Articolo Salute Salute
Olio di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore freccegiovedì 6 novembre 2014      


L’olio extravergine di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore, un prodotto tipico italiano, che in varie regioni ha raggiunto qualità eccelse, anche se ora lo si trova, anche buon mercato, ma di provenienza per lo più di altri paesi.  Quello prodotto in Italia è di gran lunga il migliore, e su questo non vi sono dubbi. Basti pensare, ad esempio, all’olio ligure, a quello toscano all’abruzzese, a quello della penisola sorrentina o ancora a quello coltivato e prodotto in Puglia. Ma a parte il discorso relativo alla qualità, ciò che più sorprende è che si tratta di un vero amico della salute, come del resto lo sono la maggior parte degli alimenti di origine vegetale.

La consapevolezza che è l’alimentazione a determinare in qualche modo lo stato di salute è ormai sempre più diffusa, grazie anche ad una serie di ricerche che non fanno altro che confermare questo dato. Uno studio svolto in collaborazione tra l’Università Campus Bio-medico di Roma,  l’Università degli Studi di Teramo, l’Università degli Studi di Camerino e il Karolinska Institutet di Stoccolma ha messo in evidenza la capacità dell’olio di oliva di prevenire il cancro al colon.  Questo è dovuto alla capacità dell’olio di stimolare il CNR1, un gene in grado di sopprimere le cellule tumorali prima che queste possano dar luogo ad una neoplasia.

La ricerca in oggetto prova ancora una volta quanto sia importante l’alimentazione per la salute, quanto ciò che si mette in tavola possa fare la differenza tra lo star bene e il rischio di contrarre malattie di vario genere, molte anche gravi. Un’altra ricerca, condotta a Chicago da un team del College of Medicine dell’Università dell’Illinois, ha potuto mettere in evidenza come consumare olio di oliva ogni giorno possa condizionare in positivo la salute del cuore, per cui un normale consumo di olio sarebbe particolarmente raccomandato a chi soffre di insufficienza cardiaca.

È l’acido oleico a fare la differenza. I ricercatori infatti hanno potuto constatare  un miglioramento immediato nella contrazione del muscolo cardiaco e, quindi, anche della capacità di pompare sangue in circolo. Inoltre, sembra che l’acido oleico sia in grado di riattivare determinati  geni utili agli enzimi che si occupano del metabolismo dei grassi. Insomma, utilizzare l’olio di oliva, o meglio ancora l’olio extravergine di oliva, risulta essere la scelta migliore, sia per condire a crudo, sia per cucinare che per  friggere.

Solitamente per le fritture si tende ad utilizzare l’olio di semi, anche per il suo costo più contenuto rispetto all’olio di oliva, ma avendo il primo un punto di fumo più basso,  ovvero  comincia a deteriorarsi ad una temperatura inferiore, produceo  delle sostanze tossiche, anche in considerazione del fatto che durante la frittura si raggiungono temperature molto elevate. Con l’olio d’oliva questo non accade perché sopporta molto meglio le alte temperature e quindi non produce sostanze tossiche per l’organismo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Ciambellone di riso estivo con verdure e polpette di soia
Fate bollire l’acqua, salatela e cuoceteci il riso basmati, mantenendolo al dente. Nel frattempo lavate tutte le verdure, tritate il più finemente ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Vaccinazione antinfluenzale: chi deve farla e perché - lunedì 18 novembre 2013

La campagna di vaccinazione antinfluenzale è iniziata in questi giorni in tutto il Paese in particolar modo per i soggetti a rischio, per i quali vaccinarsi non è solo raccomandato, ma è quasi un obbligo. A causa della vicenda  dei vaccini ........

Dimagrire camminando, ecco come fare - martedì 29 luglio 2014

Dimagrire camminando è possibile, anzi è certamente il modo migliore per riuscirci. Camminare è una attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare, che potremmo definire anche allenamento, e come tale però deve rispettare regole ben precise, ........

La tisana alle bacche di Acai per restare giovani e mantenersi in forma - venerdì 21 aprile 2017

Per restare giovani e mantenersi in forma ecco la tisana alle bacche di Acai, piccoli frutti di colore blu simili ai mirtilli provenienti dal Sud America, e come i mirtilli le bacche di Acai sono ricche di molte proprietà benefiche che le rendono ........

Spirulina, l’alga blu-verde dalle spiccate proprietà anticancro - mercoledì 19 novembre 2014

Spirulina, l’alga blu-verde dalle spiccate proprietà anticancro, che cresce nelle acque dolci e tropicali dove il pH è decisamente alcalino, ennesima conferma che alcalino vuol dire salute mentre acido è la condizione diametralmente opposta. ........

Il latte indebolisce le ossa, lo dice un recente studio svedese - martedì 4 novembre 2014

Il latte indebolisce le ossa; è quanto sembra dimostrare un recente studio svedese che smentirebbe quindi  la convinzione radicata da anni che invece si tratta di un alimento indispensabile per la salute dell’apparato scheletrico. Lo studio ........



Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....



 articolo Salute Salute
Olio di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore freccegiovedì 6 novembre 2014      

L’olio extravergine di oliva, previene il tumore al colon ed è amico del cuore, un prodotto tipico italiano, che in varie regioni ha raggiunto qualità eccelse, anche se ora lo si trova, anche buon mercato, ma di provenienza per lo più di altri paesi.  Quello prodotto in Italia è di gran lunga il migliore, e su questo non vi sono dubbi. Basti pensare, ad esempio, all’olio ligure, a quello toscano all’abruzzese, a quello della penisola sorrentina o ancora a quello coltivato e prodotto in Puglia. Ma a parte il discorso relativo alla qualità, ciò che più sorprende è che si tratta di un vero amico della salute, come del resto lo sono la maggior parte degli alimenti di origine vegetale.

La consapevolezza che è l’alimentazione a determinare in qualche modo lo stato di salute è ormai sempre più diffusa, grazie anche ad una serie di ricerche che non fanno altro che confermare questo dato. Uno studio svolto in collaborazione tra l’Università Campus Bio-medico di Roma,  l’Università degli Studi di Teramo, l’Università degli Studi di Camerino e il Karolinska Institutet di Stoccolma ha messo in evidenza la capacità dell’olio di oliva di prevenire il cancro al colon.  Questo è dovuto alla capacità dell’olio di stimolare il CNR1, un gene in grado di sopprimere le cellule tumorali prima che queste possano dar luogo ad una neoplasia.

La ricerca in oggetto prova ancora una volta quanto sia importante l’alimentazione per la salute, quanto ciò che si mette in tavola possa fare la differenza tra lo star bene e il rischio di contrarre malattie di vario genere, molte anche gravi. Un’altra ricerca, condotta a Chicago da un team del College of Medicine dell’Università dell’Illinois, ha potuto mettere in evidenza come consumare olio di oliva ogni giorno possa condizionare in positivo la salute del cuore, per cui un normale consumo di olio sarebbe particolarmente raccomandato a chi soffre di insufficienza cardiaca.

È l’acido oleico a fare la differenza. I ricercatori infatti hanno potuto constatare  un miglioramento immediato nella contrazione del muscolo cardiaco e, quindi, anche della capacità di pompare sangue in circolo. Inoltre, sembra che l’acido oleico sia in grado di riattivare determinati  geni utili agli enzimi che si occupano del metabolismo dei grassi. Insomma, utilizzare l’olio di oliva, o meglio ancora l’olio extravergine di oliva, risulta essere la scelta migliore, sia per condire a crudo, sia per cucinare che per  friggere.

Solitamente per le fritture si tende ad utilizzare l’olio di semi, anche per il suo costo più contenuto rispetto all’olio di oliva, ma avendo il primo un punto di fumo più basso,  ovvero  comincia a deteriorarsi ad una temperatura inferiore, produceo  delle sostanze tossiche, anche in considerazione del fatto che durante la frittura si raggiungono temperature molto elevate. Con l’olio d’oliva questo non accade perché sopporta molto meglio le alte temperature e quindi non produce sostanze tossiche per l’organismo.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: