Articolo Fai da te Soluzioni facili
Il sale grosso, un ottimo rimedio contro l’umidità freccemartedì 10 novembre 2015      


Il sale grosso, un eccellente rimedio contro l’umidità che a volte è una presenza indesiderata e più che fastidiose per molte case. Oltre a rappresentare un fastidio in quanto è antiestetica e inoltre danneggia tutti ciò che si trova nelle immediate vicinanze o nei locali in cui essa è presente, potrebbe rappresentare anche un serio pericolo per la salute in quanto può produrre delle muffe che a loro volta emettono delle spore che, se inalate, certamente bene non fanno, anzi tutt’altro. L’umidità può essere presente in particolar modo nelle abitazioni che si trovano a piano terra, a diretto contatto con il terreno, case in cui non è stato curato adeguatamente l’isolamento delle pareti perimetrali dal suolo. In questo caso l’umidità di risalita si verifica in quanto la parete assorbe acqua per capillarità, acqua che risale lungo la parete e forma quelle antiestetiche nonché dannose macchie di umidità.

Lo stesso può accadere se non si è curato in maniera adeguata il rivestimento esterno delle pareti perimetrali, quelle a contatto con le intemperie. Se l’intonaco non è fatto a regola d’arte e se il rivestimento esterno non è idrorepellente, quale che sia il materiale utilizzato, l’acqua impregnerà i muri e, sempre per capillarità, in questo caso orizzontale, arriverà all’interno dell’abitazione creando gli stessi problemi citati in precedenza. Questo può accadere anche per le abitazioni che si trovano ai piani alti di un edificio, così come può accadere che lo stesso si verifichi se gli stipiti dei vani delle finestre e dei balconi non sono sigillati alla perfezione.

Per risolvere radicalmente il problema è necessario provvedere con interventi radicali, i soli in gradi di risolvere definitivamente il problema, si tratta tuttavia di interventi impegnativi, anche sotto l’aspetto economico, per cui a volte non è possibile eseguirli o è possibile farli sono in step suddivisi nel tempo. Intanto l’umidità è presente in casa e continua a far danni. È possibile limitare i danni cercando di assorbire l’umidità, e fortunatamente i negozi specializzati mettono a disposizione diverse soluzioni, tutte abbastanza affidabili.

In tutti i casi è possibile, da bravi fai da te, risolvere il problema da soli, senza dover mettere mani al portafoglio, risparmiando così non pochi soldini che potrebbero poi tornare utili nel momento in cui si dovesse decidere di mettere in atto quei avori radicali cui si accennava in precedenza. Il sale, lo sanno un po’ tutti, è eccellente per assorbire l’umidità, in particolare il sale grosso, per cui è possibile ricorrervi per realizzare un semplice dispositivo in grado di assorbire l’umidità. In commercio si trovano da tempo dei recipienti che utilizzano appunto il sale per tale scopo, solo che si tratta di prodotti trattati industrialmente, cui sono state aggiunte delle sostanze che possono essere pericolose per la salute.

Uno di questi prodotti, tra l’altro efficace, nelle istruzioni per il suo utilizzo raccomanda di non maneggiare il prodotto a mani nude in quanto tossico. Meglio quindi non aggiungere in casa un’altra sostanza poco amica della salute e fare da sé. Vediamo come. Bastano solo un po’ di sale grosso, un panno o un sacchetto in tela, che sia traspirante, e infine una bottiglia di plastica, cosa che in casa non manca mai. Si consideri che per assorbire l’umidità in un locale di 25 metri quadri occorrono 150 grammi di sale grosso. Per locali più grandi ci si regolerà di conseguenza.

Versare il sale grosso nel sacchetto o nel pano in tela che poi verrà chiuso a mo’ di sacchetto. Prendere ora la bottiglia di plastica, tagliarla in due e infilare la parte con il collo della bottiglia rivolto verso il basso nella parte inferiore della bottiglia tagliata. Ora non resta che posizionare il sacchetto con il sale nella parte alta della bottiglia, e il gioco è fatto. Nel giro di qualche giorno il sale comincerà ad assorbire l’umidità che poi gocciolerà, attraverso il collo della bottiglia, nella parte inferiore che funge da contenitore di raccolta. Volendo è possibile anche mettere il sale senza utilizzare il sacchetto di tela, ma in tal caso è necessario mettere il tappo al collo della bottiglia, tappo cui si sarà provveduto in precedenza a praticare alcuni fori per consentire all'acqua di gocciolare. Una volta pieno, non resta che svuotarlo.

Il sale potrà essere riutilizzato per altre 3-4 volte, prima di cambiarlo, ma per poterlo fare è necessario prima asciugarlo. Bisognerà quindi metterlo in forno, a 50°, per una quindicina di minuti, dopo di che potrà essere rimesso nel sacchetto che andrà riposizionato al suo proto nella parte superiore della bottiglia. Ecco, con pochi centesimi di €, realizzato un semplice deumidificatore. Si consideri che quelli che si trovano in commercio, la cui efficacia non è superiore a quelli fatti in casa, hanno un costo di almeno una quindicina di €. Solo la ricarica, ovvero il materiale assorbente, costa tra i 9 e i 10€.

Bisognerà in tutti i casi adottare alcuni semplici accorgimenti per limitare l’umidità in casa. 

  • Evitare i ristagni d’acqua nei sottovasi delle piante.
  • Arieggiare sempre la casa per qualche ora al giorno, anche in inverno.
  • Non asciugare il bucato in casa, soprattutto di notte, ma se proprio si è costretti a farlo, arieggiare l’ambiente in modo da limitare ulteriore umidità.
  • Installare un aspiratore nel bagno così da limitare anche la condensa che si forma quando si fa la doccia o il bagno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Come creare dei vasi da fiori con delle cannucce - martedì 23 dicembre 2014
Se si è amanti del fai da te si potrebbero realizzare, a costi quasi nulli, delle piccole decorazioni per la nostra casa, in modo da dare un piccolo tocco di creatività e colore alla dimora. Una scelta accattivante potrebbe ........

Come costruire animali di cartone - venerdì 5 settembre 2014
I bambini sono molto volubili e dopo pochi giorni si stufano dei giocattoli una volta desiderati e comprati (spendendo forse non poco) dai genitori, per questa ragione è bene, anche per sviluppare la loro creatività, creare dei giocattolini di ........

Come realizzare un armadio sottoscala - mercoledì 17 settembre 2014
Un armadio sottoscala rappresenta un'ottima soluzione per risparmiare spazio in casa e soprattutto per creare nuove opportunità per sistemare i vari oggetti, per esempio scope e altro materiale per le pulizie, nell'abitazione, ........

Come confezionare alla perfezione un regalo - mercoledì 4 dicembre 2013
Natale è anche regali o forse soprattutto questo: dipende dai punti di vista. Tutti riceveremo sicuramente un pensiero, azzeccato o meno che sia, dalla persona amata o da parte dei familiari e nonostante la crisi, oramai nostra amica, ognuno di ........

Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi con un ingrediente che non ti aspetti - giovedì 17 marzo 2016

Eliminare Cattivo Odore ed Umidità Dagli Armadi Con un ingrediente che non ti aspetti, un metodo semplice ed economico, uno dei rimedi della nonna, sempre efficace: il riso. Si, perché il riso, come forse non tutti sanno, ha la capacità di ........



Ricetta del giorno
Polpette di miglio
Lavate bene e tritate finemente la carota, la cipolla, il sedano e le erbe aromatiche, tenendole separate le une dalle altre.
Fate soffriggere ....



 articolo Fai da te Soluzioni facili
Il sale grosso, un ottimo rimedio contro l’umidità freccemartedì 10 novembre 2015      

Il sale grosso, un eccellente rimedio contro l’umidità che a volte è una presenza indesiderata e più che fastidiose per molte case. Oltre a rappresentare un fastidio in quanto è antiestetica e inoltre danneggia tutti ciò che si trova nelle immediate vicinanze o nei locali in cui essa è presente, potrebbe rappresentare anche un serio pericolo per la salute in quanto può produrre delle muffe che a loro volta emettono delle spore che, se inalate, certamente bene non fanno, anzi tutt’altro. L’umidità può essere presente in particolar modo nelle abitazioni che si trovano a piano terra, a diretto contatto con il terreno, case in cui non è stato curato adeguatamente l’isolamento delle pareti perimetrali dal suolo. In questo caso l’umidità di risalita si verifica in quanto la parete assorbe acqua per capillarità, acqua che risale lungo la parete e forma quelle antiestetiche nonché dannose macchie di umidità.

Lo stesso può accadere se non si è curato in maniera adeguata il rivestimento esterno delle pareti perimetrali, quelle a contatto con le intemperie. Se l’intonaco non è fatto a regola d’arte e se il rivestimento esterno non è idrorepellente, quale che sia il materiale utilizzato, l’acqua impregnerà i muri e, sempre per capillarità, in questo caso orizzontale, arriverà all’interno dell’abitazione creando gli stessi problemi citati in precedenza. Questo può accadere anche per le abitazioni che si trovano ai piani alti di un edificio, così come può accadere che lo stesso si verifichi se gli stipiti dei vani delle finestre e dei balconi non sono sigillati alla perfezione.

Per risolvere radicalmente il problema è necessario provvedere con interventi radicali, i soli in gradi di risolvere definitivamente il problema, si tratta tuttavia di interventi impegnativi, anche sotto l’aspetto economico, per cui a volte non è possibile eseguirli o è possibile farli sono in step suddivisi nel tempo. Intanto l’umidità è presente in casa e continua a far danni. È possibile limitare i danni cercando di assorbire l’umidità, e fortunatamente i negozi specializzati mettono a disposizione diverse soluzioni, tutte abbastanza affidabili.

In tutti i casi è possibile, da bravi fai da te, risolvere il problema da soli, senza dover mettere mani al portafoglio, risparmiando così non pochi soldini che potrebbero poi tornare utili nel momento in cui si dovesse decidere di mettere in atto quei avori radicali cui si accennava in precedenza. Il sale, lo sanno un po’ tutti, è eccellente per assorbire l’umidità, in particolare il sale grosso, per cui è possibile ricorrervi per realizzare un semplice dispositivo in grado di assorbire l’umidità. In commercio si trovano da tempo dei recipienti che utilizzano appunto il sale per tale scopo, solo che si tratta di prodotti trattati industrialmente, cui sono state aggiunte delle sostanze che possono essere pericolose per la salute.

Uno di questi prodotti, tra l’altro efficace, nelle istruzioni per il suo utilizzo raccomanda di non maneggiare il prodotto a mani nude in quanto tossico. Meglio quindi non aggiungere in casa un’altra sostanza poco amica della salute e fare da sé. Vediamo come. Bastano solo un po’ di sale grosso, un panno o un sacchetto in tela, che sia traspirante, e infine una bottiglia di plastica, cosa che in casa non manca mai. Si consideri che per assorbire l’umidità in un locale di 25 metri quadri occorrono 150 grammi di sale grosso. Per locali più grandi ci si regolerà di conseguenza.

Versare il sale grosso nel sacchetto o nel pano in tela che poi verrà chiuso a mo’ di sacchetto. Prendere ora la bottiglia di plastica, tagliarla in due e infilare la parte con il collo della bottiglia rivolto verso il basso nella parte inferiore della bottiglia tagliata. Ora non resta che posizionare il sacchetto con il sale nella parte alta della bottiglia, e il gioco è fatto. Nel giro di qualche giorno il sale comincerà ad assorbire l’umidità che poi gocciolerà, attraverso il collo della bottiglia, nella parte inferiore che funge da contenitore di raccolta. Volendo è possibile anche mettere il sale senza utilizzare il sacchetto di tela, ma in tal caso è necessario mettere il tappo al collo della bottiglia, tappo cui si sarà provveduto in precedenza a praticare alcuni fori per consentire all'acqua di gocciolare. Una volta pieno, non resta che svuotarlo.

Il sale potrà essere riutilizzato per altre 3-4 volte, prima di cambiarlo, ma per poterlo fare è necessario prima asciugarlo. Bisognerà quindi metterlo in forno, a 50°, per una quindicina di minuti, dopo di che potrà essere rimesso nel sacchetto che andrà riposizionato al suo proto nella parte superiore della bottiglia. Ecco, con pochi centesimi di €, realizzato un semplice deumidificatore. Si consideri che quelli che si trovano in commercio, la cui efficacia non è superiore a quelli fatti in casa, hanno un costo di almeno una quindicina di €. Solo la ricarica, ovvero il materiale assorbente, costa tra i 9 e i 10€.

Bisognerà in tutti i casi adottare alcuni semplici accorgimenti per limitare l’umidità in casa. 

  • Evitare i ristagni d’acqua nei sottovasi delle piante.
  • Arieggiare sempre la casa per qualche ora al giorno, anche in inverno.
  • Non asciugare il bucato in casa, soprattutto di notte, ma se proprio si è costretti a farlo, arieggiare l’ambiente in modo da limitare ulteriore umidità.
  • Installare un aspiratore nel bagno così da limitare anche la condensa che si forma quando si fa la doccia o il bagno.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: