Articolo Salute Sana alimentazione
Colesterolo, gli alimenti che aiutano a tenerlo sotto controllo freccemercoledì 11 giugno 2014      


Il colesterolo, il principale nemico delle arterie e, quindi, del cuore. Per tenerlo sotto controllo si è spesso costretti a fare dei sacrifici alimentari e, inoltre, ad assumere un farmaco specifico, le statine,  che tuttavia hanno come tutte le medicine degli effetti collaterali che, in alcuni casi e per il passato, si sono rivelati essere anche gravi, addirittura letali. Oggi sembra che il problema sia stato risolto, problema che era legato ad una elevata presenza di principio attivo in alcune confezioni, tanto è vero che di casi del genere non si è più avuto notizia. L’alimentazione è e resta la strada migliore per la gestione del colesterolo, anche se questa deve andare a braccetto con un po’ di attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare, quindi corsa, jogging, camminata veloce, cyclette, da praticare tutti i giorni per almeno 35/40 minuti. Del resto è ormai dimostrato che il segreto di lunga vita non è altro che alimentazione e attività fisica, tutto il resto passa in second’ordine.

Ovviamente, conta anche lo stile di vita, quindi niente fumo e eccessi di alcun genere, ma questo il buon senso dovrebbe suggerirlo già a tutti. Tornando all’alimentazione, vi sono alcuni alimenti che più di altri aiutano a tenere il colesterolo sotto controllo, e guarda caso potrebbe dire qualche vegetariano, si tratta di tutti alimenti di origine vegetale, Oltre tutto si tratta di cibi comuni, di facilissima reperibilità e quindi anche di costo più che contenuto, cosa che sicuramente di questi tempi non guasta affatto. Ma vediamo di quali alimenti si tratta. Le fragole innanzi tutto,  il buon frutto rosso ormai disponibile nelle dimensioni più diverse (le piccole fragoline di bosco sono in assoluto le più deliziose), che grazie al loro alto contenuto di antocianine, i pigmenti che conferiscono il caratteristico colore rosso, riescono a ridurre i livelli di colesterolo  e dei trigliceridi. Lo conferma un recente studio dell’Università Politecnica di Ancona.

I pomodori, anch’essi rossi, anche se questa volta la sostanza ad avere effetto sul colesterolo è il licopene, un carotenoide antiossidante che diventa particolarmente efficace quando i pomodori sono mangiati cotti e, soprattutto, con una certa regolarità. Secondo recenti studi,  assumendo almeno 25 milligrammi di licopene al giorno è possibile ridurre i livelli di colesterolo del 10%.

I pistacchi,  che un tempo erano considerati nemici della salute, sono invece stati rivalutati. Recenti ricerche hanno dimostrato che assumendo regolarmente dosi contenute di pistacchi tutti i giorni si riesce a tenere il colesterolo sotto controllo, a regolare la pressione e quindi anche a prevenire infarto e ictus. Del resto i pistacchi possono essere utilizzati anche, sminuzzati col coltello su di un tagliere, per profumare un gran numero di pietanze, partendo dalle insalate per finire anche alla pasta.

I legumi, un’altra grande risorsa della natura, che oltre a fornire un buon quantitativo di proteine perfettamente alternative a quelle della carne, aiutano a mantenere il colesterolo  sotto controllo. Assumere 130 grammi di legumi al giorno, a scelta tra fagioli, piselli, ceci e lenticchie, aiuterebbe a ridurre i livelli di colesterolo del 5%, questo secondo uno studio pubblicato recentemente in Canada. Si potrebbe obiettare che il 5% è una percentuale del tutto trascurabile, anche se poi in effetti non è così, ma se poi aggiunta a quello che è possibile ridurre con altri alimenti, diventa decisamente significativa.

Le noci, come del resto anche l’altra frutta secca di cui fanno parte anche i pistacchi citati in precedenza, secondo l’Harvard Medical School, se consumate nella quantità di 50 grammi al giorno, riuscirebbero a ridurre il colesterolo del 5%.

Le mele, altro dono della natura, ben note sin dall’antichità per  le tante ottime proprietà, come del resto lascia intuire il detto “una mela al giorno leva il medico di torno”,  sono un vero toccasana per la salute. Grazie all’alto contenuto di pectina, una sostanza che agisce come le statine citate all’inizio, solo senza effetti  collaterali, sono in grado di ridurre il rischio di morte per infarto in maniera del tutto significativa, come del resto accade per gli agrumi, l’uva e le già precedentemente citate fragole.

Si potrebbe ancora continuare aggiungendo all’elenco l’anguria, l’avena, l’orzo, le melanzane e altro ancora, come tutti gli altri frutti di bosco, l’importante è in tutti i casi adottare un regime alimentare naturale, equilibrato, cercando di limitare al massimo gli alimenti di origine animale e dando la preferenza a quelli di origine vegetale.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Riso Basmati con peperoni
Lessare il riso per 15 minuti in una pentola con acqua bollente ovviamente salata, scolarlo e versarlo in una insalatiera. Condire con 2 cucchiai di olio ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Friggere con l’Olio di semi è pericoloso, accresce il rischio Cancro e Alzheimer - lunedì 16 novembre 2015

Friggere con l’Olio di semi è pericoloso, accresce il rischio Cancro e Alzheimer. È il risultato di una ricerca della De Montofrt University di Leicester, una ricerca della durata di 20 anni che ha coinvolto diverse centinaia di migliaia ........

I carboidrati: basta demonizzarli! - venerdì 30 agosto 2013
Quanti di voi avranno sentito dire almeno una volta dal vicino di casa o dall’amica: “ho iniziato la dieta: da oggi niente pane e pasta!”. I carboidrati, nello scenario collettivo, sono visti come i demoni della dieta; ed a contribuire a questo ........

Carne, scegliere bene - giovedì 31 ottobre 2013
Sul consumo di carne se ne sentono tante, una cosa che resta ferma è sicuramente l’importanza dello scegliere bene. Da una parte la crisi economica, ma soprattutto i diversi allarmi sulla sicurezza della carne bovina, ovina e ultimamente anche ........

Il latte, un alimento consigliato o da evitare? - mercoledì 13 agosto 2014

Il latte, il latte vaccino ovviamente, è oggi oggetto di una serie di riflessioni da parte non solo di coloro che preferiscono non consumare alimenti di derivazione animale, ma anche da una parte del mondo scientifico. Ritenuto un alimento ........

Il potassio, per combattere caldo e stanchezza - giovedì 31 luglio 2014
Il  potassio, per combattere caldo e stanchezza, perché si tratta di un elemento indispensabile all’organismo e una sua carenza potrebbe rappresentare un serio problema.  Infatti, oltre ad un profondo senso di stanchezza, dolori muscolari, ........



Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Colesterolo, gli alimenti che aiutano a tenerlo sotto controllo freccemercoledì 11 giugno 2014      

Il colesterolo, il principale nemico delle arterie e, quindi, del cuore. Per tenerlo sotto controllo si è spesso costretti a fare dei sacrifici alimentari e, inoltre, ad assumere un farmaco specifico, le statine,  che tuttavia hanno come tutte le medicine degli effetti collaterali che, in alcuni casi e per il passato, si sono rivelati essere anche gravi, addirittura letali. Oggi sembra che il problema sia stato risolto, problema che era legato ad una elevata presenza di principio attivo in alcune confezioni, tanto è vero che di casi del genere non si è più avuto notizia. L’alimentazione è e resta la strada migliore per la gestione del colesterolo, anche se questa deve andare a braccetto con un po’ di attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare, quindi corsa, jogging, camminata veloce, cyclette, da praticare tutti i giorni per almeno 35/40 minuti. Del resto è ormai dimostrato che il segreto di lunga vita non è altro che alimentazione e attività fisica, tutto il resto passa in second’ordine.

Ovviamente, conta anche lo stile di vita, quindi niente fumo e eccessi di alcun genere, ma questo il buon senso dovrebbe suggerirlo già a tutti. Tornando all’alimentazione, vi sono alcuni alimenti che più di altri aiutano a tenere il colesterolo sotto controllo, e guarda caso potrebbe dire qualche vegetariano, si tratta di tutti alimenti di origine vegetale, Oltre tutto si tratta di cibi comuni, di facilissima reperibilità e quindi anche di costo più che contenuto, cosa che sicuramente di questi tempi non guasta affatto. Ma vediamo di quali alimenti si tratta. Le fragole innanzi tutto,  il buon frutto rosso ormai disponibile nelle dimensioni più diverse (le piccole fragoline di bosco sono in assoluto le più deliziose), che grazie al loro alto contenuto di antocianine, i pigmenti che conferiscono il caratteristico colore rosso, riescono a ridurre i livelli di colesterolo  e dei trigliceridi. Lo conferma un recente studio dell’Università Politecnica di Ancona.

I pomodori, anch’essi rossi, anche se questa volta la sostanza ad avere effetto sul colesterolo è il licopene, un carotenoide antiossidante che diventa particolarmente efficace quando i pomodori sono mangiati cotti e, soprattutto, con una certa regolarità. Secondo recenti studi,  assumendo almeno 25 milligrammi di licopene al giorno è possibile ridurre i livelli di colesterolo del 10%.

I pistacchi,  che un tempo erano considerati nemici della salute, sono invece stati rivalutati. Recenti ricerche hanno dimostrato che assumendo regolarmente dosi contenute di pistacchi tutti i giorni si riesce a tenere il colesterolo sotto controllo, a regolare la pressione e quindi anche a prevenire infarto e ictus. Del resto i pistacchi possono essere utilizzati anche, sminuzzati col coltello su di un tagliere, per profumare un gran numero di pietanze, partendo dalle insalate per finire anche alla pasta.

I legumi, un’altra grande risorsa della natura, che oltre a fornire un buon quantitativo di proteine perfettamente alternative a quelle della carne, aiutano a mantenere il colesterolo  sotto controllo. Assumere 130 grammi di legumi al giorno, a scelta tra fagioli, piselli, ceci e lenticchie, aiuterebbe a ridurre i livelli di colesterolo del 5%, questo secondo uno studio pubblicato recentemente in Canada. Si potrebbe obiettare che il 5% è una percentuale del tutto trascurabile, anche se poi in effetti non è così, ma se poi aggiunta a quello che è possibile ridurre con altri alimenti, diventa decisamente significativa.

Le noci, come del resto anche l’altra frutta secca di cui fanno parte anche i pistacchi citati in precedenza, secondo l’Harvard Medical School, se consumate nella quantità di 50 grammi al giorno, riuscirebbero a ridurre il colesterolo del 5%.

Le mele, altro dono della natura, ben note sin dall’antichità per  le tante ottime proprietà, come del resto lascia intuire il detto “una mela al giorno leva il medico di torno”,  sono un vero toccasana per la salute. Grazie all’alto contenuto di pectina, una sostanza che agisce come le statine citate all’inizio, solo senza effetti  collaterali, sono in grado di ridurre il rischio di morte per infarto in maniera del tutto significativa, come del resto accade per gli agrumi, l’uva e le già precedentemente citate fragole.

Si potrebbe ancora continuare aggiungendo all’elenco l’anguria, l’avena, l’orzo, le melanzane e altro ancora, come tutti gli altri frutti di bosco, l’importante è in tutti i casi adottare un regime alimentare naturale, equilibrato, cercando di limitare al massimo gli alimenti di origine animale e dando la preferenza a quelli di origine vegetale.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: