Articolo Salute Salute
L’influenza 2014 colpirà circa 5 milioni di italiani e sarà particolarmente pericolosa per alcune categorie a rischio freccemercoledì 5 novembre 2014      


L’influenza 2014 colpirà circa 5 milioni di italiani e sarà particolarmente pericolosa per alcune categorie a rischio, per le quali la vaccinazione non è solo semplicemente consigliata, ma fortemente raccomandata.  La previsione del numero dei possibili contagiati è fatta in base sia alle statistiche degli anni precedenti, sia in base a quelle degli altri paesi all’altro capo del mondo in cui l’influenza ha già fatto danni, per cui considerarle con una certa superficialità sarebbe un errore.

Questo è il parere  di Massimo Andreoni, primario di Malattie Infettive al Policlinico Universitario Tor Vergata  di Roma esposto durante il 13esimo Congresso Nazionale della Societa' Italiana Malattie Infettive e Tropicali (Simit). Sottovalutare l’influenza è un errore che non andrebbe mai fatto, sostiene Massimo Andreoni, perché pur essendo una malattia virale se si vuole anche banale, è tuttavia ad alto rischio per colpa delle complicanze che può portare con sé, complicanze anche gravi, e in alcuni casi anche letali. Del resto, ogni anno l’influenza fa registrare alcune migliaia di decessi, per cui verrebbe naturale pensare che correre tale rischio non è certamente la scelta più intelligente da fare.

Purtroppo vi sono un gran numero di persone che però da quell’orecchio non ci sentono, come suol dirsi, e che anzi sono del parere che vaccinarsi è un errore grave in quanto  la vaccinazione potrebbe addirittura essere dannosa. Si tratta di opinioni del tutto personali, non sostenute da evidenze scientifiche, per cui prima di farle sarebbe opportuno riflettere attentamente, e non dare credito a voci allarmistiche. In tutti i casi, i soggetti a rischio dovrebbero vaccinarsi  in quanto sono i più esposti alle possibili complicanze che, come detto, possono anche essere letali.

Si tratta dei cardiopatici, i diabetici, le persone con renale cronica, e tutti coloro che hanno patologie croniche fortemente debilitanti, tutti gli over 65 e i bambini in tenera età.  Oltre a queste categorie, si dovrebbero vaccinare che tutti coloro che per lavoro sono a diretto contatto con il pubblico e, in particolare, medici, paramedici e personale ospedaliero in generale in quanto potrebbero contagiare pazienti ricoverati che in quel momento sono più esposti al contagio per colpa di una deficitaria risposta immunitaria.

Va detto che, come del resto accade ogni anno, il vaccino viene regolarmente rinnovato con i virus che hanno maggiormente circolato nell’altro emisfero dove l’influenza si è già presentata. Per quanto riguarda il nostro paese, e l’Europa in generale, il picco è previsto tra il prossimo dicembre e marzo 2015. La sintomatologia, se vogliamo, è quasi sempre la stessa, ovvero raffreddore, lacrimazione abbondante, seguiti da tosse, febbre, dolori muscolari diffusi,  sintomi cui possono essere associate delle complicanze anche molto serie che possono interessare il sistema cardiocircolatorio, il sistema nervoso centrale, pleurite, polmonite e altre infezioni batteriche.

La cura dell’influenza è abbastanza semplice, visto che non esistono dei farmaci specifici. Letto e caldo, le parole d’ordine, cui vanno aggiunti antipiretici, eventualmente espettoranti e, all’occorrenza, degli antivirali, sempre se prescritti dal proprio medico. Gli antibiotici non vanno utilizzati, anche perché trattandosi di una malattia virale, non hanno alcun effetto, tuttavia si rendono necessari in caso di complicanze batteriche, comunque sempre dietro prescrizione e controllo medico.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le bibite gassate e zuccherate fanno invecchiare al pari del fumo - mercoledì 5 novembre 2014

Le bibite gassate e zuccherate fanno invecchiare al pari del fumo,  come  dimostra un recente studio condotto dai ricercatori dell’University of California di San Francisco, pubblicato sull’American Journal of Public Health. ........

Cancro e prevenzione: non tutti sanno che…… - martedì 11 novembre 2014

Cancro e prevenzione: non tutti sanno che con uno stile di vita corretto e con una alimentazione sana ed equilibrata è possibile concretamente ridurre il rischio cancro. Ovviamente, poco si può fare individualmente per i rischi correlati alla ........

5 Caffè al giorno salvano la vita - mercoledì 16 dicembre 2015

5 caffè al giorno salvano la vita, ridurrebbero il rischio di morte prematura. Secondo una ricerca condotta dall’Harvard University, ricerca che ha seguito per 30 anni la storia clinica di 200mila pazienti volontari, 160mila donne e ........

Curare la bronchite - venerdì 3 gennaio 2014
Durante la stagione invernale è possibile contrarre un raffreddore, un po’ di tosse o un’influenza che può facilmente trasformarsi in una bronchite acuta. La bronchite acuta non è da confondersi con quella cronica, più seria che compromette le ........

Prostata e alimentazione: quali alimenti fanno bene - lunedì 29 febbraio 2016

Prostata e alimentazione, gli alimenti benefici per la prostata, che possono prevenirne l’infiammazione. Con il trascorrere del tempo la prostata tende ad ingrossarsi. Essa ha 2 periodi di crescita nella vita di un uomo. Il Primo avviene durante ........



Ricetta del giorno
Orecchiette con cime di rapa e tofu
Lavate le cime di rapa, tagliatele a pezzettini e lessatele in acqua salata bollente. Nel frattempo in una padella fate soffriggere un cucchiaio di olio ....



 articolo Salute Salute
L’influenza 2014 colpirà circa 5 milioni di italiani e sarà particolarmente pericolosa per alcune categorie a rischio freccemercoledì 5 novembre 2014      

L’influenza 2014 colpirà circa 5 milioni di italiani e sarà particolarmente pericolosa per alcune categorie a rischio, per le quali la vaccinazione non è solo semplicemente consigliata, ma fortemente raccomandata.  La previsione del numero dei possibili contagiati è fatta in base sia alle statistiche degli anni precedenti, sia in base a quelle degli altri paesi all’altro capo del mondo in cui l’influenza ha già fatto danni, per cui considerarle con una certa superficialità sarebbe un errore.

Questo è il parere  di Massimo Andreoni, primario di Malattie Infettive al Policlinico Universitario Tor Vergata  di Roma esposto durante il 13esimo Congresso Nazionale della Societa' Italiana Malattie Infettive e Tropicali (Simit). Sottovalutare l’influenza è un errore che non andrebbe mai fatto, sostiene Massimo Andreoni, perché pur essendo una malattia virale se si vuole anche banale, è tuttavia ad alto rischio per colpa delle complicanze che può portare con sé, complicanze anche gravi, e in alcuni casi anche letali. Del resto, ogni anno l’influenza fa registrare alcune migliaia di decessi, per cui verrebbe naturale pensare che correre tale rischio non è certamente la scelta più intelligente da fare.

Purtroppo vi sono un gran numero di persone che però da quell’orecchio non ci sentono, come suol dirsi, e che anzi sono del parere che vaccinarsi è un errore grave in quanto  la vaccinazione potrebbe addirittura essere dannosa. Si tratta di opinioni del tutto personali, non sostenute da evidenze scientifiche, per cui prima di farle sarebbe opportuno riflettere attentamente, e non dare credito a voci allarmistiche. In tutti i casi, i soggetti a rischio dovrebbero vaccinarsi  in quanto sono i più esposti alle possibili complicanze che, come detto, possono anche essere letali.

Si tratta dei cardiopatici, i diabetici, le persone con renale cronica, e tutti coloro che hanno patologie croniche fortemente debilitanti, tutti gli over 65 e i bambini in tenera età.  Oltre a queste categorie, si dovrebbero vaccinare che tutti coloro che per lavoro sono a diretto contatto con il pubblico e, in particolare, medici, paramedici e personale ospedaliero in generale in quanto potrebbero contagiare pazienti ricoverati che in quel momento sono più esposti al contagio per colpa di una deficitaria risposta immunitaria.

Va detto che, come del resto accade ogni anno, il vaccino viene regolarmente rinnovato con i virus che hanno maggiormente circolato nell’altro emisfero dove l’influenza si è già presentata. Per quanto riguarda il nostro paese, e l’Europa in generale, il picco è previsto tra il prossimo dicembre e marzo 2015. La sintomatologia, se vogliamo, è quasi sempre la stessa, ovvero raffreddore, lacrimazione abbondante, seguiti da tosse, febbre, dolori muscolari diffusi,  sintomi cui possono essere associate delle complicanze anche molto serie che possono interessare il sistema cardiocircolatorio, il sistema nervoso centrale, pleurite, polmonite e altre infezioni batteriche.

La cura dell’influenza è abbastanza semplice, visto che non esistono dei farmaci specifici. Letto e caldo, le parole d’ordine, cui vanno aggiunti antipiretici, eventualmente espettoranti e, all’occorrenza, degli antivirali, sempre se prescritti dal proprio medico. Gli antibiotici non vanno utilizzati, anche perché trattandosi di una malattia virale, non hanno alcun effetto, tuttavia si rendono necessari in caso di complicanze batteriche, comunque sempre dietro prescrizione e controllo medico.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: