Articolo Salute Benessere
La melatonina : possibili effetti collaterali freccemartedì 31 dicembre 2013      


La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale, detta anche epifisi, una ghiandola del nostro cervello, la cui funzione consiste nel regolare il ciclo sonno-veglia; la melatonina è presente non solo in noi umani, ma anche negli animali e nelle piante, la sua produzione è minore al mattino, mentre tende ad aumentare alla sera, per favorire l'addormentamento. Tuttavia in certi individui i livelli di melatonina tendono a diminuire per una serie di differenti cause: età, stress, diverso fuso orario, lavori su turni, perciò questo comporta una vera e propria difficoltà a prendere sonno fino a provocare l'insonnia.

In questi casi è opportuno ricorrere all'uso di integratori a base di melatonina da assumere la sera un'ora o due prima di coricarsi, in modo da ripristinare un buon ciclo sonno-veglia, se la melatonina viene assunta poco prima di andare a letto non produrrà grandi effetti. Tuttavia pur essendo una sostanza naturale, la melatonina sotto forma di integratore,non è priva di effetti collaterali. L'effetto collaterale più comune è la sonnolenza che può verificarsi il giorno seguente alla sua assunzione, con conseguenze gravi soprattutto per coloro che svolgono lavori pericolosi, o devono stare alla guida per molte ore. La melatonina inoltre può provocare tachicardia e depressione, perciò se ne sconsiglia l'uso a coloro che soffrono di problemi di cuore e a chi presenta disturbi legati all'umore.

Vi sono altri effetti collaterali meno comuni legati all'assunzione di melatonina, per esempio l'aumento del desiderio sessuale, a volte invece può verificarsi una diminuzione del livello delle piastrine nel sangue, altre volte crampi notturni, nervosismo, secchezza delle fauci e addirittura svenimenti. La melatonina perciò va assunta solo sotto stretto controllo medico, soprattutto se si è allergici a questa sostanza, oppure a uno degli eccipienti presenti nell'integratore, inoltre bisogna fare attenzione se si soffre di patologie epatiche, renali e autoimmuni.

Ultimamente è stato formulato un nuovo farmaco a base di melatonina con una formulazione a rilascio prolungato per il trattamento dell'insonnia primaria, un disturbo non derivante da altre patologie, molto comune in coloro che hanno superato i 55 anni di età, tale farmaco sembra favorire il sonno senza causare variazioni nel rapporto tra la fase rem e la fase norem del sonno medesimo. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Curarsi con la cromoterapia - giovedì 16 ottobre 2014
Curarsi con la cromoterapia è una tendenza particolarmente in voga in questi ultimi decenni. Tale metodologia non deve, tuttavia, sostituire le pratiche della medicina convenzionale. La cromoterapia si basa su studi condotti da ricerche scientifiche, ........

Gambe gonfie e pesanti, non solo un problema estetico - venerdì 4 ottobre 2013
Soprattutto tra le donne è frequente sentir parlare di gambe gonfie e pesanti, un problema non solo estetico, che spesso si accompagna a dolore vero e proprio, arrivando ad interferire con le normali attività quotidiane e con il riposo notturno. A ........

Acqua Magnetizzata, proprietà e benefici - giovedì 12 giugno 2014

Acqua Magnetizzata, l’acqua che in pochi conoscono, ma in grado di apportare un gran numero di benefici alla salute. Si tratta di acqua normale che ha subito un processo di magnetizzazione, che può essere positivo, negativo o misto, e le sue ........

Stress - martedì 8 ottobre 2013
Per l'uomo lo stress è una minaccia come ce ne possono essere tante altre, è una condizione che mina il nostro equilibrio. Vi sono alcune persone che reagiscono bene alla pressione a cui sono sottoposte, per esempio al lavoro, altri invece diventano ........

Tai chi chuan: benessere ad ogni età - giovedì 26 settembre 2013
Il tai chi chuan potrebbe essere la risposta alla continua richiesta di benessere non solo per i giovanissimi ma anche e soprattutto per coloro che hanno superato una certa età e che ancora vogliono sentirsi in forma con il corpo e con la mente. ........



Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....



 articolo Salute Benessere
La melatonina : possibili effetti collaterali freccemartedì 31 dicembre 2013      

La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale, detta anche epifisi, una ghiandola del nostro cervello, la cui funzione consiste nel regolare il ciclo sonno-veglia; la melatonina è presente non solo in noi umani, ma anche negli animali e nelle piante, la sua produzione è minore al mattino, mentre tende ad aumentare alla sera, per favorire l'addormentamento. Tuttavia in certi individui i livelli di melatonina tendono a diminuire per una serie di differenti cause: età, stress, diverso fuso orario, lavori su turni, perciò questo comporta una vera e propria difficoltà a prendere sonno fino a provocare l'insonnia.

In questi casi è opportuno ricorrere all'uso di integratori a base di melatonina da assumere la sera un'ora o due prima di coricarsi, in modo da ripristinare un buon ciclo sonno-veglia, se la melatonina viene assunta poco prima di andare a letto non produrrà grandi effetti. Tuttavia pur essendo una sostanza naturale, la melatonina sotto forma di integratore,non è priva di effetti collaterali. L'effetto collaterale più comune è la sonnolenza che può verificarsi il giorno seguente alla sua assunzione, con conseguenze gravi soprattutto per coloro che svolgono lavori pericolosi, o devono stare alla guida per molte ore. La melatonina inoltre può provocare tachicardia e depressione, perciò se ne sconsiglia l'uso a coloro che soffrono di problemi di cuore e a chi presenta disturbi legati all'umore.

Vi sono altri effetti collaterali meno comuni legati all'assunzione di melatonina, per esempio l'aumento del desiderio sessuale, a volte invece può verificarsi una diminuzione del livello delle piastrine nel sangue, altre volte crampi notturni, nervosismo, secchezza delle fauci e addirittura svenimenti. La melatonina perciò va assunta solo sotto stretto controllo medico, soprattutto se si è allergici a questa sostanza, oppure a uno degli eccipienti presenti nell'integratore, inoltre bisogna fare attenzione se si soffre di patologie epatiche, renali e autoimmuni.

Ultimamente è stato formulato un nuovo farmaco a base di melatonina con una formulazione a rilascio prolungato per il trattamento dell'insonnia primaria, un disturbo non derivante da altre patologie, molto comune in coloro che hanno superato i 55 anni di età, tale farmaco sembra favorire il sonno senza causare variazioni nel rapporto tra la fase rem e la fase norem del sonno medesimo. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: