Articolo Salute Salute
L’olio di colza è dannoso per la salute? freccevenerdì 18 dicembre 2015      


L’olio di colza è dannoso per la salute? Un altro olio molto discusso, al pari di quello di palma, anche perché in passato era utilizzato nell’illuminazione stradale e, negli anni 60, anche come olio combustibile. Ovviamente, queste altre utilizzazioni, anche se una ormai desueta, non sono certo una buona pubblicità, per cui in molti, e anche a ragione, non lo vedono di buon occhio se utilizzato nell’alimentazione. Sono infatti diversi gli studi, alcuni di questi anche abbastanza recenti, a mettere in risalto gli effetti collaterali negativi per la salute legati al consumo di olio di colza. Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Si tratta di un olio alimentare derivato dai semi della colza, una pianta che oltre tutto viene abbondantemente coltivata in paesi dove le tanto discusse colture OGM sono consentite, senza poi contare che proprio per questo sembra che stiano pericolosamente causando anche la morte delle api. Il problema dell’olio di colza è legato all’alto contenuto di acidi grassi saturi, in particolare l’acido erucico, un lipide tossico che alcuni studiosi ritengono abbia degli effetti negativi sulla crescita. Inoltre, essendo un acido grasso saturo, rappresenta un severo, o meglio, pericoloso fattore di rischio per la salute del cuore, dei vasi e del fegato.

In alcuni laboratori sono riusciti anche a produrre un olio di colza a basso contenuto di acido eurico, varietà di olio che prende il nome di olio di canula, ma ciò non toglie che tale acido, pur se presente in minore quantità, è pur sempre tossico per l’organismo, per cui consumarlo, sotto qualsiasi forma, rappresenta sempre un rischio severo per la salute. Il problema è che questo olio viene sempre più frequentemente utilizzato dalle industrie alimentari, come avviene tra l’altro anche per l’olio di palma, per il suo basso costo, il che lo rende economicamente conveniente, con buona pace per la  salute dei consumatori.

Bisogna quindi fare attenzione alle etichette dei  prodotti che si acquistano, perché di recente è diventato obbligatorio dichiararne la presenza, mentre prima era possibile contrabbandarlo sotto la generica dicitura di “olio vegetale”. Lo si trova nelle margarine, zuppe, dolci, prodotti da forno, merendine, biscotti, torte, creme, grissini, surgelati, conserve sia di pesce che di verdure, negli alimenti fritti e in quelli confezionati. Prestare attenzione anche alle preparazioni dei ristoranti e pub, perché alcuni potrebbero utilizzarlo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

La carne rossa accresce il rischio di malattie cardiache - lunedì 10 novembre 2014

La carne rossa accresce il rischio di malattie cardiache, oltre a rappresentare un serio rischio di ammalarsi di Alzheimer. Il responsabile è il ferro presente in gran quantità nella carne rossa, mentre quello presente nei vegetali non risulta ........

La Psoriasi, alcuni rimedi naturali per contrastarla efficacemente - giovedì 17 dicembre 2015

La Psoriasi, alcuni rimedi naturali per contrastarla efficacemente. La psoriasi è una malattia cronica e non contagiosa della pelle, multifattoriale e a predisposizione plurigenica, nel senso che sono coinvolti diversi geni, per cui la sue ........

Le bibite gassate e zuccherate fanno invecchiare al pari del fumo - mercoledì 5 novembre 2014

Le bibite gassate e zuccherate fanno invecchiare al pari del fumo,  come  dimostra un recente studio condotto dai ricercatori dell’University of California di San Francisco, pubblicato sull’American Journal of Public Health. ........

Prostata e alimentazione: quali alimenti fanno bene - lunedì 29 febbraio 2016

Prostata e alimentazione, gli alimenti benefici per la prostata, che possono prevenirne l’infiammazione. Con il trascorrere del tempo la prostata tende ad ingrossarsi. Essa ha 2 periodi di crescita nella vita di un uomo. Il Primo avviene durante ........

Olio di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore - giovedì 6 novembre 2014

L’olio extravergine di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore, un prodotto tipico italiano, che in varie regioni ha raggiunto qualità eccelse, anche se ora lo si trova, anche buon mercato, ma di provenienza per lo più di altri ........



Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....



 articolo Salute Salute
L’olio di colza è dannoso per la salute? freccevenerdì 18 dicembre 2015      

L’olio di colza è dannoso per la salute? Un altro olio molto discusso, al pari di quello di palma, anche perché in passato era utilizzato nell’illuminazione stradale e, negli anni 60, anche come olio combustibile. Ovviamente, queste altre utilizzazioni, anche se una ormai desueta, non sono certo una buona pubblicità, per cui in molti, e anche a ragione, non lo vedono di buon occhio se utilizzato nell’alimentazione. Sono infatti diversi gli studi, alcuni di questi anche abbastanza recenti, a mettere in risalto gli effetti collaterali negativi per la salute legati al consumo di olio di colza. Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Si tratta di un olio alimentare derivato dai semi della colza, una pianta che oltre tutto viene abbondantemente coltivata in paesi dove le tanto discusse colture OGM sono consentite, senza poi contare che proprio per questo sembra che stiano pericolosamente causando anche la morte delle api. Il problema dell’olio di colza è legato all’alto contenuto di acidi grassi saturi, in particolare l’acido erucico, un lipide tossico che alcuni studiosi ritengono abbia degli effetti negativi sulla crescita. Inoltre, essendo un acido grasso saturo, rappresenta un severo, o meglio, pericoloso fattore di rischio per la salute del cuore, dei vasi e del fegato.

In alcuni laboratori sono riusciti anche a produrre un olio di colza a basso contenuto di acido eurico, varietà di olio che prende il nome di olio di canula, ma ciò non toglie che tale acido, pur se presente in minore quantità, è pur sempre tossico per l’organismo, per cui consumarlo, sotto qualsiasi forma, rappresenta sempre un rischio severo per la salute. Il problema è che questo olio viene sempre più frequentemente utilizzato dalle industrie alimentari, come avviene tra l’altro anche per l’olio di palma, per il suo basso costo, il che lo rende economicamente conveniente, con buona pace per la  salute dei consumatori.

Bisogna quindi fare attenzione alle etichette dei  prodotti che si acquistano, perché di recente è diventato obbligatorio dichiararne la presenza, mentre prima era possibile contrabbandarlo sotto la generica dicitura di “olio vegetale”. Lo si trova nelle margarine, zuppe, dolci, prodotti da forno, merendine, biscotti, torte, creme, grissini, surgelati, conserve sia di pesce che di verdure, negli alimenti fritti e in quelli confezionati. Prestare attenzione anche alle preparazioni dei ristoranti e pub, perché alcuni potrebbero utilizzarlo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: