Articolo Salute Sana alimentazione
Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi freccegiovedì 14 gennaio 2016      


Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi, per cui si rivela essere sempre più un vero nemico della salute. Usato troppo spesso e in quantità sempre maggiori, lo zucchero bianco è sempre più nell’occhio del ciclone per la sua pericolosità. Nel processo di raffinazione viene sottoposto ad una serie di trattamenti nei quali vengono utilizzate una serie di sostanze, alcune delle quali molto più che solo potenzialmente cancerogene, soprattutto poi nei trattamenti per renderlo bianco. Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università del Texas ha constatato che un elevato consumo di tale dolcificante, quello tipico della dieta occidentale, è legato ad un aumento del rischio di metastasi polmonari e dello sviluppo di cancro alla mammella.

Secondo Lorenzo Cohen, dottore di ricerca e professore in Medicina Palliativa, di Riabilitazione e Integrativa, uno degli autori della ricerca, sarebbero proprio il saccarosio e il fruttosio i responsabili dell’incremento del rischio cancro, rischio direttamente proporzionale al consumo di tale dolcificante. La dieta occidentale è particolarmente ricca di zucchero raffinato, e questo spiegherebbe l’aumento dei casi di diabete, di aumento di peso, di innalzamento dei valori di glucosio nel sangue e di tumori nel mondo occidentale.

Stesso discorso anche per i dolcificanti artificiali che spesso vengono utilizzati come dolcificanti alternativi, quali aspartame, saccarina e sucralosio, per cui la scelta migliore resta sempre quella di utilizzare dolcificanti naturali, se proprio non se ne può fare a meno. Miele, Stevia e altri dolcificati naturali possono sostituire tranquillamente lo zucchero, così come anche lo zucchero di canna, purché  integrale e non raffinato, Per la Stevia, che secondo alcuni potrebbe essere pericolosa per la salute, ma qui il discorso si farebbe più ampio perché si ritiene che si tratti di un sabotaggio commerciale da parte dei produttori di zucchero, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, ha stabilito che una dose massima giornaliera di 4mg/kg non rappresenta un rischio per la salute.

Per quanto riguarda lo zucchero conviene quindi eliminarlo dalla dieta, a partire dal caffè che, semmai, sarebbe preferibile bere amaro, in modo da gustarne appieno l’aroma, cosa del resto facile perché basta ridurre gradualmente lo zucchero e alla fine ci si abitua. Fare quindi attenzione alle etichette dei prodotti che si acquistano in modo da eliminare dal carrello tutto ciò che contiene zucchero o altri dolcificanti artificiali. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, tuttavia è sempre bene che si tenga in considerazione quanto la ricerca americana ha evidenziato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il cetriolo, proprietà benefiche e controindicazioni - giovedì 11 maggio 2017

Il cetriolo, un ortaggio dalle tante proprietà benefiche che ha anche il vantaggio di avere un bel sapore fresco. Lo si può utilizzare in cucina in vari modi, anche cotto, anche se è più facile ritrovarlo nelle insalate alle quali, con il suo ........

Sette porzioni di frutta e verdura al giorno allungano la vita - lunedì 14 aprile 2014

Sette porzioni di frutta e verdura al giorno allungano la vita, riducono sensibilmente il rischio di morte. Lo dice un recente studio condotto dai ricercatori dell’University College di Londra, pubblicato sul Journal of Epidemiology e Community ........

I cibi perfetti per bruciare calorie - lunedì 11 agosto 2014

I cibi perfetti per bruciare calorie, quelli che aiutano a mantenersi in forma, perché consentono di far fuori quelle calorie di troppo che poi non fanno altro che accumularsi, sotto forma di massa grassa, un po’ ovunque, spianando la strada ........

Gli anacardi, grandi alleati della salute - giovedì 9 giugno 2016

Gli anacardi, grandi alleati della salute, i semi brasiliani che hanno conquistato il mondo grazie alle tante straordinarie virtù di cui sono ricchi. Un alimento eccellente per l’organismo, come del resto lo sono un po’ tutta la frutta ........

Una porzione di legumi tutti i giorni per ridurre il colesterolo - lunedì 14 aprile 2014

Una porzione di legumi tutti i giorni per ridurre il colesterolo,  a tutto vantaggio di arterie, cuore e cervello. Si, perché una porzione di legumi, che poi corrisponde  a 130 grammi, scelti tra fagioli, lenticchie, piselli e ceci, ........



Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi freccegiovedì 14 gennaio 2016      

Lo zucchero raffinato, secondo una recente ricerca, causa tumori e metastasi, per cui si rivela essere sempre più un vero nemico della salute. Usato troppo spesso e in quantità sempre maggiori, lo zucchero bianco è sempre più nell’occhio del ciclone per la sua pericolosità. Nel processo di raffinazione viene sottoposto ad una serie di trattamenti nei quali vengono utilizzate una serie di sostanze, alcune delle quali molto più che solo potenzialmente cancerogene, soprattutto poi nei trattamenti per renderlo bianco. Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università del Texas ha constatato che un elevato consumo di tale dolcificante, quello tipico della dieta occidentale, è legato ad un aumento del rischio di metastasi polmonari e dello sviluppo di cancro alla mammella.

Secondo Lorenzo Cohen, dottore di ricerca e professore in Medicina Palliativa, di Riabilitazione e Integrativa, uno degli autori della ricerca, sarebbero proprio il saccarosio e il fruttosio i responsabili dell’incremento del rischio cancro, rischio direttamente proporzionale al consumo di tale dolcificante. La dieta occidentale è particolarmente ricca di zucchero raffinato, e questo spiegherebbe l’aumento dei casi di diabete, di aumento di peso, di innalzamento dei valori di glucosio nel sangue e di tumori nel mondo occidentale.

Stesso discorso anche per i dolcificanti artificiali che spesso vengono utilizzati come dolcificanti alternativi, quali aspartame, saccarina e sucralosio, per cui la scelta migliore resta sempre quella di utilizzare dolcificanti naturali, se proprio non se ne può fare a meno. Miele, Stevia e altri dolcificati naturali possono sostituire tranquillamente lo zucchero, così come anche lo zucchero di canna, purché  integrale e non raffinato, Per la Stevia, che secondo alcuni potrebbe essere pericolosa per la salute, ma qui il discorso si farebbe più ampio perché si ritiene che si tratti di un sabotaggio commerciale da parte dei produttori di zucchero, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, ha stabilito che una dose massima giornaliera di 4mg/kg non rappresenta un rischio per la salute.

Per quanto riguarda lo zucchero conviene quindi eliminarlo dalla dieta, a partire dal caffè che, semmai, sarebbe preferibile bere amaro, in modo da gustarne appieno l’aroma, cosa del resto facile perché basta ridurre gradualmente lo zucchero e alla fine ci si abitua. Fare quindi attenzione alle etichette dei prodotti che si acquistano in modo da eliminare dal carrello tutto ciò che contiene zucchero o altri dolcificanti artificiali. Ovviamente ciascuno è libero di fare le proprie scelte, tuttavia è sempre bene che si tenga in considerazione quanto la ricerca americana ha evidenziato.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: