Articolo Benessere Salute
Le erbe: Capelli di Mais (Granoturco) ed Alloro freccevenerdì 3 gennaio 2014      


In questo articolo tratteremo le seguenti erbe: i Capelli di Mais e l’Alloro. Capelli di Mais: famiglia: Graminaceae genere: Zea specie: Mays Zea mays Dove vive: è una pianta annuale che si coltiva in pianura ed in collina. L’altezza del mais o granoturco, può arrivare fino ai 2 m ed oltre, a seconda della quantità di acqua che riesce ad assorbire. Gli steli o stimmi, chiamati volgarmente capelli o barbe, escono dai fiori femminili, posti all’ascella fogliare ed in genere nel numero di 2-5 per ogni pianta.

I fiori maschili, sono, invece, sulla cima della pianta. Parti usate: del mais, si raccolgono i capelli o barbe, dei fiori femminili e si essiccano al sole per 2-3 giorni, e poi si porta a termine l’essiccamento all’ombra, in locale ben aerato. Si conservano in sacchetti di tela o di carta, al buio, e tenuti in locali piuttosto asciutti, perché, assorbono facilmente umidità sviluppando muffe. Proprietà: diuretiche, antiuriche ( favoriscono l’eliminazione dell’acido urico attraverso le urine o ne ostacolano la sintesi endogena ), anti-infiammatorie, sudorifere, depurative e leggermente ipotensive. Molto utili contro la gotta, per gli edemi agli arti inferiori dovuti alla difficile circolazione sanguigna, nell’idropisia ( accumulo del liquido sieroso in una cavità del corpo ) e nell’ascite ( raccolta di liquido nella cavità peritoneale ).

Particolarmente indicati anche per le cistiti, le cistopieliti ed i calcoli renali. Questa pianta, si presta ad essere usata in concomitanza con altre erbe medicinali, come, ad esempio, il frassino, l’alloro e l’equiseto. Gli effetti di queste ultime, infatti, vengono accentuati e moltiplicati, grazie ai capelli di mais.
  • Decotto: 30 grammi di capelli essiccati, in 1 l di acqua, portare ad ebollizione e tenere per 10 minuti. Se ne bevono tre bicchieri al giorno, a digiuno. Alquanto benefico nell’infiammazione di reni, vescica, prostata, nell’artrite e nella gotta.
  • Nella tradizione, qualche manciata di capelli, veniva aggiunta nelle minestre, ed aveva la funzione di diuretico.
Alloro: famiglia: Laureaceae genere: Laurus specie: nobilis Laurus nobilis Dove vive: diffusissimo in tutta la macchia mediterranea, molto coltivato in orti e giardini come pianta ornamentale. Descrizione: è un sempreverde, le foglie sono verde scuro, i fiori sono sia maschili che femminili, i frutti sono drupe nere. Arriva ad altezze di 7-8 metri. Parti usate: si usano le foglie, essiccate all’ombra. Proprietà: le foglie di alloro, aiutano lo stomaco, fanno sudare, scacciano i gas.
  • Infuso: un pugno di foglie secche in 1 l di acqua bollente e si tiene per 5 minuti. Si filtra. Se ne prende una tazzina ai pasti come digestivo. Preso alla sera, una tazza, è utile contro i reumatismi, per i quali si possono fare anche impacchi locali.
  • In cucina: le foglie, aggiunte negli arrosti, nella selvaggina e nel pesce danno aroma a questi piatti.
  • Liquore: per ricavare un aromatico e profumato liquore, dalle proprietà digestive, stimolanti ed antisettiche, le foglie vengono trattate con alocol.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Cottura giusta, Dipende da cosa mangiamo - giovedì 26 settembre 2013
Molto spesso in cucina ci limitiamo a cuocere, anzichè scegliere la cottura più giusta per ciò che prepariamo. Durante la cottura le caratteristiche dei cibi vengono modificate non solo a livello di consistenza e sapore, ma anche per quanto riguarda ........

I fiori di Bach - Incontro con l'omeopatia e gli stati d'animo - lunedì 27 gennaio 2014
Edward Bach incontrò per la prima volta l’omeopatia leggendo l’opera Organon, di Samuel Hahnemann, fondatore dell’omeopatia. Per lui fu una rivelazione sbalorditiva: un secolo prima, Hahnemann, aveva scoperto la relazione tra le malattie croniche ........

I semi di Lino - martedì 13 maggio 2014
<b>Linum Usitatissimum Il Lino comune </b>(Linum usitatissimum L.) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Linaceae, annuale, di altezza tra i 30 ed i 60 cm, il fusto eretto e molto fragile. Le foglie sono tenere e lanceolate, ........

Il fumo in gravidanza - martedì 24 settembre 2013
Il trenta per cento delle fumatrici non rinuncia al fumo in gravidanza. Buona parte di chi, invece, lo fa riprende il vizio subito dopo il parto e l’allattamento, dimenticando che anche il fumo passivo può essere molto nocivo. E’scientificamente ........

Tornare in forma dopo le ferie - giovedì 29 agosto 2013
Ed eccoci appena tornati dalle ferie con il problema di tornare in forma perchè appesantiti dalle troppe (ma meritate) abbuffate di pesce in riva al mare e da quelle “scappatelle” alimentari che i giorni di riposo richiedono al nostro organismo. ........



Ricetta del giorno
Frittelle di banane
Amalgamate in una terrina gli ingredienti per la pastella, ovvero 125 gr di farina, 2 dl di acqua tiepida, 5 cucchiai d'olio, 1 uovo e 1 pizzico di sale, ....



 articolo Benessere Salute
Le erbe: Capelli di Mais (Granoturco) ed Alloro freccevenerdì 3 gennaio 2014      

In questo articolo tratteremo le seguenti erbe: i Capelli di Mais e l’Alloro. Capelli di Mais: famiglia: Graminaceae genere: Zea specie: Mays Zea mays Dove vive: è una pianta annuale che si coltiva in pianura ed in collina. L’altezza del mais o granoturco, può arrivare fino ai 2 m ed oltre, a seconda della quantità di acqua che riesce ad assorbire. Gli steli o stimmi, chiamati volgarmente capelli o barbe, escono dai fiori femminili, posti all’ascella fogliare ed in genere nel numero di 2-5 per ogni pianta.

I fiori maschili, sono, invece, sulla cima della pianta. Parti usate: del mais, si raccolgono i capelli o barbe, dei fiori femminili e si essiccano al sole per 2-3 giorni, e poi si porta a termine l’essiccamento all’ombra, in locale ben aerato. Si conservano in sacchetti di tela o di carta, al buio, e tenuti in locali piuttosto asciutti, perché, assorbono facilmente umidità sviluppando muffe. Proprietà: diuretiche, antiuriche ( favoriscono l’eliminazione dell’acido urico attraverso le urine o ne ostacolano la sintesi endogena ), anti-infiammatorie, sudorifere, depurative e leggermente ipotensive. Molto utili contro la gotta, per gli edemi agli arti inferiori dovuti alla difficile circolazione sanguigna, nell’idropisia ( accumulo del liquido sieroso in una cavità del corpo ) e nell’ascite ( raccolta di liquido nella cavità peritoneale ).

Particolarmente indicati anche per le cistiti, le cistopieliti ed i calcoli renali. Questa pianta, si presta ad essere usata in concomitanza con altre erbe medicinali, come, ad esempio, il frassino, l’alloro e l’equiseto. Gli effetti di queste ultime, infatti, vengono accentuati e moltiplicati, grazie ai capelli di mais.
  • Decotto: 30 grammi di capelli essiccati, in 1 l di acqua, portare ad ebollizione e tenere per 10 minuti. Se ne bevono tre bicchieri al giorno, a digiuno. Alquanto benefico nell’infiammazione di reni, vescica, prostata, nell’artrite e nella gotta.
  • Nella tradizione, qualche manciata di capelli, veniva aggiunta nelle minestre, ed aveva la funzione di diuretico.
Alloro: famiglia: Laureaceae genere: Laurus specie: nobilis Laurus nobilis Dove vive: diffusissimo in tutta la macchia mediterranea, molto coltivato in orti e giardini come pianta ornamentale. Descrizione: è un sempreverde, le foglie sono verde scuro, i fiori sono sia maschili che femminili, i frutti sono drupe nere. Arriva ad altezze di 7-8 metri. Parti usate: si usano le foglie, essiccate all’ombra. Proprietà: le foglie di alloro, aiutano lo stomaco, fanno sudare, scacciano i gas.
  • Infuso: un pugno di foglie secche in 1 l di acqua bollente e si tiene per 5 minuti. Si filtra. Se ne prende una tazzina ai pasti come digestivo. Preso alla sera, una tazza, è utile contro i reumatismi, per i quali si possono fare anche impacchi locali.
  • In cucina: le foglie, aggiunte negli arrosti, nella selvaggina e nel pesce danno aroma a questi piatti.
  • Liquore: per ricavare un aromatico e profumato liquore, dalle proprietà digestive, stimolanti ed antisettiche, le foglie vengono trattate con alocol.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: