Articolo Salute Salute
Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso freccelunedì 24 novembre 2014      


Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso, causa di non pochi problemi di salute, anche gravi, di cui a volte è difficile accorgersi. Si calcola infatti che il 50% dei diabetici non sono a conoscenza del loro stato, perché sottovalutano i sintomi che, comunque, sono presenti e che vengono spesso scritti ad altre cause. Trascurare questo nemico silente è molto pericoloso, perché ci si espone ad una serie di rischi gravi che, alla fine,  influiscono in negativo sulla qualità della vita e,  soprattutto, sulla aspettativa di vita stessa. Ma in sostanza, giusto per chiarirci le idee, cosa è il diabete?

Come definizione generale si può affermare che il diabete è un’alterazione metabolica conseguente ad un calo di attività dell’insulina. Si tratta in sostanza di una patologia molto complessa, difficile da spiegare in poche parole, tuttavia basti sapere che il diabete di tipo 2, che è poi quello che interessa oltre il 90 % dei pazienti, è comunque legato a due fattori determinanti: una glicemia elevata e il sovrappeso o addirittura l’obesità.  Nella comparsa del diabete, quindi,  è molto importante l’alimentazione e lo stile di vita, anche se poi vi è anche una minima percentuale legata a fattori genetici. Ecco quindi che, ancora una volta, torna alla ribalta l’alimentazione che poi, alla fine dei conti, è ciò che fa la differenza tra la buona salute e la malattia.

I sintomi del diabete sono necessità di urinare frequentemente, secchezza delle fauci, sete, intorpidimento degli arti, disturbi della vista e debolezza muscolare. Sintomi che, come è facile intuire, possono essere dal paziente anche ascritti ad altri problemi, per cui vengono per lo più sottovalutati. Infatti, quasi sempre una diagnosi di diabete di tipo 2 avviene del tutto casualmente, in occasione di un esame del sangue fatto per altri motivi. Inoltre, bisogna anche tener conto che essendo nelle persone anziane la sensazione di sete meno evidente, si perde anche questo piccolo campanello d’allarme che invece potrebbe essere importante.

Il diabete può avere serie conseguenze sulla salute, come detto in precedenza. È infatti un serio fattore di rischio per malattie cardiovascolari, essere causa di arteriosclerosi, di ipertensione, di problemi di vista e avere serie ripercussioni sulla funzionalità renale, e altro ancora. Contrariamente al diabete di tipo 1 che solitamente può esordire anche in tenera età, quello di tipo 2 può essere prevenuto con lo stile di vita e, per esso, si intende l’alimentazione e l’attività fisica. Quindi, il primo passo è la dieta che deve essere particolarmente ricca di verdura e di legumi, capaci  di  ridurre anche significativamente l’assorbimento degli zuccheri, limitare la massimo  gli zuccheri raffinati, ma anche le tante merendine e dolci che, per i soggetti predisposti, rappresentano un vero problema.

L’attività fisica poi, di tipo aerobico quale la corsa, lo jogging, la camminata veloce, la cyclette e anche il nuoto, va praticata con costanza, almeno 5 giorni alla settimana, così da poter  anche tenere sotto controllo il peso corporeo. Una costante attività fisica, infatti, riduce in maniera significativa il rischio diabete, ma non solo, perché è in grado di garantire un gran numero di benefici per la salute.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Riso Basmati con peperoni
Lessare il riso per 15 minuti in una pentola con acqua bollente ovviamente salata, scolarlo e versarlo in una insalatiera. Condire con 2 cucchiai di olio ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

5 Caffè al giorno salvano la vita - mercoledì 16 dicembre 2015

5 caffè al giorno salvano la vita, ridurrebbero il rischio di morte prematura. Secondo una ricerca condotta dall’Harvard University, ricerca che ha seguito per 30 anni la storia clinica di 200mila pazienti volontari, 160mila donne e ........

La Psoriasi, alcuni rimedi naturali per contrastarla efficacemente - giovedì 17 dicembre 2015

La Psoriasi, alcuni rimedi naturali per contrastarla efficacemente. La psoriasi è una malattia cronica e non contagiosa della pelle, multifattoriale e a predisposizione plurigenica, nel senso che sono coinvolti diversi geni, per cui la sue ........

Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso - lunedì 24 novembre 2014

Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso, causa di non pochi problemi di salute, anche gravi, di cui a volte è difficile accorgersi. Si calcola infatti che il 50% dei diabetici non sono a conoscenza del loro stato, perché sottovalutano ........

Gli alimenti diuretici che aiutano a ridurre ritenzione idrica e gonfiore - mercoledì 12 novembre 2014

Gli alimenti diuretici che aiutano a ridurre ritenzione idrica e gonfiore sono molto importanti perché sono dei  veri alleati nella prevenzione della cellulite, nemica di molte donne. La forza  di questi alimenti sta nel loro contenuto ........

Cortisone, le alternative naturali più efficaci - mercoledì 24 settembre 2014

Il Cortisone, o meglio, i farmaci al cortisone sono comunemente utilizzati per curare alcune patologie, come le allergie, le infiammazioni, ma anche i dolori reumatici in quanto questi sono  la conseguenza di uno stato infiammatorio.  ........



Ricetta del giorno
Spaghettini con zucchine e pomodorini
Portare ad ebollizione in una pentola 3,5 litri d’acqua, salare con sale grosso, e lessare gli spaghettini per 8 minuti.
Nel frattempo, lavare ....



 articolo Salute Salute
Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso freccelunedì 24 novembre 2014      

Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso, causa di non pochi problemi di salute, anche gravi, di cui a volte è difficile accorgersi. Si calcola infatti che il 50% dei diabetici non sono a conoscenza del loro stato, perché sottovalutano i sintomi che, comunque, sono presenti e che vengono spesso scritti ad altre cause. Trascurare questo nemico silente è molto pericoloso, perché ci si espone ad una serie di rischi gravi che, alla fine,  influiscono in negativo sulla qualità della vita e,  soprattutto, sulla aspettativa di vita stessa. Ma in sostanza, giusto per chiarirci le idee, cosa è il diabete?

Come definizione generale si può affermare che il diabete è un’alterazione metabolica conseguente ad un calo di attività dell’insulina. Si tratta in sostanza di una patologia molto complessa, difficile da spiegare in poche parole, tuttavia basti sapere che il diabete di tipo 2, che è poi quello che interessa oltre il 90 % dei pazienti, è comunque legato a due fattori determinanti: una glicemia elevata e il sovrappeso o addirittura l’obesità.  Nella comparsa del diabete, quindi,  è molto importante l’alimentazione e lo stile di vita, anche se poi vi è anche una minima percentuale legata a fattori genetici. Ecco quindi che, ancora una volta, torna alla ribalta l’alimentazione che poi, alla fine dei conti, è ciò che fa la differenza tra la buona salute e la malattia.

I sintomi del diabete sono necessità di urinare frequentemente, secchezza delle fauci, sete, intorpidimento degli arti, disturbi della vista e debolezza muscolare. Sintomi che, come è facile intuire, possono essere dal paziente anche ascritti ad altri problemi, per cui vengono per lo più sottovalutati. Infatti, quasi sempre una diagnosi di diabete di tipo 2 avviene del tutto casualmente, in occasione di un esame del sangue fatto per altri motivi. Inoltre, bisogna anche tener conto che essendo nelle persone anziane la sensazione di sete meno evidente, si perde anche questo piccolo campanello d’allarme che invece potrebbe essere importante.

Il diabete può avere serie conseguenze sulla salute, come detto in precedenza. È infatti un serio fattore di rischio per malattie cardiovascolari, essere causa di arteriosclerosi, di ipertensione, di problemi di vista e avere serie ripercussioni sulla funzionalità renale, e altro ancora. Contrariamente al diabete di tipo 1 che solitamente può esordire anche in tenera età, quello di tipo 2 può essere prevenuto con lo stile di vita e, per esso, si intende l’alimentazione e l’attività fisica. Quindi, il primo passo è la dieta che deve essere particolarmente ricca di verdura e di legumi, capaci  di  ridurre anche significativamente l’assorbimento degli zuccheri, limitare la massimo  gli zuccheri raffinati, ma anche le tante merendine e dolci che, per i soggetti predisposti, rappresentano un vero problema.

L’attività fisica poi, di tipo aerobico quale la corsa, lo jogging, la camminata veloce, la cyclette e anche il nuoto, va praticata con costanza, almeno 5 giorni alla settimana, così da poter  anche tenere sotto controllo il peso corporeo. Una costante attività fisica, infatti, riduce in maniera significativa il rischio diabete, ma non solo, perché è in grado di garantire un gran numero di benefici per la salute.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: