Articolo Salute Salute
Olio di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore freccegiovedì 6 novembre 2014      


L’olio extravergine di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore, un prodotto tipico italiano, che in varie regioni ha raggiunto qualità eccelse, anche se ora lo si trova, anche buon mercato, ma di provenienza per lo più di altri paesi.  Quello prodotto in Italia è di gran lunga il migliore, e su questo non vi sono dubbi. Basti pensare, ad esempio, all’olio ligure, a quello toscano all’abruzzese, a quello della penisola sorrentina o ancora a quello coltivato e prodotto in Puglia. Ma a parte il discorso relativo alla qualità, ciò che più sorprende è che si tratta di un vero amico della salute, come del resto lo sono la maggior parte degli alimenti di origine vegetale.

La consapevolezza che è l’alimentazione a determinare in qualche modo lo stato di salute è ormai sempre più diffusa, grazie anche ad una serie di ricerche che non fanno altro che confermare questo dato. Uno studio svolto in collaborazione tra l’Università Campus Bio-medico di Roma,  l’Università degli Studi di Teramo, l’Università degli Studi di Camerino e il Karolinska Institutet di Stoccolma ha messo in evidenza la capacità dell’olio di oliva di prevenire il cancro al colon.  Questo è dovuto alla capacità dell’olio di stimolare il CNR1, un gene in grado di sopprimere le cellule tumorali prima che queste possano dar luogo ad una neoplasia.

La ricerca in oggetto prova ancora una volta quanto sia importante l’alimentazione per la salute, quanto ciò che si mette in tavola possa fare la differenza tra lo star bene e il rischio di contrarre malattie di vario genere, molte anche gravi. Un’altra ricerca, condotta a Chicago da un team del College of Medicine dell’Università dell’Illinois, ha potuto mettere in evidenza come consumare olio di oliva ogni giorno possa condizionare in positivo la salute del cuore, per cui un normale consumo di olio sarebbe particolarmente raccomandato a chi soffre di insufficienza cardiaca.

È l’acido oleico a fare la differenza. I ricercatori infatti hanno potuto constatare  un miglioramento immediato nella contrazione del muscolo cardiaco e, quindi, anche della capacità di pompare sangue in circolo. Inoltre, sembra che l’acido oleico sia in grado di riattivare determinati  geni utili agli enzimi che si occupano del metabolismo dei grassi. Insomma, utilizzare l’olio di oliva, o meglio ancora l’olio extravergine di oliva, risulta essere la scelta migliore, sia per condire a crudo, sia per cucinare che per  friggere.

Solitamente per le fritture si tende ad utilizzare l’olio di semi, anche per il suo costo più contenuto rispetto all’olio di oliva, ma avendo il primo un punto di fumo più basso,  ovvero  comincia a deteriorarsi ad una temperatura inferiore, produceo  delle sostanze tossiche, anche in considerazione del fatto che durante la frittura si raggiungono temperature molto elevate. Con l’olio d’oliva questo non accade perché sopporta molto meglio le alte temperature e quindi non produce sostanze tossiche per l’organismo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Tumori, uno su tre si previene a tavola - giovedì 11 febbraio 2016
Tumori, uno su tre si previene a tavola, per cui è possibile anche affermare, come del resto fanno anche vari studiosi, che una sana alimentazione è il modo migliore per ridurre il rischio cancro. In occasione del World cancer da, l'Adi-Associazione italiana ........

Cortisone, le alternative naturali più efficaci - mercoledì 24 settembre 2014

Il Cortisone, o meglio, i farmaci al cortisone sono comunemente utilizzati per curare alcune patologie, come le allergie, le infiammazioni, ma anche i dolori reumatici in quanto questi sono  la conseguenza di uno stato infiammatorio.  ........

La carne rossa accresce il rischio di malattie cardiache - lunedì 10 novembre 2014

La carne rossa accresce il rischio di malattie cardiache, oltre a rappresentare un serio rischio di ammalarsi di Alzheimer. Il responsabile è il ferro presente in gran quantità nella carne rossa, mentre quello presente nei vegetali non risulta ........

Sintomi che indicano problemi alla tiroide - martedì 27 marzo 2018

Sintomi che indicano problemi alla tiroide, piccoli segnali che spesso passano inosservati anche perché molte volte sono comuni ad altre patologie o semplicemente disturbi del tutto occasionali, passeggeri, che non sono legati a nessun problema ........

Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso - lunedì 24 novembre 2014

Il diabete, un nemico invisibile e pericoloso, causa di non pochi problemi di salute, anche gravi, di cui a volte è difficile accorgersi. Si calcola infatti che il 50% dei diabetici non sono a conoscenza del loro stato, perché sottovalutano ........



Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....



 articolo Salute Salute
Olio di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore freccegiovedì 6 novembre 2014      

L’olio extravergine di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore, un prodotto tipico italiano, che in varie regioni ha raggiunto qualità eccelse, anche se ora lo si trova, anche buon mercato, ma di provenienza per lo più di altri paesi.  Quello prodotto in Italia è di gran lunga il migliore, e su questo non vi sono dubbi. Basti pensare, ad esempio, all’olio ligure, a quello toscano all’abruzzese, a quello della penisola sorrentina o ancora a quello coltivato e prodotto in Puglia. Ma a parte il discorso relativo alla qualità, ciò che più sorprende è che si tratta di un vero amico della salute, come del resto lo sono la maggior parte degli alimenti di origine vegetale.

La consapevolezza che è l’alimentazione a determinare in qualche modo lo stato di salute è ormai sempre più diffusa, grazie anche ad una serie di ricerche che non fanno altro che confermare questo dato. Uno studio svolto in collaborazione tra l’Università Campus Bio-medico di Roma,  l’Università degli Studi di Teramo, l’Università degli Studi di Camerino e il Karolinska Institutet di Stoccolma ha messo in evidenza la capacità dell’olio di oliva di prevenire il cancro al colon.  Questo è dovuto alla capacità dell’olio di stimolare il CNR1, un gene in grado di sopprimere le cellule tumorali prima che queste possano dar luogo ad una neoplasia.

La ricerca in oggetto prova ancora una volta quanto sia importante l’alimentazione per la salute, quanto ciò che si mette in tavola possa fare la differenza tra lo star bene e il rischio di contrarre malattie di vario genere, molte anche gravi. Un’altra ricerca, condotta a Chicago da un team del College of Medicine dell’Università dell’Illinois, ha potuto mettere in evidenza come consumare olio di oliva ogni giorno possa condizionare in positivo la salute del cuore, per cui un normale consumo di olio sarebbe particolarmente raccomandato a chi soffre di insufficienza cardiaca.

È l’acido oleico a fare la differenza. I ricercatori infatti hanno potuto constatare  un miglioramento immediato nella contrazione del muscolo cardiaco e, quindi, anche della capacità di pompare sangue in circolo. Inoltre, sembra che l’acido oleico sia in grado di riattivare determinati  geni utili agli enzimi che si occupano del metabolismo dei grassi. Insomma, utilizzare l’olio di oliva, o meglio ancora l’olio extravergine di oliva, risulta essere la scelta migliore, sia per condire a crudo, sia per cucinare che per  friggere.

Solitamente per le fritture si tende ad utilizzare l’olio di semi, anche per il suo costo più contenuto rispetto all’olio di oliva, ma avendo il primo un punto di fumo più basso,  ovvero  comincia a deteriorarsi ad una temperatura inferiore, produceo  delle sostanze tossiche, anche in considerazione del fatto che durante la frittura si raggiungono temperature molto elevate. Con l’olio d’oliva questo non accade perché sopporta molto meglio le alte temperature e quindi non produce sostanze tossiche per l’organismo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: