Articolo Gatti Curiosità
Manifesto del Gattismo consapevole freccelunedì 27 ottobre 2014      


Dotati di straordinario fascino e di caratteristiche sorprendenti, sono 8.5 milioni, secondo la Doxa, i gatti che condividono con noi le mura domestiche. Un dato significativo che testimonia quanto il gatto sia un compagno capace di instaurare relazioni appaganti sotto il profilo affettivo. Con i suoi vocalizzi e la sua comunicazione corporea regala emozioni, rassicura, allenta le tensioni, rallegra e insegna. Insegna ad adulti e bambini che esistono esigenze diverse dalle proprie, conduce nel mondo dell'alterità e ne fa scoprire i valori e l'importanza anche pedagogica.

Per ricambiare il piccolo felino di tutto ciò ed essere buoni compagni è indispensabile conoscere quali sono i suoi diritti e i nostri doveri, ma anche come essere d'aiuto nelle situazioni in cui il nostro amico o altri gatti si trovino in difficoltà, siano vittima di maltrattamenti, si neghino loro il diritto al proprio habitat naturale e all'alimentazione. Nonostante le leggi a tutela degli animali riconoscano al gatto il diritto all'alimentazione e al territorio - le colonie feline possono occupare luoghi pubblici e privati e non è possibile spostarle dal loro habitat se non per la sicurezza della colonia stessa - sono ancora numerosi i tentativi di allontanarle dai luoghi ove abitualmente risiedono e/o di vietarne l'alimentazione.

A tutela dei gatti intervengono leggi nazionali, regionali, regolamenti comunali... ma anche il Codice civile e il Codice penale, che così come riformulato dalla legge 189/2004 stabilisce che uccidere, maltrattare, abbandonare un animale è un reato. Non bisogna inoltre dimenticare l'articolo 11-13 del nuovo Trattato dell'Unione Europea che riconosce agli animali lo status di esseri senzienti, una verità ovvia finalmente codificata.Questo doveroso e indiscutibile riconoscimento giuridico dovrebbe far riflettere, accanto alle ragioni di tipo etico, su come l'adozione, e non l'acquisto, sia un atto di amore coerente con la loro natura non di cosa, ma di essere senziente con una propria vita relazionale ed emotiva, oltre che naturalmente un'importante strumento nella lotta al randagismo.

La Scelta di vivere con un gatto è dunque molto impegnativa e deve essere ponderata con responsabilità: è necessario essere consapevoli delle necessità fisiche, emotive e affettive dell'animale: vivere con un gatto non significa solo nutrirlo e dargli una casa, ma condividere con lui tempo ed esperienze. Nella scelta non bisogna neppure mai farsi guidare da questioni di estetica o dalle pressioni della moda, spesso convogliate da cinema e televisione, ma valutare con obiettività la situazione attuale: i gatti abbandonati al loro destino sono circa 3 milioni. Perché non adottarne uno e restituirgli il calore di una famiglia?

La sua gratitudine, anche se adulto, vi ripagherà profondamente dell'opportunità che gli avrete concesso e voi, ricordando anche come la sterilizzazione sia importante oltre che per la sua salute anche per la lotta al randagismo felino, avrete dato un rilevante contributo per debellare questo fenomeno diffuso che costa grandi sofferenze agli animali. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Federico  Maman - vedi tutti gli articoli di Federico  Maman



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Bavarese alla frutta
Fate ammorbidire in acqua fredda per circa 20 minuti i fogli di gelatina, metteteli senza strizzarli in un tegame nel quale aggiungete un bicchiere di ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il Ragdoll - mercoledì 22 ottobre 2014
Lui, il Ragdoll, è il gatto più buono del mondo, assolutamente incapace di graffiare o di mordere, lui è un compagno discreto che non da mai problemi. Questo non fa certo del Ragdoll un peluche perchè è capacissimo di rivelare agilità e doti ........

Addestrare un cucciolo di gatto - mercoledì 11 settembre 2013
Cosa vuol dire addestrare un cucciolo di gatto? Forse insegnargli il riporto, o saltare a comando? Io credo sia molto di più! A mio parere, è la meraviglia di camminare per una via piena di persone, col proprio adorato gattino tranquillo sulla ........

Le origini del gatto: i felidi - lunedì 16 settembre 2013
Oggi parliamo della natura del gatto, delle sue origini; inanzitutto, il gatto è un mammifero, una classe piuttosto piccola di animali che possono regolare la propria temperatura corporea, che hanno peli, che partoriscono piccoli ben formati e ........

Manifesto del Gattismo consapevole - lunedì 27 ottobre 2014
Dotati di straordinario fascino e di caratteristiche sorprendenti, sono 8.5 milioni, secondo la Doxa, i gatti che condividono con noi le mura domestiche. Un dato significativo che testimonia quanto il gatto sia un compagno capace di instaurare ........

Il Parto della gatta - venerdì 7 novembre 2014
La gravidanza di una gatta dura dai 57 ai 63 giorni, sovrapponibile al cane, con una media di 60 giorni. Anche se spesso parti intorno al 57-59esimo giorno esitano in parti prematuri, con morte dei gattini. Come succede nel cane, se ipotizziamo ........



Ricetta del giorno
Polpette di miglio
Lavate bene e tritate finemente la carota, la cipolla, il sedano e le erbe aromatiche, tenendole separate le une dalle altre.
Fate soffriggere ....



 articolo Gatti Curiosità
Manifesto del Gattismo consapevole freccelunedì 27 ottobre 2014      

Dotati di straordinario fascino e di caratteristiche sorprendenti, sono 8.5 milioni, secondo la Doxa, i gatti che condividono con noi le mura domestiche. Un dato significativo che testimonia quanto il gatto sia un compagno capace di instaurare relazioni appaganti sotto il profilo affettivo. Con i suoi vocalizzi e la sua comunicazione corporea regala emozioni, rassicura, allenta le tensioni, rallegra e insegna. Insegna ad adulti e bambini che esistono esigenze diverse dalle proprie, conduce nel mondo dell'alterità e ne fa scoprire i valori e l'importanza anche pedagogica.

Per ricambiare il piccolo felino di tutto ciò ed essere buoni compagni è indispensabile conoscere quali sono i suoi diritti e i nostri doveri, ma anche come essere d'aiuto nelle situazioni in cui il nostro amico o altri gatti si trovino in difficoltà, siano vittima di maltrattamenti, si neghino loro il diritto al proprio habitat naturale e all'alimentazione. Nonostante le leggi a tutela degli animali riconoscano al gatto il diritto all'alimentazione e al territorio - le colonie feline possono occupare luoghi pubblici e privati e non è possibile spostarle dal loro habitat se non per la sicurezza della colonia stessa - sono ancora numerosi i tentativi di allontanarle dai luoghi ove abitualmente risiedono e/o di vietarne l'alimentazione.

A tutela dei gatti intervengono leggi nazionali, regionali, regolamenti comunali... ma anche il Codice civile e il Codice penale, che così come riformulato dalla legge 189/2004 stabilisce che uccidere, maltrattare, abbandonare un animale è un reato. Non bisogna inoltre dimenticare l'articolo 11-13 del nuovo Trattato dell'Unione Europea che riconosce agli animali lo status di esseri senzienti, una verità ovvia finalmente codificata.Questo doveroso e indiscutibile riconoscimento giuridico dovrebbe far riflettere, accanto alle ragioni di tipo etico, su come l'adozione, e non l'acquisto, sia un atto di amore coerente con la loro natura non di cosa, ma di essere senziente con una propria vita relazionale ed emotiva, oltre che naturalmente un'importante strumento nella lotta al randagismo.

La Scelta di vivere con un gatto è dunque molto impegnativa e deve essere ponderata con responsabilità: è necessario essere consapevoli delle necessità fisiche, emotive e affettive dell'animale: vivere con un gatto non significa solo nutrirlo e dargli una casa, ma condividere con lui tempo ed esperienze. Nella scelta non bisogna neppure mai farsi guidare da questioni di estetica o dalle pressioni della moda, spesso convogliate da cinema e televisione, ma valutare con obiettività la situazione attuale: i gatti abbandonati al loro destino sono circa 3 milioni. Perché non adottarne uno e restituirgli il calore di una famiglia?

La sua gratitudine, anche se adulto, vi ripagherà profondamente dell'opportunità che gli avrete concesso e voi, ricordando anche come la sterilizzazione sia importante oltre che per la sua salute anche per la lotta al randagismo felino, avrete dato un rilevante contributo per debellare questo fenomeno diffuso che costa grandi sofferenze agli animali. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Federico  Maman - vedi tutti gli articoli di Federico  Maman





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: