella di controllarlo prima di utilizzarlo per verificare che non sia irrancidito, ma se acquistato in piccole quantità, tale rischio è decisamente remoto.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Muffin al cioccolato
Unire in una ciotola tutti gli ingredienti solidi, quindi la farina, lo zucchero, il cacao magro, il lievito, il bicarbonato e un pizzico di sale, dopo ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il Melograno, amico della salute, proprietà e benefici - mercoledì 24 gennaio 2018

Il Melograno, un frutto amico della salute, ricco di tante proprietà nutrizionali e benefiche per l’organismo, che ha il solo difetto di essere presente solo per poco tempo sui banchi di frutta. È un frutto tipicamente autunnale-invernale, ........

Olio evo, alcune delle proprietà che lo rendono un vero amico della salute - mercoledì 19 aprile 2017

Olio evo, l’olio extravergine di oliva, l’amico della salute, elemento insostituibile della dieta mediterranea, la dieta che tutto il mondo ci invidia. Un alimento speciale, unico nel suo genere, ricco di tante ottime proprietà, scientificamente ........

Anguria, il frutto estivo dalle tante proprietà benefiche - mercoledì 8 giugno 2016

Anguria, il frutto estivo dalle tante straordinarie proprietà benefiche, ma anche fresco e dissetante, perfetto per tutte le occasioni. Disseta e contribuisce ad idratare l’organismo nelle calde giornate estive visto che è costituito per il ........

Micosi delle unghie - sabato 7 settembre 2013
La micosi delle unghie è un’ infezione causata dai funghi dermatofiti, dai lieviti o dalle muffe,che aggrediscono la lamina dell’unghia. Possono colpire le unghie delle mani così come anche quelle dei piedi, aggredendo una o più unghie. I funghi ........

Insalate in busta, quanto sono sicure? - mercoledì 2 ottobre 2013
A volte dopo aver acquistato l’insalata in busta ci si chiede quanto sia effettivamente sicura. Succede che non sai cosa preparare, hai fretta, sei stanca e anche un piatto d’insalata rischia di sembrare un’impresa un po’ troppo impegnativa. ........



Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco freccevenerdì 18 marzo 2016      

Il riso integrale, decisamente meglio del riso bianco, proprio perché durante la lavorazione cui viene sottoposto il riso per ottenere quello bianco, si perdono la maggior parte delle sostanze nutritive utili all’organismo. Il suo solo vantaggio è che, al pari di tutti gli altri alimenti raffinati come ad esempio la farina doppio zero, può essere conservato per lunghi periodi senza il rischio che possa irrancidire, proprio perché non appetito da muffe e microrganismi, come invece accade per gli alimenti integrali. Ma questo piccolo inconveniente è facilmente superabile semplicemente acquistando una quantità minore di prodotto, in modo che lo si possa consumare rapidamente. In compenso i vantaggi sono notevoli.

Il riso integrale viene comunque lavorato, ma viene privato solo della parte esterna che tra l’altro non è commestibile, la lolla, e in questo modo tutte le sostanze nutritive e benefiche per la salute presenti nel chicco restano del tutto inalterate, e questo a tutto vantaggio dell’organismo, ma anche del gusto che, basta provare per rendersene conto, è decisamente più soddisfacente. Ragion per cui il riso integrale è certamente da preferirsi a quello bianco per il suo apporto di nutrienti di maggior qualità.

Inoltre, cosa da non sottovalutare, è anche più facilmente digeribile. Ma quali sono le sue proprietà che lo rendono decisamente migliore del riso raffinato?

  • Contiene il doppio di fosforo;
  • contiene il doppio di manganese, fondamentale per la produzione di energia, per il rilascio degli ormoni, senza contare che è un antiossidante;
  • contiene più del doppio di ferro;
  • contiene il triplo di vitamina B3;
  • contiene il quadruplo di vitamina B1;
  • contiene una quantità di vitamina B6 dieci volte maggiore;
  • il suo elevato contenuto di fibre e selenio previene le malattie intestinali;
  • i suoi tanti fitonutrienti sono importanti per la prevenzione delle malattie cardiache e degenerative;
  • aiuta a controllare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo LDL;
  • favorisce le funzioni metaboliche e quindi previene obesità e insufficienza renale.

Come detto in precedenza, è di facile digeribilità anche se un tempo, erroneamente, se ne sconsigliava il consumo ai convalescenti per timore che il suo alto contenuto di fibre potesse provocare dei fastidi digestivi. La sola precauzione da adottare è quella di controllarlo prima di utilizzarlo per verificare che non sia irrancidito, ma se acquistato in piccole quantità, tale rischio è decisamente remoto.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: