Articolo Salute Sana alimentazione
Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi freccegiovedì 14 gennaio 2016      


Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi, per cui si rivela essere sempre più un vero nemico della salute. Usato troppo spesso e in quantità sempre maggiori, lo zucchero bianco è sempre più nell’occhio del ciclone per la sua pericolosità. Nel processo di raffinazione viene sottoposto ad una serie di trattamenti nei quali vengono utilizzate una serie di sostanze, alcune delle quali molto più che solo potenzialmente cancerogene, soprattutto poi nei trattamenti per renderlo bianco. Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università del Texas ha constatato che un elevato consumo di tale dolcificante, quello tipico della dieta occidentale, è legato ad un aumento del rischio di metastasi polmonari e dello sviluppo di cancro alla mammella.

Secondo Lorenzo Cohen, dottore di ricerca e professore in Medicina Palliativa, di Riabilitazione e Integrativa, uno degli autori della ricerca, sarebbero proprio il saccarosio e il fruttosio i responsabili dell’incremento del rischio cancro, rischio direttamente proporzionale al consumo di tale dolcificante. La dieta occidentale è particolarmente ricca di zucchero raffinato, e questo spiegherebbe l’aumento dei casi di diabete, di aumento di peso, di innalzamento dei valori di glucosio nel sangue e di tumori nel mondo occidentale.

Stesso discorso anche per i dolcificanti artificiali che spesso vengono utilizzati come dolcificanti alternativi, quali aspartame, saccarina e sucralosio, per cui la scelta migliore resta sempre quella di utilizzare dolcificanti naturali, se proprio non se ne può fare a meno. Miele, Stevia e altri dolcificati naturali possono sostituire tranquillamente lo zucchero, così come anche lo zucchero di canna, purché  integrale e non raffinato, Per la Stevia, che secondo alcuni potrebbe essere pericolosa per la salute, ma qui il discorso si farebbe più ampio perché si ritiene che si tratti di un sabotaggio commerciale da parte dei produttori di zucchero, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, ha stabilito che una dose massima giornaliera di 4mg/kg non rappresenta un rischio per la salute.

Per quanto riguarda lo zucchero conviene quindi eliminarlo dalla dieta, a partire dal caffè che, semmai, sarebbe preferibile bere amaro, in modo da gustarne appieno l’aroma, cosa del resto facile perché basta ridurre gradualmente lo zucchero e alla fine ci si abitua. Fare quindi attenzione alle etichette dei prodotti che si acquistano in modo da eliminare dal carrello tutto ciò che contiene zucchero o altri dolcificanti artificiali. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, tuttavia è sempre bene che si tenga in considerazione quanto la ricerca americana ha evidenziato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Spaghettini con zucchine e pomodorini
Portare ad ebollizione in una pentola 3,5 litri d’acqua, salare con sale grosso, e lessare gli spaghettini per 8 minuti.
Nel frattempo, lavare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Farina 00, pericolosa per la salute. Questi i motivi - martedì 18 novembre 2014
La farina 00 è pericolosa per la salute, come del resto lo sono un po’ tutti i prodotti raffinati. Dello zucchero se ne parla ormai da tempo, un po’ meno per la farina, ma l’epidemiologo  professor Franco Berrino è certo della sua pericolosità, ........

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative - venerdì 8 agosto 2014

La Quinoa, un cereale dalle ottime proprietà nutrizionali e curative, poco conosciuto e quindi anche utilizzato raramente, mentre invece sarebbe conveniente  prenderlo più seriamente in considerazione. Se ne fa un gran parlare in questi ........

La Cipolla e le sue tante proprietà benefiche, un’amica della salute - venerdì 11 aprile 2014

La cipolla e le sue tante proprietà benefiche che la rendono una vera amica della salute. È tra quegli alimenti che vengono ormai pressoché universalmente riconosciuti essere dotati di caratteristiche tali da essere praticamente quasi insostituibili ........

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne - giovedì 3 marzo 2016

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne per ottenere il massimo dei benefici per la salute. Da poco arrivata sulle nostre tavole, grazie anche alla cresciuta notorietà acquisita in quanti ultimi mesi, la curcuma è una spezia dalla ........

Colesterolo, i fagioli e i legumi in genere aiutano a contenerlo - lunedì 18 agosto 2014

Colesterolo, i fagioli e i legumi in genere aiutano a contenerlo, ad abbassarlo, riducendo quindi il rischio di malattie cardiovascolari. È noto ormai da tempo che il colesterolo alto è uno dei fattori di rischio per malattie cardiovascolari, ........



Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi freccegiovedì 14 gennaio 2016      

Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi, per cui si rivela essere sempre più un vero nemico della salute. Usato troppo spesso e in quantità sempre maggiori, lo zucchero bianco è sempre più nell’occhio del ciclone per la sua pericolosità. Nel processo di raffinazione viene sottoposto ad una serie di trattamenti nei quali vengono utilizzate una serie di sostanze, alcune delle quali molto più che solo potenzialmente cancerogene, soprattutto poi nei trattamenti per renderlo bianco. Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università del Texas ha constatato che un elevato consumo di tale dolcificante, quello tipico della dieta occidentale, è legato ad un aumento del rischio di metastasi polmonari e dello sviluppo di cancro alla mammella.

Secondo Lorenzo Cohen, dottore di ricerca e professore in Medicina Palliativa, di Riabilitazione e Integrativa, uno degli autori della ricerca, sarebbero proprio il saccarosio e il fruttosio i responsabili dell’incremento del rischio cancro, rischio direttamente proporzionale al consumo di tale dolcificante. La dieta occidentale è particolarmente ricca di zucchero raffinato, e questo spiegherebbe l’aumento dei casi di diabete, di aumento di peso, di innalzamento dei valori di glucosio nel sangue e di tumori nel mondo occidentale.

Stesso discorso anche per i dolcificanti artificiali che spesso vengono utilizzati come dolcificanti alternativi, quali aspartame, saccarina e sucralosio, per cui la scelta migliore resta sempre quella di utilizzare dolcificanti naturali, se proprio non se ne può fare a meno. Miele, Stevia e altri dolcificati naturali possono sostituire tranquillamente lo zucchero, così come anche lo zucchero di canna, purché  integrale e non raffinato, Per la Stevia, che secondo alcuni potrebbe essere pericolosa per la salute, ma qui il discorso si farebbe più ampio perché si ritiene che si tratti di un sabotaggio commerciale da parte dei produttori di zucchero, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, ha stabilito che una dose massima giornaliera di 4mg/kg non rappresenta un rischio per la salute.

Per quanto riguarda lo zucchero conviene quindi eliminarlo dalla dieta, a partire dal caffè che, semmai, sarebbe preferibile bere amaro, in modo da gustarne appieno l’aroma, cosa del resto facile perché basta ridurre gradualmente lo zucchero e alla fine ci si abitua. Fare quindi attenzione alle etichette dei prodotti che si acquistano in modo da eliminare dal carrello tutto ciò che contiene zucchero o altri dolcificanti artificiali. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, tuttavia è sempre bene che si tenga in considerazione quanto la ricerca americana ha evidenziato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: