Articolo Salute Sana alimentazione
Il latte che si beve tutti i giorni contiene anche pus, batteri e altre sostanze poco raccomandabili freccemartedì 26 novembre 2013      


Il latte che si beve tutti i giorni contiene anche pus, batteri e altre sostanze poco raccomandabili, solo che non tutti, anzi veramente pochi, ne sono a conoscenza. Quindi, inconsapevolmente, tutti i giorni a colazione si beve qualcosa che nessuna madre vorrebbe consapevolmente dare ai propri figli, solo che questo accade lo stesso, nella più assoluta ignoranza del problema. Questa è una delle tante conseguenze degli allevamenti intensivi, anche delle mucche da latte, costrette poverine a produrre fino a 10 volte quanto invece produrrebbero per alimentare i loro vitelli.

A parte il problema etico che vede quindi  le povere bestie sfruttate in maniera a dir poco deplorevole, esiste anche un problema igienico-sanitario che rende quindi il latte qualcosa  di molto diverso da quello che si beveva una volta. Il latte che una volta, tanti anni fa, si acquistava direttamente  in campagna, anche se non pastorizzato, era molto probabilmente migliore di quello che si trova attualmente nei banchi refrigerati dei supermercati. Quello era un lette genuino, che la brava mucca produceva  secondo natura, nella giusta quantità e senza stressarsi, per cui anche al qualità del latte era decisamente diversa.

Oggi una mucca da latte, allevata in stalle dalle quali non uscirà mai nel corso della sua breve esistenza, se non a fine carriera, diciamo così, quando sarà avviata al macello, è costretta a produrre fino a 40 litri di latte al giorno e questo  fa diventare le sue mammelle enormi, tese, dolenti, pesanti, per cui un terzo di queste pover bestie soffre di mastite, una infiammazione dolorosa delle mammelle che viene curata con antibiotici, antibiotici che poi  si ritrovano nelle tazze della prima colazione. Inoltre, mastite a parte, le mucche da latte, costrette come sono a vivere in una continua condizione di sofferenza, sono mantenute in salute, un vero e proprio eufemismo, grazie solo alla gran quantità di farmaci e antibiotici mescolata ai mangimi.

Ma non si tratta solo di antibiotici, perché, come detto prima, il latte contiene anche altre sostanza poco raccomandabili quali sangue, pus, feci, batteri e virus. Senza poi contare l’immancabile dose di pesticidi che le povere mucche sono costrette ad assumere con il mangime che viene appunto coltivato con pesticidi, erbicidi, concimi di vario genere e altro ancora, tutte sostanze che vengono assorbite dall’animale durante la digestione e che alla fine finiscono nel sangue e quindi nel latte, che a questo punto non è affatto azzardato definire qualcosa di poco sano.

Il pus che finisce nel latte assieme alle altre sostanze è in un certo senso  quantificato nel suo limite massimo da una normativa europea che stabilisce alla fine che in un litro di latte quindi ci possono essere 400 milioni di cellule di pus e 100 milioni di germi. Si tratta di una realtà che è, nei fatti, sconosciuta ai più e che è nota solo agli addetti del settore,  mentre invece sarebbe più logico che ciascuno potesse decidere cosa mettere in tavola e cosa invece evitare.  Ecco quindi che, a parte il problema etico, quindi di rispetto  per i diritti degli animali, vi è anche un problema  di qualità. L’importante è esserne consapevoli, cosi che ognuno possa fare le proprie scelte.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Torta sabbiata
Imburrare abbondantemente il foglio di alluminio, spolverizzarlo con un po’ di farina e foderare la tortiera. Mettere il restante burro, che deve essere ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Sale rosa dell’Himalaya, i tanti benefici - martedì 15 aprile 2014

Il sale rosa dell’Himalaya, un sale ben diverso da quello che tradizionalmente viene utilizzato in cucina che, come ormai tutti sanno, tanto amico della salute non è. Il sale rosa, invece, è decisamente diverso, è molto antico ed è privo di ........

Olio extravergine di oliva, l’olio EVO, caratteristiche e tutto ciò che bisogna sapere - lunedì 16 maggio 2016

Olio extravergine di oliva, l’olio EVO, caratteristiche e tutto ciò che bisogna sapere per scegliere l’olio giusto, evitando anche quei prodotti che alla fine non sono ciò che dicono di essere. L’olio extravergine di oliva, o olio EVO, è uno ........

La frutta secca, l’elisir di lunga vita - venerdì 4 marzo 2016

La frutta secca, l’elisir di lunga vita, il modo migliore per vivere a lungo e in buona salute è non farla mai mancare in tavola, ovviamente senza esagerare. Protegge il cuore, fa bene a tutti, previene una gran quantità di malattie, anche ........

Come prevenire il tumore alla prostata grazie alla sana alimentazione - lunedì 2 dicembre 2013
Sembra fantascienza ma in realtà diversi tumori vengono generati da ciò che mangiamo e dal tipo di nutrizione, errata, che spesso abbiamo. Il tumore alla prostata, che purtroppo attacca gran parte degli uomini superati i 50 anni, non è da meno, ........

I 7 cibi che fluidificano il sangue, quasi dei salvavita per chi ha problemi cardiovascolari - martedì 5 agosto 2014

I 7 cibi che fluidificano il sangue, quasi dei salvavita naturali per chi ha problemi cardiovascolari, perché in questo modo è possibile ridurre il rischio che possano formarsi dei coaguli, tanto pericolosi perché in grado di ostruire improvvisamente ........



Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....



 articolo Salute Sana alimentazione
Il latte che si beve tutti i giorni contiene anche pus, batteri e altre sostanze poco raccomandabili freccemartedì 26 novembre 2013      

Il latte che si beve tutti i giorni contiene anche pus, batteri e altre sostanze poco raccomandabili, solo che non tutti, anzi veramente pochi, ne sono a conoscenza. Quindi, inconsapevolmente, tutti i giorni a colazione si beve qualcosa che nessuna madre vorrebbe consapevolmente dare ai propri figli, solo che questo accade lo stesso, nella più assoluta ignoranza del problema. Questa è una delle tante conseguenze degli allevamenti intensivi, anche delle mucche da latte, costrette poverine a produrre fino a 10 volte quanto invece produrrebbero per alimentare i loro vitelli.

A parte il problema etico che vede quindi  le povere bestie sfruttate in maniera a dir poco deplorevole, esiste anche un problema igienico-sanitario che rende quindi il latte qualcosa  di molto diverso da quello che si beveva una volta. Il latte che una volta, tanti anni fa, si acquistava direttamente  in campagna, anche se non pastorizzato, era molto probabilmente migliore di quello che si trova attualmente nei banchi refrigerati dei supermercati. Quello era un lette genuino, che la brava mucca produceva  secondo natura, nella giusta quantità e senza stressarsi, per cui anche al qualità del latte era decisamente diversa.

Oggi una mucca da latte, allevata in stalle dalle quali non uscirà mai nel corso della sua breve esistenza, se non a fine carriera, diciamo così, quando sarà avviata al macello, è costretta a produrre fino a 40 litri di latte al giorno e questo  fa diventare le sue mammelle enormi, tese, dolenti, pesanti, per cui un terzo di queste pover bestie soffre di mastite, una infiammazione dolorosa delle mammelle che viene curata con antibiotici, antibiotici che poi  si ritrovano nelle tazze della prima colazione. Inoltre, mastite a parte, le mucche da latte, costrette come sono a vivere in una continua condizione di sofferenza, sono mantenute in salute, un vero e proprio eufemismo, grazie solo alla gran quantità di farmaci e antibiotici mescolata ai mangimi.

Ma non si tratta solo di antibiotici, perché, come detto prima, il latte contiene anche altre sostanza poco raccomandabili quali sangue, pus, feci, batteri e virus. Senza poi contare l’immancabile dose di pesticidi che le povere mucche sono costrette ad assumere con il mangime che viene appunto coltivato con pesticidi, erbicidi, concimi di vario genere e altro ancora, tutte sostanze che vengono assorbite dall’animale durante la digestione e che alla fine finiscono nel sangue e quindi nel latte, che a questo punto non è affatto azzardato definire qualcosa di poco sano.

Il pus che finisce nel latte assieme alle altre sostanze è in un certo senso  quantificato nel suo limite massimo da una normativa europea che stabilisce alla fine che in un litro di latte quindi ci possono essere 400 milioni di cellule di pus e 100 milioni di germi. Si tratta di una realtà che è, nei fatti, sconosciuta ai più e che è nota solo agli addetti del settore,  mentre invece sarebbe più logico che ciascuno potesse decidere cosa mettere in tavola e cosa invece evitare.  Ecco quindi che, a parte il problema etico, quindi di rispetto  per i diritti degli animali, vi è anche un problema  di qualità. L’importante è esserne consapevoli, cosi che ognuno possa fare le proprie scelte.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: