Articolo Benessere Salute
Le erbe: Equiseto e Aspargo freccegiovedì 19 dicembre 2013      


In questo articolo tratteremo le erbe: Equiseto (Coda cavallina) e Asparago Equiseto: l’Equiseto è molto conosciuto anche con il nome di Coda cavallina. famiglia: Equisetaceae genere: Equisetum specie: Arvense nome scientifico: Equisetum arvense Dove vive: si trova nei luoghi umidi e paludosi, sugli argini delle risorgive e dei fossi, nei campi, nei boschi, dalla pianura e fino ai monti, in terreni sabbiosi ed argillosi. Descrizione: è un’erba perenne a rizoma sottile profondo, l’altezza media varia tra i 10 ed i 60 cm, al massimo può arrivare a 100 cm.

La sua forma biologica è geofita rizomatosa, cioè le gemme sono in posizione sotterranea e gli organi che le contengono sono i rizomi. Dal rizoma, ogni anno, dipartono le radici ed il fusto aereo. Il fusto aereo è sterile scanalato, le foglie in verticilli. Ci sono anche dei fusti fertili precoci piccoli, che portano le spore. Parti usate: si usa la pianta verde, intera senza radici. Si inizia la raccolta a primavera e si può proseguire per tutta l’estate. Si deve essiccare in fretta al sole, setacciare e conservare in sacchetti di carta. Proprietà: ha proprietà diuretiche, antiemorragiche ed emostatiche e remineralizzanti. La sostanza presente in prevalenza, è il silice, un proliferatore cellulare molto usato sulle ferite, e combatte molto attivamente le emorragie sia interne che esterne.
Decotto:
  • 30 g di pianta secca in un litro di acqua, si porta ad ebollizione e si tiene per 5 minuti.
  • Se ne bevono tre tazzine al giorno.
  • Per l’uso esterno, si usano 100 g di pianta secca, sempre in decotto, e si lava la ferita tutti i giorni fino alla guarigione.
In cucina:
  • può essere aggiunto in zuppe o minestroni,
  • è un ottimo integratore di sali minerali.
Asparago: famiglia: Liliaceae genere: Asparagus specie: Officinalis nome scientifico: Asparagus officinalis Dove vive: ai margini dei boschi e nelle siepi lungo i fiumi. Descrizione: la pianta è formata da rizomi fusti modificati che si sviluppano sottoterra e formano un reticolo, da questi dipartono i turioni, cioè la parte epigea e commestibile della pianta. Il fusto è gracile, le foglie setacee un po’ pungenti, i fiori bianco verdastro, i semi neri sono all’interno dei frutti rossi. Si raccoglie da aprile a maggio. Parti usate: i germogli teneri in cucina, le radici per il decotto. Proprietà: possiede particolari proprietà diuretiche ed è stimolante dell’appetito.
Decotto:
  • un pugno di radici in un litro di acqua,
  • bollite per 10 minuti.
  • Se ne beve un bicchiere al mattino a digiuno ed un altro nel pomeriggio come diuretico.
In cucina:
  • si tagliano le estremità più dure e legnose, della parte rimanente, che si utilizza, va tolta la pelle, che può essere messa nell’acqua di cottura, e poi tolta alla fine, assicurando così la preservazione del gusto.
  • Per consumare l’asparago, si deve prima lessare o cuocere al vapore, il tempo di cottura varia tra i 12 ed i 18 minuti, a seconda dello spessore.
  • Se non si possiede la pentola specifica per la cottura degli asparagi, basta legarli a mazzetto, non troppo stretti, ed immergerli nell’acqua in modo che la parte più dura sia sul fondo della pentola, ed i germogli fuoriescano dall’acqua, in questo modo solo le parti dure vengono lessate mentre i germogli si cuociono a vapore.
  • Possono essere conditi in vari modi, secondo le tradizioni dei territori, con olio di oliva e parmigiano reggiano, saltati in padella con burro e parmigiano reggiano, accompagnati con uova sode.
  • Si preparano anche ottimi risotti, zuppe, mousse e vellutate.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Crostata di ananas
Impastate il burro con 60 gr di zucchero, l'uovo, un pizzico di sale e la farina; formate una palla di pasta che lascerete riposare, in una terrina ricoperta ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le erbe: Genziana (maggiore) e Lichene (islandico) - martedì 21 gennaio 2014
Qui vengono trattate le erbe: Genziana (maggiore) e Lichene (islandico) Genziana (maggiore): famiglia: Gentianaceae genere: Genziana specie: Lutea (L.) binomio scientifico: Gentiana lutea Dove vive: vive in prati ed alpeggi tra i 1000 ed ........

Tornare in forma dopo le ferie - giovedì 29 agosto 2013
Ed eccoci appena tornati dalle ferie con il problema di tornare in forma perchè appesantiti dalle troppe (ma meritate) abbuffate di pesce in riva al mare e da quelle “scappatelle” alimentari che i giorni di riposo richiedono al nostro organismo. ........

Correre - La corsa amatoriale, quanto aiuta il nostro benessere - lunedì 3 febbraio 2014
Definizione: <b>viene definita come “corsa”, l’andatura umana o animale formata da una prosecuzione di balzi</b>, in cui, in cui la prima fase vede un piede rimanere a contatto del terreno, e la seconda fase dove il piede si stacca dal terreno ........

Aloe Vera... Elisir Quotidiano! - martedì 24 settembre 2013
Tutti noi conosciamo l'Aloe Vera, come pianta o come principio di qualche crema. Ma vi siete mai chieste come mai l'utilizzo di questa pianta sia così diffuso? L'Aloe Vera infatti, nel commercio di oggi giorno viene prodotto sotto qualsiasi formato ........

I fiori di Bach - Aspen - domenica 9 marzo 2014
<b>Pioppo tremulo (Populus tremula, L.) L’Aspen</b>, il Pioppo tremulo, cresce in tutta l’Europa, e si può trovare anche in alcune zone dell’Africa del nord. In Italia, in particolare, lo troviamo sulle Alpi fino a 1600 m s.l.m. e sugli ........



Ricetta del giorno
Spaghetti al pesto di rucola e pistacchi
Mettere a bollire l’acqua per la pasta, e una volta raggiunto il bollore, salarla e tuffarvi gli spaghetti, quindi rimettere il coperchio alla pentola ....



 articolo Benessere Salute
Le erbe: Equiseto e Aspargo freccegiovedì 19 dicembre 2013      

In questo articolo tratteremo le erbe: Equiseto (Coda cavallina) e Asparago Equiseto: l’Equiseto è molto conosciuto anche con il nome di Coda cavallina. famiglia: Equisetaceae genere: Equisetum specie: Arvense nome scientifico: Equisetum arvense Dove vive: si trova nei luoghi umidi e paludosi, sugli argini delle risorgive e dei fossi, nei campi, nei boschi, dalla pianura e fino ai monti, in terreni sabbiosi ed argillosi. Descrizione: è un’erba perenne a rizoma sottile profondo, l’altezza media varia tra i 10 ed i 60 cm, al massimo può arrivare a 100 cm.

La sua forma biologica è geofita rizomatosa, cioè le gemme sono in posizione sotterranea e gli organi che le contengono sono i rizomi. Dal rizoma, ogni anno, dipartono le radici ed il fusto aereo. Il fusto aereo è sterile scanalato, le foglie in verticilli. Ci sono anche dei fusti fertili precoci piccoli, che portano le spore. Parti usate: si usa la pianta verde, intera senza radici. Si inizia la raccolta a primavera e si può proseguire per tutta l’estate. Si deve essiccare in fretta al sole, setacciare e conservare in sacchetti di carta. Proprietà: ha proprietà diuretiche, antiemorragiche ed emostatiche e remineralizzanti. La sostanza presente in prevalenza, è il silice, un proliferatore cellulare molto usato sulle ferite, e combatte molto attivamente le emorragie sia interne che esterne.
Decotto:
  • 30 g di pianta secca in un litro di acqua, si porta ad ebollizione e si tiene per 5 minuti.
  • Se ne bevono tre tazzine al giorno.
  • Per l’uso esterno, si usano 100 g di pianta secca, sempre in decotto, e si lava la ferita tutti i giorni fino alla guarigione.
In cucina:
  • può essere aggiunto in zuppe o minestroni,
  • è un ottimo integratore di sali minerali.
Asparago: famiglia: Liliaceae genere: Asparagus specie: Officinalis nome scientifico: Asparagus officinalis Dove vive: ai margini dei boschi e nelle siepi lungo i fiumi. Descrizione: la pianta è formata da rizomi fusti modificati che si sviluppano sottoterra e formano un reticolo, da questi dipartono i turioni, cioè la parte epigea e commestibile della pianta. Il fusto è gracile, le foglie setacee un po’ pungenti, i fiori bianco verdastro, i semi neri sono all’interno dei frutti rossi. Si raccoglie da aprile a maggio. Parti usate: i germogli teneri in cucina, le radici per il decotto. Proprietà: possiede particolari proprietà diuretiche ed è stimolante dell’appetito.
Decotto:
  • un pugno di radici in un litro di acqua,
  • bollite per 10 minuti.
  • Se ne beve un bicchiere al mattino a digiuno ed un altro nel pomeriggio come diuretico.
In cucina:
  • si tagliano le estremità più dure e legnose, della parte rimanente, che si utilizza, va tolta la pelle, che può essere messa nell’acqua di cottura, e poi tolta alla fine, assicurando così la preservazione del gusto.
  • Per consumare l’asparago, si deve prima lessare o cuocere al vapore, il tempo di cottura varia tra i 12 ed i 18 minuti, a seconda dello spessore.
  • Se non si possiede la pentola specifica per la cottura degli asparagi, basta legarli a mazzetto, non troppo stretti, ed immergerli nell’acqua in modo che la parte più dura sia sul fondo della pentola, ed i germogli fuoriescano dall’acqua, in questo modo solo le parti dure vengono lessate mentre i germogli si cuociono a vapore.
  • Possono essere conditi in vari modi, secondo le tradizioni dei territori, con olio di oliva e parmigiano reggiano, saltati in padella con burro e parmigiano reggiano, accompagnati con uova sode.
  • Si preparano anche ottimi risotti, zuppe, mousse e vellutate.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: