Articolo Fai da te Soluzioni facili
Il sale grosso, un ottimo rimedio contro l’umidità freccemartedì 10 novembre 2015      


Il sale grosso, un eccellente rimedio contro l’umidità che a volte è una presenza indesiderata e più che fastidiose per molte case. Oltre a rappresentare un fastidio in quanto è antiestetica e inoltre danneggia tutti ciò che si trova nelle immediate vicinanze o nei locali in cui essa è presente, potrebbe rappresentare anche un serio pericolo per la salute in quanto può produrre delle muffe che a loro volta emettono delle spore che, se inalate, certamente bene non fanno, anzi tutt’altro. L’umidità può essere presente in particolar modo nelle abitazioni che si trovano a piano terra, a diretto contatto con il terreno, case in cui non è stato curato adeguatamente l’isolamento delle pareti perimetrali dal suolo. In questo caso l’umidità di risalita si verifica in quanto la parete assorbe acqua per capillarità, acqua che risale lungo la parete e forma quelle antiestetiche nonché dannose macchie di umidità.

Lo stesso può accadere se non si è curato in maniera adeguata il rivestimento esterno delle pareti perimetrali, quelle a contatto con le intemperie. Se l’intonaco non è fatto a regola d’arte e se il rivestimento esterno non è idrorepellente, quale che sia il materiale utilizzato, l’acqua impregnerà i muri e, sempre per capillarità, in questo caso orizzontale, arriverà all’interno dell’abitazione creando gli stessi problemi citati in precedenza. Questo può accadere anche per le abitazioni che si trovano ai piani alti di un edificio, così come può accadere che lo stesso si verifichi se gli stipiti dei vani delle finestre e dei balconi non sono sigillati alla perfezione.

Per risolvere radicalmente il problema è necessario provvedere con interventi radicali, i soli in gradi di risolvere definitivamente il problema, si tratta tuttavia di interventi impegnativi, anche sotto l’aspetto economico, per cui a volte non è possibile eseguirli o è possibile farli sono in step suddivisi nel tempo. Intanto l’umidità è presente in casa e continua a far danni. È possibile limitare i danni cercando di assorbire l’umidità, e fortunatamente i negozi specializzati mettono a disposizione diverse soluzioni, tutte abbastanza affidabili.

In tutti i casi è possibile, da bravi fai da te, risolvere il problema da soli, senza dover mettere mani al portafoglio, risparmiando così non pochi soldini che potrebbero poi tornare utili nel momento in cui si dovesse decidere di mettere in atto quei avori radicali cui si accennava in precedenza. Il sale, lo sanno un po’ tutti, è eccellente per assorbire l’umidità, in particolare il sale grosso, per cui è possibile ricorrervi per realizzare un semplice dispositivo in grado di assorbire l’umidità. In commercio si trovano da tempo dei recipienti che utilizzano appunto il sale per tale scopo, solo che si tratta di prodotti trattati industrialmente, cui sono state aggiunte delle sostanze che possono essere pericolose per la salute.

Uno di questi prodotti, tra l’altro efficace, nelle istruzioni per il suo utilizzo raccomanda di non maneggiare il prodotto a mani nude in quanto tossico. Meglio quindi non aggiungere in casa un’altra sostanza poco amica della salute e fare da sé. Vediamo come. Bastano solo un po’ di sale grosso, un panno o un sacchetto in tela, che sia traspirante, e infine una bottiglia di plastica, cosa che in casa non manca mai. Si consideri che per assorbire l’umidità in un locale di 25 metri quadri occorrono 150 grammi di sale grosso. Per locali più grandi ci si regolerà di conseguenza.

Versare il sale grosso nel sacchetto o nel pano in tela che poi verrà chiuso a mo’ di sacchetto. Prendere ora la bottiglia di plastica, tagliarla in due e infilare la parte con il collo della bottiglia rivolto verso il basso nella parte inferiore della bottiglia tagliata. Ora non resta che posizionare il sacchetto con il sale nella parte alta della bottiglia, e il gioco è fatto. Nel giro di qualche giorno il sale comincerà ad assorbire l’umidità che poi gocciolerà, attraverso il collo della bottiglia, nella parte inferiore che funge da contenitore di raccolta. Volendo è possibile anche mettere il sale senza utilizzare il sacchetto di tela, ma in tal caso è necessario mettere il tappo al collo della bottiglia, tappo cui si sarà provveduto in precedenza a praticare alcuni fori per consentire all'acqua di gocciolare. Una volta pieno, non resta che svuotarlo.

Il sale potrà essere riutilizzato per altre 3-4 volte, prima di cambiarlo, ma per poterlo fare è necessario prima asciugarlo. Bisognerà quindi metterlo in forno, a 50°, per una quindicina di minuti, dopo di che potrà essere rimesso nel sacchetto che andrà riposizionato al suo proto nella parte superiore della bottiglia. Ecco, con pochi centesimi di €, realizzato un semplice deumidificatore. Si consideri che quelli che si trovano in commercio, la cui efficacia non è superiore a quelli fatti in casa, hanno un costo di almeno una quindicina di €. Solo la ricarica, ovvero il materiale assorbente, costa tra i 9 e i 10€.

Bisognerà in tutti i casi adottare alcuni semplici accorgimenti per limitare l’umidità in casa. 

  • Evitare i ristagni d’acqua nei sottovasi delle piante.
  • Arieggiare sempre la casa per qualche ora al giorno, anche in inverno.
  • Non asciugare il bucato in casa, soprattutto di notte, ma se proprio si è costretti a farlo, arieggiare l’ambiente in modo da limitare ulteriore umidità.
  • Installare un aspiratore nel bagno così da limitare anche la condensa che si forma quando si fa la doccia o il bagno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le zanzariere, efficaci e semplici da montare - giovedì 31 luglio 2014

Le zanzariere, efficaci e semplici da montare, sono una protezione eccellente contro le zanzare che in molti periodi dell’anno, complici anche le mutazioni climatiche che rendono i climi sempre più adatti alla loro sopravvivenza e proliferazione,  ........

Last Minute, Last Day: regali di Natale al traguardo. Idee salva tempo - lunedì 23 dicembre 2013
Mancano poche ore e finalmente sarà Natale. Ciò non toglie che c’è qualcuno ancora che si dimena frettolosamente tra il traffico cittadino per l’acquisto last minute, per il pensiero dell’ultimo giorno: magari per la vecchia zia su cui siamo stati ........

Scavi e fondazioni, come procedere - lunedì 7 marzo 2016

Per realizzare una semplice fondazione è necessario eseguire degli scavi, operazioni che possono essere eseguite manualmente, se si tratta di piccoli lavori, o utilizzando mezzi meccanici. Una precauzione indispensabile, quando si effettua ........

Scarichi e lavandini otturati, ecco come liberarli - martedì 12 novembre 2013

Lo scarico del lavandino o del lavello si è otturato o è talmente ostruito da non far defluire l’acqua rapidamente? Nessuna paura, le soluzioni  esistono e sono alla portata di tutti, senza quindi doversi rivolgere all’idraulico per  ........

Come allontanare mosche e zanzare - mercoledì 3 settembre 2014
Mosche e zanzare, fastidiose sempre, ma in particolar modo nella bella stagione. L'estate ognuno di noi ha il piacere di gustare un buon gelato passeggiando all'aperto o di mangiare nel proprio giardino godendo della gradevole brezza estiva, ma ........



Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....



 articolo Fai da te Soluzioni facili
Il sale grosso, un ottimo rimedio contro l’umidità freccemartedì 10 novembre 2015      

Il sale grosso, un eccellente rimedio contro l’umidità che a volte è una presenza indesiderata e più che fastidiose per molte case. Oltre a rappresentare un fastidio in quanto è antiestetica e inoltre danneggia tutti ciò che si trova nelle immediate vicinanze o nei locali in cui essa è presente, potrebbe rappresentare anche un serio pericolo per la salute in quanto può produrre delle muffe che a loro volta emettono delle spore che, se inalate, certamente bene non fanno, anzi tutt’altro. L’umidità può essere presente in particolar modo nelle abitazioni che si trovano a piano terra, a diretto contatto con il terreno, case in cui non è stato curato adeguatamente l’isolamento delle pareti perimetrali dal suolo. In questo caso l’umidità di risalita si verifica in quanto la parete assorbe acqua per capillarità, acqua che risale lungo la parete e forma quelle antiestetiche nonché dannose macchie di umidità.

Lo stesso può accadere se non si è curato in maniera adeguata il rivestimento esterno delle pareti perimetrali, quelle a contatto con le intemperie. Se l’intonaco non è fatto a regola d’arte e se il rivestimento esterno non è idrorepellente, quale che sia il materiale utilizzato, l’acqua impregnerà i muri e, sempre per capillarità, in questo caso orizzontale, arriverà all’interno dell’abitazione creando gli stessi problemi citati in precedenza. Questo può accadere anche per le abitazioni che si trovano ai piani alti di un edificio, così come può accadere che lo stesso si verifichi se gli stipiti dei vani delle finestre e dei balconi non sono sigillati alla perfezione.

Per risolvere radicalmente il problema è necessario provvedere con interventi radicali, i soli in gradi di risolvere definitivamente il problema, si tratta tuttavia di interventi impegnativi, anche sotto l’aspetto economico, per cui a volte non è possibile eseguirli o è possibile farli sono in step suddivisi nel tempo. Intanto l’umidità è presente in casa e continua a far danni. È possibile limitare i danni cercando di assorbire l’umidità, e fortunatamente i negozi specializzati mettono a disposizione diverse soluzioni, tutte abbastanza affidabili.

In tutti i casi è possibile, da bravi fai da te, risolvere il problema da soli, senza dover mettere mani al portafoglio, risparmiando così non pochi soldini che potrebbero poi tornare utili nel momento in cui si dovesse decidere di mettere in atto quei avori radicali cui si accennava in precedenza. Il sale, lo sanno un po’ tutti, è eccellente per assorbire l’umidità, in particolare il sale grosso, per cui è possibile ricorrervi per realizzare un semplice dispositivo in grado di assorbire l’umidità. In commercio si trovano da tempo dei recipienti che utilizzano appunto il sale per tale scopo, solo che si tratta di prodotti trattati industrialmente, cui sono state aggiunte delle sostanze che possono essere pericolose per la salute.

Uno di questi prodotti, tra l’altro efficace, nelle istruzioni per il suo utilizzo raccomanda di non maneggiare il prodotto a mani nude in quanto tossico. Meglio quindi non aggiungere in casa un’altra sostanza poco amica della salute e fare da sé. Vediamo come. Bastano solo un po’ di sale grosso, un panno o un sacchetto in tela, che sia traspirante, e infine una bottiglia di plastica, cosa che in casa non manca mai. Si consideri che per assorbire l’umidità in un locale di 25 metri quadri occorrono 150 grammi di sale grosso. Per locali più grandi ci si regolerà di conseguenza.

Versare il sale grosso nel sacchetto o nel pano in tela che poi verrà chiuso a mo’ di sacchetto. Prendere ora la bottiglia di plastica, tagliarla in due e infilare la parte con il collo della bottiglia rivolto verso il basso nella parte inferiore della bottiglia tagliata. Ora non resta che posizionare il sacchetto con il sale nella parte alta della bottiglia, e il gioco è fatto. Nel giro di qualche giorno il sale comincerà ad assorbire l’umidità che poi gocciolerà, attraverso il collo della bottiglia, nella parte inferiore che funge da contenitore di raccolta. Volendo è possibile anche mettere il sale senza utilizzare il sacchetto di tela, ma in tal caso è necessario mettere il tappo al collo della bottiglia, tappo cui si sarà provveduto in precedenza a praticare alcuni fori per consentire all'acqua di gocciolare. Una volta pieno, non resta che svuotarlo.

Il sale potrà essere riutilizzato per altre 3-4 volte, prima di cambiarlo, ma per poterlo fare è necessario prima asciugarlo. Bisognerà quindi metterlo in forno, a 50°, per una quindicina di minuti, dopo di che potrà essere rimesso nel sacchetto che andrà riposizionato al suo proto nella parte superiore della bottiglia. Ecco, con pochi centesimi di €, realizzato un semplice deumidificatore. Si consideri che quelli che si trovano in commercio, la cui efficacia non è superiore a quelli fatti in casa, hanno un costo di almeno una quindicina di €. Solo la ricarica, ovvero il materiale assorbente, costa tra i 9 e i 10€.

Bisognerà in tutti i casi adottare alcuni semplici accorgimenti per limitare l’umidità in casa. 

  • Evitare i ristagni d’acqua nei sottovasi delle piante.
  • Arieggiare sempre la casa per qualche ora al giorno, anche in inverno.
  • Non asciugare il bucato in casa, soprattutto di notte, ma se proprio si è costretti a farlo, arieggiare l’ambiente in modo da limitare ulteriore umidità.
  • Installare un aspiratore nel bagno così da limitare anche la condensa che si forma quando si fa la doccia o il bagno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: