Articolo Benessere Salute
Le erbe: Piantaggine ed Assenzio (maggiore) freccevenerdì 17 gennaio 2014      


In questo articolo vengono trattate la Piantaggine e l’Assenzio. Piantaggine: famiglia: Plantaginaceae genere: Plantago specie: lanceolata (L.) Binomio scientifico: Plantago lanceolata Dove vive: la piantaggine, si trova su tutto il territorio italiano, nei prati, nei campi, lungo le strade dalla pianura e fino in collina. Descrizione: lo stelo, che parte dalle foglie basali, con una spiga apicale con fiorellini e lunghi stami bianco giallastri, può raggiungere i 40 cm di altezza, le foglie sono allungate a forma di lancia, percorse da cinque nervature parallele.

Parti usate: si usano le foglie fresche crude o cotte. Crude in insalate o come radicchio, oppure, cotte come gli spinaci. Quando le foglie bollono, emanano un odore molto simile a quello dei funghi champignon.
  • Proprietà: la piantaggine ha proprietà astringenti, depurative, emulsionanti dei grassi del sangue, rivitalizzanti e cicatrizzanti. Anticamente, veniva usata per curare le emorroidi e le malattie dell’apparato respiratorio.
  • Uso: il succo delle foglie fresche, 20 g, preso alla mattina prima di colazione. Le foglie fresche, finemente tritate, messe a contatto di una ferita, tramite bendaggio, ne favoriscono una guarigione rapida e bloccano le emorragie.
Assenzio (maggiore): famiglia: Compositae (Asteraceae) genere: Artemisia specie: Absinthium Binomio scientifico: Artemisia absinthium Dove vive: l’assenzio maggiore, è un’erba selvatica che si trova comunemente su tutto il territorio italiano, fino ad altitudini di 1100 m. Si trova negli incolti aridi, e nelle siepi, lungo i muri e vicino ai centri abitati. Descrizione: è un’erba perenne la cui altezza va tra i 40 ed i 120 cm. Il fusto, è di colore grigio-verde, con peli appressati e la superficie scanalata, la parte aerea del fusto, è semi-legnosa, rigida e ramificata, leggermente nella parte superiore e quasi niente nella parte inferiore. Le foglie di colore verde, reso grigiastro dalla peluria bianca che le ricopre, emanano un forte profumo ed hanno un sapore amaro. La fioritura avviene da agosto a settembre, i fiori sono numerosi, raccolti in pannocchia terminale di colore giallo.

I frutti sono acheni leggermente curvi, glabri quasi lucidi di forma elissoide-compressa. Parti usate: vengono usate le parti aeree, che raccolte in grandi mazzi, si fanno essiccare all’ombra. IMPORTANTE! Non si deve usare l’assenzio quando è fresco, contiene una sostanza tossica, anche se in modeste quantità, il tujone, che viene eliminato quasi del tutto con l’essiccazione. E’ importante, inoltre, non assumere alcool quando si fa uso di assenzio, si rischia di far aumentare in maniera elevata le sue proprietà.
  • Proprietà: digestive, depurative, disintossicanti del fegato, antimicrobiche, carminativo.
  • Infuso: in una tazza di acqua bollente, un cucchiaino di erba secca, per 10 minuti. Si beve prima dei pasti principali. Nella tradizione contadina, si preparava un infuso a freddo la sera, al mattino, dopo averlo filtrato, si beveva prima di colazione come depurativo di stagione.
  • Distillato: molto noto è il distillato di assenzio, aromatico e molto amaro, che si consuma diluito e zuccherato a piacere.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Il potere terapeutico di pietre e cristalli - giovedì 29 agosto 2013
Il potere terapeutico di pietre e cristalli è riconosciuto fin dall'antichità e utilizzato ancora oggi dalla medicina naturale orientale ed occidentale. Molti furono gli studiosi, antichi e moderni, attratti dalla particolare conformazione dei ........

Mestruazioni: sicura di sapere tutto? - martedì 3 settembre 2013
Anche se si hanno le mestruazioni da anni e anni, non è detto che si sappia davvero tutto di questo periodo così tanto amato e odiato allo stesso tempo. Vi sono infatti delle domande che continuano a tartassare le donne. Vediamo quali sono.

Perché ........

I fiori di Bach - Gorse - mercoledì 30 luglio 2014
Ginestrone (Ulex eorupaeus) Gorse, il Ginestrone, è un arbusto legnoso, sempreverde, forma dei cespugli molto densi con ramificazione intricata e spinosa. Cresce nei terreni rocciosi, lungo i margini delle strade e nei boschi. I fiori sono a ........

Le erbe: Piantaggine ed Assenzio (maggiore) - venerdì 17 gennaio 2014
In questo articolo vengono trattate la Piantaggine e l’Assenzio. Piantaggine: famiglia: Plantaginaceae genere: Plantago specie: lanceolata (L.) Binomio scientifico: Plantago lanceolata Dove vive: la piantaggine, si trova su tutto il territorio ........

Il magnesio, un prodotto che cura quasi tutto e che in pochi conoscono - venerdì 19 luglio 2013

Il magnesio, lo si potrebbe definire la medicina universale, la soluzione per tutti i mali o quasi, solo che  queste sue proprietà sono conosciute da pochi e quindi viene utilizzato raramente. Il cloruro di magnesio, per essere precisi, ........



Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....



 articolo Benessere Salute
Le erbe: Piantaggine ed Assenzio (maggiore) freccevenerdì 17 gennaio 2014      

In questo articolo vengono trattate la Piantaggine e l’Assenzio. Piantaggine: famiglia: Plantaginaceae genere: Plantago specie: lanceolata (L.) Binomio scientifico: Plantago lanceolata Dove vive: la piantaggine, si trova su tutto il territorio italiano, nei prati, nei campi, lungo le strade dalla pianura e fino in collina. Descrizione: lo stelo, che parte dalle foglie basali, con una spiga apicale con fiorellini e lunghi stami bianco giallastri, può raggiungere i 40 cm di altezza, le foglie sono allungate a forma di lancia, percorse da cinque nervature parallele.

Parti usate: si usano le foglie fresche crude o cotte. Crude in insalate o come radicchio, oppure, cotte come gli spinaci. Quando le foglie bollono, emanano un odore molto simile a quello dei funghi champignon.
  • Proprietà: la piantaggine ha proprietà astringenti, depurative, emulsionanti dei grassi del sangue, rivitalizzanti e cicatrizzanti. Anticamente, veniva usata per curare le emorroidi e le malattie dell’apparato respiratorio.
  • Uso: il succo delle foglie fresche, 20 g, preso alla mattina prima di colazione. Le foglie fresche, finemente tritate, messe a contatto di una ferita, tramite bendaggio, ne favoriscono una guarigione rapida e bloccano le emorragie.
Assenzio (maggiore): famiglia: Compositae (Asteraceae) genere: Artemisia specie: Absinthium Binomio scientifico: Artemisia absinthium Dove vive: l’assenzio maggiore, è un’erba selvatica che si trova comunemente su tutto il territorio italiano, fino ad altitudini di 1100 m. Si trova negli incolti aridi, e nelle siepi, lungo i muri e vicino ai centri abitati. Descrizione: è un’erba perenne la cui altezza va tra i 40 ed i 120 cm. Il fusto, è di colore grigio-verde, con peli appressati e la superficie scanalata, la parte aerea del fusto, è semi-legnosa, rigida e ramificata, leggermente nella parte superiore e quasi niente nella parte inferiore. Le foglie di colore verde, reso grigiastro dalla peluria bianca che le ricopre, emanano un forte profumo ed hanno un sapore amaro. La fioritura avviene da agosto a settembre, i fiori sono numerosi, raccolti in pannocchia terminale di colore giallo.

I frutti sono acheni leggermente curvi, glabri quasi lucidi di forma elissoide-compressa. Parti usate: vengono usate le parti aeree, che raccolte in grandi mazzi, si fanno essiccare all’ombra. IMPORTANTE! Non si deve usare l’assenzio quando è fresco, contiene una sostanza tossica, anche se in modeste quantità, il tujone, che viene eliminato quasi del tutto con l’essiccazione. E’ importante, inoltre, non assumere alcool quando si fa uso di assenzio, si rischia di far aumentare in maniera elevata le sue proprietà.
  • Proprietà: digestive, depurative, disintossicanti del fegato, antimicrobiche, carminativo.
  • Infuso: in una tazza di acqua bollente, un cucchiaino di erba secca, per 10 minuti. Si beve prima dei pasti principali. Nella tradizione contadina, si preparava un infuso a freddo la sera, al mattino, dopo averlo filtrato, si beveva prima di colazione come depurativo di stagione.
  • Distillato: molto noto è il distillato di assenzio, aromatico e molto amaro, che si consuma diluito e zuccherato a piacere.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: