Articolo Salute Sana alimentazione
Curcuma, tanti benefici per la salute ma senza abusarne freccelunedì 15 settembre 2014      


La curcuma, una spezia dai tanti benefici ma che potrebbe avere anche qualche effetto collaterale se se ne abusa.  È presente nel curry, una miscela di spezie tipica della cucina indiana, ma la si trova anche da sola, in polvere, da aggiungere un po’ a tutti gli alimenti, sempre poi in base ai gusti personali. C’è chi  la aggiunge anche allo yogurt, tuttavia il suo utilizzo più frequente è con i risotti, le verdure, le insalate, per condire i legumi, insomma un po’ ovunque, anche perché non è piccante come il curry. Il suo principio attivo, la curcumina, è dotata di numerose virtù  che la rendono una vera amica della salute, anche se poi non è esente da qualche effetto collaterale che la sconsigliano per determinati soggetti, come vedremo più avanti.

Dotata di proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, quindi in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare, è un valido aiuto per contrastare non poche patologie perché, come ormai la ricerca scientifica sembra confermare, molte patologie sono una conseguenza di uno stato infiammatorio cronico, anche se non rilevabile dal soggetto che ne soffre. Infatti, la ricerca scientifica la considera eccellente per la prevenzione  di alcuni tumori quali quelli dell’intestino, esofago, reni, polmoni, prostata, fegato e seno,  così come è un valido aiuto per la prevenzione di patologie cardiovascolari.

Migliora la circolazione sanguigna, migliora le difese immunitarie, è di grande aiuto a livello intestinale per disturbi come meteorismo, dispepsie, colon irritabile, digestione difficile. Le sue proprietà antiossidanti cui si accennava precedentemente,  sono fondamentali per combattendo il processo di neurodegenerazione tipico dell’Alzheimer, così come di altre patologie neurodegenerative. Tuttavia è bene non esagerare, perché ogni abuso, anche quando si tratta di qualcosa che fa bene alla salute, può produrre degli effetti collaterali che, in alcuni casi, potrebbero essere anche causa di qualche problema.

Questi si possono presentare se si supera la dose giornaliera consigliata di 400 a 800 mg, per cui è bene non esagerare, come detto in precedenza. I principali effetti indesiderati sono disturbi gastrointestinali, diarrea e nausea, ma la maggiore attenzione la devono avere i soggetti che seguono una terapia a base di anticoagulanti perché, proprio per le sue caratteristiche antinfiammatorie, potrebbe aumentare il rischio emorragico, ovviamente sempre se si superano le dosi giornaliere consigliate indicate in precedenza.

Un uso normale, invece, è addirittura consigliato perché consente di ottenere nel tempo dei vantaggi  per la salute niente affatto trascurabili, senza incorrere negli effetti collaterali appena  citati. Il solo problema è che non è di facile reperibilità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Lenticchie speziate all'indiana
Lavate le lenticchie e lasciatele scolare. Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla rossa, ben triturata, nell'olio e quando questa ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Insalate in busta, quanto sono sicure? - mercoledì 2 ottobre 2013
A volte dopo aver acquistato l’insalata in busta ci si chiede quanto sia effettivamente sicura. Succede che non sai cosa preparare, hai fretta, sei stanca e anche un piatto d’insalata rischia di sembrare un’impresa un po’ troppo impegnativa. ........

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne - giovedì 3 marzo 2016

Curcuma in cucina. Come, dove e quanta utilizzarne per ottenere il massimo dei benefici per la salute. Da poco arrivata sulle nostre tavole, grazie anche alla cresciuta notorietà acquisita in quanti ultimi mesi, la curcuma è una spezia dalla ........

Le noci, amiche della salute per le tante proprietà benefiche - mercoledì 9 aprile 2014

Le Noci, grandi amiche della salute grazie alle loro tante proprietà benefiche, anche se nel passato  le noci, al pari della  frutta secca in generale, erano considerata da evitare, perché si riteneva che potessero rappresentare un ........

I pistacchi combattono il diabete e sono amici del cuore - martedì 1 marzo 2016

I pistacchi combattono il diabete e sono amici del cuore, due caratteristiche che li rendono sempre più un alimento da avere sempre a portata di piatto. Dopo anni di quasi demonizzazione i pistacchi, al pari della frutta secca, sono stati finalmente ........

Il gelato fa bene alla salute - martedì 12 agosto 2014

Il gelato fa bene alla salute, oltre che al palato ovviamente,  perché si tratta di un alimento che fa bene anche all’umore. Si, è proprio un alimento, e come tale va considerato, per cui non si deve pensare che possa trattarsi solo di ........



Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Curcuma, tanti benefici per la salute ma senza abusarne freccelunedì 15 settembre 2014      

La curcuma, una spezia dai tanti benefici ma che potrebbe avere anche qualche effetto collaterale se se ne abusa.  È presente nel curry, una miscela di spezie tipica della cucina indiana, ma la si trova anche da sola, in polvere, da aggiungere un po’ a tutti gli alimenti, sempre poi in base ai gusti personali. C’è chi  la aggiunge anche allo yogurt, tuttavia il suo utilizzo più frequente è con i risotti, le verdure, le insalate, per condire i legumi, insomma un po’ ovunque, anche perché non è piccante come il curry. Il suo principio attivo, la curcumina, è dotata di numerose virtù  che la rendono una vera amica della salute, anche se poi non è esente da qualche effetto collaterale che la sconsigliano per determinati soggetti, come vedremo più avanti.

Dotata di proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, quindi in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare, è un valido aiuto per contrastare non poche patologie perché, come ormai la ricerca scientifica sembra confermare, molte patologie sono una conseguenza di uno stato infiammatorio cronico, anche se non rilevabile dal soggetto che ne soffre. Infatti, la ricerca scientifica la considera eccellente per la prevenzione  di alcuni tumori quali quelli dell’intestino, esofago, reni, polmoni, prostata, fegato e seno,  così come è un valido aiuto per la prevenzione di patologie cardiovascolari.

Migliora la circolazione sanguigna, migliora le difese immunitarie, è di grande aiuto a livello intestinale per disturbi come meteorismo, dispepsie, colon irritabile, digestione difficile. Le sue proprietà antiossidanti cui si accennava precedentemente,  sono fondamentali per combattendo il processo di neurodegenerazione tipico dell’Alzheimer, così come di altre patologie neurodegenerative. Tuttavia è bene non esagerare, perché ogni abuso, anche quando si tratta di qualcosa che fa bene alla salute, può produrre degli effetti collaterali che, in alcuni casi, potrebbero essere anche causa di qualche problema.

Questi si possono presentare se si supera la dose giornaliera consigliata di 400 a 800 mg, per cui è bene non esagerare, come detto in precedenza. I principali effetti indesiderati sono disturbi gastrointestinali, diarrea e nausea, ma la maggiore attenzione la devono avere i soggetti che seguono una terapia a base di anticoagulanti perché, proprio per le sue caratteristiche antinfiammatorie, potrebbe aumentare il rischio emorragico, ovviamente sempre se si superano le dosi giornaliere consigliate indicate in precedenza.

Un uso normale, invece, è addirittura consigliato perché consente di ottenere nel tempo dei vantaggi  per la salute niente affatto trascurabili, senza incorrere negli effetti collaterali appena  citati. Il solo problema è che non è di facile reperibilità.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: