Articolo Benessere Salute
Le erbe: Sambuco e Cicoria freccelunedì 9 dicembre 2013      


In questo articolo tratteremo erbe come il Sambuco e la Cicoria. Sambuco: famiglia: Caprifoliaceae genere: Sambucus specie: Nigra nome scientifico: Sambucus nigra Dove vive: si trova in tutto il territorio nazionale dalla pianura fino alle zone collinari. Descrizione: il sambuco è una specie arbustiva di dimensioni medio-grandi, arriva ad altezze di 3-4 metri, ed a volte diventa un piccolo albero. Le foglie sono seghettate ai margini, appuntite e lanceolate, i fiori di colore biancastro, odorosi, piccoli e riuniti numerosissimi in infiorescenze ombrelliformi piuttosto ampie, contengono un olio essenziale, sale di potassio e mucillagini.

I frutti sono piccole bacche nero-viola ( Sambucus nigra ) che danno un succo di colore viola-porporino. Parti usate: i fiori, che si raccolgono in piena fioritura nei mesi di aprile e maggio. Vengono essiccati al buio, in un ambiente arieggiato e poi conservati in scatole di cartone ben chiuse. Si può estrarre uno sciroppo, che poi, diluito in acqua, consente di ottenere una bevanda molto dissetante. Proprietà: i fiori hanno proprietà sudorifere ( diaforetiche ), e leggermente lassative. Tossicità: tranne i fiori e le bacche mature ( ma non i loro semi ) tutte la altre parti del sambuco, sono tossiche, infatti, sono presenti il cianuro ed altri alcaloidi. Se viene fatta la marmellata, con le bacche, la cottura o la macerazione, di queste, sono sufficienti per ottenere la completa volatilizzazione dei composti ciano genetici.

Farne comunque un uso moderato, a causa delle proprietà leggermente lassative.
  • Infuso: in un quarto di litro di acqua bollente, mettere un pugno di fiori essiccati, per dieci minuti. Si bevono due tazze, di infuso caldo, al giorno tenendosi a riposo e coperti, favorendo così la sudorazione. Disintossica l’organismo e contrasta il raffreddore.
  • Vino al sambuco: qualche capolino fresco immerso in vino bianco, lasciato per qualche ora, dà al vino sapore di moscato.
  • Tradizione: nella tradizione contadina, si preparavano ottime frittate, con i fiori freschi sgranati.
Cicoria: famiglia: Compositae (Asteraceae) genere: Cichorium specie: Intybus nome scientifico: Cichorium intybus Dove vive: la cicoria comune è un’erba perenne con fiori di colore celeste vivace, molto comune oltre che in quasi tutto il territorio nazionale ( al sud e nel versante centrale del Tirreno è meno frequente ), anche in tutti i continenti. Si trova ovunque, campi coltivati, terreni incolti, praterie, margini di sentieri, dal piano e fino a 1200 m, quindi in collina e montagna. Descrizione: è un’erba che raggiunge un’altezza massima di 1,5 m, le foglie sono frastagliate dentate e formano una rosetta, nascono in autunno e durano tutto l’inverno, per seccarsi alla fioritura successiva, è molto facile quindi trovare rami con soli fiori.

I fiori sono celesti e con grandi capolini. Parti usate: le foglie per uso commestibile, raccolte in primavera prima della fioritura, e le radici per uso medicinale, raccolte durante tutta l’estate. Proprietà: amaro toniche e depurative del sangue, quindi stimola le funzioni del fegato, dei reni e dell’intestino, grazie alle sostanze contenute nelle radici, che hanno anche proprietà digestive e lassative, colagoge (aiuta secrezione della bile verso l’intestino) e cardiotoniche (regola la frequenza cardiaca). Uso commestibile: le foglie si mangiano crude o lessate, condite.
  • Decotto: in un litro di acqua, un pugno di radici fresche o anche secche. Portare ad ebollizione e tenere per 10 minuti. Per almeno 20 giorni, berne un bicchiere alla mattina a digiuno, per depurare, oppure un bicchiere ai pasti come digestivo.
  • Tradizione: nella cultura contadina, le foglie di cicoria, facevano da contorno crudo o cotto, e anche nelle minestre, si aggiungevano un po’ di foglie di questa erba.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Frullato di mirtilli
Mettere in un frullatore i mirtilli, il latte di riso(va bene anche quello di mandorle), la mezza banana e frullare per qualche minuto, fin quando si ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le erbe: Capelli di Mais (Granoturco) ed Alloro - venerdì 3 gennaio 2014
In questo articolo tratteremo le seguenti erbe: i Capelli di Mais e l’Alloro. Capelli di Mais: famiglia: Graminaceae genere: Zea specie: Mays Zea mays Dove vive: è una pianta annuale che si coltiva in pianura ed in collina. L’altezza del ........

I fiori di Bach - Incontro con l'omeopatia e gli stati d'animo - lunedì 27 gennaio 2014
Edward Bach incontrò per la prima volta l’omeopatia leggendo l’opera Organon, di Samuel Hahnemann, fondatore dell’omeopatia. Per lui fu una rivelazione sbalorditiva: un secolo prima, Hahnemann, aveva scoperto la relazione tra le malattie croniche ........

Le erbe: Veronica (acquatica) e Bardana - lunedì 13 gennaio 2014
In questo articolo tratteremo erbe come la Veronica e la Bardana. Veronica: famiglia: Scrophulariaceae genere: Veronica specie: Beccabunga (L.) Binomio scientifico: Veronica beccabunga Dove vive: si trova comunemente nelle paludi, nei fossi ........

Le erbe: Equiseto e Aspargo - giovedì 19 dicembre 2013
In questo articolo tratteremo le erbe: Equiseto (Coda cavallina) e Asparago Equiseto: l’Equiseto è molto conosciuto anche con il nome di Coda cavallina. famiglia: Equisetaceae genere: Equisetum specie: Arvense nome scientifico: Equisetum ........

Le coliche gassose o infantili - giovedì 6 novembre 2014
Le coliche gassose o infantili, interessano i neonati nei primi 5 mesi di vita. Fanno la loro comparsa tra il 15° ed il 20° giorno e scompaiono al 4-5 mese di vita. Non è ancora ben chiara la ragione per la quale le coliche gassose compaiono in ........



Ricetta del giorno
Frittelle di banane
Amalgamate in una terrina gli ingredienti per la pastella, ovvero 125 gr di farina, 2 dl di acqua tiepida, 5 cucchiai d'olio, 1 uovo e 1 pizzico di sale, ....



 articolo Benessere Salute
Le erbe: Sambuco e Cicoria freccelunedì 9 dicembre 2013      

In questo articolo tratteremo erbe come il Sambuco e la Cicoria. Sambuco: famiglia: Caprifoliaceae genere: Sambucus specie: Nigra nome scientifico: Sambucus nigra Dove vive: si trova in tutto il territorio nazionale dalla pianura fino alle zone collinari. Descrizione: il sambuco è una specie arbustiva di dimensioni medio-grandi, arriva ad altezze di 3-4 metri, ed a volte diventa un piccolo albero. Le foglie sono seghettate ai margini, appuntite e lanceolate, i fiori di colore biancastro, odorosi, piccoli e riuniti numerosissimi in infiorescenze ombrelliformi piuttosto ampie, contengono un olio essenziale, sale di potassio e mucillagini.

I frutti sono piccole bacche nero-viola ( Sambucus nigra ) che danno un succo di colore viola-porporino. Parti usate: i fiori, che si raccolgono in piena fioritura nei mesi di aprile e maggio. Vengono essiccati al buio, in un ambiente arieggiato e poi conservati in scatole di cartone ben chiuse. Si può estrarre uno sciroppo, che poi, diluito in acqua, consente di ottenere una bevanda molto dissetante. Proprietà: i fiori hanno proprietà sudorifere ( diaforetiche ), e leggermente lassative. Tossicità: tranne i fiori e le bacche mature ( ma non i loro semi ) tutte la altre parti del sambuco, sono tossiche, infatti, sono presenti il cianuro ed altri alcaloidi. Se viene fatta la marmellata, con le bacche, la cottura o la macerazione, di queste, sono sufficienti per ottenere la completa volatilizzazione dei composti ciano genetici.

Farne comunque un uso moderato, a causa delle proprietà leggermente lassative.
  • Infuso: in un quarto di litro di acqua bollente, mettere un pugno di fiori essiccati, per dieci minuti. Si bevono due tazze, di infuso caldo, al giorno tenendosi a riposo e coperti, favorendo così la sudorazione. Disintossica l’organismo e contrasta il raffreddore.
  • Vino al sambuco: qualche capolino fresco immerso in vino bianco, lasciato per qualche ora, dà al vino sapore di moscato.
  • Tradizione: nella tradizione contadina, si preparavano ottime frittate, con i fiori freschi sgranati.
Cicoria: famiglia: Compositae (Asteraceae) genere: Cichorium specie: Intybus nome scientifico: Cichorium intybus Dove vive: la cicoria comune è un’erba perenne con fiori di colore celeste vivace, molto comune oltre che in quasi tutto il territorio nazionale ( al sud e nel versante centrale del Tirreno è meno frequente ), anche in tutti i continenti. Si trova ovunque, campi coltivati, terreni incolti, praterie, margini di sentieri, dal piano e fino a 1200 m, quindi in collina e montagna. Descrizione: è un’erba che raggiunge un’altezza massima di 1,5 m, le foglie sono frastagliate dentate e formano una rosetta, nascono in autunno e durano tutto l’inverno, per seccarsi alla fioritura successiva, è molto facile quindi trovare rami con soli fiori.

I fiori sono celesti e con grandi capolini. Parti usate: le foglie per uso commestibile, raccolte in primavera prima della fioritura, e le radici per uso medicinale, raccolte durante tutta l’estate. Proprietà: amaro toniche e depurative del sangue, quindi stimola le funzioni del fegato, dei reni e dell’intestino, grazie alle sostanze contenute nelle radici, che hanno anche proprietà digestive e lassative, colagoge (aiuta secrezione della bile verso l’intestino) e cardiotoniche (regola la frequenza cardiaca). Uso commestibile: le foglie si mangiano crude o lessate, condite.
  • Decotto: in un litro di acqua, un pugno di radici fresche o anche secche. Portare ad ebollizione e tenere per 10 minuti. Per almeno 20 giorni, berne un bicchiere alla mattina a digiuno, per depurare, oppure un bicchiere ai pasti come digestivo.
  • Tradizione: nella cultura contadina, le foglie di cicoria, facevano da contorno crudo o cotto, e anche nelle minestre, si aggiungevano un po’ di foglie di questa erba.
Si raccomanda sempre la consultazione con il medico od il fitoterapista, prima di iniziare una cura a base di erbe. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: