Articolo Gatti Curiosità
Rifugio per Gatti Cinni freccevenerdì 29 novembre 2013      


Il Rifugio per Gatti Cinni è una struttura la cui principale funzione è accogliere i gatti abbandonati e far sì che essi vengano adottati. Il centro, situato presso Sargiano, poco a sud di Arezzo, è stato fondato nel 2005 dal veterinario Malcolm Holliday e da sua sorella Bunny; essendo il fondatore un rappresentante dell’AISPA (Anglo-Italian Society for the Protection of Animals), il rifugio è legato all’associazione e da essa riceve aiuto e sostegno. La struttura è estremamente avanzata, “pionieristica”, facendo riferimento a quanto scritto sul sito www.rifugiogatticinni.org, dove si legge, infatti, che “questa è un’impresa pionieristica e la prima del suo genere in Italia.”

L’attività del centro è seria e ricca di impegno, l’organizzazione efficiente, almeno a giudicare dalle informazioni fornite dal suddetto sito. La procedura di accettazione dei felini all’interno del rifugio appare complessa e meticolosa: l’animale è sottoposto ad una visita veterinaria compresa di test ematico, vaccino, sterilizzazione e dotazione di microchip; in seguito i suoi dati vengono puntigliosamente registrati ed il è tenuto sotto osservazione nella zona di quarantena per un periodo di tre settimane. Oltre alla zona di quarantena il centro dispone di un ambulatorio, di una sala operatoria, di recinti che ospitano i gatti in attesa di adozione.

Il processo di adozione è gratuito (anche se è possibile fare un’offerta facoltativa) ed è pensato in modo da garantire la piena soddisfazione del felino e dei padroni, ai quali vengono poste alcune domande per comprendere quale potrebbe essere il gatto idoneo per loro; dopo la scelta viene presentato un modulo da riempire ed in seguito una telefonata verifica lo stato delle cose. I gatti che non vengono adottati o che per diverse motivazioni (ad esempio particolari malattie) non possono esserlo sono collocati in una zona adibita apposta agli ospiti permanenti: il Parco per Gatti Cinni. Si tratta di un’area verde dotata di strutture per la cucina, per la lettiera, per il riparo, per il riposo; vi è anche un sistema di riscaldamento per i mesi invernali.

Il Parco, aperto al pubblico, è considerato “l’orgoglio e la gioia del gattile ed è un perfetto posto dove la gente può mescolarsi e socializzare con i gatti”. Altri obiettivi del centro sono la promozione ed il miglioramento del soccorso ai gatti, l’organizzazione di eventi volti alla tutela del mondo felino come vendite di beneficenza, campagne per la ricerca di fondi. Ad Arezzo, per esempio, in occasione della Fiera Antiquaria (le date coincidono con la prima domenica ed il sabato antecedente di ogni mese) il Rifugio allestisce propri stand con il permesso del comune aretino. Il centro è ben attrezzato per molte operazioni veterinarie, si presenta pienamente disposto ad accogliere qualsiasi gatto abbandonato, ferito o malato ed a fornire informazioni ed assistenza. Da ciò che si è detto si può ben evincere che il Rifugio per Gatti Cinni è uno dei gattili meglio attrezzati ed organizzati di Italia, elemento di punta della lotta per la salvaguardia del benessere degli animali. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Emanuele  Vuono - vedi tutti gli articoli di Emanuele  Vuono



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Le gattare… queste sconosciute! - giovedì 19 settembre 2013
Gattare… tutti ne parlano, pochi le conoscono e ne capiscono l’attività! In moltissime città italiane, in primis nella Capitale, non è raro imbattersi, durante una passeggiata in centro o in periferia, in simpatiche signore o ragazze che, armate ........

Il gatto-elicottero - venerdì 18 ottobre 2013
Sempre per la serie degli animali-cyborg, vi presentiamo questa volta il gatto-elicottero! Fortunatamente non si tratta di un giocattolo prodotto in massa, come era invece la povera blatta-cyborg di cui abbiamo parlato in un articolo precedente, ........

I gattili d'Italia - giovedì 14 novembre 2013
A differenza di termini come canile, ovile, covile e porcile, in italiano la parola gattile è recentissima, entrata nel GRADIT (il Grande dizionario italiano dell’uso) soltanto nel 1984, e non si è ancora affermata; molti programmi di correzione ........

Il Parto della gatta - venerdì 7 novembre 2014
La gravidanza di una gatta dura dai 57 ai 63 giorni, sovrapponibile al cane, con una media di 60 giorni. Anche se spesso parti intorno al 57-59esimo giorno esitano in parti prematuri, con morte dei gattini. Come succede nel cane, se ipotizziamo ........

Devon Rex, un gatto stranissimo - giovedì 13 settembre 2012

Il Devon rex è il risultato di una mutazione genetica spontanea. Questo incredibile gatto è nato nel 1960, nel villaggio di Buckfastligh, nella regione del Devon, in Gran Bretagna, dove appunto è stato avvistato un primo gatto a pelo riccio ........



Ricetta del giorno
Polpette di miglio
Lavate bene e tritate finemente la carota, la cipolla, il sedano e le erbe aromatiche, tenendole separate le une dalle altre.
Fate soffriggere ....



 articolo Gatti Curiosità
Rifugio per Gatti Cinni freccevenerdì 29 novembre 2013      

Il Rifugio per Gatti Cinni è una struttura la cui principale funzione è accogliere i gatti abbandonati e far sì che essi vengano adottati. Il centro, situato presso Sargiano, poco a sud di Arezzo, è stato fondato nel 2005 dal veterinario Malcolm Holliday e da sua sorella Bunny; essendo il fondatore un rappresentante dell’AISPA (Anglo-Italian Society for the Protection of Animals), il rifugio è legato all’associazione e da essa riceve aiuto e sostegno. La struttura è estremamente avanzata, “pionieristica”, facendo riferimento a quanto scritto sul sito www.rifugiogatticinni.org, dove si legge, infatti, che “questa è un’impresa pionieristica e la prima del suo genere in Italia.”

L’attività del centro è seria e ricca di impegno, l’organizzazione efficiente, almeno a giudicare dalle informazioni fornite dal suddetto sito. La procedura di accettazione dei felini all’interno del rifugio appare complessa e meticolosa: l’animale è sottoposto ad una visita veterinaria compresa di test ematico, vaccino, sterilizzazione e dotazione di microchip; in seguito i suoi dati vengono puntigliosamente registrati ed il è tenuto sotto osservazione nella zona di quarantena per un periodo di tre settimane. Oltre alla zona di quarantena il centro dispone di un ambulatorio, di una sala operatoria, di recinti che ospitano i gatti in attesa di adozione.

Il processo di adozione è gratuito (anche se è possibile fare un’offerta facoltativa) ed è pensato in modo da garantire la piena soddisfazione del felino e dei padroni, ai quali vengono poste alcune domande per comprendere quale potrebbe essere il gatto idoneo per loro; dopo la scelta viene presentato un modulo da riempire ed in seguito una telefonata verifica lo stato delle cose. I gatti che non vengono adottati o che per diverse motivazioni (ad esempio particolari malattie) non possono esserlo sono collocati in una zona adibita apposta agli ospiti permanenti: il Parco per Gatti Cinni. Si tratta di un’area verde dotata di strutture per la cucina, per la lettiera, per il riparo, per il riposo; vi è anche un sistema di riscaldamento per i mesi invernali.

Il Parco, aperto al pubblico, è considerato “l’orgoglio e la gioia del gattile ed è un perfetto posto dove la gente può mescolarsi e socializzare con i gatti”. Altri obiettivi del centro sono la promozione ed il miglioramento del soccorso ai gatti, l’organizzazione di eventi volti alla tutela del mondo felino come vendite di beneficenza, campagne per la ricerca di fondi. Ad Arezzo, per esempio, in occasione della Fiera Antiquaria (le date coincidono con la prima domenica ed il sabato antecedente di ogni mese) il Rifugio allestisce propri stand con il permesso del comune aretino. Il centro è ben attrezzato per molte operazioni veterinarie, si presenta pienamente disposto ad accogliere qualsiasi gatto abbandonato, ferito o malato ed a fornire informazioni ed assistenza. Da ciò che si è detto si può ben evincere che il Rifugio per Gatti Cinni è uno dei gattili meglio attrezzati ed organizzati di Italia, elemento di punta della lotta per la salvaguardia del benessere degli animali. ©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Emanuele  Vuono - vedi tutti gli articoli di Emanuele  Vuono





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: