Articolo Benessere Salute
Le erbe, curarsi e nutrirsi freccemartedì 26 novembre 2013      


Curarsi e nutrirsi con le erbe è possibile, “ogni erba che guarda in su ha una sua virtù”, questo detto popolare esalta le qualità delle piante a crescita spontanea, ma, in natura, ci sono anche piante ed erbe tossiche ed addirittura velenose. Non è bene improvvisarsi raccoglitori di erbe, o si è sicuri di conoscerle molto bene, o si frequentano dei corsi, oppure ci si avvale di una persona esperta. Molte specie di erbe possono risultare molto utili per curarsi e nutrirsi, e vedremo qui di seguito una panoramica generale, e non specifica, di alcuni benefici che le erbe officinali possono dare a chi sceglie questo tipo di rimedio contro alcuni malanni, dolori, escoriazioni, bruciature, ecc…

Fin dai tempi più remoti, l’arte di raccogliere erbe per curarsi e nutrirsi, è stata tramandata ai giorni nostri, ed il numero delle persone che ricorre a questo tipo di rimedio, è in costante aumento. Esistono diversi modi di usare le erbe ed estrarre le loro proprietà, la tintura madre, l’infuso, il decotto, il succo, la macinatura.
  • Tintura madre: estratto liquido ottenuto con alcool, di parti della pianta come foglie, radici, sommità fiorite. Le tinture madri (molto spesso chiamate estratti idroalcolici ) si acquistano facilmente in erboristeria od in farmacia.
  • Infuso: si utilizza per estrarre i principi attivi di parti erbacee, fiori, frutti, foglie, essiccate e tritate, che vengono immerse in acqua bollente e lasciate in infusione per 10/15 minuti. Trascorso questo tempo, si filtra con un colino, e l’infuso è pronto.
  • Decotto: si utilizza per estrarre i principi attivi, che non siano termolabili (termolabili: che subiscono alterazioni o perdita delle proprie qualità per azione del calore), di parti dure della pianta, come radici, semi e corteccia che vengono tagliate e messe nella pentola di cottura insieme all’acqua, si porta a bollore su fuoco lento e si lascia per un tempo che varia tra i due ed i quindici minuti. Si lascia raffreddare per quindici minuti, dopodiché si filtra e si può bere.
  • Succo: spremitura della parte di pianta interessata.
  • Macinatura: si utilizza per ottenere polvere o farina. Alcuni disturbi interni e problemi esterni che possono essere curati con le erbe sono: - depurare il sangue - infiammazioni di reni, vescica e prostata - calcoli renali - artrite, reumatismi, gotta - bronchite e tosse - diabete - circolazione del sangue - per la fluidificazione delle vie biliari -polmonite e influenza - disturbi nervosi - disturbi dell’intestino - sinusite - laringite - infiammazione e calcoli al fegato - emorroidi - malattie della pelle - perdita dei capelli - geloni - scottature - stitichezza - raffreddore da fieno - abbassamento di voce - flebite (infiammazione di una vena) - cistite - fuoco di sant’Antonio - ulcere in bocca - mal di occhi - dolori - dolori artritici - eczema e piaghe - esaurimento e depressione - calli e verruche - diuresi - torcicollo - digestione - ferite esterne - emorragie interne - rossori e croste del cuoio capelluto - gastrite - ulcera gastrica - gonfiori ghiandolari - ipertensione - articolazioni infiammate - enuresi notturna.
Nei prossimi articoli, vedremo, entrando nello specifico, quali piante sono utili per curarsi e nutrirsi curandosi. Va precisato che l’uso delle erbe a scopi terapeutici, deve essere fatto consultando il medico o il fitoterapista. Con alcuni tipi di erbe, si possono preparare degli ottimi piatti, tramandati dalla cucina contadina fatta di poche cose semplici e genuine. Citiamo ad esempio le paste: all’ortica, alla parietaria, al tarassaco dove le foglie delle erbe, dopo essere state bollite, vengono messe nell’impasto per fare la pasta all’uovo ( fettuccine, lasagne, tagliatelle ), e poi le minestre, la polenta, le frittate. Questi piatti, in alcune zone, sono apprezzati sia per motivi salutistici, ma anche ritenuti gustosi e digeribili.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

I fiori di Bach - L’inizio e la ricerca dei fiori - giovedì 30 gennaio 2014
Un forte richiamo guidò Bach, un giorno di settembre, nel 1928, nel Galles, la sua terra natia. Durante le sue passeggiate, nelle campagne che furono protagoniste della sua infanzia, raccoglieva fiori, e tra questi, scoprì i primi tre che iniziò ........

Le erbe: Finocchio selvatico e Valerianella - mercoledì 11 dicembre 2013
Le erbe trattate in questo articolo, sono il Finocchio selvatico e la Valerianella. Finocchio selvatico: famiglia: Umbelliferae (Apiaceae) genere: Foeniculum specie: Officinale nome scientifico: Foeniculum vulgare Dove vive: è una pianta ........

Frutta di fine stagione: mese di agosto - venerdì 30 agosto 2013
L’arancione, il giallo, il rosso, colori solari, forti, luminosi, allegri, un po’ come l’estate che tutti vorrebbero godersi! La frutta, si sa, aiuta il nostro corpo a mantenersi attivo, dinamico, energico, specialmente quando le temperature del ........

Neo mamma torna in forma - giovedì 29 agosto 2013
Ogni donna ha come sogno quello di vivere meravigliose settimane d’attesa che porteranno alla nascita del proprio figlio, ma spesso siamo coinvolte nei mille pensieri che caratterizzano questo periodo rosa e blu: i cambiamenti fisici, quelli emotivi, ........

I fiori di Bach - Beech - mercoledì 19 marzo 2014
Faggio (Fagus sylvatica) Il Faggio (Beech) è un albero maestoso, alto, cresce sugli Appennini, sulle Alpi, sui Nebrodi, sulle Madonie e sull’Etna, è completamente assente allo stato naturale in Sardegna, dove è stato introdotto per scopi silvicolturali. ........



Ricetta del giorno
Mezze maniche al forno gratinate con mozzarella di bufala e zucchine
In una pentola ponete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e e una cipolla rossa tagliata a fettine sottili, poi aggiungete i pomodori pelati e ....



 articolo Benessere Salute
Le erbe, curarsi e nutrirsi freccemartedì 26 novembre 2013      

Curarsi e nutrirsi con le erbe è possibile, “ogni erba che guarda in su ha una sua virtù”, questo detto popolare esalta le qualità delle piante a crescita spontanea, ma, in natura, ci sono anche piante ed erbe tossiche ed addirittura velenose. Non è bene improvvisarsi raccoglitori di erbe, o si è sicuri di conoscerle molto bene, o si frequentano dei corsi, oppure ci si avvale di una persona esperta. Molte specie di erbe possono risultare molto utili per curarsi e nutrirsi, e vedremo qui di seguito una panoramica generale, e non specifica, di alcuni benefici che le erbe officinali possono dare a chi sceglie questo tipo di rimedio contro alcuni malanni, dolori, escoriazioni, bruciature, ecc…

Fin dai tempi più remoti, l’arte di raccogliere erbe per curarsi e nutrirsi, è stata tramandata ai giorni nostri, ed il numero delle persone che ricorre a questo tipo di rimedio, è in costante aumento. Esistono diversi modi di usare le erbe ed estrarre le loro proprietà, la tintura madre, l’infuso, il decotto, il succo, la macinatura.
  • Tintura madre: estratto liquido ottenuto con alcool, di parti della pianta come foglie, radici, sommità fiorite. Le tinture madri (molto spesso chiamate estratti idroalcolici ) si acquistano facilmente in erboristeria od in farmacia.
  • Infuso: si utilizza per estrarre i principi attivi di parti erbacee, fiori, frutti, foglie, essiccate e tritate, che vengono immerse in acqua bollente e lasciate in infusione per 10/15 minuti. Trascorso questo tempo, si filtra con un colino, e l’infuso è pronto.
  • Decotto: si utilizza per estrarre i principi attivi, che non siano termolabili (termolabili: che subiscono alterazioni o perdita delle proprie qualità per azione del calore), di parti dure della pianta, come radici, semi e corteccia che vengono tagliate e messe nella pentola di cottura insieme all’acqua, si porta a bollore su fuoco lento e si lascia per un tempo che varia tra i due ed i quindici minuti. Si lascia raffreddare per quindici minuti, dopodiché si filtra e si può bere.
  • Succo: spremitura della parte di pianta interessata.
  • Macinatura: si utilizza per ottenere polvere o farina. Alcuni disturbi interni e problemi esterni che possono essere curati con le erbe sono: - depurare il sangue - infiammazioni di reni, vescica e prostata - calcoli renali - artrite, reumatismi, gotta - bronchite e tosse - diabete - circolazione del sangue - per la fluidificazione delle vie biliari -polmonite e influenza - disturbi nervosi - disturbi dell’intestino - sinusite - laringite - infiammazione e calcoli al fegato - emorroidi - malattie della pelle - perdita dei capelli - geloni - scottature - stitichezza - raffreddore da fieno - abbassamento di voce - flebite (infiammazione di una vena) - cistite - fuoco di sant’Antonio - ulcere in bocca - mal di occhi - dolori - dolori artritici - eczema e piaghe - esaurimento e depressione - calli e verruche - diuresi - torcicollo - digestione - ferite esterne - emorragie interne - rossori e croste del cuoio capelluto - gastrite - ulcera gastrica - gonfiori ghiandolari - ipertensione - articolazioni infiammate - enuresi notturna.
Nei prossimi articoli, vedremo, entrando nello specifico, quali piante sono utili per curarsi e nutrirsi curandosi. Va precisato che l’uso delle erbe a scopi terapeutici, deve essere fatto consultando il medico o il fitoterapista. Con alcuni tipi di erbe, si possono preparare degli ottimi piatti, tramandati dalla cucina contadina fatta di poche cose semplici e genuine. Citiamo ad esempio le paste: all’ortica, alla parietaria, al tarassaco dove le foglie delle erbe, dopo essere state bollite, vengono messe nell’impasto per fare la pasta all’uovo ( fettuccine, lasagne, tagliatelle ), e poi le minestre, la polenta, le frittate. Questi piatti, in alcune zone, sono apprezzati sia per motivi salutistici, ma anche ritenuti gustosi e digeribili.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Luca  Filippini - vedi tutti gli articoli di Luca  Filippini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: