Articolo Fai da te Soluzioni facili
Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi con un ingrediente che non ti aspetti freccegiovedì 17 marzo 2016      


Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi Con un ingrediente che non ti aspetti, un metodo semplice ed economico, uno dei rimedi della nonna, sempre efficace: il riso. Si, perché il riso, come forse non tutti sanno, ha la capacità di assorbire l’umidità, e per questo non c’è bisogno di un riso particolare, di quelli per risotti o che non scuociono, basta un riso qualunque, come quello che molti piccoli esercizi commerciali vendono sfuso, per cui è possibile trovarlo a costi veramente irrisori. Del resto, un tempo, quando non esistevano altri sistemi, si riusciva lo stesso a risolvere il problema dell’umidità, così come si riuscivano ad affrontare e risolvere diversi inconvenienti con ciò che si aveva a disposizione, in modo decisamente economico e anche efficace.

Capita a volte che in un armadio si formi dell’umidità, e i motivi di questo inconveniente sono diversi. Può accadere perché non si arieggia a sufficienza il locale in cui è presente il mobile, o anche, e forse più spesso, perché questo è addossato ad una parete umida, cosa assai più frequente nei locali posti al pian terreno, quando non si è provveduto ad un efficace isolamento tra il suolo, i muri e il pavimento. In questo caso, l’umidità risale lungo le pareti per capillarità, e i danni che questa può arrecare sono molteplici, tra questi anche quelli prodotti agli indumenti presenti negli armadi.

Ovviamente, se negli armadi è presente dell’umidità, questa si trasferisce anche in ciò che in esso è contenuto, come capi di abbigliamento, biancheria e altro ancora. L’umidità genera anche cattivi odori è ciò è dovuto alla muffa composta da microscopici funghi che, oltre tutto, possono essere causa di dermatiti e altri fastidi per la salute, che in alcuni casi possono essere anche di una certa rilevanza. Oltre al cattivo odore, la muffa macchia anche i capi di abbigliamento e, se non eliminata tempestivamente, li può danneggiare anche irrimediabilmente.

Va quindi affrontata con decisione e, per prima cosa bisogna provvedere ad una adeguata arieggiatura del locale, operazione che andrebbe fatta tutti i giorni, inoltre i capi danneggiati vanno trattati adeguatamente e tenuti all’aria in modo da farli asciugare. Allontanare almeno di una decina di centimetri gli armadi, o qualsiasi altro mobile di casa, dalle pareti umide, in modo da ridurre il rischio che il legno possa assorbire l’umidità e poi, ricorrere al riso, la soluzione definitiva.

Realizzare, o acquistare, dei piccoli sacchetti fatti in tela dotati di un laccetto di chiusura, come la tela dei sacchi, e riempirli con 40 grammi di riso, dopo di che sistemarli tra la biancheria, appesi alle grucce degli abiti o anche all’asta che sostiene le grucce che è presente in tutti gli armadi. Inoltre, se l’umidità è parecchia, utilizzare anche dei piccoli contenitori, si possono riciclare per esempio quelli dei gelati o degli yogurt, con all’interno del riso e posizionarli lungo la parete di fondo dell’armadio, e il riso assorbirà l’umidità, risolvendo il problema. Ricordarsi di sostituire il riso ogni 15 giorni.

Resta poi il problema legato al cattivo odore di cui è responsabile la muffa, ma anche in questo i vecchi rimedi della nonna potranno aiutarci nell’impresa. Inserire nell’armadio una ciotola con del succo di limone, un metodo infallibile per assorbire gli odori indesiderati, cosa che è possibile ottenere anche con del bicarbonato di sodio, cosa che tutte le massaie sanno in quanto già lo utilizzano nel frigo per eliminare gli odori. Alla fine, con un po’ di attenzione e pochi soldi, si riuscirà a risolvere il problema, e l’umidità e il cattivo odore saranno solo un lontano ricordo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Arancini di riso alla siciliana
Fate lessare il riso in abbondante acqua salata, sgocciolatelo bene e ancora caldo mantecatelo con lo zafferano, il parmigiano grattugiato e due delle ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Come confezionare alla perfezione un regalo - mercoledì 4 dicembre 2013
Natale è anche regali o forse soprattutto questo: dipende dai punti di vista. Tutti riceveremo sicuramente un pensiero, azzeccato o meno che sia, dalla persona amata o da parte dei familiari e nonostante la crisi, oramai nostra amica, ognuno di ........

Come creare dei vasi da fiori con delle cannucce - martedì 23 dicembre 2014
Se si è amanti del fai da te si potrebbero realizzare, a costi quasi nulli, delle piccole decorazioni per la nostra casa, in modo da dare un piccolo tocco di creatività e colore alla dimora. Una scelta accattivante potrebbe ........

Detersivi naturali fatti in casa - martedì 12 novembre 2013
I detersivi naturali fatti in casa sono un'ottima alternativa all'uso dei classici detersivi di origine chimica, innazi tutto per una questione di natura economica e poi perchè questo tipo di detersivi non danneggia nè l'ambiente in cui viviamo, ........

Il sale grosso, un ottimo rimedio contro l’umidità - martedì 10 novembre 2015

Il sale grosso, un eccellente rimedio contro l’umidità che a volte è una presenza indesiderata e più che fastidiose per molte case. Oltre a rappresentare un fastidio in quanto è antiestetica e inoltre danneggia tutti ciò che si trova nelle ........

Come realizzare una lanterna di terracotta - lunedì 19 maggio 2014
Se si vuole creare un'atmosfera particolare e suggestive senza spendere troppo denaro, si potrebbero creare delle lanterne di terracotta, che senza farci spendere troppo potrebbero risolvere il problema dell'atmosfera. In questa breve ........



Ricetta del giorno
Mezze maniche al forno gratinate con mozzarella di bufala e zucchine
In una pentola ponete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e e una cipolla rossa tagliata a fettine sottili, poi aggiungete i pomodori pelati e ....



 articolo Fai da te Soluzioni facili
Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi con un ingrediente che non ti aspetti freccegiovedì 17 marzo 2016      

Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi Con un ingrediente che non ti aspetti, un metodo semplice ed economico, uno dei rimedi della nonna, sempre efficace: il riso. Si, perché il riso, come forse non tutti sanno, ha la capacità di assorbire l’umidità, e per questo non c’è bisogno di un riso particolare, di quelli per risotti o che non scuociono, basta un riso qualunque, come quello che molti piccoli esercizi commerciali vendono sfuso, per cui è possibile trovarlo a costi veramente irrisori. Del resto, un tempo, quando non esistevano altri sistemi, si riusciva lo stesso a risolvere il problema dell’umidità, così come si riuscivano ad affrontare e risolvere diversi inconvenienti con ciò che si aveva a disposizione, in modo decisamente economico e anche efficace.

Capita a volte che in un armadio si formi dell’umidità, e i motivi di questo inconveniente sono diversi. Può accadere perché non si arieggia a sufficienza il locale in cui è presente il mobile, o anche, e forse più spesso, perché questo è addossato ad una parete umida, cosa assai più frequente nei locali posti al pian terreno, quando non si è provveduto ad un efficace isolamento tra il suolo, i muri e il pavimento. In questo caso, l’umidità risale lungo le pareti per capillarità, e i danni che questa può arrecare sono molteplici, tra questi anche quelli prodotti agli indumenti presenti negli armadi.

Ovviamente, se negli armadi è presente dell’umidità, questa si trasferisce anche in ciò che in esso è contenuto, come capi di abbigliamento, biancheria e altro ancora. L’umidità genera anche cattivi odori è ciò è dovuto alla muffa composta da microscopici funghi che, oltre tutto, possono essere causa di dermatiti e altri fastidi per la salute, che in alcuni casi possono essere anche di una certa rilevanza. Oltre al cattivo odore, la muffa macchia anche i capi di abbigliamento e, se non eliminata tempestivamente, li può danneggiare anche irrimediabilmente.

Va quindi affrontata con decisione e, per prima cosa bisogna provvedere ad una adeguata arieggiatura del locale, operazione che andrebbe fatta tutti i giorni, inoltre i capi danneggiati vanno trattati adeguatamente e tenuti all’aria in modo da farli asciugare. Allontanare almeno di una decina di centimetri gli armadi, o qualsiasi altro mobile di casa, dalle pareti umide, in modo da ridurre il rischio che il legno possa assorbire l’umidità e poi, ricorrere al riso, la soluzione definitiva.

Realizzare, o acquistare, dei piccoli sacchetti fatti in tela dotati di un laccetto di chiusura, come la tela dei sacchi, e riempirli con 40 grammi di riso, dopo di che sistemarli tra la biancheria, appesi alle grucce degli abiti o anche all’asta che sostiene le grucce che è presente in tutti gli armadi. Inoltre, se l’umidità è parecchia, utilizzare anche dei piccoli contenitori, si possono riciclare per esempio quelli dei gelati o degli yogurt, con all’interno del riso e posizionarli lungo la parete di fondo dell’armadio, e il riso assorbirà l’umidità, risolvendo il problema. Ricordarsi di sostituire il riso ogni 15 giorni.

Resta poi il problema legato al cattivo odore di cui è responsabile la muffa, ma anche in questo i vecchi rimedi della nonna potranno aiutarci nell’impresa. Inserire nell’armadio una ciotola con del succo di limone, un metodo infallibile per assorbire gli odori indesiderati, cosa che è possibile ottenere anche con del bicarbonato di sodio, cosa che tutte le massaie sanno in quanto già lo utilizzano nel frigo per eliminare gli odori. Alla fine, con un po’ di attenzione e pochi soldi, si riuscirà a risolvere il problema, e l’umidità e il cattivo odore saranno solo un lontano ricordo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: