Articolo Materiali Muratura
Come preparare la malta freccesabato 26 novembre 2011      


La preparazione della malta, per qualsivoglia necessità o utilizzo, può essere eseguita a mano o con l'utilizzo di una betoniera o, ancora, con un secchio ed un trapano munito dell'apposito accessorio, a seconda del quantitativo necessario per il lavoro da svolgere. L'utilizzo del secchio per l'impasto è consigliabile per quantitativi che non superino i 10 kg. Bisogna tener presente che una buona malta si ottiene, oltre che rispettando scrupolosamente le proporzioni tra i vari componenti, anche grazie ad una accurata mescolanza.
L'impasto nel secchio si effettua mescolando per primi l'inerte e il legante a secco, con l'ausilio di una cazzuola. Quando il miscuglio risulterà essere abbastanza omogeneo, si aggiunge acqua a piccole dosi per volta e si procede con il rimescolamento fino ad ottenere un impasto privo di grumi. L'impasto con il secchio si può eseguire anche utilizzando un trapano munito dell'apposito accessorio elicoidale, il che garantisce un miglior risultato in minor tempo.
L'impasto in una carriola può essere effettuato seguendo lo stesso procedimento, mentre l'impasto a terra, su una superficie piana, necessita di un badile.
Per preparare l'impasto con la betoniera, infine, si riempie il bicchiere della macchina con l'inerte asciutto e si fa ruotare e si aggiunge, facendo la massima attenzione e senza mai unfilare la mano e tanto meno in braccio nel bicchiere, il legante e infine l'acqua. Sarà quindi opportuno, per inserire legante e acqua, servirsi di un badile e di un secchio, in modo da non correre rischi.

La malta di calce idrata
La malta di calce idrata si lavora con molta facilità e si utilizza prevalentemente per la realizzazione di intonaci e come leganti per mattoni in interni. Per quanto riguarda le proporzioni in volume tra i vari componenti, calce, sabbia e acqua, nella preparazione di dell'impasto per allettamento, le dosi sono 1 parte di calce, 3 di sabbia e 1 di acqua. Per intonaci e rifiniture, le proporzioni variano.

La malta di calce idraulica

Questa può essere impiegata per la realizzazione di intonaci o come legante per mattoni e può essere impiegata anche in esterni. Le proporzioni in volume tra calce, sabbia e acqua, possono variare a seconda del suo impiego, ovvero per allettamento  o per intonaco, ma comunque, in generale vanno bene 3 parti di sabbia, 1-1,5 parti di calce idraulica e 1 parte di acqua.

La malta di cemento
Questa viene utilizzata essenzialmente per lavori di muratura, sia in esterno che in interno, ma non è da usare nella realizzazione di intonaci in quanto è caratterizzata da una insufficiente elasticità e da una certa impermeabilità. Per le proporzioni, le dosi sono 1 parte di cemento, 4 parti di sabbia e 1 parte di acqua.

La malta bastarda
Si ottiene usando due leganti allo stesso tempo nell'impasto e per la precisione, cemento e calce. Il suo utilizzo è per la realizzazione di intonaci in esterno e come legante per mattoni sia in esterno che in interno. Le proporzioni sono 1 parte di cemento, 3 parti di calce, 10 parti di sabbia e 3 parti di acqua.

Il cemento rapido
Viene solitamente utilizzato quando è necessario poter contare su una grande rapidità di indurimento dell'impasto. Questo si effettua utilizzando solo cemento e acqua, senza impiegare alcun inerte. Le proporzioni sono 2 parti di cemento e 1 parte di acqua. Va comunque considerato che un impasto del genere tende a spaccarsi e a ritirarsi, a meno che non vengano usati dei cementi speciali, come il cemento Emaco, che non ritira quando si asciuga l'acqua dell'impasto.

Il calcestruzzo
Si tratta dell'impasto tipico delle fondazioni, dei pilastri, delle strutture di sostegno e di tante altre realizzazioni. Si prepara utilizzando, oltre alla sabbia, anche un inerte aggiutivo, la ghiaia. Nella preparazione del calcestruzzo normale di solito le proporzioni sono 1 parte di cemento, 2 parti di sabbia, 4 parti di ghiaia e 1 parte di acqua.

Il gesso
Utilizzato soprattutto per rifiniture e piccoli ritocchi esclusivamente in interni, altrimenti con l'umidità e l'acqua tenderebbe a gonfiarsi anche dopo l'essiccazione.  Va mescolato soltanto in acqua in proporzioni uguali, ovvero 1-1, tuttavia a volte potrebbe essere utile una aggiunta di una piccola quantità di sabbia molto sottile o di calce aerea, che consente di ritardarne la presa.

Oggio giorno, comunque, sono disponibili nei centri dedicati al bricolage e ai lavori fai da te, malte pronte, addirittura anche il calcestruzzo, venduti in sacchi dalle diverse pezzature, che non richiedono altro che l'aggiunta di acqua e olio di gomito per una buona mescolatura.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Come preparare la malta - sabato 26 novembre 2011

La preparazione della malta, per qualsivoglia necessità o utilizzo, può essere eseguita a mano o con l'utilizzo di una betoniera o, ancora, con un secchio ed un trapano ........

La malta - sabato 19 novembre 2011

La malta è un impasto di un legante con dell'acqua, o di un legante con dell'acqua e un inerte. A sua volta, la malta prende il nome dal legante presente nell'impasto, per cui si potrà avere una malta di calce, una malta di calce idraulica, ........



Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....



 articolo Materiali Muratura
Come preparare la malta freccesabato 26 novembre 2011      

La preparazione della malta, per qualsivoglia necessità o utilizzo, può essere eseguita a mano o con l'utilizzo di una betoniera o, ancora, con un secchio ed un trapano munito dell'apposito accessorio, a seconda del quantitativo necessario per il lavoro da svolgere. L'utilizzo del secchio per l'impasto è consigliabile per quantitativi che non superino i 10 kg. Bisogna tener presente che una buona malta si ottiene, oltre che rispettando scrupolosamente le proporzioni tra i vari componenti, anche grazie ad una accurata mescolanza.
L'impasto nel secchio si effettua mescolando per primi l'inerte e il legante a secco, con l'ausilio di una cazzuola. Quando il miscuglio risulterà essere abbastanza omogeneo, si aggiunge acqua a piccole dosi per volta e si procede con il rimescolamento fino ad ottenere un impasto privo di grumi. L'impasto con il secchio si può eseguire anche utilizzando un trapano munito dell'apposito accessorio elicoidale, il che garantisce un miglior risultato in minor tempo.
L'impasto in una carriola può essere effettuato seguendo lo stesso procedimento, mentre l'impasto a terra, su una superficie piana, necessita di un badile.
Per preparare l'impasto con la betoniera, infine, si riempie il bicchiere della macchina con l'inerte asciutto e si fa ruotare e si aggiunge, facendo la massima attenzione e senza mai unfilare la mano e tanto meno in braccio nel bicchiere, il legante e infine l'acqua. Sarà quindi opportuno, per inserire legante e acqua, servirsi di un badile e di un secchio, in modo da non correre rischi.

La malta di calce idrata
La malta di calce idrata si lavora con molta facilità e si utilizza prevalentemente per la realizzazione di intonaci e come leganti per mattoni in interni. Per quanto riguarda le proporzioni in volume tra i vari componenti, calce, sabbia e acqua, nella preparazione di dell'impasto per allettamento, le dosi sono 1 parte di calce, 3 di sabbia e 1 di acqua. Per intonaci e rifiniture, le proporzioni variano.

La malta di calce idraulica

Questa può essere impiegata per la realizzazione di intonaci o come legante per mattoni e può essere impiegata anche in esterni. Le proporzioni in volume tra calce, sabbia e acqua, possono variare a seconda del suo impiego, ovvero per allettamento  o per intonaco, ma comunque, in generale vanno bene 3 parti di sabbia, 1-1,5 parti di calce idraulica e 1 parte di acqua.

La malta di cemento
Questa viene utilizzata essenzialmente per lavori di muratura, sia in esterno che in interno, ma non è da usare nella realizzazione di intonaci in quanto è caratterizzata da una insufficiente elasticità e da una certa impermeabilità. Per le proporzioni, le dosi sono 1 parte di cemento, 4 parti di sabbia e 1 parte di acqua.

La malta bastarda
Si ottiene usando due leganti allo stesso tempo nell'impasto e per la precisione, cemento e calce. Il suo utilizzo è per la realizzazione di intonaci in esterno e come legante per mattoni sia in esterno che in interno. Le proporzioni sono 1 parte di cemento, 3 parti di calce, 10 parti di sabbia e 3 parti di acqua.

Il cemento rapido
Viene solitamente utilizzato quando è necessario poter contare su una grande rapidità di indurimento dell'impasto. Questo si effettua utilizzando solo cemento e acqua, senza impiegare alcun inerte. Le proporzioni sono 2 parti di cemento e 1 parte di acqua. Va comunque considerato che un impasto del genere tende a spaccarsi e a ritirarsi, a meno che non vengano usati dei cementi speciali, come il cemento Emaco, che non ritira quando si asciuga l'acqua dell'impasto.

Il calcestruzzo
Si tratta dell'impasto tipico delle fondazioni, dei pilastri, delle strutture di sostegno e di tante altre realizzazioni. Si prepara utilizzando, oltre alla sabbia, anche un inerte aggiutivo, la ghiaia. Nella preparazione del calcestruzzo normale di solito le proporzioni sono 1 parte di cemento, 2 parti di sabbia, 4 parti di ghiaia e 1 parte di acqua.

Il gesso
Utilizzato soprattutto per rifiniture e piccoli ritocchi esclusivamente in interni, altrimenti con l'umidità e l'acqua tenderebbe a gonfiarsi anche dopo l'essiccazione.  Va mescolato soltanto in acqua in proporzioni uguali, ovvero 1-1, tuttavia a volte potrebbe essere utile una aggiunta di una piccola quantità di sabbia molto sottile o di calce aerea, che consente di ritardarne la presa.

Oggio giorno, comunque, sono disponibili nei centri dedicati al bricolage e ai lavori fai da te, malte pronte, addirittura anche il calcestruzzo, venduti in sacchi dalle diverse pezzature, che non richiedono altro che l'aggiunta di acqua e olio di gomito per una buona mescolatura.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: